Elia Tufarolo

Firefox sperimenta nuove funzioni

Sul sito del programma Test Pilot sono stati pubblicati tre nuovi applicativi che implementano nel browser Mozilla le funzioni di file sharing, note e ricerche vocali. Un blog, inoltre, descriverà i piani futuri dell'iniziativa

Roma - Gli sviluppatori di Mozilla hanno pubblicato una nuova serie di applicativi sperimentali, sotto forma di applicazioni Web e add-on per il browser Firefox. Questi applicativi fanno parte di un programma, chiamato Test Pilot, che consente di provare funzionalità sperimentali del browser, installando un apposito add-on.

Send è l'unico applicativo che non richiede l'installazione di un add-on, risultando perfettamente funzionante anche con altri browser; simile a MEGA, consente di effettuare l'upload e la cifratura di file, per poi generare dei link per la loro condivisione.
Le uniche limitazioni riguardano la dimensione dei file, limitata ad 1 Gigabyte, e il fatto che i file saranno rimossi dai server di Mozilla dopo 24 ore, oppure dopo un singolo download.


Notes è un semplice editor di testo, integrato nella sidebar laterale di Firefox. Consente di prendere appunti memorizzandoli all'interno del profilo del browser. È presente un'opzione, non ancora implementata, per sincronizzare gli appunti con il profilo utente di Firefox.

Voice Fill è uno speech-to-text con funzionalità di machine learning destinato ai motori di ricerca Google, Duck Duck Go e Yahoo. Abilitando il plug-in, è possibile effettuare ricerche utilizzando la propria voce, tramite un apposito pulsante. Voice Fill è disponibile solo in lingua inglese e sembrerebbe non aver nulla a che vedere con il progetto Common Voice, pubblicato sempre da Mozilla qualche settimana fa.


Fanno parte del Test Pilot anche altri applicativi, rilasciati in precedenza dagli sviluppatori Mozilla: Snooze Tabs, Min Vid e Containers.
È stato recentemente pubblicato anche un blog, che descriverà nel tempo le iniziative future relative a Test Pilot.

Elia Tufarolo
Notizie collegate
8 Commenti alla Notizia Firefox sperimenta nuove funzioni
Ordina
  • Intanto sono obbligato a installare la versione ESR poichè non funzionano più gli utili addon e plugin!

    Taluni esperti trollano troppo.
    non+autenticato
  • Ma se uno dona a Mozilla dei soldi per firefox... poi i soldi donati li spendono per le altre cose come le "ricerche vocali" oppure sono vincolati? A me seccherebbe sapere che vengono sciupati per questi progetti Mozilla che vanno e vengono
    Speravo che fallimenti disastrosi come FirefoxOS avessero insegnato qualcosa Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: ABC
    > Ma se uno dona a Mozilla dei soldi per firefox...
    > poi i soldi donati li spendono per le altre cose
    > come le "ricerche vocali" oppure sono vincolati?

    "Il beneficiario della donazione è Mozilla Foundation, un'organizzazione di tipo 501(c)(3), che potrà utilizzarla a sua discrezione per il raggiungimento dei propri fini umanitari."
    non+autenticato
  • posso invitarvi a domandarvi *cosa diavolo è un f****to browser*, in inglese eh, mica cose tanto complicate.

    Ok, bene, s'è scoperto che è 'na roba per sfogliare pagine ovvero 'na roba che permette di zampettare da un file ad un altro via collegamenti. So che non vi piace stà cosa, volete l'web delle app e porcherie simili, ma questo è quanto.

    Allora o fare un os e dite "ecco il nostro nuovo os, vive su internet e il desktop dell'utente serve solo da UI" o la piantate cortesemente di creare mostri ingestibili. Tanto questi servono solo a chi vende certe soluzioni o chi è politicamente interessato a certe soluzioni e questi han già detto che mozilla non lo vogliono.

    Ah, dimenticavo, se volete far qualcosa di utile perché al posto di copiare qualcuno non portate avanti hello o come si chiamava quell'accrocchio di ip-telephony che avevate presentato tempo fa? Quello, lo screen sharing decente à-la-TeamViewer, la condivisione di contenuti p2p ove voi fate solo da "stun"/aggira-nat giacché nel 2017 il mondo va ancora sotto ipv4 possono tirare e il browser può diventare un'applicazione di comunicazione&condivisione al posto del mostro odierno.
    non+autenticato
  • Ma di cosa vai cianciando?
    non+autenticato
  • Provo a dettagliare:
    - i browser oggi son diventati mostri che fan grossomodo da framework per webapp, in maniera non dissimile, solo assai peggiore tecnicamente, di quel che si prefiggeva la SUN con java, questo è un abominio tecnologico che deve sparire ma siccome "il mercato" ovvero i 4 gatti che dominano internet grazie alla massa di pecore che gli van dietro voglion questo e quindi questo c'è.

    - se fai un browser oggi e vuoi crescere offri almeno qualcosa di decente: un servizio cloud collegato al browser vuol grossomodo voler far concorrenza a Google avendo risorse inferiori, soluzioni meno rodate e scarse possibilità di successo. Meglio offrire altro.

    - oggi cosa può interessare l'utente medio che un browser può offrire? Io dire:
    * comunicazione audio/video, conferenze incluse. La concorrenza a livello domestico è assai limitata: Hangout è il più noto tra chi bazzica un po' l'IT, Skype tra i commerciali, varie soluzioni soft+deskphones VoIP classici sino a WebEx tra i professionisti. Offrire una soluzione integrata nel browser, basata su standard aperti è interessante; ti da sostanzialmente un softphone con un servizio già configurato insieme al browser, apre un mondo all'utenza domestica e crea un ponte tra l'utenza professionale e quella domestica. Avevan già proposto un embrione che mi pare si chiamasse "Hello".

    * condivisione schermo, altra gran cosa che l'utenza domestica comincia a scoprire, per lo più attraverso costosi software proprietari (es. TeamViewer) o disfunzionali per performance e stabilità soluzioni VNC sia FOSS che proprietarie (da Chrome screen-sharing a Jitsi passando per NX&c). Se la fan bene (e competenze e risorse per farlo le hanno) han un asso notevolissimo nella macchina perché dalla stessa applicazione nota all'utonto hai un comodo audio&video e condivisione schermo, praticamente il 100% degli ingredienti per supportare un desktop remoto.

    Queste due innovazioni, magari (pungolo) sviluppate facilmente e con buone performance grazie al loro linguaggio favorito (Rust) possono IMVHO cambiare e di parecchio la popolarità di firefox.

    Una volta messo sul piatto qualcosa di più e di diverso dalla concorrenza possono pensare a rifare la UI re-incorporando una minisuite PIM (calendario+MUA+task&c) carina da guardare con opzionale servizio {card,cal}DAV integrato o offerto via cloud. Anche questo non "costa" troppo (e certo meno di offrire storage cloud, in termini di risorse) e può attirare parecchio.
    non+autenticato
  • Secondo me un browser dovrebbe fare il browser e basta: la maggior parte dei servizi che citi dovrebbero essere erogati dal sistema operativo.

    - Scritto da: xte
    > Provo a dettagliare:
    > - i browser oggi son diventati mostri che fan
    > grossomodo da framework per webapp [...]

    Fin qui nulla da dire, hai ragione

    > - se fai un browser oggi e vuoi crescere offri
    > almeno qualcosa di decente: un servizio cloud
    > collegato al browser [...] Meglio offrire altro.

    Secondo me i servizi cloud dovrebbero essere slegati dal browser in uso, e il browser dovrebbe agganciarsi a qualsiasi servizio cloud, non solo "il suo preferito".

    > - oggi cosa può interessare l'utente medio che
    > un browser può offrire? Io direi:
    > * comunicazione audio/video, conferenze incluse.

    Qui non sono d'accordo: il browser deve supportare la riproduzione video e lo standard html per consentire a qualsiasi sito di essere visualizzato ed eseguito correttamente.
    Se il sito è l'accesso web ad un instant messaging, allora il browser dovrà consentire la videoconferenza ecc ecc; ma l'instant messaging deve essere un programma/app/chiamalocomevuoi che sia indipendente dal browser: potrei voler ricevere i messaggi anche mentre ho davanti un programma cad ed il browser è chiuso.

    > * condivisione schermo, altra gran cosa che
    > l'utenza domestica comincia a scoprire [...]

    Di nuovo, io potrei voler condividere lo schermo con un amico/collega indipendentemente dal browser: è un servizio che dovrebbe essere erogato o da un programma terzo, o dal sistema operativo o al massimo dall'instant messaging, ma non dal browser.

    Inserisco in questo punto anche la chromecast di google: a logica non ha senso che sia il browser a condividere il flusso video, dovrebbe essere il sistema operativo a farlo. Il browser è la cosa più lontana dall'hardware che io riesca ad immaginare...

    > Queste due innovazioni, magari (pungolo)
    > sviluppate facilmente e con buone performance
    > grazie al loro linguaggio favorito (Rust) possono
    > IMVHO cambiare e di parecchio la popolarità di
    > firefox.

    La vera innovazione che manca a firefox?
    *** VELOCITA' ***
    mi rendo conto che la compatibilità con le vecchie estensioni è un problema...


    > Una volta messo sul piatto qualcosa di più e di
    > diverso dalla concorrenza possono pensare a
    > rifare la UI re-incorporando una minisuite PIM
    > (calendario+MUA+task&c) carina da guardare con
    > opzionale servizio {card,cal}DAV integrato o
    > offerto via cloud. Anche questo non "costa"
    > troppo (e certo meno di offrire storage cloud, in
    > termini di risorse) e può attirare parecchio.

    Il calendario stava bene integrato in thunderbird, non certo in firefox.
    Di nuovo, il browser deve mostrare pagine web, il client di posta gestirà la posta e magari il calendario....
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Ma di cosa vai cianciando?

    CAZZO vuoi capirci tu?
    non+autenticato