Alfonso Maruccia

Disney, il lungo addio a Netflix

Il colosso dell'intrattenimento annuncia lo storico divorzio dal servizio di streaming pi¨ in voga del momento, con tempi piuttosto lunghi e la prevedibile conclusione di una gestione indipendente dei contenuti di proprietÓ dell'azienda.

Roma - Nel giro di un paio d'anni, i sottoscrittori di un abbonamento a Netflix non potranno accedere a film e serie televisive appartenenti a The Walt Disney Company: la corporation ha annunciato di voler fare tutto da se, eventualmente, con il lancio di un servizio di streaming proprietario - e ovviamente a pagamento - entro il 2019.

Lo storico divorzio tra un colosso che possiede alcuni tra i marchi più noti e popolari dell'intrattenimento (Marvel, Star Wars, Pixar e lo sconfinato catalogo di lungometraggi di animazione Disney, tra gli altri) e il portale che ha intaccato con una certa efficacia la tendenza degli utenti a piratare i contenuti è stato annunciato in concomitanza con i risultati finanziari di Disney, oltre che con l'acquisizione di BAMTech da parte della multinazionale californiana.

Come prevedibile, il nuovo acquisto Disney è una società specializzata in streaming video - un business di cui la corporation già deteneva il 33% delle azioni. Prima ancora della nascita dello streaming basato sulla tecnologia e l'infrastruttura BAMTech, dice il conglomerato americano, la sussidiaria Disney ESPN lancerà ancora un altro servizio di fruizione a pagamento con i contenti e gli eventi sportivi di popolari leghe americane quali NHL, MLB ed MLS. Escluse, a quanto pare, la NBA e la NFL.
Lo streaming del 2019 viene presentato come "la dimora esclusiva per gli USA" dei nuovi film in live-action e animati prodotti da Disney e Pixar, un servizio destinato a offrire "lungometraggi originali, show televisivi, cortometraggi e altre esclusive marcate Disney." La corporation cita espressamente "Toy Story 4" e il sequel di "Frozen", ma si tiene stranamente alla larga dei marchi "adulti" più popolari del momento come i succitati Guerre Stellari e l'universo dei cinecomic Marvel.

La fine della partnership tra Netflix e Disney non viene al momento giustificata da dichiarazioni ufficiali o spiegazioni pubbliche, una politica perfettamente in linea con il passato visto che l'accordo era stato stretto nel 2012 senza alcuna "data di scadenza" dichiarata. Il 2019 potrebbe quindi rappresentare la fine già programmata dell'accordo, e Disney vorrebbe in tal senso approfittare della ritrovata libertà per investire in un business di streaming proprietario tutto da valutare.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
42 Commenti alla Notizia Disney, il lungo addio a Netflix
Ordina
  • Per anni avete protestato contro il canone RAI lamentandovi di dover pagare anche quello che non volevate vedere e adesso che il mercato si sta orientando sempre di più verso una televisione dove pagate "quasi" soltanto i contenuti che vi interessano continuate a lamentarvi ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: utente
    > Per anni avete protestato contro il canone RAI
    > lamentandovi di dover pagare anche quello che non
    > volevate vedere e adesso che il mercato si sta
    > orientando sempre di più verso una televisione
    > dove pagate "quasi" soltanto i contenuti che vi
    > interessano continuate a lamentarvi
    > ?
    che interessano chi?
    a me francamente i "contenuti di netflix interessano il "giusto" (o meglio una beata minchia) ciò assodato continuo a non capire perchè dovrei "pagare" (la connessione già la pago) dei contenuti che trovo (se proprio volessi... e non ho detto che voglio anzi...) altrove "aggratis"....
    non+autenticato
  • Devi pagare semplicemente perché la produzione dei contenuti, anche quelli che ti interessano, ha un costo e se i produttori non avessero un modo per rientrare delle spese e portare a casa almeno quel tanto che basta da comprarsi da mangiare nessuno produrrebbe più nulla e tu non avresti altro da fare che rimare seduto su una sedia a girarti i pollici in attesa della morte.
    non+autenticato
  • - Scritto da: utente
    > Devi pagare semplicemente perché la produzione
    > dei contenuti, anche quelli che ti interessano,
    Non ci sono "contenuti" che mi interessano a pagamento....
    Spiacente ti toccherà di trovarti un lavoro!
    Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > Non ci sono "contenuti" che mi interessano a
    > pagamento....

    Tradotto vuol dire che non saresti disposto a pagare nemmeno il giusto a chi crea le cose che ti interessano, insomma sei un ladro.

    > Spiacente ti toccherà di trovarti un lavoro!
    > Ficoso

    A differenza di te lo faccio già da un bel po' di anni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: utente
    > - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > > Non ci sono "contenuti" che mi interessano a
    > > pagamento....
    >
    > Tradotto vuol dire che non saresti disposto a
    > pagare nemmeno il giusto a chi crea le cose che
    > ti interessano, insomma sei un
    > ladro.
    Non c'è bisogno di tradurre è sufficiente leggere c'è scritto che non mi interessano contenuti a pagamento il che significa che non c'è niente da "rubare".
    Quanto a te ripeto trovati un lavoro possibilmente ONESTO ovverosia un lavoro in cui se lavori un giorno ti pagano per un giorno se lavori un anno ti pagano per un anno.
    Il che esclude come ovvio il campare sulle royalties.
    non+autenticato
  • Storico divorzio?
    Netflix è neonata, come gli States: non hanno "storia", hanno cronaca recente...
    non+autenticato
  • - Scritto da: oderzum
    > Storico divorzio?
    > Netflix è neonata, come gli States: non hanno
    > "storia", hanno cronaca
    > recente...

    considerando che l'italia e' nata nel 1860, gli USA sono piu vecchi di noi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: oderzum

    > considerando che l'italia e' nata nel 1860, gli
    > USA sono piu vecchi di
    > noi.
    Che stronzata!
    io ho abitato in una casa le cui fondamenta (etrusche) risalivano al VII sec. A.C... e persino il mio nome (non comunissimo ma abbastanza diffuso in certe zone d'italia) ha origini etrusche e si trova pure nell'eneide (dove il mio omonimo per la verità non fa una bella fine) in USA se trovi qualcosa più vecchia di 100 anni molto probabilmente hai trovato un sasso anche se NY Frisco Los Angeles esistono da ben più di 100 anni... ma a meno che tu non scavi (alla ricerca di sassi) o non vada a passeggiare a central park (dove qualche sasso e qualche albero sono più "anziani") non trovi nulla che ha più di 100 anni (oddio magari se insisti puoi trovare una bottiglia di coca cola buttata in mare o nell'hudson nel 1886 ... anche se il sig.    Pemberton (di varsavia) creo a Atlanta la famosa bibita...
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: oderzum
    > Storico divorzio?
    > Netflix è neonata, come gli States: non hanno
    > "storia", hanno cronaca
    > recente...
    No gli "states" una storia ce la avrebbero pure è che quelli che sono arrivati da un certo momento in si son dati da fare a accoppare il più velocemente possibile quelli che ce la avevano e la ricordavano e in compenso dopo averli accoppati praticamente quasi tutti si sono accorti (i nuovi arrivati) che avevano si delle (plurale) storie ma non UNA storia condivisa come nazione... e in più la maggior parte di loro era arrivata lì perchè il loro ex paese (e la sua storia) gli stava sulle palle....
    Ecco perchè gli stati uniti sono un paese che non ha (non la capisce) una storia ... è un caso unico i paesi dell'america latina una storia ce la hanno e persino l'australia (scoperta molto dopo) una storia ce la ha... persino nelle città "più europee" degli states (NY e Frisco) faticfhi a trovare qualcosa che ha più di 100 anni (eppure ambedue esistono da ben più di 100 anni)... la verità è che all'americano medio il concetto di "storia" è del tutto alieno!
    non+autenticato
  • Dal punto di vista economico non so quanto possono giustificare la mossa. Saltano gli intermediari che si prendono una fetta dei guadagni, ma al tempo stesso riducono il numero di clienti e invogliano la concorrenza ad investire di più nel ricco segmento dei bambini dove ora dominano.
    Il vantaggio che possono avere è che tramite il controllo del cavo e dei server hanno accesso ai dati degli utenti e le statistiche d'uso rimangono nelle loro mani.
    non+autenticato
  • scusate l'ot ma...

    NGI Eolo è down a livello nazionale da stanotte. Nessuna connessione, il sito è morto e non rispondono al telefono. E' abbastanza per un articolo?

    https://it-it.facebook.com/pg/eolo.it/posts/
    non+autenticato
  • sgancia la grana e poi vediamo
    non+autenticato
  • - Scritto da: la redazzione
    > sgancia la grana e poi vediamo
    E se sgancio la rana va bene uguale?
    Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • - Scritto da: eolodown
    > scusate l'ot ma...
    >
    > NGI Eolo è down a livello nazionale da stanotte.

    Cu cazz è eolo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: eolodown
    > > scusate l'ot ma...
    > >
    > > NGI Eolo è down a livello nazionale da
    > stanotte.
    >
    > Cu cazz è eolo?
    se sei capra non e' colpa nostra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > Cu cazz è eolo?
    quello che ha dato l'otre a "Ulisso" che poi gli si è aperto e è successo un casino (appunto)... dicono che abitava nelle isole "eolie"...
    Alcuni sostengono invece che abiti a busto arsizio (ma "ulisso" non conferma)... nel caso chiedansi lumi a un certo sfigato cieco che docono si chiami Omero!
    O in alternativa a NGI (e a una serie di ex ex etnoteam e dintorni)....
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: eolodown
    > scusate l'ot ma...
    >
    > NGI Eolo è down a livello nazionale da stanotte.
    > Nessuna connessione, il sito è morto e non
    > rispondono al telefono. E' abbastanza per un
    > articolo?
    >
    > https://it-it.facebook.com/pg/eolo.it/posts/
    Alle 15:00

    🔴 A seguito di un guasto generalizzato alcuni clienti hanno subito dei malfunzionamenti o la perdita di connettività. Il guasto è stato risolto e le macchine che gestiscono la rete EOLO stanno man mano procedendo a riattivare le connessioni perse.

    Attualmente oltre la metà delle connessioni è stata ristabilita e nel pomeriggio la situazione migliorerà ulteriormente sino a stabilizzarsi.. blabla

    Vedremo se daranno una spiegazione piu' tecnicamente sensataSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > Vedremo se daranno una spiegazione piu'
    > tecnicamente sensata
    >Sorride
    Tu devi essere un inguaribile ottimista.... non ti daranno mai una spiegazione "sensata" (anche perchè non c'è una spie4gazione "sensata" per un down generalizzato di questo tipo) significa solo che in realtà non hai pensato/progettato correttamente i sistemi di "business continuity e disaster recovery".
    Bene che vada darann una spiegazione "papocchiata" e sufficiente a convincere l'utonto ovvero ad "apparirgli sensata" non a esserlo sul serio....
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ma secondo Disney io che sono abbonato a netflix e magari anche ad altri servizi, dovrei anche pagare il loro canale? Ma poi, per quanto sia ampia la loro offerta, secondo loro io pago per una roba che a ripetizione manda solo i loro contenuti? Dopo un mese devo riguardare le stesse cose?

    Diseny sta esagerando
    non+autenticato
  • Star Wars, Marvel, i cartoons, le kids series e altre cose andate in onda in decenni di Disney Channel, penso che avranno fatto due conti e avranno deciso che Netflix magari era interessata solo agli elementi di punta del suo catalogo, e il resto aveva un valore nullo.

    E non è scritto da nessuna parte che un abbonamento solo deve poterti permettere di vedere tutto, purtroppo si va in direzione opposta (vedi Game of Thrones)
    non+autenticato
  • - Scritto da: alessio
    > Star Wars, Marvel, i cartoons, le kids series e
    > altre cose andate in onda in decenni di Disney
    > Channel, penso che avranno fatto due conti e
    > avranno deciso che Netflix magari era interessata
    > solo agli elementi di punta del suo catalogo, e
    > il resto aveva un valore
    > nullo.

    Non metto in dubbio che Disney abbia fatto i suoi conti, metto in dubbio che a me interessi pagare un altro canale per vedere, oltre che star wars, hannah montana. Poi per carità, magari il canale costerà due un euro al mese e ci posso anche pensare...

    >
    > E non è scritto da nessuna parte che un
    > abbonamento solo deve poterti permettere di
    > vedere tutto, purtroppo si va in direzione
    > opposta (vedi Game of
    > Thrones)

    Ci mancherebbe, rispetto le scelte commerciali di chiunque, dico solo che a me, da consumatore, mi infastidiscono. In particolare quelle di Disney che prende a piene mani dove può e poi fa fatica a dare indietro. Già quando ero possessore di abbonamento Sky avevo difficoltà a vedere le produzioni di cui detengono i diritti (ad esempio i primi star wars mica li hanno fatti loro), oltre a passare "raramente" si potevano registrare solo per pochi giorni, parlo sia di cartoni che di film.

    I numeri daranno pure ragione a tutte queste pratiche commerciali, su questo non posso dire nulla, mi chiedo però fino a che punto potranno spremere queste macchine da soldi. Tanto per dirne una: io da bambino vedevo, apprezzavo e c'erano praticamente solo i grandi classici Disney, inoltre si aspettavano impazientemente i nuovi film, dalla Sirenetta, Ercole ecc ecc, ogni anno o quasi usciva una produzione che noi bambini o ragazzi aspettavamo. Adesso che sono adulto ed ho figli posso dirti che NON ho mai fatto vedere queste animazioni ai miei bambini. Non per scelta precisa, semplicemente perché passano poco su sky o netflix e di conseguenza non li guardiamo perché ci "scappano" e/o si fa fatica a registrarli ecc. Quindi esiste una generazione che si è innamorata di queste pellicole, le nuove le abbandoneranno perché non avranno occasione di affezionarsi. Se tu vedi tanti bambini stanno dietro a star wars perché i padri gli hanno fatto una tesa così su quella saga, inoltre Disney continua a pompare con elementi di contorno tipo cartoni e altre iniziative, oltre che i nuovi film che però risultano deludenti per i vecchi fan. Insomma, una politica così "commerciale" premierà ala lunga?
    Scusa se mi dilungo, ma vedo la stessa cosa con gli sport divenuti tutti a pagamento: io da bambino volevo la maglia tacchini e conoscevo i nomi dei tennisti, i bambini di adesso ho un genitore appassionato o non sanno niente di tennis, automobilismo, moto, basket ecc ecc, si salva il calcio per il momento. I numeri daranno pure ragione a chi vende diritti su film ed eventi, ma secondo me levano la passione alla gente e soprattutto alle nuove generazioni.
    non+autenticato
  • > i bambini di adesso O HANNO un
    > genitore appassionato o non sanno niente di
    > tennis, automobilismo, moto, basket ecc ecc,
    non+autenticato
  • scommetto che di calcio invece sanno tutto
    non+autenticato
  • - Scritto da: la fruizione
    > scommetto che di calcio invece sanno tutto

    I miei figli no, però è possibile che ne vengano a sapere e poi, per non rimanere "indietro" rispetto ad amici e compagnetti di classe, si vadano ad informare più in profondità.
    Il motivo però è presto detto: purtroppo sul calcio ricevi, anche non volendo, più informazioni in maniera involontaria. Ad esempio se apri pagina dell'ansa per leggere notizie, alla fine trovi sempre calcio, l'occhio ti scappa. Oppure ne parlano anche ai telegiornali se tizio è stato venduto a squadra per 100 milioni. A meno che non riesci ogni volta a cambiare pagina o canale, purtroppo sono informazioni che ti arrivano e magari memorizzi pur non volendo.
    non+autenticato
  • La pirateria cosi ringrazia.
  • e poi si piangono addosso ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > La pirateria cosi ringrazia.

    E i fessi sbraitano. Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > La pirateria cosi ringrazia.
    La piracheeehhheeehh?
    guarda i pirati navigano le "onde" (quelle del mare e quelle fisiche) e sottraggono beni REALI non è che "li copiano"... ti è chiara la differenza?
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > La pirateria cosi ringrazia.
    > La piracheeehhheeehh?
    > guarda i pirati navigano le "onde" (quelle del
    > mare e quelle fisiche) e sottraggono beni REALI
    > non è che "li copiano"... ti è chiara la
    > differenza?

    Anonimo, so bene cose vuoi intendere, ma sai bene il senso di pirateria nel mondo audiovisivo.