Elia Tufarolo

Google potenzia le API Cloud Natural Language

Le nuove caratteristiche consentono di catalogare i testi in una o più categorie; è inoltre possibile analizzare il sentiment per ogni singola entità identificata

Roma - Con un articolo sul proprio blog, Google annuncia di aver apportato migliorie significative alle proprie API dedicate al processamento e all'interpretazione del linguaggio naturale.

Le API erano già in grado di fornire servizi di entity recognition all'interno del testo, nonché di syntax analysis e di sentiment analysis: tramite le API è quindi possibile effettuare un'analisi sintattica del testo, un'analisi deduttiva riguardante il sentimento espresso dall'autore in ogni sua frase ed identificare le entità di cui l'autore sta trattando.

A queste caratteristiche, Google ne aggiunge altre nuove, la content classification e l'entity sentiment analysis.
Le API relative alla classificazione dei contenuti escono dalla fase beta oggi, 21 settembre, e consentono di associare ad un dato testo una o più categorie tra le oltre 700 a disposizione: il funzionamento delle API viene ben descritto in questo post, in cui due articoli vengono correttamente catalogati come "sport, baseball" e come "cucina, ricette, frutti di mare".
google content classification api

Per quanto riguarda l'entity sentiment analysis, invece, mentre in precedenza era possibile associare un determinato sentimento ad una frase o ad un blocco di testo, è ora possibile associarlo direttamente alle entità che il testo sta trattando, come luoghi, cose o persone. Una funzionalità di questo tipo è molto richiesta dalle aziende che vogliono scoprire cosa il pubblico pensa dei loro prodotti, analizzando gli interventi pubblicati sui social network, sui forum, sui siti di e-commerce.

I costi legati all'utilizzo delle API variano da 50 centesimi a 2 dollari per ogni mille record di testo, dove per singolo record di testo si intende un contenuto testuale di dimensione uguale o inferiore a mille caratteri. Il prezzo unitario viene notevolmente scontato nel caso in cui la quantità di dati da processare sia notevole.

Elia Tufarolo

Fonte Immagine
Notizie collegate
  • AttualitàWalmart abbraccia la IA di GoogleIl colosso USA del retail si allea con Mountain View per spingere sulle vendite online, una mossa che mira soprattutto a mettere i bastoni fra le ruote ad Amazon. E l'integrazione Walmart-Google è solo all'inizio
  • TecnologiaGoogle Analytics, si naviga a voceA breve sarà possibile interrogare Analyitcs formulando domande vocali (o scritte), ricevendo risposte puntuali su analisi di siti e app. L'AI permetterà a chiunque di fruire dei dati, a patto di conoscere l'inglese
  • AttualitàIA, Microsoft svela il progetto BrainwaveLa nuova piattaforma di intelligenza artificiale in tempo reale supporterà diversi tipi di dati in input e sarà disponibile come microservizio hardware su Azure
3 Commenti alla Notizia Google potenzia le API Cloud Natural Language
Ordina