Alfonso Maruccia

Crypto-Loot, il mining di Monero alternativo a Coin-Hive

Gli script per l'abuso della CPU dell'utente a scopo di mining si fanno sempre più diffusi, sofisticati e allettanti. Un nuovo player entra nel settore con condizioni economiche vantaggiose, anche se gli utenti non gradiscono

Roma - All'origine c'era Coin-Hive, script JS pensato per sfruttare la CPU dell'utente nel mining di criptomonete Monero infilato tra le pagine di The Pirate Bay. Poi Coinhive si è velocemente diffuso altrove, e ora un nuovo tool promette di monetizzare gli utenti Web a condizioni economiche vantaggiose per gli admin e i gestori dei server di Rete.

Con l'arrivo di Crypto-Loot, infatti, il mining di Monero si ricopre di una patina di professionalità promettendo operazioni "silenziose e poco invadenti", velocità e protezione da attacchi DDoS, buona documentazione e la capacità di funzionare su ogni tipo di dispositivo - sia esso desktop, laptop, tablet, cellulare, Windows, Linux, iOS o altro ancora.

Gli autori di Crypto-Loot offrono insomma un mining-come-servizio, per di più richiedendo una percentuale sui guadagni molto bassa rispetto a Coin-Hive: se quest'ultimo incassa il 30 per cento dei Monero generati, il primo intende lasciare l'88 per cento dei guadagni all'admin che incorpora lo script sul proprio server.
Iniziative come Crypto-Loot evidenziano la crescita di popolarità del mining di Monero, una criptomoneta particolarmente benvoluta nell'underground e non solo vista che ha la capacità di difendere l'anonimato dei suoi proprietari molto meglio di Bitcoin o monete concorrenti.

A guastare le ambizioni di un business come Crypto-Loot arriva però la scarsa popolarità del mining JavaScript presso gli utenti finali, che nella stragrande maggioranza dei casi (il 77 per cento in un recente mini-sondaggio di BleepingComputer) lo considerano alla stregua di un vero e proprio malware. Non è un caso, infine, che gli antivirus per PC abbiano preso a classificare la nuova tecnologia esattamente allo stesso modo.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàThe Pirate Bay, miner occulto di criptovaluteAlcune pagine del noto sito BitTorrent sfruttavano la CPU degli utenti per il mining della criptomoneta Monero. Una ricerca di ESET mostra che questo non è un caso isolato: l'uso dei miner nei siti Internet è un fenomeno in crescita, prossimo ad esplodere
  • SicurezzaSafeBrowse, estensione di Chrome con miner incorporatoDopo il recente caso di The Pirate Bay si torna a parlare di mining dal browser con SafeBrowse, un'addon per Chrome che sfrutta la potenza di calcolo della CPU degli ignari utenti per minare Monero
  • AttualitàShowTime, scovato miner di MoneroOltre che in The Pirate Bay e nell'addon SafeBrowse per Chrome, Coin-Hive è stato rilevato anche nei siti Web della celebre emittente televisiva. Il network statunitense non ha rilasciato dichiarazioni, ma ha rimosso lo script
2 Commenti alla Notizia Crypto-Loot, il mining di Monero alternativo a Coin-Hive
Ordina