Claudio Tamburrino

Tim Cook svela cosa bolle in pentola

La realtà aumentata, attualmente lontana dall'essere una realtà, migliorerà il mondo. Anche perché non siamo ancora nel futuro migliore sognato da Cook, ma abbiamo fatto passi avanti. Grazie anche ad ARKit

Roma - Tim Cook ha concesso una lunga intervista sullo stato delle cose e sui possibili sviluppi per il futuro. O almeno per quello rappresentato nella sua visione delle cose che parte da un assunto: ha più speranze nella realtà aumentata (AR) che nella realtà virtuale (VR).

Un antipasto di quello che intende Apple quando si parla di possibilità con la realtà aumentata è la sua nuova tecnologia ARKit, presente nel nuovo iPhone ma già anticipata con un video nei mesi scorsi: si tratta di un software che permette di "mostrare" attraverso lo schermo del dispositivo, oggetti virtuali brillanti giustapposti e posizionati nella realtà che circonda l'utente, una realtà che insomma guadagna nuovi contenuti nascosti se non visualizzati attraverso un dispositivo, come raccontato per esempio dal maestro del cyberpunk Bruce Sterling nella nuova trilogia Blue Ant. Nell'esempio caricato nelle scorse settimane, invece, un Melafonino viene utilizzato per creare e visualizzare semplicemente una porta su un mondo verde aperta per le strade di una città.


Al momento siamo quindi in una realtà diversa da quella immaginata da Sterling, ma anche dal mondo ideale sognato da Cook, ma qualche passo è stato fatto e anzi la via imboccata - dice - è quella del miglioramento della realtà.
Si tratta, naturalmente, al momento di una delle più semplici applicazioni della realtà aumentata, che parte dall'esame, mappatura e comprensione del mondo in cui si muove l'utente per sovrapporgli un livello virtuale sotto forma di oggetto digitale: software del genere sono ormai accessibili, come dimostra la nuova app IKEA che permette ai propri utenti di provare i mobili direttamente in casa.

Proprio da qui parte Cook: la realtà aumentata rivoluzionerà del tutto lo shopping, ma non si limiterà a cambiare questo, finendo per avere un'influenza su tutti gli aspetti della vita. D'altra parte, spiega, app facilmente utilizzabili come quelle di IKEA possono essere fatte per l'educazione, la navigazione, gli affetti, i viaggi: tra le nuove app mostrate durante l'intervista ce n'è una che sovrappone informazioni sui sentieri di montagna percorsi dall'utente, una per imparare l'astronomia che dà informazioni su stelle e sistemi solari, una per videogame che possono essere giocati come veri e propri giochi da tavola.

E questo rappresenta solo l'inizio della tecnologia, che ora che - anche se in una forma basilare - è alla portata di tutti può esplorare la sua vera portata: in questo senso, sottolinea Cook, sarà fondamentale il ruolo degli sviluppatori terzi che avranno accesso a ARKit e alle informazioni di Apple per lo sviluppo della realtà aumentata.

Cook sottolinea naturalmente il ruolo che potrà svolgere Apple in questa rivoluzione: Cupertino racchiude in sé sia lo sviluppo dell'hardware che del software e la sua community rappresenta una realtà amalgamata e coerente, fattori che la pongono in vantaggio su Android, come dice oltre a Cook anche Greg Joswiack, vicepresidente Apple per iOS, iPad e per il marketing iPhone, che del concorrente sottolinea la frammentazione in diversi software e la mancanza di una comunità unità di sviluppatori.

Quando poi la tecnologia della realtà aumentata e virtuale sarà matura, spiega ancora Cook, non è detto che Apple non sforni un nuovo dispositivo in cui essa non sia una semplice funzione ancillare ma il prodotto stesso, ma per il momento questo sembra lontano: nonostante dunque un brevetto sull'argomento depositato da Apple nel 2008, saranno i device utilizzati tutti i giorni a portare ancora avanti la rivoluzione aumentata.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
52 Commenti alla Notizia Tim Cook svela cosa bolle in pentola
Ordina
  • E' in auge da qualche tempo la mania imbecille di oscurare i due lati di un video, tipo paraocchi per cavalli.
    E' una mania imbecille.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 8564jk
    > E' in auge da qualche tempo la mania imbecille di
    > oscurare i due lati di un video, tipo paraocchi
    > per
    > cavalli.
    > E' una mania imbecille.

    Boh... io li vedo bene uguale.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: 8564jk
    >
    > E' in auge da qualche tempo la mania imbecille di
    > oscurare i due lati di un video, tipo paraocchi
    > per cavalli.
    > E' una mania imbecille.

    nice b8 m8
  • i googleglass, il cardboard, progetto tango ,Daydream e ARCore

    si spippola in tutte le taglie e direzioni anche a mountain view....
    non+autenticato
  • Aspetteranno come al solito qualcuno capace di renderla vendibile nel mainstream e poi diranno di averla inventata loro.
    non+autenticato
  • gli schermi dei telefoni e tablet sono troppi piccoli e i grossi televisori non si possono muovere, servono gli occhiali ma oggi per avere qualcosa di funzionale devi spendere almeno 3000 euro come gli hololens MS e trovare una applicazione professionale, magari per qualche arredatore o architetto in ingegneria non servono
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mago
    >
    > gli schermi dei telefoni e tablet sono troppi
    > piccoli e i grossi televisori non si possono
    > muovere, servono gli occhiali

    direi che a questo punto l'ipotesi che nei laboratori di apple ci siano degli occhiali per la realtà aumentata sia piuttosto sensata

    c'è giusto il *piccolissimo* problema di girare con una cam sempre attiva montata su degli occhiali.. che abbinata alle tecnologie di AI e riconoscimento facciale mostrate con face ID la rende ancor più inquietante
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: Mago
    > >
    > > gli schermi dei telefoni e tablet sono troppi
    > > piccoli e i grossi televisori non si possono
    > > muovere, servono gli occhiali
    >
    > direi che a questo punto l'ipotesi che nei
    > laboratori di apple ci siano degli occhiali per
    > la realtà aumentata sia piuttosto
    > sensata
    >
    > c'è giusto il *piccolissimo* problema di girare
    > con una cam sempre attiva montata su degli
    > occhiali.. che abbinata alle tecnologie di AI e
    > riconoscimento facciale mostrate con face ID la
    > rende ancor più
    > inquietante

    Io non mi preoccuperei di questo.
    Con il logo bene in vista, le linee stondate e di raffinato design, il colore del materiale intonato a quello della fibbia della cintura e a quello delle stringhe delle scarpe, e l'applefan puo' girare per strada con la consapevoleza di essere ammirato e invidiato dalla massa di pezzenti.
  • ma il bonifico?
  • - Scritto da: bertuccia
    > ma il bonifico?

    Sto aspettando una risposta da quella filiale in cui tu hai millantato di avere un conto.
    E comunque stai andando OT.
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > Sto aspettando una risposta

    certo certo Annoiato
  • Tornando a cose più serie, quand'è che il 70% degli utenti Android comprerà un iPhone?

    Perché dato che tu non sbagli mai, vogliamo sapere quando capiterà.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Chicken
    >
    > Tornando a cose più serie, quand'è che il 70%
    > degli utenti Android comprerà un iPhone?
    >
    > Perché dato che tu non sbagli mai, vogliamo
    > sapere quando capiterà.

    spiegati meglio.

    se ti riferisci a qualcosa che ho scritto, riportalo e ne parliamo
  • L'ho già riportato l'altro giorno, ma tu yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda come al solito tuo e dei padroni tuoi... Hai anche detto qualcosa sul fatto che lo impugnavo male e yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda yadda ....

    E quindi vallo a ripescare tu il link.

    Così poi fai i calcoli e lo dici.

    Grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Chicken
    >
    > L'ho già riportato l'altro giorno

    ancora??

    quindi ti riferisci a questo:
    http://money.cnn.com/2010/07/23/technology/iphone_...

    un sondaggio fatto da CNN Money nel 2010 in cui emergeva che

    77% of iPhone owners say they'll buy another iPhone
    20% of smartphone customers say they'll buy an Android phone.

    cosa ti manda ai matti di sto sondaggio lo sai solo te.. da quello che hai scritto, direi che molto semplicemente o non sai l'inglese, o ti manca proprio la basilare comprensione del testo.

    Ai tempi, nel commentarlo, ho scritto che a mio modo di vedere l'unico dato significativo che si estrapola da quel sondaggio, è che gli utenti iPhone sono decisamente fedeli al marchio.

    Se la cosa ti fa impazzire, non so che dirti
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: Chicken
    > >
    > > L'ho già riportato l'altro giorno
    >
    > ancora??
    >
    > quindi ti riferisci a questo:
    > http://money.cnn.com/2010/07/23/technology/iphone_
    >
    > un sondaggio fatto da CNN Money nel 2010 in cui
    > emergeva
    > che
    >
    > 77% of iPhone owners say they'll buy another
    > iPhone
    > 20% of smartphone customers say they'll buy an
    > Android
    > phone.
    >
    > cosa ti manda ai matti di sto sondaggio lo sai
    > solo te.. da quello che hai scritto, direi che
    > molto semplicemente o non sai l'inglese, o ti
    > manca proprio la basilare comprensione del
    > testo.
    >
    > Ai tempi, nel commentarlo, ho scritto che a mio
    > modo di vedere l'unico dato significativo che si
    > estrapola da quel sondaggio, è che gli utenti
    > iPhone sono decisamente fedeli al
    > marchio.
    >
    > Se la cosa ti fa impazzire, non so che dirti
    Non è che ci fosse bisogno di sondaggi per sapere che è opinione assai diffusa che il macaco si fa abbindolare dal "marchio".
    Complimenti macachello!
    Hai confermato quello che sapevamo già tutti!
    È proprio per questo che tutti vi prendono in giro.
    non+autenticato
  • Ma Galimberti si occupa solo dell'hardware?
    Perche' non si dedica anche a scopire le Sacre PArole su colonne di basalto?
    Ritento riduttivo e offensivo verso Cupertino affidare ad un mullah di terza fila cose che dovrebbero essere gestite dal Profeta in persona.
    non+autenticato