Claudio Tamburrino

Twitter, ancora contro le molestie

Il CEO Jack Dorsey annuncia una serie di nuove disposizioni per porre freno alla condivisione di contenuti violenti e offensivi. In mezzo, c'è anche la questione del boicottaggio che ha colpito il tecnofringuello nei giorni scorsi

Roma - Twitter introdurrà nelle prossime settimane una serie di modifiche alle sue linee guida che permetteranno di bloccare la diffusione di determinati contenuti violenti e gli account che li pubblicano.

Ad annunciarlo è stato direttamente il CEO Jack Dorsey con una serie di tweet in cui ha parlato di una decisione critica dettata dalla diffusione continua di determinati contenuti che non sono riusciti a fermare con le linee guida finora vigenti e nonostante l'aumento costante del numero di persone dedicate al compito di vigilanza: la conseguenza, spiega Dorsey, è che diverse voci sono state silenziate dalla violenza del contesto o si sono auto-silenziate per lo stesso motivo. Ovvero, come sottolineano diversi osservatori, alcuni utenti anche di alto profilo hanno lasciato la piattaforma a causa della cultura del trolling che hanno direttamente subito.



Il CEO spiega così di "aver deciso di assumere una posizione più aggressiva nelle nostre regole di utilizzo e su come applicarle. Tra le novità vi saranno regole contro le avance sessuali non richieste, i contenuti di nudo non consensuale, i simboli di odio, i gruppi violenti e in generale i contenuti che glorificano la violenza".
La decisione è soprattutto la risposta di Twitter alla protesta #WomenBoycottTwitter conseguente al blocco da parte del tecnofringuello dell'account dell'attrice Rose McGowan per la violazione di politiche Twitter: secondo alcune fonti sembra abbia twittato un numero di telefono, tuttavia l'attrice era anche particolarmente attiva sull'argomento dello scandalo legato al produttore Harvey Weinstein e giovedì avrebbe twittato anche che "HW" l'aveva stuprata. In questo senso i motivi dietro alla sospensione sembrano poter essere la pubblicazione di commenti su determinati argomenti violenti oppure, addirittura, il fatto che il profilo sia stato oggetto di una serie di segnalazioni di massa da parte di un folto gruppi di utenti che voleva silenziarne la denuncia. Un dubbio che sta peraltro riguardando anche il Twitter italiano relativamente alla sospensione di @antigrillista, noto account che si pone in opposizione agli utenti 5stelle, ma che ha recentemente tweettato criticando le accuse di Asia Argento nei confronti proprio di Harvey Weinstein.

Più in grande a livello mondiale, la sospensione dell'account della McGowan è stata presa come bandiera della battaglia contro le violenze e molestie, che si è riunita sotto l'hashtag #WomenBoycottTwitter ed è diventato un trending topic a livello mondiale: ad esso è seguito inoltre un boicottaggio per 24 ore della piattaforma.

I dettagli di come verranno adottate ed applicate le nuove regole saranno divulgati nelle prossime settimane, intanto è la stessa McGowan a incalzare Dorsey chiedendogli di togliere immediatamente quegli account che promuovono contenuti legati al nazismo.



Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàTwitter, cinguettii dalla Russia con livoreDopo Facebook anche la piattaforma di microblogging porta il suo contributo nel cosiddetto Russiagate. Ma deve ancora capire come arginare la marea di spam che gli arriva dalla Russia
  • AttualitàTwitter: non censureremo TrumpIl sito dei cinguettii risponde pubblicamente alle polemiche sulla "dichiarazione di guerra" di Mr President contro la Corea del Nord, e dichiara con molto candore di non poter censurare Trump perché ogni sua parola fa notizia. E con 280 caratteri a disposizione cosa mai cinguetterà?