Claudio Tamburrino

Apple, brevetti violati per 440 milioni

Tanto ottiene da Cupertino la nota entità non praticante VirnetX arrivata alla terza sentenza ad essa favorevole. E di questi, 96 milioni di dollari sono a titolo di risarcimento per interessi e spese legali

Roma - Apple dovrà pagare 440 milioni a VirnetX per la violazione di alcuni suoi titoli brevettuali. Meno complicato delle annose e internazionali battaglie legali che hanno visto scontrarsi le aziende ICT, quello tra Apple-VirnetX ha comunque guadagnato i titoli per l'entità non trascurabile del risarcimento previsto per VirnetX, la sua natura di ente non praticante e le vicende giudiziarie alterne.

Apple vs VirnetX

Al centro di tutto vi sono quattro diversi titoli di proprietà di VirnetX connesse all'utilizzo di FaceTime (i brevetti 7,418,504 e 7,921,211) e del servizio VPN On Demand (numero 6,502,135 e 7,490,151) sui dispositivi mobile con la Mela: non producendo in realtà nulla, l'attività imprenditoriale di VrinetX si limita alla difesa legale delle sue privative tanto da essersi guadagnato il titolo di "Patent Troll", anche per diverse sostanziose vittorie conseguite negli anni nei confronti di colossi tecnologici tra cui Microsoft.

Contro Apple, in primo grado il tribunale texano aveva accolto la tesi dell'accusa, sentenza che era stata confermata in appello con Cupertino condannata a pagare 625 milioni di dollari; tuttavia tale decisione era stata rinviata in giudizio dopo che il giudice incaricato della questione aveva rilevato un comportamento ingiusto da parte degli avvocati dell'accusa nei confronti della difesa di Cupertino e nel prosieguo della vicenda due dei quattro brevetti oggetto del contendere, relativi alla sicurezza delle comunicazioni, sono stati dichiarati non validi.
Da ultimo, il Giudice distrettuale Robert Schroeder ha rilevato nuovamente la violazione degli altri brevetti ancora validi, condannando Apple non solo al pagamento di 302 milioni di dollari di risarcimento a VirnetX, ma anche 41,3 milioni di dollari di danni aggiuntivi e 96 milioni di dollari in spese legali e interessi.

Il CEO di VirnetX si è naturalmente detto entusiasta della decisione finale della questione ed ha spiegato che "l'ammontare dei danni calcolato dal tribunale è grande perché le vendite dei prodotti in violazione da parte di Apple sono grandi" e ha spiegato che il costo della "loro tecnologia per la sicurezza" è stato calcolato "ragionevolmente" e corrisponde a meno di un quarto dell'uno per cento del costo dei dispositivi con la Mela": nella sentenza si è infatti calcolato i danni dando alle tecnologie coinvolte un valore di 1,20 dollari per ogni dispositivo venduto che le incorporava.

Claudio Tamburrino

fonte immagine
Notizie collegate
37 Commenti alla Notizia Apple, brevetti violati per 440 milioni
Ordina
  • Un patent troll che si arricchisce con brevetti generici e non ha mai prodotto nulla che ciula 440 milioni di $ ad Apple in una sentenza Rotola dal ridere

    Beh Apple ha iniziato con queste magagne e ora ne paga il contoA bocca aperta

    Bello il sistema brevetti americano, a momenti ti fanno brevettare anche lo schiocco di dita, che nazione rinco l'America.
    non+autenticato
  • - Scritto da: FType

    > Bello il sistema brevetti americano, a momenti ti
    > fanno brevettare anche lo schiocco di dita

    Quoto. In USA c'è gente come questo che s'è mantenuto solo grazie al patent trolling senza aver MAI prodotto nulla.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Leo_Stoller
    non+autenticato
  • Per non parlare di un'azienda come Getty Images che ha basato il proprio business sullo scaricare immagini gratuitamente da altri siti e poi sollecitare il pagamento se quelle stesse immagini venivano usate su Internet (anche senza averle prese dal loro sito).
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Per non parlare di un'azienda come Getty Images
    > che ha basato il proprio business sullo scaricare
    > immagini gratuitamente da altri siti e poi
    > sollecitare il pagamento se quelle stesse
    > immagini venivano usate su Internet (anche senza
    > averle prese dal loro
    > sito).

    il copyright e' una cosa il brevetto un'altra
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Grazie della lezioncina, coglione, peccato che il principio di base di quello che fanno i patent troll e di quello che fa getty sia lo stesso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca
    > https://vignette.wikia.nocookie.net/simpsons/image
    >
    > A bocca aperta

    Tutto vi si deve insegnare.
    Anche a postare una gif.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • hai fatto uno dei tuoi mitici script ?
    non+autenticato
  • al di la del discorso "brevetti piu o meno assurdi e diritto di brevettare" mi piacerebbe capire come viene fatta la stima del valore da pagare.

    daccordo pure aver "inventato qualcosa" ma tra inventarlo e realizzarci un prodotto e stravenderlo mi paree cio sia una bella diffferenza.

    cioe' 1.20 $ a dispositivo sembrano pochi ma 400 milioni per una tecnologia piu o meno del cavolo, che dubito sia costata piu di una milionata a svilupparsi. di mezzo c''e il valore delle vendite, che non sono certo merito dell'invenzione perlatro probabilmente sostituibile..
    non+autenticato
  • Ok era una techno del cazzo come dici tu, ma allora perchè implementarla?
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > al di la del discorso "brevetti piu o meno
    > assurdi e diritto di brevettare" mi piacerebbe
    > capire come viene fatta la stima del valore da
    > pagare.
    > daccordo pure aver "inventato qualcosa" ma tra
    > inventarlo e realizzarci un prodotto e
    > stravenderlo mi paree cio sia una bella diffferenza.

    Secondo il sistema di brevetti americano, non conta quanto hai speso a svilupparlo, ma quanto profitto ci hai fatto, quindi il pagamento viene fatto "per dispositivo venduto". In questo caso il prezzo è particolarmente alto perchè c'è l'aggravante di aver continuato a vendere dispositivi con quella funzione anche DOPO l'avvio della causa legale (willfull infringment).
  • - Scritto da: rudy
    > al di la del discorso "brevetti piu o meno
    > assurdi e diritto di brevettare" mi piacerebbe
    > capire come viene fatta la stima del valore da
    > pagare.
    >
    > daccordo pure aver "inventato qualcosa" ma tra
    > inventarlo e realizzarci un prodotto e
    > stravenderlo mi paree cio sia una bella
    > diffferenza.
    >
    > cioe' 1.20 $ a dispositivo sembrano pochi ma 400
    > milioni per una tecnologia piu o meno del cavolo,
    > che dubito sia costata piu di una milionata a
    > svilupparsi. di mezzo c''e il valore delle
    > vendite, che non sono certo merito
    > dell'invenzione perlatro probabilmente
    > sostituibile..

    Ma quando mai?

    Proprio sulle pagine di questo forum, gli applefan ben noti si sono vantati di queste "supposte tecnologie" apple, e hanno dichiarato che vale proprio la pena di dormire per terra due notti per poter acquistare i telefoni di Cupertino che sono dotati di queste tecnologie, invece che comprare per pochi euro i telefoni del cestone del mediaworld.

    E adesso tu minimizzi?
  • - Scritto da: rudy
    > al di la del discorso "brevetti piu o meno
    > assurdi e diritto di brevettare" mi piacerebbe
    > capire come viene fatta la stima del valore da
    > pagare.
    >
    > daccordo pure aver "inventato qualcosa" ma tra
    > inventarlo e realizzarci un prodotto e
    > stravenderlo mi paree cio sia una bella
    > diffferenza.
    >
    > cioe' 1.20 $ a dispositivo sembrano pochi ma 400
    > milioni per una tecnologia piu o meno del cavolo,
    > che dubito sia costata piu di una milionata a
    > svilupparsi. di mezzo c''e il valore delle
    > vendite, che non sono certo merito
    > dell'invenzione perlatro probabilmente
    > sostituibile..

    Già. Per di più, se si dovessero mettere assieme tutti i breetti fuffa presenti in ogni singolo prodotto, a botte di $1.20 per ovvietà brevettata prima degli altri, si arriverebbe a prodotti che costano dieci volte il loro prezzo attuale.
    Mi associo a chi dice che sia l'intero sistema USA dei brevetti, a fare schifo. Il fatto che ogni tanto tocchi ad Apple dà l'indubbia soddisfazione del "chi la fa, l'aspetti", ma questo non cambia il discorso di fondo. I brevetti, così come sono gestiti, danneggiano tutti.
    Izio01
    4614
  • Al solito. Hanno voluto rafforzare i loro diritti in quanto patent troll (bordi arrotondati e swipe to unlock)? Questo è il risultato.
    non+autenticato
  • ... VirnetX, la sua natura di ente non praticante e le vicende giudiziarie alterne. ...
    ...
    non producendo in realtà nulla, l'attività imprenditoriale di VrinetX si limita alla difesa legale delle sue privative tanto da essersi guadagnato il titolo di "Patent Troll", anche per diverse sostanziose vittorie conseguite negli anni nei confronti di colossi tecnologici tra cui Microsoft.
    ...

    In giornalista si è scatenato in un bell'attacco contro VirnetX che equivale a quello che in retorica si definisce un argumentum ad hominem. La legge qui si applica al brevetto, non al detentore, qualunque o chiunque sia, se c'è qualcosa da criticare è l'ufficio brevetti americano che ti registra pure il brevetto dell'acqua calda.
    Oltretutto non è escluso che VirnetX sia un proxy per qualche altro produttore in cerca di vendette, Apple e Microsoft negli ultimi anni si sono accorti che le cause sui brevetti portano cattiva pubblicità e hanno iniziato a trasformare la guerra sui brevetti in una sorta di proxy war (vedi Nokia).
    non+autenticato
  • - Scritto da: 8a405c38525
    > ... VirnetX, la sua natura di ente non
    > praticante e le vicende giudiziarie alterne.
    > ...
    > ...
    > non producendo in realtà nulla, l'attività
    > imprenditoriale di VrinetX si limita alla difesa
    > legale delle sue privative tanto da essersi
    > guadagnato il titolo di "Patent Troll", anche per
    > diverse sostanziose vittorie conseguite negli
    > anni nei confronti di colossi tecnologici tra cui
    > Microsoft.
    >
    > ...
    >

    > In giornalista si è scatenato in un bell'attacco
    > contro VirnetX che equivale a quello che in
    > retorica si definisce un argumentum ad hominem.

    Che qui sul forum di PI viene chiamata "trave nell'oculo"
  • Apple ha iniziato questa guerra dei brevetti per vaccate... ed ha aperto le ostilità, facendo ingolosire su di essa le piccole aziende con brevetti fuffa...

    Un po', ma veramente pochissimo, mi dispiace... ma se lo merita.
  • - Scritto da: Jedi-78
    > Apple ha iniziato questa guerra dei brevetti per
    > vaccate... ed ha aperto le ostilità, facendo
    > ingolosire su di essa le piccole aziende con
    > brevetti fuffa...

    Ad essere bacato è tutto il sistema (quello americano dei brevetti, soprattutto software), per cui inevitabilmente in un campo di battaglia bombardato con granate a frammentazione, prima o poi qualche scheggia ti tocca.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)