Mirko Zago

WhatsApp, spostamenti tracciati

A breve l'app di messaggistica verrà aggiornata introducendo una nuova funzionalità già in uso da molti concorrenti: la condivisione live della posizione dell'utente e i suoi spostamenti, ovviamente disattivabile

Roma - WhatsApp sta per introdurre una nuova funzionalità alla sua app che prevede la possibilità di condividere la posizione attuale con gli altri utenti (o anche più di uno) e per un tempo prestabilito. Si tratta di Share Live Location. "Per usare questa funzione, apri una chat con la persona o il gruppo con cui desideri condividere la tua posizione attuale e tocca l'icona per gli allegati. Alla voce Posizione vedrai una nuova opzione: Condividi posizione attuale. Quindi, scegli per quanto tempo desideri condividere la tua posizione attuale e tocca invio" - a raccontare il funzionamento è WhatsApp attraverso il suo blog.

whatsapp

La posizioni saranno visibili all'interno di una mappa. La rappresentazione del profilo dell'utente aiuterà a identificare la persona e sarà anche possibile seguirne i movimenti. A differenza della funzione attuale infatti, la posizione non sarà statica ma seguirà i movimenti dell'utente. La condivisione con gli altri potrà essere settata su intervalli predefiniti (un quarto d'ora, un'ora, otto ore), salvo poter bloccare l'informazione in qualsiasi momento qualora non si volesse più condividere. Prima di essere disponibile per tutti gli utilizzatori iOS o Android dovranno trascorrere alcune settimane. L'annuncio di WhatsApp parla genericamente di "coming weeks".

Tra gli utilizzi emergono quelli legati all'utilità pratica: sapere se la persona attesa a un incontro sta effettivamente arrivando, facilitare l'incontro di un gruppo di amici (è compatibile anche con i gruppi creati in WhatsApp), rassicurare i familiari in pensiero e via dicendo. Ma la nuova feature allarma per quanto concerne il controllo a distanza, o telecontrollo (ad esempio da parte del datore di lavoro). Sul tema le recenti normative sembrano aver ammorbidito effettivamente il tema, nonostante i moniti del Garante della Privacy. Seppur esista una garanzia tecnologica che garantisce che il dato è protetto secondo una criptazione end-to-end rimane all'utilizzatore finale farne un uso consapevole.
Non si tratta di una funzionalità particolarmente innovativa. Altri concorrenti hanno già mosso passi in questa direzione: la scorsa estate Snapchat aveva introdotto qualcosa di molto simile, Google Maps lo ha implementato da poco, Apple propone Find My Friends, Facebook permette di rintracciare gli amici nelle vicinanze e Telegram, diretto concorrente, ha introdotto con la versione 4.4 la possibilità di condivisione della propria posizione con tutti. Ma il valore dell'implementazione cresce esponenzialmente se si considera che il potenziale di utilizzo supera ampiamente il miliardo di persone.

Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate
13 Commenti alla Notizia WhatsApp, spostamenti tracciati
Ordina
  • WA&c, praticamente il 100% delle "app di moda" oggi offrono in ritardo funzionalità inferiore a svariati altri ben più anziani concorrenti. Domanda ma come si fa ad esser tanto polli?
    non+autenticato
  • Va di moda come dici tu.
    Telegram casomai offre qualche funzionalità in più, ma io per esempio su Telegram ho 1/10 dei contatti che ho su whatsapp.
    E francamente ho di meglio da fare che fare propaganda per far cambiare l'app di messaggistica di riferimento ai miei contatti.
  • Stesso ragionamento.
    WA 480 contatti
    Telegram una 30ina
    Signal 4.... di cui 2 su mio avviso

    ogni update controllo che non ci siano nuove spettacolari features da disattivare...

    Vebbè, fino a che ci saranno 1miliardo di polli da spiare guarderanno meno chi si prodiga a restare un pò più discreto.
    non+autenticato
  • Come da oggetto, sper osia disattivata di default, non attivata.
    non+autenticato
  • Io quando esco in escursioni e biciclettate varie, attivo sempre Glympse.

    Diversi anni fa un mio conoscente, in giro in bici, si è sentito male ma nessuno l'ha potuto aiutare. Dopo circa otto ore di agonia, sdraiato in una canaletta di fianco ad una strada, è morto senza assistenza. L'hanno trovato solo di sera, troppo tardi.

    Ci fosse stata questa tecnologia, la moglie avrebbe potuto tranquillamente localizzarlo e salvarlo.

    Ecco perché trovo fondamentale che i miei affetti sappiano sempre dove siamo, tutti, nessuno escluso, pure i gatti. Tra i familiari, la privacy cambia parametri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fan innamorato di Bertuccia il macaco
    > Io quando esco in escursioni e biciclettate
    > varie, attivo sempre
    > Glympse.

    Quindi non hai bisogno di quella di whatsapp

    >
    > Diversi anni fa un mio conoscente, in giro in
    > bici, si è sentito male ma nessuno l'ha potuto
    > aiutare. Dopo circa otto ore di agonia, sdraiato
    > in una canaletta di fianco ad una strada, è morto
    > senza assistenza. L'hanno trovato solo di sera,
    > troppo
    > tardi.
    >

    Mi dispiace per il tuo amico, anche io vado in bici e conosco il problema, a volte si è anche in zone prive di copertura. per questo io avviso sempre PRIMA di uscire dove andrò.

    > Ci fosse stata questa tecnologia, la moglie
    > avrebbe potuto tranquillamente localizzarlo e
    > salvarlo.
    >

    Non so quanti anni fa sia successo, la tecnologia comunque esiste da anni, da esempio con il garmin tracklive ed altri sistemi ed app che tu stesso dici di utilizzare.

    > Ecco perché trovo fondamentale che i miei affetti
    > sappiano sempre dove siamo, tutti, nessuno
    > escluso, pure i gatti. Tra i familiari, la
    > privacy cambia
    > parametri.

    Concordo con te, solo che se lo fai con whatsapp non lo stai dicendo a ai tuoi familiari ma anche ad una certa ditta che si chiama Facebook e fa della profilazione il suo core business. Per questo consiglio a tutti di usare quello che vi pare ma non whatsapp per farsi trovare.
    non+autenticato
  • > Ecco perché trovo fondamentale che i miei
    > affetti sappiano sempre dove siamo, tutti,
    > nessuno escluso, pure i gatti. Tra i familiari,
    > la privacy cambia parametri.
    Scusa la franchezza ma questo bisogno di connessione e controllo che provi è per così dire patologico. Siamo individui ognuno con la propria vita anche se ne condividiamo larga parte.

    Quanto alla localizzazione non credo nel caso citato del tuo amico potesse salvarlo: di solito nel corso della giornata hai da fare qualcosa e questo non include tener sott'occhio la mappa di tutti i parenti&c che condividono la loro posizione. Pertanto avere un telefono o una radio PMR con se per poter chiamare aiuto al bisogno può funzionare, pensare di avere un "backup" inverso è semplicemente una palese insicurezza.
    non+autenticato
  • Bischero, ha fatto 8h di agonia!

    A mezzogiorno la moglie non vedendolo arrivare si sarebbe allertata e avrebbe controllato dove cavolo fosse.
    Vedendo il puntino fermo in quel canale per troppo tempo, si sarebbe attivata subito.

    Oh, tutti professori alla premiata University of Google!
    non+autenticato
  • Se in quel canale non era in grado di chiamare aiuto dubito comunque che si sarebbe salvato. Del resto se vogliamo evitare ogni tragedia dobbiamo trasformarci in cyborg con una "conoscenza" distribuita stile borg. Altrimenti chiediamo autostrade monocorsia stile treni, non andiamo in nave o aereo, non costruiamo poggioli né mettiamo nulla in facciata dall'antenna al vaso di fiori. Non tagliamo legna, non usiamo trattori ecc.

    Mi spiace, la localizzazione massiva, per di più con apparati tecnologici che sono scatole nere uccide e rende inaccettabili molte più vite di quelle che può salvare. Pur con tutto il rispetto per questo tuo amico e il dolore che ha provato lui e i superstiti tutti da adulti è opportuno essere adulti, se la moglie non vedendolo rientrare si fosse preoccupata bastava che sapesse dov'era andato e prendesse la macchina/moto seguendo il percorso, la stessa cosa che facciamo tutti quando arrampichiamo. La vita è una malattia mortale a trasmissione sessuale, non è uno scherzo ma una assolutamente dimostrabile descrizione scientifica. Pensare di creare campane di vetro serve solo a creare dittature e malesseri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fan innamorato di Bertuccia il macaco
    > Io quando esco in escursioni e biciclettate
    > varie, attivo sempre
    > Glympse.
    >
    > Diversi anni fa un mio conoscente, in giro in
    > bici, si è sentito male ma nessuno l'ha potuto
    > aiutare. Dopo circa otto ore di agonia, sdraiato
    > in una canaletta di fianco ad una strada, è morto
    > senza assistenza. L'hanno trovato solo di sera,
    > troppo
    > tardi.
    >
    > Ci fosse stata questa tecnologia, la moglie
    > avrebbe potuto tranquillamente localizzarlo e
    > salvarlo.
    >
    > Ecco perché trovo fondamentale che i miei affetti
    > sappiano sempre dove siamo, tutti, nessuno
    > escluso, pure i gatti. Tra i familiari, la
    > privacy cambia
    > parametri.

    Sinceramente la localizzazione dei programmi "Social" esistono solo per farti controllare dagli amici & delle Societa' per fare soldi sui tui dati (sveglia) queste cose sono minchiate per controllarti.

    Io e' da anni che ho antifurto €3 nel cellulare ed ho dato ai miei i comandi via sms+sito web ai miei Famigliari e SE SERVE e SOLO LORO in qualunque momento posso rintracciarmi. (queste cose esistono da anni, non da quando esistono i Social..)

    Riassuno: SVEGLIA NON FATEVI CONTROLLARE DA STE APP SOCIAL DEL C...O!
    non+autenticato
  • "Io e' da anni che ho antifurto €3 nel cellulare ed ho dato ai miei i comandi via sms+sito web ai miei Famigliari e SE SERVE e SOLO LORO in qualunque momento posso rintracciarmi. (queste cose esistono da anni, non da quando esistono i Social..)"

    C'ho capito un c.
    Che cos'è un "antifurto €3" ?
    non+autenticato
  • Penso intenda una qualche applicazione, chiusa e proprietaria, che incorpora gps+sim e tramite comandi inviati via sms risponde con la posizione. Se ho indovinato lui è un altro della serie che crede nelle favole.

    Ricordate una cosa: se è una scatola nera è inaffidabile per definizione. Poco importa che il produttore si dichiari paladino della privacy stile lavabit&c e dichiari di lavorare per garantire la privacy. La sola garanzia è la verificabilità, la verificabilità vuol dire sviluppo alla luce del sole, comunitario.
    non+autenticato
  • Esistono varie app dedicate (cerberus) o AV tipo avast antithief che con cell rooted puoi configurare come ti pare (salvo aggiornare ogni volta l'app che di colpo ti toglie funzioni free e le mette premium).
    Puoi comandare il cell da remoto con sms e in caso di furto può (condizionale d'obbligo) farti arrivare a casetta del tizio con tanto di foto scattata di nascosto mentre è sul divano a gongolarsi del nuovo oggetto rubato.
    Oppure se lo perdi per funghi puoi ritrovarlo (se pre se è rootato, altrimenti non attivi una mazza)
    non+autenticato