Alfonso Maruccia

Samsung è pronta per i chip a 8 nanometri

La corporation ha annunciato la disponibilità del nuovo processo produttivo, anche se per la vera "next-gen" occorrerà attendere il passaggio ad un nodo ancora più ridotto. E Intel? È ferma a 14nm, ma promette i 10nm

Roma - Da Samsung arriva la conferma della disponibilità di un nuovo nodo produttivo a 8 nanometri, un processo che pone la corporation coreana ufficialmente in testa alla corsa tecnologica alla miniaturizzazione dei transistor e che sarà prevalentemente destinato ai chip per le applicazioni ad "alte performance".

I chip con transistor a 8nm (8LPP) usano una configurazione tridimensionale (FinFET) e usano lo stesso processo produttivo "Low Power Plus" attualmente impiegato per quelli a 10nm, con Samsung che promette miglioramenti marginali ma sensibili sia nei consumi energetici che nell'area di superficie occupata dai chip.

Il processo produttivo 8LPP permetterà infatti alle nuove unità computazionali di consumare il 10 per cento di energia in meno e di occupare il 10 per cento di spazio in meno, dice la corporation, mentre il nodo successivo (7nm) adotterà un sistema di produzione a base di luce ultravioletta (Extreme Ultra Violet o EUV) garantendo miglioramenti augurabilmente ancora superiori.
La disponibilità del nodo 8LPP di Samsung arriva in anticipo sui tempi, visto che l'azienda aveva inizialmente preventivato di avviare la produzione di massa entro il primo trimestre del 2018. E la concorrenza non sta certo a guardare, con GlobalFoundries quasi pronta al lancio di un processo a 7nm entro la prima metà dell'anno prossimo.

E Intel? La corporation che una volta deteneva lo scettro della tecnologia produttiva più avanzata è attualmente ferma a una terza evoluzione dei suoi 14 nanometri con Coffee Lake, anche se i 10 nanometri dell'architettura Cannonlake sono previsti al debutto entro l'anno e dovrebbero garantire performance e densità "una generazione avanti" rispetto alla concorrenza - vale a dire le succitate Samsung e GlobalFoundries.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàIntel, i 10nm di Cannonlake in mostraIl chipmaker statunitense espone fisicamente un wafer di chip basati su transistor a 10nm, un risultato tecnologico pronto per i ritmi della produzione industriale e "una generazione" avanti rispetto alla concorrenza. Almeno secondo Intel.
  • AttualitàIntel completa l'ottava generazione delle CPU CoreChipzilla svela le proposte per i chip desktop di fascia alta, un'offerta che incrementa in maniera sensibile il numero di core computazionali per la piattaforma "mainstream". CPU ideali per il gaming e non solo, suggerisce l'azienda
9 Commenti alla Notizia Samsung è pronta per i chip a 8 nanometri
Ordina
  • Ora il bit hammering sarà molto più facile!
    non+autenticato
  • spazio occupato: -10%
    consumi: -10%

    sono lontani i tempi del -40% ad ogni step migliorativo.

    questa volta il reparto marketing dovra' sudare parecchio per picchiarlo in culo ai clienti... beh, potrebbero dire che i transistor sono "stondati" e "cool", che ne dite?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > spazio occupato: -10%
    > consumi: -10%
    >
    > sono lontani i tempi del -40% ad ogni step
    > migliorativo.

    Se un'app su iPhone prima si apriva in 0,5 secondi, ora si aprirà in 0,45 secondi.

    Su un Samsung se prima ci volevano 2 secondi ad aprire un'app, ora ce ne vorrà solo 1,8 secondi.

    Vuoi mettere?
    non+autenticato
  • Apple compra da più aziende.
    Di volta in volta passa da un'azienda (Samsung, TSMC, Intel) all'altra spuntando prezzi più bassi.
    non+autenticato
  • Apple ha smesso di far realizzare i suoi SoC da Samsung quando il nodo "nominalmente" * a 14 nm dei coreani si è rivelato "tarocco" e meno performante di quello "nominalmente" * a 16 nm di TSMC.
    Ora gli Snapdragon 835 di Qualcomm, realizzati col nodo "nominalmente" * a 10 nm di Samsung, hanno fatto una figura barbina nei bencmark di confronto con i vecchi A10 di Apple sempre realizzati col nodo "nominalmente" * a 16 nm di TSMC. Poi gli A10X per gli iPad Pro, primo prodotto commerciale ad utilizzare nodo "nominalmente" * a 10 nm di TSMC, ha mostrato progressi nel singolo core tali da oscurare completamente i "presunti" progressi di Samsung ... da cui questo annuncio che mi pare del tutto frutto di marketing e tutt'altro che aderente ad una qualsiasi concretezza.
    È risaputo che a questi livelli per migliorare un processo produttivo è ormai "indispensabile" passare alla tecnologia EUV ... solo che i relativi macchinari sono disponibili col contagocce, ragione per cui "con anticipo" Global Foundries ha deciso di saltare il nodo "nominalmente" * a 10 nm e di dedicarsi sin dallo scorso anno a quello "nominalmente" * a 7 nm in cui è quasi certo arriverà per prima e con una buona dose di "rodaggio" da far valere come garanzia per i suoi acquirenti.

    * "nominalmente": prima o poi qualcuno intabellerà i "numeri veri" dei prodotti concreti chiarendo così quanto sia ampio il margine d'inganno nell'impiego di questi valori che, si dovrebbe sapere, sono solo "teorici" e realizzabili solo in condizioni "ideali" ... cioè in pratica MAI !
    non+autenticato
  • Mitica Samsung, la differenza tra chi è del settore e chi produce giocattoli per mentalità ottuse.

    Comunque è sbagliato confrontare i processi produttivi di Samsung o TSMC con quelli Intel.
    non+autenticato
  • > Comunque è sbagliato confrontare i processi
    > produttivi di Samsung o TSMC con quelli
    > Intel.

    Parli come un dipendente che ha lavorato in tutte e tre le aziende
    non+autenticato
  • - Scritto da: ma dai
    >
    > Parli come un dipendente che ha lavorato
    > in tutte e tre le aziende

    parla come uno che non ha mai visto esplodere un Samsung Note

    o forse gli è esploso in faccia e si è rincoglionito
    non+autenticato