Alfonso Maruccia

Advertising, il grande tracciamento

Basta una somma a dir poco contenuta per abusare delle piattaforma di advertising a scopo di tracciamento, denunciano i ricercatori. Gli utenti possono però difendersi disabilitando gli identificativi sia su mobile che su computer

Roma - Dai ricercatori dell'Università di Washington arriva un nuovo lavoro sulla cosiddetta advertising intelligence o ADINT, un meccanismo di tracciamento basato sull'uso delle campagne pubblicitarie che è in teoria possibile sfruttare per identificare le attività telematiche dell'utente.

Ispirata alle tattiche di raccolta e analisi dei segnali usate dall'intelligence come SIGINT e HUMINT, Paul Vines, Franziska Roesner e Tadayoshi Kohno hanno trovato il modo di sfruttare un budget non particolarmente ricco per raggiungere lo stesso scopo perseguito da CIA, NSA e compagnia.

Basta acquistare 1.000 dollari di advertising personalizzato, dicono infatti i ricercatori, per condurre una vera e propria campagna di sorveglianza sui singoli utenti identificandone la location e le abitudini di navigazione online. Il tutto tenendo traccia degli spostamenti in tempo praticamente reale.
La nuova strategia di tecnocontrollo non prevede l'uso di vulnerabilità o altri problemi di sicurezza, e sfrutta piuttosto le tecnologie di marketing online sviluppate per scopi apparentemente legittimi come la personalizzazione dei banner pubblicitari visualizzati sui client.

Per il buon funzionamento di una campagna ADINT non è obbligatorio per l'utente fare click su un banner pubblicitario, e spendendo i 1.000 dollari di cui sopra i ricercatori hanno trovato il modo di identificare l'abitazione, le strade percorse per andare a lavoro e le app usate sul telefonino dall'utente-bersaglio.

L'advertising può tracciare l'utente usando un gran numero di "segnali" telematici, spiegano i ricercatori, dati come il dispositivo di accesso alla rete con relativo indirizzo IP, la location o gli "advertising ID" usati per l'advertising personalizzato sugli smartpone (MAID) o anche su Windows 10.

Almeno per quanto riguarda l'abuso dei succitati identificativi univoci, l'utente può infine difendersi disabilitando i rispettivi parametri di configurazione su Android e Windows 10.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
21 Commenti alla Notizia Advertising, il grande tracciamento
Ordina
  • Utenti iphone tracciati e spiati senza pieta' per anni, lasciati senze difese per fare accordi con terze parti, con google per da miliardi di dollari, il loro padrone ha dato il permesso di usare gli adblock solo all'ultimo momento quando ormai tutti li avevano adottati, gli stessi che si riempiono la bocca con la parola privacy.
    Dimenticavo loro preferiscono usare le app cosi' il controllo lo perdi completamente, per loro non fa nessuna differenza, l'importante e' che la loro prigione sia ben dorata e con le app risplende propio

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Gli utenti vanno TRACCIATI, chiaro? Se ti opponi al tracciamento stai gravemente minacciando il lavoro degli esperti di marketing ed è una cosa che non può essere assolutamente tollerata! Indiavolato
    non+autenticato
  • Ora qualcuno trovi una scusa per cui l'utente non dovrebbe dotarsi di software di AdBlock, quali muBlock, Pryvacy Badger, NoScript e via dicendo...
    non+autenticato
  • Quando hai mal di testa, ti decapiti ?
  • Non mi decapito nè lo prendo su per il culo. Se uno mi deve contattare ha il numero di telefono. Se vuole mi manda una email. Può sempre utilizzare le poste. Non sono a disposizione del mondo. Il mondo può attendere, il destino dell'umanità non dipende da me.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    >Non sono a disposizione del mondo.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    > Se vuole mi manda una email.
    Sottoscrivo
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Non mi decapito nè lo prendo su per il culo.

    Traduzione: non sono winaro e neppure macaco.

    > Se
    > uno mi deve contattare ha il numero di telefono.
    > Se vuole mi manda una email. Può sempre
    > utilizzare le poste. Non sono a disposizione del
    > mondo. Il mondo può attendere, il destino
    > dell'umanità non dipende da
    > me.
  • - Scritto da: prova123
    > Non mi decapito nè lo prendo su per il culo. Se
    > uno mi deve contattare ha il numero di telefono.
    > Se vuole mi manda una email. Può sempre
    > utilizzare le poste. Non sono a disposizione del
    > mondo. Il mondo può attendere, il destino
    > dell'umanità non dipende da
    > me.

    Quindi giustamente demonizza intere tecnologie a prescindere.
  • Io non demonizzo niente e nessuno, faccio un ragionamento molto semplice: la compravendita di informazioni che mi riguardano genera un profitto, allora se uno mi da telefono, SIM e relativo contratto gratuitamente, ed per ogni mese di utilizzo 100/150 euro non ho problemi ad accettare l'offerta, ma se devo pagare allora non se ne parla proprio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sg@bbio
    > Quando hai mal di testa, ti decapiti ?

    Sarebbe ora che te la mozzassi tu quella testa bacata che ti ritrovi!

    Ah aspetta un attimo!! E tutto un complotto!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jolanda de Almavida
    > - Scritto da: Sg@bbio
    > > Quando hai mal di testa, ti decapiti ?
    >
    > Sarebbe ora che te la mozzassi tu quella testa
    > bacata che ti
    > ritrovi!
    >
    > Ah aspetta un attimo!! E tutto un complotto!

    si, ok, bravo.
  • Non farci caso, è il demente del fuddaro con uno dei suoi nuovi nick
    non+autenticato