Marco Calamari

Cassandra Consiglia/ Guida Hermes al voto digitale

di M. Calamari - Sul voto digitale tutti hanno opinioni precise, spesso troppo precise e non abbastanza meditate; ecco un testo che affronta l'argomento dal punto di vista dei diritti civili

Scusatemi!
L'idea del voto digitale, di cui sentii parlare per la prima volta molto tempo fa, mi affascinò immediatamente; sembrava una cosa che avrebbe cambiato il mondo in meglio, che avrebbe sostituito la scheda cartacea, vecchia, arretrata anzi primitiva con il progresso stesso, velocizzando, facendo risparmiare, evitando errori e brogli e rendendo più sicuro il cuore della democrazia.

Madornale errore!
Ci sono voluti anni per capire che la fascinazione era una questione di modernismo ad ogni costo, che si trattava solo di una tecnologia interessante e sofisticata, anzi davvero "bella". In realtà il voto digitale è una soluzione in cerca di un problema che non c'è.

Il voto cartaceo è una tecnologia supercollaudata, economica, che tutti conoscono e che può essere realizzata e controllata da chiunque.
Al contrario, come tutte le novità, il voto digitale introduce nuove criticità; la più importante è la sottrazione di un processo vitale per la società democratica al controllo di tutti.
Un sistema computerizzato, se ben progettato, è un inno alla semplicità e alla velocità. Il futurista Marinetti certo l'avrebbe amato subito. Ma è anche la negazione della semplicità, della trasparenza e dell'accessibilità.
Nasconde la complessità dietro una falsa semplicità; come tutti i sistemi complessi è difficile da progettare e realizzare. Nasconderebbe quindi gli inevitabili errori, i nuovi problemi e altrettanto bene i nuovi brogli.
Infatti come tutte le "zone d'ombra" apre, anzi spalanca la porta, alla possibilità di manipolazioni che sarebbero molto difficili da scoprire e denunciare.

Ci ho messo forse dieci anni per accorgermi di aver sbagliato clamorosamente; scusatemi.
Che l'anima della matita copiativa possa custodire sempre il nostro voto.

I 24 lettori di Cassandra, ma alla luce del così delicato argomento ci si auspica che questa volta siano di più, che abbiano intenzione di approfondire tali considerazioni sul voto digitale sono invitati a scaricare gratuitamente dalla sezione PI Libri il libro di Emmanuele Somma: La Guida HERMES al Voto Digitale e a diffonderlo in Rete nella rispetto della licenza Creative Commons - Attribuzione Non commerciale.

La Guida Hermes Al Voto Digitale - Clicca qui per scaricare il libro completo

Marco Calamari - @calamarim

Le profezie di Cassandra: @XingCassandra
Videorubrica "Quattro chiacchiere con Cassandra"
Lo Slog (Static Blog) di Cassandra
Per parlare a Cassandra
L'archivio di Cassandra: scuola, formazione e pensiero
40 Commenti alla Notizia Cassandra Consiglia/ Guida Hermes al voto digitale
Ordina
  • Dal sito: https://www.reply.com/it/content/ballotchain

    Consideriamo un sistema online in cui sia possibile votare da computer, tablet, cellulare o totem senza doversi recare fisicamente al seggio, ma con le stesse o migliori garanzie di una pubblica elezione:

    - Voto sicuro, anonimo, verificabile in ogni momento
    - Impossibilità di votare due volte o perpetrare brogli elettorali
    - Basso costo di gestione, non è richiesto controllo manuale

    Il tutto garantito anche in caso di attacchi alla disponibilità, grazie alle peculiarità della Blockchain Technology.
  • ... il voto digitale è una soluzione in cerca di un problema che non c'è ...
    Ma certo! Il voto in Italia è libero, esente da trucchi e imbrogli! Il voto in Italia è l'espressione della volontà popolare contro il potere, le mafie e le clientele! Ma piantala con questa propaganda !!!!!

    ... il voto digitale introduce nuove criticità ...
    Non è un motivo valido per rimanere inchiodati con i imbrogli odierni.

    ... negazione della semplicità, della trasparenza e dell'accessibilità ...
    Che è la stessa cosa del voto odierno con il conteggio affidato a migliaia di piccoli gruppi di persone prescelti dagli amministratori locali. Mettere insieme gruppetti di scrutatori disponibili a truccare i coonteggi è relativamente facile, proprio perchè non esiste nessuna trasparenza nella maniera in cui avviene la selezione.

    ... è difficile da progettare e realizzare...
    Ripeto. Non è un motivo valido per rimanere inchiodati con i imbrogli odierni.

    ... Nasconderebbe quindi gli inevitabili errori, i nuovi problemi e altrettanto bene i nuovi brogli. ...
    Gli errori esistono sempre, quello che ci vuole è la volontà di risolverli. Serve un processo trasparente per preparare delle specifiche standard con messagistica standard a livello internazionale senza gli americani e le corporations di mezzo.
    non+autenticato
  • Primo: uno che scrive per due volte "i imbrogli" dovrebbe solo nascondersi.

    Secondo: di che imbrogli stai parlando? Cita pure. Cosa sei, il fuddaro 2.0 che pensa di cavarsela con cialtronate e frasi fatte alla "siamo tutti fregati" e "piove governo ladro"?
    non+autenticato
  • - Scritto da: scoreggia micidiale
    > Primo: uno che scrive per due volte "i imbrogli"
    > dovrebbe solo
    > nascondersi.
    >

    Uno che si attacca agli errori di ortografia o battitura dimostra la sua pochezza di idee. P.S. Ero incerto se scrivere brogli o imbrogli, la seconda frase è un copia e incolla.
    non+autenticato
  • Invece uno che parla di brogli ottenuti a causa del voto non elettronico che sarebbero risolti dal voto elettronico... e che poi invece non sa portare un esempio concreto nè dei brogli nè di come potrebbe il voto elettronico risolvere la situazione, cosa dimostra?
    non+autenticato
  • > Invece uno che parla di brogli ottenuti a causa
    > del voto non elettronico che sarebbero risolti
    > dal voto elettronico.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Straw_man

    In caso fossi troppo ignorante c'è anche una traduzione, anche se troppo semplificata:
    https://it.wikipedia.org/wiki/Argomento_fantoccio
    non+autenticato
  • Ho fatto dei commenti sugli argomenti di Cassandra. Ripetere a pappagallo quegli argomenti non è una risposta ai miei commenti.
    non+autenticato
  • Leggerei volentieri...

    Ma se per scaricare il testo devo registarmi con una email "vera" accettando le condizioni di servizio... beh allora NO, grazie.

    Se qualcuno (Cassandra???) potesse indicare un link alternativo senza regiastrazione...

    Saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: registrazio ne no
    > Leggerei volentieri...
    > Ma se per scaricare il testo devo registarmi con
    > una email "vera" accettando le condizioni di
    > servizio... beh allora NO, grazie.
    >
    > Se qualcuno (Cassandra???) potesse indicare un
    > link alternativo senza regiastrazione...

    Il testo lo trovi su tutti i principali store e siti di ebook, sempre gratuito.

    Non so come siano messi con la registrazione.
    Se fosse comunque un problema, scrivimi in pvt e te lo invio per posta.
    non+autenticato
  • Grazie per la disponibilità.
    Risolto in altro modo...
    Saluti
    non+autenticato
  • La Guida Hermes Al Voto Digitale e' liberamente scaricabile da

    Aneddotica Magazine

    https://www.aneddoticamagazine.com/it/voto-digital.../
  • Non ho letto il libro ma prima o poi lo farò.
    Un pensiero che facevo a riguardo era la possibilità di usare una blockchain per fornire trasparenza come su https://followmyvote.com
    Come inibire però i voti di scambio?
    Teo_
    2670
  • infatti io penso che sia un argomento su cui pensarci un po.
    leggendo il manuale di liquid feedback (lo trovi online .."gratis") sostengono che non sia possibile anonimato e sicurezza assieme, per cui p.es. 5stelle, che usa un sistema derivato da liquid feedback, opta se ho capito per il non anonimato.
    personalmente credo che ci sia ancora da esplorare prima di dare una risposta. che attualmente quindi non c''e, benvenuto chi si fa venire delle idee, e non solo sul voto di scambio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > infatti io penso che sia un argomento su cui
    > pensarci un
    > po.
    > leggendo il manuale di liquid feedback (lo trovi
    > online .."gratis") sostengono che non sia
    > possibile anonimato e sicurezza assieme,
    si esatto... e' previsto il voto palese... in effetti LFQB e' adatto principalmente per votazioni su proposte da parte di gente gia' eletta.
    In una elezione, fatta da strumenti online, oltre il problema dell'anonimato ci sarebbe quello della coercizione (da fare in un seggio e' ovviamente molto piu difficile)

    > per cui
    > p.es. 5stelle, che usa un sistema derivato da
    > liquid feedback, opta se ho capito per il non
    > anonimato.
    ehhh... un po di attivisti volenterosi (barillari a roma, altri a milano ecc) si erano messi su lfqb, ma il centro di potere sta roba non l'ha mai voluta... e si e' rimasti col catorcio dei casaleggi...

    > personalmente credo che ci sia ancora da
    > esplorare prima di dare una risposta. che
    > attualmente quindi non c''e, benvenuto chi si fa
    > venire delle idee, e non solo sul voto di
    > scambio.
    non+autenticato
  • ...mi risulta che NESSUNO dei sistemi di evoting "istituzionali" utilizzi - al momento - blockchain...
  • Lo vuoi capire che l' urna elettronica è GIA' stata implementata in vari paesi ed il risultato, dopo lunghi anni di prove, è stato disastroso in termini di trasparenza e costi? Come cazzo te lo dobbiamo dire? In cirillico? In dialetto siciliano? Con i disegnini? In braille?

    http://www.zdnet.com/article/fraud-possible-in-bra.../

    https://www.theguardian.com/technology/2009/apr/30...

    https://ballotpedia.org/Electronic_vote_fraud

    Le urne elettroniche scazzano di brutto e sono carissime, nel caso dovessimo implementarle si ripeterebbe la solita storiella all' italiana: tutto continuerebbe a non funzionare, appalti faraonici agli amici e i costi schizzerebbero ntu culu di pantalone.
    non+autenticato
  • - Scritto da: non fate gli gnorri
    > Lo vuoi capire che l' urna elettronica è
    > GIA' stata implementata in vari paesi ed
    > il risultato, dopo lunghi anni di prove, è stato
    > disastroso in termini di trasparenza e costi?
    > Come cazzo te lo dobbiamo dire? In cirillico? In
    > dialetto siciliano? Con i disegnini? In
    > braille?


    Un sistema di voto disegnato dalle corporations americane non è una buona scusa per respingere l'idea di voto elettronico.
    Questo è il classico trucco del sistema che sfrutta le sue stesse porcate per attaccare possibili soluzioni.
    Serve un processo trasparente per preparare delle specifiche standard per un nuovo sistema di voto elettronico con messagistica standard a livello internazionale senza gli americani e le corporations di mezzo.
    non+autenticato
  • Serve serve serve.

    E gli americani, e le corporation, e il sistema nuovo. Lo fai tu il sistrema nuovo COGLIONE?!?

    Serve che ti levi dalle palle.
    non+autenticato
  • Per non parlare della mancata sicurezza e l'impossibilità concreta in caso di compromissione di sapere veramente cos'è successo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > infatti io penso che sia un argomento su cui
    > pensarci un
    > po.
    > leggendo il manuale di liquid feedback (lo trovi
    > online .."gratis") sostengono che non sia
    > possibile anonimato e sicurezza assieme, per cui
    > p.es. 5stelle, che usa un sistema derivato da
    > liquid feedback, opta se ho capito per il non
    > anonimato.
    > personalmente credo che ci sia ancora da
    > esplorare prima di dare una risposta. che
    > attualmente quindi non c''e, benvenuto chi si fa
    > venire delle idee, e non solo sul voto di
    > scambio.

    I primi ad usare il voto segreto sono stati gli antichi romani per l'elezione dei consoli, dopo secoli di voto palese si erano resi conto di come il voto palese espone gli elettori alla corruzione o alle minacce e in casi estremi pure alle vendette dopo il voto.
    non+autenticato
  • credo dipenda anche dalla cultura/situazione sociopolitica dei votanti. In molti posti con voto cartaceo si vota per posta e immagino quindi il problema in alcune situazioni non sia considerato critico

    la blockchain, cioe' la pubblicazione dei dati digitali effettivi in forma firmata, e' sicuramente un pilastro che permette gia molto. se per la segretezza non c''e ancora soluzione, io non penso sia un problema sicuramente irresolubile; p.es, followmyvote tra i vari howto dice:
    "What safeguards are there against being pressured to vote in a certain way?
    One of the major benefits of an online voting system is the flexibility it offers to voters in terms of where and when they vote. Voters can vote in a time and place where they feel best enabled to make an honest and informed voting decision. If a voter still feels pressured in any way, our system provides a mechanism by which voters can revoke their online vote and instead vote on a paper ballot at a polling place, without opening up the possibility for a vote to be counted multiple times."

    cioe' sembrerebbe esserci un meccanismo di revoca del voto che darebbe segretezza effettiva.

    sarebbe da vededre piu in dettaglio nel software, ma il codice non e' open (il che non testimonia in favore ne suo ne del gruppo californiano; peraltro il sito e' un .com no?)

    la sicurezza generale e' un problema, ma dirlo impossibile e' prematuro: le transazioni finaziarie e i soldi di tuttti viaggiano beatamente online.
    non+autenticato
  • mi leggero la guida ma una risposta a caldo: il voto digitale secondo me non va inteso come banale sostituto di quello cartaceo, ma come campo in cui esplorare nuovi livelli di democrazia che le possibilita tecnologiche rendono possibile.
    esplorare significa anche che non e' che si piglia e impacchetta la soluzione perche di mezzo ci sono i meccanismi della democrazia che sono ben lungi dall'essere semplici e lineari.

    quindi sono in disaccordo sul tono "semplicemente disfattista" dell'articolo e spero che l'argomento sara affrontato anche successivamente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > mi leggero la guida ma una risposta a caldo: il
    > voto digitale secondo me non va inteso come
    > banale sostituto di quello cartaceo, ma come
    > campo in cui esplorare nuovi livelli di
    > democrazia

    Non devi esplorare imbecille! Il voto digitale è un disastro in termini di costi e di trasparenza.

    > che le possibilita tecnologiche
    > rendono
    > possibile.

    Possibilità possibili? Ma vai a fare in culo.

    > esplorare significa

    Significa leggerti il libro raccomandato dal Sig. Calamari.

    > anche che non e' che si
    > piglia e impacchetta la soluzione perche

    Gli accenti idiota!

    > di mezzo
    > ci sono i meccanismi della democrazia che sono
    > ben lungi dall'essere semplici e lineari.

    Democrazia significa, sotto certe premesse, TOGLIERE un po' di potere allo stato per darlo ai cittadini, se ci metti di mezzo un software (come al solito non auditabile) TU, come minimo, perdi il diritto di ricontare i voti. TESTA DI CAZZO!

    >
    >
    > quindi

    Quindi sei un coglione.

    > sono in disaccordo sul tono "semplicemente
    > disfattista" dell'articolo e spero che
    > l'argomento sara affrontato anche
    > successivamente.

    Devi essere un renziano di merda.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sorbona
    > Gli accenti

    e le virgole!

    > Democrazia significa, sotto certe premesse,
    > TOGLIERE un po' di potere allo stato per darlo ai
    > cittadini

    Non significa togliere e dare, significa semplicemente sovranità del popolo. Il senso della democrazia è cercare di accontentare più gente possibile; non tanto una maggioranza che metta i piedi in testa agli altri, né ancor meno una minoranza che pretenda che tu faccia esattamente come vuole lei, altrimenti è inciucio-golpe-siete-circondati... ottimo per auto-emarginarsi coglionescamente. Chi troppo vuole nulla stringe.

    > > sono in disaccordo sul tono "semplicemente
    > > disfattista" dell'articolo e spero che
    > > l'argomento sara affrontato anche
    > > successivamente.
    >
    > Devi essere un renziano di merda.

    Quelli sono abbastanza penosi, come tutti gli -ani; ma pensavo più ad un pentasfigato grullino, quelli che tipicamente esplorano "nuovi livelli di democrazia che le possibilita tecnologiche" e l'analfabetismo ci porta via. Sai, quegli amanti della democrazia, che eleggono amici e parenti alle "parlamentarie" farsa, quelli che chiamano quel coso "sistema operativo", belando dietro al grande-insetto-che-ha-sempre-ragione e proprietario del blog balcone.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: etimo
    > - Scritto da: Sorbona
    > > Gli accenti
    >
    > e le virgole!

    E le maiuscole!?

    >
    > > Democrazia significa, sotto certe premesse,
    > > TOGLIERE un po' di potere allo stato per
    > darlo
    > ai
    > > cittadini
    >
    > Non significa togliere e dare, significa
    > semplicemente sovranità del popolo.

    Dissero la stessa cosa i socialisti poi sappioamo come andò a finire.

    > Il senso
    > della democrazia è cercare di accontentare più
    > gente possibile; non tanto una maggioranza che
    > metta i piedi in testa agli altri, né ancor meno
    > una minoranza che pretenda che tu faccia
    > esattamente come vuole lei, altrimenti è
    > inciucio-golpe-siete-circondati... ottimo per
    > auto-emarginarsi coglionescamente. Chi troppo
    > vuole nulla
    > stringe.

    Spiacente... non hai capito un cazzo.

    >
    > > > sono in disaccordo sul tono
    > "semplicemente
    > > > disfattista" dell'articolo e spero che
    > > > l'argomento sara affrontato anche
    > > > successivamente.
    > >
    > > Devi essere un renziano di merda.
    >
    > Quelli sono abbastanza penosi, come tutti gli
    > -ani; ma pensavo più ad un pentasfigato grullino,

    Qui di geullini c'è solo Panda Rossa.

    > quelli che tipicamente esplorano "nuovi livelli
    > di democrazia che le possibilita tecnologiche" e
    > l'analfabetismo ci porta via. Sai, quegli amanti
    > della democrazia, che eleggono amici e parenti
    > alle "parlamentarie" farsa, quelli che chiamano
    > quel coso "sistema operativo", belando dietro al
    > grande-insetto-che-ha-sempre-ragione e
    > proprietario del blog
    > balcone.
    >
    > [img]http://img2.tgcom24.mediaset.it/binary/fotoga
    non+autenticato
  • > (deliri a raffica)
    mado' non capisci proprio un cazzo!A bocca aperta
    non+autenticato
  • Hai ragione, il poveretto non capisce neanche quando glielo spiegano.
    Qui c'è una sua foto:
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Stiamo ancora aspettando la definizione corretta di democrazia, ne avessi azzeccata una nei tuoi tentativi farlocchi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rudy
    > mi leggero la guida ma una risposta a caldo: il
    > voto digitale secondo me non va inteso come
    > banale sostituto di quello cartaceo, ma come
    > campo in cui esplorare nuovi livelli di
    > democrazia che le possibilita tecnologiche
    > rendono
    > possibile.
    > esplorare significa anche che non e' che si
    > piglia e impacchetta la soluzione perche di mezzo
    > ci sono i meccanismi della democrazia che sono
    > ben lungi dall'essere semplici e lineari.
    >
    si il voto digitale e' seducente... ma alla fine qualcosa crepa sempre
    In Estonia, patria del digitale e dell e-vote, e' successo questo :
    https://www.schneier.com/blog/archives/2017/09/sec...

    On 30 August, an international team of researchers informed the Estonian Information System Authority (RIA) of a vulnerability potentially affecting the digital use of Estonian ID cards. The possible vulnerability affects a total of almost 750,000 ID-cards issued starting from October 2014
    (..)
    In Estonia, approximately 35% of the voters use digital identity to vote online.
    non+autenticato
  • Il voto digitale è seducente solo per quei dementi che si fiderebbero di più di una macchina che "si guida da sola" di loro stessi. Trattasi di gente decerebrata.
    non+autenticato
  • - Scritto da: scoreggia micidiale
    > Il voto digitale è seducente solo per quei
    > dementi che si fiderebbero di più di una macchina
    > che "si guida da sola" di loro stessi. Trattasi
    > di gente
    > decerebrata.
    scusa, ma sei troppo idiota perche' io riesca a parlare con te. Torna tra qualche upgradeOcchiolino
    non+autenticato
  • Ma vai a cagare, guarda che sei un cretino che posta su PI, non fai impressione a nessuno.
    non+autenticato