Mirko Zago

Alibaba, impennata di vendite in occasione del Singles Day

Il Black Friday cinese (11 novembre) ha fatto registrare un nuovo picco di vendite. Ma il successo Ŕ anche la testimonianza che l'ecosistema progettato dal fondatore Jack Ma continua a portare polposi frutti anche dopo 18 anni dalla nascita di Alibaba

Roma - Volano in alto i fatturati di Alibaba, il gigante asiatico dell'e-commerce. A ormai diciotto anni dalla sua creazione, il valore di Alibaba Group Holding Ltd è alle stelle e il suo successo ha apportato benefici ad almeno una decina di altre aziende partner per un totale di almeno 100 miliardi di dollari. Per gli esperti del settore, come Duncan Clark, autore del libro "Alibaba: The House That Jack Ma Built", lo sviluppo ha seguito una chiara strategia che fin dall'inizio ha previsto la "divisione" e "creazione" di ricchezza con aziende di trasporto, retailer, negozi, assicurazioni e pagamenti elettronici.

Alibaba

"L'attività di commercio di e-commerce di Alibaba è un sistema aperto, che collega diversi soggetti nella catena di distribuzione", ha dichiarato John Wu, ex capo tecnologico di Alibaba e cofondatore di una società di capitali di rischio a Singapore. Tra questi soggetti spiccano le aziende di spedizioni ZTO Express Cayman Inc., STO Express, Yunda Holding Co. e YTO Express Group Co. che detengono l'11 per cento delle azioni di Alibaba. A queste aziende si aggiungono la ZhongAn Online P&C Insurance Co. che offre assicurazioni sulle spedizioni e si occupa dei pagamenti elettronici. La Qudian Inc. appoggiandosi alla Ant Financial (il valore di quest'ultima è stimato in 50 miliardi di dollari) propone poi prestiti agli acquirenti, completando l'offerta e il servizio primario.

Alibaba

L'ecosistema di Alibaba sembra quindi una miniera d'oro, nonostante sia difficile ottenere commenti dai diretti interessati. Bloomberg che ha provato a indagare più a fondo su coinvolgimenti e valore monetario delle partnership ha dovuto fare i conti con una sostanziale impossibilità di recuperare le informazioni ufficiali.
Quel che è certo è il successo della piattaforma di vendita, che in più occasioni ha battuto il rivale statunitense Amazon. Il Singles Day (11 novembre), una sorta di Black Friday cinese, ha realizzato cifre record, superando i 25,3 miliardi di dollari di venduto (+39 per cento rispetto allo scorso anno). L'evento accompagnato anche dal Global Shopping Festival (una celebrazione che dà avvio alle vendite) sono stati processati 325mila ordini al secondo nei momenti di punta, così come 1,5 miliardi di pagamenti in totale su Alipay (la soluzione di pagamento online dello stesso gruppo, con un 41 per cento di incremento dal 2016). E anche in questo caso, la vittoria non si ferma ai numeri sottolineando piuttosto quanto il gioco di squadra di tutti i partner coinvolti sia destinato a portare ottimi frutti anche dal punto di vista dell'ingaggio dell'utente e d'immagine, come ha ricordato Daniel Zhang, CEO di Alibaba.

Il business della vendita online può inoltre contare su prospettive per il futuro particolarmente rosee. Nel triennio il consumatore cinese ha potuto godere su una crescita media del 30 per cento di potere di spesa. Ogni acquirente cinese online ha speso nell'ultimo anno più di 1.700 dollari con previsioni di crescita del 17 per cento per il 2019. Ma ha di recente sostenuto di non voler "trasformare l'azienda in una macchina per fare soldi". "Dovremmo essere i motori dell'innovazione del mondo per questo secolo" ha sostenuto. E Alibaba infatti è anche tecnologia, sperimentazione e capacità di assecondare i commercianti (merchant).

Qualche esempio particolarmente riuscito? Nike sfrutta giochi d'intrattenimento ospitati in App di Alibaba, Pizza Hut fa interagire i suoi clienti con la realtà aumentata creando sinergie con l'acquisto online (ad esempio con rilascio di coupon sconto), Maybellin permette alle donne di vedersi già "virtualmente" truccate con i suoi prodotti, e altre insegne permettono di "indossare" i capi d'abbigliamento che vendono online.


Una combinazione di tecnologie al servizio del venditore e dell'acquirente che hanno permesso a 167 merchant di generare oltre 15,1 milioni di dollari, a 17 di superare i 75,4 milioni di dollari e a 6 addirittura 150,9 milioni di dollari. Tecnologie che stuzzicano anche i più piccoli, interessati ad estendere il loro business. E stando alle considerazioni di Clark, il fondatore Jack Ma lo sa bene: la sensibilità maturata come venditore di strada, avrebbe donato a Ma uno spunto in più rispetto a Jeff Bezos, la cui formazione ed esperienza lo avrebbero spinto ad un approccio più metodico ma a volte non per questo più efficace.


Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate