Alfonso Maruccia

Web tax, ci pensano anche in UK

Le autoritÓ britanniche espongono i piani per il prossimo futuro, un futuro dove i colossi tecnologici avranno in teoria meno scappatoie da cui far fuggire gli enormi ricavi (non tassati) generati dall'economia di rete

Roma - Presto il Regno Unito si staccherà dall'Europa e farà storia a sé (Brexit), ma almeno sul fronte della tassazione contro le aziende hi-tech le due entità indipendenti (UK e UE) sembrano convergere verso un obiettivo comune: i colossi tecnologici dovranno pagare le tasse, e non c'è paradiso fiscale che tenga.

A esporre quelle che al momento sono solo intenzioni sulla carta è stato il Cancelliere dello Scacchiere (equivalente del nostrano Ministro delle Finanze) Philip Hammond in un discorso al parlamento britannico, un intervento incentrato sulla presentazione del "budget d'autunno" che ha dato ampio spazio al ministro per trattare l'argomento.

Philip Hammond

Accanto agli oltre 600 milioni di sterline previsti come investimento nel settore tecnologico, ha spiegato infatti Hammond, lo Scacchiere prevede di inasprire il trattamento fiscale per quelle aziende impegnate a trasferire profitti e ricavi nei paradisi fiscali fuori e dentro la UE.
A cominciare dal 2019, Hammond si prefissa l'obiettivo di recuperare 200 milioni di sterline di tasse aggiuntive all'anno nel contrasto alle politiche di elusione fiscale particolarmente diffuse tra i colossi di rete, rafforzando per di più la pressione sui network di compravendita (eBay, Amazon) affinché forzino i venditori a pagare correttamente le imposte sul valore aggiunto (IVA in Italia, VAT in UK).

Contro i "furbetti del Web" come Apple e altri, attivamente e ferocemente impegnati a rincorrere paradisi fiscali ai confini della UE per evitare di pagare il dovuto, il governo britannico intende far valere il diritto di tassare le royalty trasferite all'estero ma riconducibili - almeno in parte - alle vendite effettuate in UK.

Hammond dice di essere al lavoro per trovare un modo di tassare i colossi tecnologici anche quando questi non hanno una "presenza tassabile" nel Regno Unito, un approccio che forse non risolverà del tutto il problema delle multinazionali esperte in elusione ma servirà a rendere chiara la "determinazione" di Downing Street contro il fenomeno.

Alfonso Maruccia

fonte immagine
Notizie collegate
  • AttualitàVestager: la concorrenza è innovazioneLa donna chiave per l'antitrust in Europa se la prende con i colossi telematici, a suo dire responsabili di comportamenti monopolistici in grado di strozzare sul nascere le nuove imprese. Apple? ╚ ancora sotto indagine per le tasse
  • AttualitàParadise Papers, Apple è tra i ''furbetti''Anche il colosso di Cupertino Ŕ citato nei documenti trafugati dalle societÓ di consulenza legale che operano con i paradisi fiscali. E mentre si cerca di fare chiarezza sul caso, Trump cambia approccio preparando una maxi tassa sui capitali esteri
7 Commenti alla Notizia Web tax, ci pensano anche in UK
Ordina
  • il piu' efficiente paradiso fiscale ( tramite isole controllate ) che si lamenta delle elusioni ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorenzo
    > il piu' efficiente paradiso fiscale ( tramite
    > isole controllate ) che si lamenta delle elusioni
    > ?

    Nessun mistero. Il modello paradiso fiscale funziona in paesi con una piccola popolazione che guadagna estraendo risorse dalle economie di altri paesi. Il Regno Unito ha più di 60 milioni di abitanti e una industria locale abbastanza sviluppata, applicando il modello di paradiso fiscale etraggono risorse dalla loro stessa economia e quindi qualcuno deve pagare, ecco che la differenza tra ricchi e poveri e la rabbia aumentano. Hammond mentre porta avanti questo modello in qualche modo deve cercare calmare la rabbia, è ovvio che alla presentazione della nuova finanziaria deve cercare di placare la rabbia il più possibile vendendo sogni e promesse.

    P.S. Anche Cameron si è lamentato per anni dei paradisi fiscali e della grande elusione, ma le uniche iniziative che ha preso servivano a colpire i centri finanziari che facevano concorrenza ai suoi amici, per il resto solo anni di promesse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorenzo
    > il piu' efficiente paradiso fiscale ( tramite
    > isole controllate ) che si lamenta delle elusioni
    > ?
    e' la prima cosa che ho pensato... maronna che ipocrisia. Direi peggiore di juncker e il tax ruling lussemburghese.
    non+autenticato
  • Potere anglosassone nel mondo dei media, pure i nostri giornalisti si muovono per dedicare un articolo alle promesse di un politico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 59e90e20113
    > Potere anglosassone nel mondo dei media,

    E quando uscirà una qualche notizia sulla lituania, te ne verrai fuori col potere lituano sui media?
    non+autenticato
  • - Scritto da: pagliaccio
    > - Scritto da: 59e90e20113
    > > Potere anglosassone nel mondo dei media,
    >
    > E quando uscirà una qualche notizia sulla
    > lituania, te ne verrai fuori col potere lituano
    > sui media?

    Se il solito inutile politicante fa le solite vuote promesse e fa notizia di certo mi chiedo il perché.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 59e90e20113
    > Se il solito inutile politicante fa le solite
    > vuote promesse e fa notizia di certo mi chiedo il
    > perché.

    Perché i politici fanno sempre notizia, semplice. Di qualsiasi paese siano.
    non+autenticato