Alfonso Maruccia

Smartphone vietato fino alle medie

Il governo francese si prepara a mettere al bando l'uso dei gadget mobile nelle scuole. Una soluzione che solleva molti dubbi tra ragazzi, genitori ed educatori. Nel frattempo, in Italia...

Roma - Il Ministro dell'istruzione francese Jean-Michel Blanquer si prepara a mettere al bando gli smartphone e i gadget mobile dalle scuole del paese, una misura che entrerà in vigore a partire dal prossimo anno scolastico (settembre 2018) e che riguarderà i ragazzi compresi tra i 6 e i 15 anni di età.

Seguendo una promessa già fatta da Emmanuel Macron in campagna elettorale, la misura comunicata da Blanquer viene descritta come accessoria ma necessaria rispetto alla pratica attuale: alcuni istituti già proibiscono l'uso del cellulare in classe, ha spiegato il ministro, e a parte le situazioni di emergenza i gadget mobile devono essere regolamentai con misure ancora più stringenti.

Il divieto rappresenterà un "messaggio di salute pubblica per le famiglie", ha continuato il ministro, un modo per consigliare moderazione ai genitori troppo generosi nel permettere ai loro figli di usare gadget tecnologici in giovanissima età.
Ma proprio alcuni genitori hanno espresso più di un dubbio sulla nuova mossa governativa, visto che spesso gli smartphone vengono forniti ai figli per garantire loro un mezzo di comunicazione veloce nel tragitto tra casa e scuola.

Senza considerare, poi, il problema logistico posto dal bando totale dei telefonini nelle ore di lezione: gli studenti potranno portare gli smartphone con loro ma dovranno tenerli "al chiuso" fino all'uscita dalla scuola, fatto che costringerà tutti gli istituti a dotarsi di appositi sistemi di controllo e deposito a un costo difficile da quantificare. Ancora più dubbiosi sono ovviamente i ragazzi, che già lamentano di non poter usare i telefonini in classe e non capiscono l'estensione del divieto anche ai momenti di ricreazione passati fuori dall'aula.

Sia come sia, la messa al bando dei cellulari sembra in dirittura d'arrivo, mentre in Italia le cose vanno in una direzione diametralmente opposta: il ministro dell'istruzione Fedeli ha già espresso la volontà di permettere un uso limitato degli smartphone in classe.

Alfonso Maruccia
31 Commenti alla Notizia Smartphone vietato fino alle medie
Ordina
  • si tratta della reazione al nuovo, fra qualche anno non ci si ricorderà più di quando facevamo senza rete e non ci si porrà nemmeno il problema anzi il problema sarà non averlo (lo smartphone). E comunque, cara Ministro (ministro con laAngioletto Fedeli, l'uso parziale non esiste.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 dicembre 2017 08.21
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 dicembre 2017 08.22
    -----------------------------------------------------------
  • avranno cittadini più svegli e in grado di socializzare, mentre noi avremo cittadini sempre più idioti.
    non+autenticato
  • Allora và in Francia, qual'è il problema?
    non+autenticato
  • È vero il contrario!

    La scuola indottrina, e crea ingranaggi, meri esecutori di compiti specifici.

    Lo smartphone non sarà lo strumento più educativo, ma è una distrazione. Distrae dall'indottrinamento scolastico.

    Certo l'indottrinamento tecnologico non è da meno... Basti pensare ai recenti commenti critici degli ex dirigenti Facebook.

    Devi scegliere se l'indottrinamento di Stato o quello dei nuovi feudatari della Silicon Valley.
    iRoby
    9728
  • tanto ha la "Buona scuola dimmerda" dove i ragazzini vengono parcheggiati e promossi automaticamente, almeno con il cellulare passano il tempo:

    http://www.repubblica.it/scuola/2017/08/30/news/vi.../
    non+autenticato
  • A me va bene che mio figlio venga promosso automaticamente...

    Il motivo è semplice, possono evitare il suo indottrinamento. Mandarlo a scuola lo stretto indispensabile per non perdere l'anno.
    Provvedere io e i miei amici e parenti ad istruirlo ed insegnargli. E nonostante ciò vederlo promuovere anche se non ha studiato la merda di regime che gli vengono propinati.
    iRoby
    9728
  • Educare significa preparare alla vita reale, e insegnare a usare gli strumenti del mondo reale. Lo smartphone è uno di tali strumenti, non ha senso pretendere che non esista. Quando gli studenti avranno un lavoro avranno lo smartphone con sé, quindi è meglio che ci siano abituati.

    Prepararli a un mondo senza elettronica è come insegnare a scrivere con penna d'oca e calamaio: una cosa anacronistica e inutile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basilisco di Roko
    > Educare significa preparare alla vita reale, e
    > insegnare a usare gli strumenti del mondo reale.

    Tipo l'automobile?
    Il fornello?
    Oppure pensavi a martello e chiodi?

    > Lo smartphone è uno di tali strumenti, non ha
    > senso pretendere che non esista.

    Non ha senso pensare che sia la scuola ad insegnarti ad usarlo.
    Soprattutto considerando che non esiste una regola per usare il telefono o la rete e neppure insegnanti con le competenze tecnologiche per insegnare la superiorita' del software open rispetto alle catene imposte dalle multinazionali del closed.
    Farebbero solo danni!

    > Quando gli
    > studenti avranno un lavoro avranno lo smartphone
    > con sé, quindi è meglio che ci siano
    > abituati.

    Che relazione ci sarebbe tra smartphone e lavoro?

    > Prepararli a un mondo senza elettronica è come
    > insegnare a scrivere con penna d'oca e calamaio:
    > una cosa anacronistica e
    > inutile.

    Vuoi studiare elettronica, fai le scuole tecniche con indirizzo elettronico.

    La scuola e' gia' tanto se insegna a scrivere, e con pessimi risultati a quanto si capisce dai messaggi sgrammaticati che i bimbiminkia postano sui forum.
  • > Tipo l'automobile?
    > Il fornello?
    > Oppure pensavi a martello e chiodi?

    Una volta si insegnava, a educazione tecnica.

    > Soprattutto considerando che non esiste una
    > regola per usare il telefono o la rete e neppure
    > insegnanti con le competenze tecnologiche per
    > insegnare la superiorita' del software open
    > rispetto alle catene imposte dalle multinazionali
    > del
    > closed.
    > Farebbero solo danni!

    Che non esistano, attualmente, insegnanti qualificati è possibile. Ma questo problema andrebbe risolto formando insegnanti qualificati, non vietando l'uso dell'elettronica.


    > La scuola e' gia' tanto se insegna a scrivere , e
    > con pessimi risultati a quanto si capisce dai
    > messaggi sgrammaticati che i bimbiminkia postano
    > sui
    > forum.

    È ironico che tu abbia commesso un errore di sintassi (anacoluto) proprio quando commenti la preparazione scolastica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basilisco di Roko
    > > Tipo l'automobile?
    > > Il fornello?
    > > Oppure pensavi a martello e chiodi?
    >
    > Una volta si insegnava, a educazione tecnica.
    >
    > > Soprattutto considerando che non esiste una
    > > regola per usare il telefono o la rete e
    > neppure
    > > insegnanti con le competenze tecnologiche per
    > > insegnare la superiorita' del software open
    > > rispetto alle catene imposte dalle
    > multinazionali
    > > del
    > > closed.
    > > Farebbero solo danni!
    >
    > Che non esistano, attualmente, insegnanti
    > qualificati è possibile. Ma questo problema
    > andrebbe risolto formando insegnanti qualificati,
    > non vietando l'uso
    > dell'elettronica.
    >
    >
    > > La scuola e' gia' tanto se
    > insegna a scrivere
    ,
    > e
    > > con pessimi risultati a quanto si capisce dai
    > > messaggi sgrammaticati che i bimbiminkia
    > postano
    > > sui
    > > forum.
    >
    > È ironico che tu abbia commesso un errore di
    > sintassi (anacoluto) proprio quando commenti la
    > preparazione
    > scolastica.

    Quale sarebbe l'anacoluto, scusa?

    E' gia' tanto (principale)
    se la scuola insegna (subordinata limitativa)
    a scrivere (subordinata finale)
  • Mio errore. Scusa.
    non+autenticato
  • > E' gia' tanto (principale)
    > se la scuola insegna (subordinata limitativa)
    > a scrivere (subordinata finale)

    Come avevi scritto prima era sbagliato... certo che se riscrivi le proposizioni a tuo uso e consumo...
    Altro che 99%, fai proprio parte dell'1% di quel 99% che non sarebbe in grado di partecipare ai reality.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basilisco di Roko
    > Educare significa preparare alla vita reale, e
    > insegnare a usare gli strumenti del mondo reale.

    Deluso

    A parte che i bambini già ora non imparano ad usare lo smartphone a scuola, ma giocandci sopra a tutte le ore. A parte che in ufficio lo smartphone è più fastidioso con le chiamate che interrompono la concentrazione che utile.
    Ma alla velocità con cui si evolvono le interfacce a che serve imparare ora qualcosa che tra 15 anni sarà obsoleta?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basilisco di Roko
    > Educare significa preparare alla vita reale, e
    > insegnare a usare gli strumenti del mondo reale.
    > Lo smartphone è uno di tali strumenti, non ha
    > senso pretendere che non esista. Quando gli
    > studenti avranno un lavoro avranno lo smartphone
    > con sé, quindi è meglio che ci siano
    > abituati.
    >
    > Prepararli a un mondo senza elettronica è come
    > insegnare a scrivere con penna d'oca e calamaio:
    > una cosa anacronistica e
    > inutile.


    La scuola dovrebbe educare? Ma se non ne sono più capaci i genitori stessi! Altro che scuola!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basilisco di Roko
    > Educare significa preparare alla vita reale,

    ad esempio al lavoro, dove dopo due secondi di stronzate sei licenziato.
    non+autenticato
  • Non si deve preparare ad un mondo senza elettronica. Ma neppure insegnare un solo tipo di elettronica (vedi Windows e Office).

    Si deve insegnare ad essere intelligenti e saper ragionare.

    Oggi la scuola questo non lo fa. Crea stupidi settorializzati. Che devono imparare a fare cose acriticamente per riempire un test di ammissione di fine anno.
    iRoby
    9728
  • ..qualcuno che ragiona con la testa lo si trova ancora. Ma rimane il fatto che avendo il cervello che 'ragiona', tutti i restanti buoi addomesticati additano tali persone come alieni, con proposte a loro di altri pianeti.
    non+autenticato
  • Divieti e proibizioni non sono mai ragionevoli. Più una cosa è probita, più diventa ambita.

    La ragione sta nell'educare ad un uso consapevole dello strumento.
    Ma costerebbe troppo impegno e fatica, perciò si preferisce percorrere la stranda in discesa del divieto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Divieti e proibizioni non sono mai ragionevoli.
    > Più una cosa è probita, più diventa
    > ambita.
    >
    > La ragione sta nell'educare ad un uso consapevole
    > dello
    > strumento.
    > Ma costerebbe troppo impegno e fatica, perciò si
    > preferisce percorrere la stranda in discesa del
    > divieto.

    Non vedo il problema: cosa costa depositare i propri cellulari (spenti) in scansie personalizzate, e prelevarli all'uscita da scuola?
    Per ogni comunicazione urgente c'è sempre il centralino della scuola.

    Se fosse per me estenderei la cosa fino alle aule univeraitarie, dove per altro potendo usare il notebook ogni urgenza è risolvibile con messaggistica elettronica.
  • costa che ci devi mettere un sorvegliante alle scansieSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorenzo
    > costa che ci devi mettere un sorvegliante alle
    > scansie

    O una telecamera a circuito chius.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: ...
    > > Divieti e proibizioni non sono mai ragionevoli.
    > > Più una cosa è probita, più diventa
    > > ambita.
    > >
    > > La ragione sta nell'educare ad un uso
    > consapevole
    > > dello
    > > strumento.
    > > Ma costerebbe troppo impegno e fatica, perciò si
    > > preferisce percorrere la stranda in discesa del
    > > divieto.
    >
    > Non vedo il problema: cosa costa depositare i
    > propri cellulari (spenti) in scansie
    > personalizzate, e prelevarli all'uscita da
    > scuola?

    Ma manco ce lo devi portare il cellulare a scuola, altro che che armadietti personalizzati.

    In america possono portare un AK47 a scuola.
    Mettiamo gli armadietti per depositare anche per quello?
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > In america possono portare un AK47 a scuola

    Puttanate. In qualsiasi scuola in USA le armi sono vietate e rischi l'espulsione se le porti. Quindi piantala di dire cazzate.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Divieti e proibizioni non sono mai ragionevoli.
    > Più una cosa è probita, più diventa
    > ambita.
    >
    > La ragione sta nell'educare ad un uso consapevole
    > dello
    > strumento.

    Oppure martellare (dato che è questa la moda) con altre attrattive, magari più costruttive.
    non+autenticato
  • Dimmi una do queste alternative, allora.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basilisco di Roko
    > Dimmi una do queste alternative, allora.

    Personalmente non vedo nessun pericolo per la salute o per la sicurezza dei ragazzi se non fanno uso dello smartphone durante le ore di lezione.

    Oppure muore qualcuno se non lo hanno in mano perennemente'
    non+autenticato
  • Cosa c'entra con la domanda che ho fatto a appleuser?
    non+autenticato