Alfonso Maruccia

Wine 3.0, più Windows su Linux

Il "non-emulatore" di API Windows su Linux si aggiorna con importanti novità su tutti i fronti. A cominciare dalle librerie grafiche DirectX, per la felicità di chi usa un OS FOSS ma vuole anche videogiocare di tanto in tanto

Roma - Se Microsoft è impegnata a inglobare pezzi di mondo FOSS all'interno del suo sistema-operativo-come-servizio (Windows 10), sull'altra sponda del mondo informatico c'è chi ha un interesse pratico a rendere il software dell'ecosistema di Redmond utilizzabile anche sugli OS basati su Linux. Questa categoria di utenza usa Wine, e Wine è stato recentemente aggiornato alla major release 3.0 con una lista di novità decisamente interessanti.

Acronimo di "Wine Is Not an Emulator", Wine è un layer di compatibilità progettato per tradurre in tempo reale le chiamate alle API di Windows in un "linguaggio" comprensibile al kernel e all'ambiente operativo dei sistemi operativi Linux - o anche macOS, Solaris, FreeBSD e tutti gli altri OS rispettosi dello standard POSIX.


Microsoft

Wine non è un emulatore perché è in grado di far girare il software Windows molto più velocemente e con maggior efficienza rispetto a una macchina virtuale, dicono gli sviluppatori, e Wine 3.0 implementa nuove possibilità per rendere i programmi ma anche i giochi nativi di Windows utilizzabili sugli OS FOSS.
La nuova release del non-emulatore Wine introduce quindi il supporto a un "numero significativo" delle funzionalità presenti nelle versioni 10 e 11 delle librerie Direct3D, imposta la versione di default di Windows a Windows 7, migliora il supporto a OpenGL (4.6), supporta un maggior numero di schede grafiche Direct3D, include un puntatore del mouse riprogettato (con supporto per schermi ad alti valori di DPI), supporta la crittografia con algoritmo AES e altro ancora.

Wine 3.0 include poi un driver grafico e audio completo per Android, e può essere compilata sotto forma di pacchetto APK comportandosi come una vera e propria app per l'OS mobile di Google. Anche se non è ancora perfetto, dicono gli sviluppatori, il supporto del software Windows su Android comincia a essere una possibilità concreta grazie alla nuova release del non-emulatore open source.

In totale Wine 3.0 include 6000 diversi cambiamenti, mentre gli utenti interessati possono consultare l'apposita lista di compatibilità per verificare il supporto del proprio software Windows preferito su ambiente Linux. Per il prossimo futuro, infine, gli sviluppatori di Wine promettono di implementare il supporto per le API Direct3D 12 e Vulkan e OpenGL ES (per Direct3D su Android).

Alfonso Maruccia
fonte immagine
Notizie collegate
  • SicurezzaWindows Defender, eseguito il porting su LinuxEresia o pragmatismo? Loadlibrary, lo strumento usato in questa strana impresa, è stato sviluppato da uno dei più famosi ingegneri del Project Zero di Google. Lo scopo è consentire l'esecuzione di Windows DLL in ambiente GNU/Linux per aiutare gli analisti nel debug
  • AttualitàWindows 10, client OpenSSH in arrivoLa versione più recente dell'OS di Redmond include una gradita sorpresa per gli admin in fregola di interazioni testuali, una shell OpenSSH opzionale potenzialmente in grado di facilitare la vita a molti
  • AttualitàPowerShell, il Core multipiattaforma e open sourceUna nuova edizione della shell testuale di Windows si rivolge al più vasto mondo degli OS alternativi, del FOSS e persino dei "maker" armati di schedine ARM. La versione Windows di PowerShell entra invece in una nuova fase di (non) sviluppo
169 Commenti alla Notizia Wine 3.0, più Windows su Linux
Ordina
  • "linguaggio" comprensibile ... anche macOS"

    E' tutto inutile! Loro vorrebbero usare le appz windozze, ma non riuscuranno MAI ad usare WINE.

    Vero massimino? Voi avete bootcamp [cit.] Rotola dal ridere. Ti tendi conto della caxxata che hai detto Rotola dal ridere?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > "linguaggio" comprensibile ... anche macOS"
    >
    > E' tutto inutile! Loro vorrebbero usare le appz
    > windozze, ma non riuscuranno MAI ad usare
    > WINE.
    >
    > Vero massimino? Voi avete bootcamp [cit.]
    > Rotola dal ridere. Ti tendi conto della caxxata che hai
    > detto
    > Rotola dal ridere?

    Più che altro hanno Parallels che, se non sbaglio, ti può far partire l'applicazione senza farti vedere tutto il desktop, un po' come faceva Citrixapp una volta (lo fanno ancora?). Necessita di licenza windows immagino...
    non+autenticato
  • Ehm... ti basta RDP e creare la Remote application (quante ne vuoi) su tutti i linux che vuoi (o OSX o quello che vuoi).
    Ti basta un client RDP.
    non+autenticato
  • Bella Lì!
    Gia' ora ci gira il 70% dei giochi e programmi Win (ed emulatori) con la stabilita' e velocita' di Linux, se poi con la 3.0 ci gireranno anche quei pochi giochi che ora non ci girano tanto di guadagnato: ^_^

    Grazie per Info.
    non+autenticato
  • > Win (ed emulatori) con la stabilita' e velocita'
    > di Linux, se poi con la 3.0 ci gireranno anche

    Quindi uno schifo.
    non+autenticato
  • Minkia come rosiki Con la lingua fuori.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mao99
    > Bella Lì!
    > Gia' ora ci gira il 70% dei giochi e programmi
    > Win (ed emulatori) con la stabilita' e velocita'
    > di Linux, se poi con la 3.0 ci gireranno anche
    > quei pochi giochi che ora non ci girano tanto di
    > guadagnato:
    > ^_^
    >
    > Grazie per Info.

    Devo dire che è parecchio che non uso wine su linux nè tanto meno su macos (credo dalla versione 1.2 qualcosa) ma ho un pessimo ricordo di come andava all'epoca, con perdite di prestazioni anche dell'ordine di un 25%. Spero vivamente che la situazione sia cambiata ora.

    L'ultima volta che ho cambiato pc, visto che uso windows praticamente solo per giocare, ho fatto la mossa di pagare 10 euro di licenza win10 e sbattermene altamente di voli pindarici tra wine prefix e configurazioni varie solo per far girare (magari pure male) qualche videogioco, vai di nativo e passa la paura.
    mura
    1792
  • - Scritto da: mura
    > - Scritto da: Mao99
    > > Bella Lì!
    > > Gia' ora ci gira il 70% dei giochi e
    > programmi
    > > Win (ed emulatori) con la stabilita' e
    > velocita'
    > > di Linux, se poi con la 3.0 ci gireranno
    > anche
    > > quei pochi giochi che ora non ci girano
    > tanto
    > di
    > > guadagnato:
    > > ^_^
    > >
    > > Grazie per Info.
    >
    > Devo dire che è parecchio che non uso wine su
    > linux nè tanto meno su macos (credo dalla
    > versione 1.2 qualcosa) ma ho un pessimo ricordo
    > di come andava all'epoca, con perdite di
    > prestazioni anche dell'ordine di un 25%. Spero
    > vivamente che la situazione sia cambiata
    > ora.
    >
    Macchè.
    maxsix
    11023
  • "per la felicità di chi usa un OS FOSS ma vuole anche videogiocare di tanto in tanto"

    Detta così, sembra che senza Wine non non puoi giocare neanche di tanto in tanto. Ebbene, non ci sono porting di tutto, ma puoi già giocare parecchio: ci sono un sacco di giochi che girano anche su Linux, compresi Civilization, XCOM e tutti gli ultimi di Paradox.

    "Wine non è un emulatore perché è in grado di far girare il software Windows molto più velocemente e con maggior efficienza rispetto a una macchina virtuale, dicono gli sviluppatori"

    Be', più esattamente non lo è perché non emula una macchina, né un sistema operativo o altro; ma in soldoni traduce le chiamate.
    non+autenticato
  • > Be', più esattamente non lo è perché non emula
    > una macchina, né un sistema operativo o altro; ma
    > in soldoni traduce le
    > chiamate.

    Che è quello che fa un emulatore...
    non+autenticato
  • W wine
    I is
    N not
    E emulator
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > > Be', più esattamente non lo è perché non
    > emula
    > > una macchina, né un sistema operativo o
    > altro;
    > ma
    > > in soldoni traduce le
    > > chiamate.
    >
    > Che è quello che fa un emulatore...

    Ma anche no, un emulatore regge un'intera architettura e traduce in vari modi le istruzioni del processore/architettura emulata in quello che sta emulando. Wine non emula un bel niente a livello hardware tanto più che si usa solo su sistemi x86 infatti si limita a tradurre le chiamate a librerie runtime senza mai addentrarsi troppo oltre lo user level.

    Le tue sono poche idee e molto ben confuse imho.
    mura
    1792
  • Quindi è un ... ?

    W _ _ _ _ _ R
    non+autenticato
  • quindi è un layer ovvero uno 'strato' che traduce le chiamate windows in chiamate del sistema sottostante, a differenza di un emulatore che è un 'contenitore' che simula un sistema completo
    non+autenticato
  • - Scritto da: amedeo
    > quindi è un layer ovvero uno 'strato' che traduce
    > le chiamate windows in chiamate del sistema
    > sottostante, a differenza di un emulatore che è
    > un 'contenitore' che simula un sistema
    > completo

    E chi lo dice che l'emulatore simula un sistema completo?
    Esistono emulatori di singoli circuiti integrati (sid, 6502), emulatori di circuiti analogici, emulatori di rete, emulatori di sistemi operativi, emulatori parti di sistemi operativi (wine).
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > - Scritto da: amedeo
    > > quindi è un layer ovvero uno 'strato' che
    > traduce
    > > le chiamate windows in chiamate del sistema
    > > sottostante, a differenza di un emulatore
    > che
    > è
    > > un 'contenitore' che simula un sistema
    > > completo
    >
    > E chi lo dice che l'emulatore simula un sistema
    > completo?
    >
    > Esistono emulatori di singoli circuiti integrati
    > (sid, 6502), emulatori di circuiti analogici,
    > emulatori di rete, emulatori di sistemi
    > operativi, emulatori parti di sistemi operativi
    > (wine).

    Nella tua sbrodolata di termini mumbo jumbo tecnicone wannabe hai tralasciato (o forse non sai) che in tutto quello che hai scritto viene usato il termine "emulatore" a sproposito ma te lo spiego più in dettaglio:

    emulatori di singoli circuiti integrati -> il termine corretto è simulatore
    emulatori di circuiti analogici -> ancora simulatore
    emulatori di rete -> ora una rete ha una unità logica che esegue calcoli ???
    emulatori di sistemi operativi -> vedi simulatore
    emulatori parti di sistemi operativi -> layer di compatibilità

    Tu chiami tutto quanto emulatore, in informatica un emulatore è una cosa un simulatore è un'altra, una virtual machine (o hypervisor) è un'altra cosa ancora.

    Troppe idee e PARECCHIO ben confuse, come al solito.
    mura
    1792
  • > emulatori di singoli circuiti integrati -> il
    > termine corretto è
    > simulatore

    http://www.6502.org/tools/emu/

    > emulatori di circuiti analogici -> ancora
    > simulatore

    Simulatore è il software in cui definisci il tuo circuito e "simula" la sua risposta.

    E il mumbo jumbo che tu non capisci è semplicemente la definizione delle due cose...

    > emulatori di rete -> ora una rete ha una unità
    > logica che esegue calcoli
    > ???

    Non sai cos'è un emulatore di rete?

    Toh istruisciti

    https://en.wikipedia.org/wiki/Network_emulation

    > Tu chiami tutto quanto emulatore, in informatica
    > un emulatore è una cosa un simulatore è un'altra,
    > una virtual machine (o hypervisor) è un'altra
    > cosa
    > ancora.

    Io non chiamo tutto emulatore, io chiamo gli emulatori emulatori e i simulatori simulatori pero' occorre capire la differenza tra i due.

    > Troppe idee e PARECCHIO ben confuse, come al
    > solito.

    Suggerisco ripasso di italiano e ricerchine in internet. Aiutano.

    nota... l'acronimo originale di wine era windows emulator... poi non faceva figo abbastanza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > > emulatori di singoli circuiti integrati
    > ->
    > il
    > > termine corretto è
    > > simulatore
    >
    > http://www.6502.org/tools/emu/
    >
    > > emulatori di circuiti analogici -> ancora
    > > simulatore
    >
    > Simulatore è il software in cui definisci il tuo
    > circuito e "simula" la sua risposta.
    >
    >
    > E il mumbo jumbo che tu non capisci è
    > semplicemente la definizione delle due
    > cose...
    >
    > > emulatori di rete -> ora una rete ha una
    > unità
    > > logica che esegue calcoli
    > > ???
    >
    > Non sai cos'è un emulatore di rete?
    >
    > Toh istruisciti
    >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Network_emulation
    >
    > > Tu chiami tutto quanto emulatore, in
    > informatica
    > > un emulatore è una cosa un simulatore è
    > un'altra,
    > > una virtual machine (o hypervisor) è un'altra
    > > cosa
    > > ancora.
    >
    > Io non chiamo tutto emulatore, io chiamo gli
    > emulatori emulatori e i simulatori simulatori
    > pero' occorre capire la differenza tra i due.
    >
    >
    > > Troppe idee e PARECCHIO ben confuse, come al
    > > solito.
    >
    > Suggerisco ripasso di italiano e ricerchine in
    > internet. Aiutano.
    >
    >
    > nota... l'acronimo originale di wine era windows
    > emulator... poi non faceva figo
    > abbastanza.
    tu sei frocio, quindi l'ascia stare la figa. Frocio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Quindi è un ... ?
    >
    > W _ _ _ _ _ R

    Cos'è lo lascio dire a te a me non interessa, di sicuro ti dico che NON è un emulatore.
    mura
    1792
  • Sinceramente di gente da Windows a GNU/Linux, aziendale incluso, ne ho fatta passare un po' (per carità, non statisticamente rilevante) e wine o meglio il poter usare $applicazione_win32 era sempre richiesto, da me mai fatto salvo rari tentativi tempo fa, e mai ha rappresentato un problema.

    La sostanza penso che sia più il classico desidero di cambiar tutto senza cambiar niente che non una reale necessità.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)