Alfonso Maruccia

E i pirati crackano pure le app UWP

Una nuova release segna la fine dell'inviolabilità della nuova piattaforma software di Microsoft, fin qui ritenuta immune alla pirateria. Il primo gioco "sprotetto" non è granché, altri potrebbero seguire in futuro

Roma - Dopo la fine ingloriosa di Denuvo, un'altra tecnologia software che si riteneva involabile è caduta sotto i colpi delle crew pirata. Questa volta la vittima è Universal Windows Platform (UWP), sistema ideato da Microsoft sia per risolvere il problema del "controllo" della distribuzione software che per fornire agli sviluppatori un mezzo per raggiungere quanti più mercati è possibile.

UWP è una tecnologia che ha fatto il suo debutto con Windows 10, ed è appunto pensata per far girare una stessa app sui PC equipaggiati con l'OS-come-servizio, i caschetti HoloLens, le console Xbox One e altro ancora. L'unico canale di distribuzione e acquisto delle app UWP era stato fin qui lo Store ufficiale di Windows, ma le cose potrebbero presto cambiare molto - e in peggio se considerate dalla prospettiva della corporation di Redmond.

Il gruppo di cracker noto come CODEX ha infatti recentemente rilasciato Zoo Tycoon Ultimate Animal Collection, gioco non particolarmente popolare che è stato appunto distribuito sotto forma di app UWP nell'ottobre del 2017. Nel file.nfo allegato, la crew sottolinea come Zoo Tycon rappresenti la prima release di una app UWP pirata e che quindi necessiti obbligatoriamente di Windows 10 (versione 1607 o successiva) per poter funzionare.
E i pirati crackano pure le app UWP

La violazione della piattaforma UWP è un risultato a suo modo storico nell'eterna contesa tra corporation software, protezioni DRM e crew di pirati che si danno battaglia a suon di crack, ed è altresì significativo perché Zoo Tycon era apparentemente protetto da cinque diversi strati di sistemi anti-copia ovverosia MSStore, UWP, EAppX, XBLive e Arxan.

Arxan, in particolare, viene descritta dai cracker come una misura anti-manomissione simile alla succitata Denuvo, un meccanismo che "ingolfa l'eseguibile con virtual machine inutili che non fanno altro che rallentare il tuo gioco." Non è chiaro, al momento, se la particolare combinazione di DRM di Zoo Tycon rappresenti una procedura standard o sia piuttosto un caso unico nel panorama delle app UWP.

Con tutta l'evidenza del caso, virtual machine inutili o meno Zoo Tycon è una release pirata forse non particolarmente appetibile ma che potenzialmente segna l'inizio di un nuovo fenomeno: giochi molto più famosi e popolari tra l'utenza come Forza Horizon 3, Gears of War 4 e altri sono stati rilasciati solo in formato UWP e potrebbero presto (ri)entrare nel circuito del software pirata.

Alfonso Maruccia
fonte immagine
Notizie collegate
81 Commenti alla Notizia E i pirati crackano pure le app UWP
Ordina
  • Panda ma quando raggiungi i 40K post fai la festa e offri da bere a tutto il forum?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darwin
    > Panda ma quando raggiungi i 40K post fai la festa
    > e offri da bere a tutto il
    > forum?

    Certo che lo farà, ci farà imbucare tutti a qualche festa di qualche sconosciuto
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darwin
    > Panda ma quando raggiungi i 40K post fai la festa
    > e offri da bere a tutto il
    > forum?
    L'ha già fatta e ha invitato solo me.
    non+autenticato
  • Gli autori di questo presunto crack si sono rifiutati di fornire prove, quindi è da considerarsi fake news
    non+autenticato
  • - Scritto da: giannapaola
    > Gli autori di questo presunto crack si sono
    > rifiutati di fornire prove, quindi è da
    > considerarsi fake
    > news

    PI non scrive fake news.
    Al limite ci sono fake comments.

    Il tuo per esempio rientra a pieno merito nella categoria.
  • Mi spiace ma ha decisamente ragione giannapaola.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > Mi spiace ma ha decisamente ragione giannapaola.
    vabbene che sei un ghei frustrato, ma a postare sempre (cazzate) con i nick altrui, ti cala solo il pene (oltre ad allungarsi il naso).... ne vale la pena?Sorride maxsix ne sa qualcosa...
  • - Scritto da: tre pallini sucafuddar o
    > bubba registrato Sorpresa.
    paura eh?Sorride e' che mi ruga loggarmi... tanto il record dei post registrati lo fa il Panda al posto mioSorride
  • ho segnalato il tuo commento come abuso
    non+autenticato
  • - Scritto da: commento segnalato come abuso
    > ho segnalato il tuo commento come abuso

    Ci rivediamo qua a natale per valutare l'efficienza della segnalazione abusi qua dentro.
  • - Scritto da: commento segnalato come abuso
    > ho segnalato il tuo commento come abuso

    E sticazzi!
    non+autenticato
  • A quanto pare hanno problemi a causa dello scarso interesse. Una buona esca come ai vecchi tempi e' la cosa migliore. Piu software auto-crackato vedremo in giro in futuro piu avremo un'idea della percentuale di mercato che cercano di recuperare.
    non+autenticato
  • Il DRM e' un fallimento.
    Lo e' sempre stato.
    Lo sara' sempre.

    La soluzione e' quella di arrendersi all'evidenza e vendere i giochi a prezzo di mercato.
  • >
    > La soluzione e' quella di arrendersi all'evidenza
    > e vendere i giochi a prezzo di
    > mercato.

    Chi può avere gratis prenderà gratis, non c'è prezzo di mercato che tenga
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pollo
    > >
    > > La soluzione e' quella di arrendersi
    > all'evidenza
    > > e vendere i giochi a prezzo di
    > > mercato.
    >
    > Chi può avere gratis prenderà gratis, non c'è
    > prezzo di mercato che
    > tenga

    Ma pero' si tutelano quelli che pagano, che sono quelli a cui chi vende si rivolge, e che possono avere un prodotto di libera fruizione.

    E per quelli che tanto prendono gratis comunque, chissenefrega.
    Ci sono sempre stati, ci saranno sempre, e non e' mai morto nessuno.
  • >
    > Ma pero' si tutelano quelli che pagano, che sono
    > quelli a cui chi vende si rivolge, e che possono
    > avere un prodotto di libera
    > fruizione.

    Che problema hanno avuto quelli che hanno pagato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pollo
    > >
    > > Ma pero' si tutelano quelli che pagano, che
    > sono
    > > quelli a cui chi vende si rivolge, e che
    > possono
    > > avere un prodotto di libera
    > > fruizione.
    >
    > Che problema hanno avuto quelli che hanno pagato?

    Tutti i problemi legati ai drm: connettivita' obbligatoria, inserimento del disco obbligatorio, impossibilita' di installare il gioco su computer diversi, malfunzionamenti indotti dai cambi di versione del sistema operativo... solite cose.
  • >
    > Tutti i problemi legati ai drm: connettivita'
    > obbligatoria,

    Sarò rimasto indietro ma io riesco a giocare senza connettività se non in alcuni casi dove è richiesta la prima volta per scaricarsi contenuti aggiuntivi tipo lingue ecc.

    >inserimento del disco obbligatorio,

    sai che roba...


    > impossibilita' di installare il gioco su computer
    > diversi,

    Non saprei, io quando usavo i dischi lo installavo dove volevo, con steam la stessa cosa, non saprei proprio di cosa parli.

    malfunzionamenti indotti dai cambi di
    > versione del sistema operativo... solite
    > cose.

    Quella è la normale obsolescenza dei sistemi e dell'hardware, anche io non posso più caricare i dischi dei miei monkey island o indiana jones, così come non riesco a vedere le vhs. Questi problemi vengono superati proprio dal digitale, chi ha steam può infatti giocare a titoli anche molto vecchi che sono stati aggiornati per funzionare anche in sistemi operativi più recenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pollo
    > >
    > > Tutti i problemi legati ai drm: connettivita'
    > > obbligatoria,
    >
    > Sarò rimasto indietro ma io riesco a giocare
    > senza connettività se non in alcuni casi dove è
    > richiesta la prima volta per scaricarsi contenuti
    > aggiuntivi tipo lingue
    > ecc.

    Anche dove e' richiesta la prima volta, e' richiesta connettivita'.

    > >inserimento del disco obbligatorio,
    >
    > sai che roba...

    Gia'.
    Soprattutto quando il disco si graffia, si usura, si rompe, si perde.
    E il doverlo inserire ogni volta facilita i graffi, le usure, le rotture, gli smarrimenti.

    > > impossibilita' di installare il gioco su
    > computer
    > > diversi,
    >
    > Non saprei, io quando usavo i dischi lo
    > installavo dove volevo, con steam la stessa cosa,
    > non saprei proprio di cosa
    > parli.

    Vedi sopra alla voce "connettivita' richiesta".

    > malfunzionamenti indotti dai cambi di
    > > versione del sistema operativo... solite
    > > cose.
    >
    > Quella è la normale obsolescenza dei sistemi e
    > dell'hardware,

    E chissenefrega.
    Io ho comprato un game e voglio usarlo.
    I film su dvd continuo a vederli anche col lettore blue ray. A nessuno e' venuto in mente di renderli illeggibili.

    > anche io non posso più caricare i
    > dischi dei miei monkey island o indiana jones,
    > così come non riesco a vedere le vhs.

    Per i vecchi giochi ci sono gli emulatori, per questo e' necessario che non ci sia drm.
    Per le vhs, ci vuole un player, e se tu avessi un player vhs niente e nessuno ti impedirebbe di vederle ancora.

    > Questi
    > problemi vengono superati proprio dal digitale,
    > chi ha steam può infatti giocare a titoli anche
    > molto vecchi che sono stati aggiornati per
    > funzionare anche in sistemi operativi più
    > recenti.

    Non stiamo discutendo di questo.
    Stiamo discutendo dell'inutilita' del DRM.
  • - Scritto da: Pollo
    > >
    > > Tutti i problemi legati ai drm: connettivita'
    > > obbligatoria,
    >
    > Sarò rimasto indietro ma io riesco a giocare
    > senza connettività se non in alcuni casi dove è
    > richiesta la prima volta per scaricarsi contenuti
    > aggiuntivi tipo lingue
    > ecc.
    >
    > >inserimento del disco obbligatorio,
    >
    > sai che roba...
    >
    >
    > > impossibilita' di installare il gioco su
    > computer
    > > diversi,
    >
    > Non saprei, io quando usavo i dischi lo
    > installavo dove volevo, con steam la stessa cosa,
    > non saprei proprio di cosa
    > parli.
    >
    > malfunzionamenti indotti dai cambi di
    > > versione del sistema operativo... solite
    > > cose.
    >
    > Quella è la normale obsolescenza dei sistemi e
    > dell'hardware, anche io non posso più caricare i
    > dischi dei miei monkey island o indiana jones,
    > così come non riesco a vedere le vhs. Questi
    > problemi vengono superati proprio dal digitale,
    > chi ha steam può infatti giocare a titoli anche
    > molto vecchi che sono stati aggiornati per
    > funzionare anche in sistemi operativi più
    > recenti.

    No, il tuo e normale lecca culismo, dei sempre verdi lecchini, del ne ho bisogno senza non so vivere.
    non+autenticato
  • Non necessariamente, io negli anni che furono scaricai film a mani basse, ma da quando ci sono le piattaforme di streaming a prezzi onesti scarico solo quello che non si trova, quindi quasi nulla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alberto Lupo
    > Non necessariamente, io negli anni che furono
    > scaricai film a mani basse, ma da quando ci sono
    > le piattaforme di streaming a prezzi onesti
    > scarico solo quello che non si trova, quindi
    > quasi
    > nulla.

    Caso raro
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pollo
    > - Scritto da: Alberto Lupo
    > > Non necessariamente, io negli anni che furono
    > > scaricai film a mani basse, ma da quando ci
    > sono
    > > le piattaforme di streaming a prezzi onesti
    > > scarico solo quello che non si trova, quindi
    > > quasi
    > > nulla.
    >
    > Caso raro

    Talmente raro che netflix e le altre piattaforme di streaming stanno fallendo tutte e nessuno pensa ad aprirne di nuove.