Alfonso Maruccia

NotPetya, i "Five Eyes" accusano la Russia

La coalizione dei paesi spioni chiama direttamente in causa il Cremlino per la responsabilità del devastante attacco a base di ransomware sperimentato dal mondo nel 2017. La Russia, prevedibilmente, nega tutto

Roma - Dietro l'attacco del ransmware di NotPetya ci sarebbero l'intelligence e le autorità russe, e questa volta l'accusa non arriva da ignoti funzionari senza volto ma dalle dichiarazioni ufficiali delle autorità dei cinque paesi più attivi sul fronte dello spionaggio mondiale. Gli spioni che accusano insomma altri spioni di fare la guerra cibernetica ai danni del mondo intero.

A denunciare il coinvolgimento di Mosca con NotPetya sono stati infatti i governi dei Five Eyes, vale a dire quel ristretto club dello spionaggio globale che risale all'epoca di ECHELON e include Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Ad aprire la partita è stata Londra, che nei giorni scorsi ha ufficialmente accusato - per bocca del Foreign Office Minister Lord Ahmad - l'intelligence russa di aver sviluppato NotPetya, di averlo "sguinzagliato" in Ucraina e di averne in seguito perso il controllo causando gravi problemi informatici a livello mondiale.
Dopo il Regno Unito è toccato a Washington rincarare la dose, con un breve comunicato che parla di un attacco responsabile di "miliardi di dollari di danni in Europa, Asia e Americhe"; l'obiettivo originario del Cremlino era destabilizzare l'Ucraina, dicono gli USA, ma il cyber-attacco è evidentemente andato molto oltre provocando uno degli incidenti di maggior profilo in un anno da record per quel che concerne i ransomware.

A UK e USA si sono in seguito accodate le autorità di Canada (Communications Security Establishment), Australia (Minister for Law Enforcement and Cybersecurity) e Nuova Zelanda (Government Communications Security Bureau), tutte concordi nell'accusare la Russia senza però puntare il dito verso un'organizzazione o un gruppo specifici.

La reazione della Russia, che deve in ogni caso scontare accuse che si ripetono negli anni quando si tratta di incidenti informatici provocati nelle zone calde come l'Ucraina, è stata fin qui diplomatica: gli ambasciatori dei singoli membri del club dei "Cinque Occhi" hanno negato il coinvolgimento del paese nell'attacco di NotPetya.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, nuove restrizioni sulle tecnologie di sicurezzaLe autorità statunitensi propongono di limitare l'esportazione delle tecnologie di "intrusione" e cyber-sicurezza, una mossa che allarma prima di tutto i ricercatori. Nel mentre, le aziende IT fanno di tutto per superare i blocchi
  • AttualitàECHELON, 50 anni di sorveglianza globaleIl giornalista che per primo svelò al mondo l'esistenza del network spionistico rievoca le sue indagini, e chiude il cerchio con un documento portato alla luce da Edward Snowden
  • SicurezzaNotPetya, per le vittime c'è speranzaPositive Technologies ha trovato un modo per decifrare i dati sfruttando alcuni errori commessi dagli autori del virus. Tuttavia non è ancora efficace al 100 per cento. Nel frattempo l'autore del Petya originale rende pubblica la sua chiave di cifratura con l'intento di aiutare
  • AttualitàRansomware, un anno da recordNel 2017 i malware sequestra-file hanno fatto letteralmente furore, rivela Malwarebytes, con attacchi di altissimo profilo che hanno fatto notizia sui media generalisti. Ma la tendenza può sempre invertirsi
4 Commenti alla Notizia NotPetya, i "Five Eyes" accusano la Russia
Ordina
  • La coalizione dei paesi spioni....
    Ben detto.
    Ormai da qualche tempo si cerca di (ri)demonizzare la Russia, con il Nord Corea, enfatizzando quanto esiste e inventando quello che non c'è.
    Le masse vengono dirette verso un capro espiatorio, con rispetto per la Cina, picciotti...
    non+autenticato
  • Una volta tanto le loro dichiarazioni sembrano credibili. La situazione in Ucraina e' stata utile per la propaganda sia in occidente sia in Russia dove l'ondata nazionalista ha incrementato il supporto per Putin.
    Il ritorno della guerra fredda fa comodo a tutti in termini di soldi e di potere, basta notare quante pressioni hanno fatto gli americani per convincere i paesi NATO a riportare la spesa militare al 2% del PIL (ovviamente per armi certificate NATO). Quindi l'incentivo a portare avanti queste iniziative e' forte. Ma questo non vuol dire che Russi americanie britannici siano nemici, giocano a fare i vasi di ferro, noi siamo i vasi di coccio presi in mezzo.
    non+autenticato
  • il grande orso cattivone, e Putniek il dittatore mangiabambini.

    Certo, come no!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Wallestain
    > il grande orso cattivone, e Putniek il dittatore
    > mangiabambini.
    >
    > Certo, come no!
    in realta' sarebbe strano il contrario..
    ricordi che < the attack originated from an update of a Ukrainian tax accounting package called MeDoc , developed by Intellect Service. MeDoc is widely used among tax accountants in Ukraine, and the software was the main option for accounting for other Ukrainian businesses > ... no?