Alfonso Maruccia

Clang compila Chrome anche su Windows

Google ha (quasi) terminato i lavori di adattamento dello sviluppo di Chrome su Windows, piattaforma su cui è ora possibile usare lo stesso tool di compilazione già adoperato sui sistemi concorrenti

Roma - Dopo anni di lavoro, Google è finalmente riuscita a integrare Clang nella sua filiera di tool per lo sviluppo di Chrome su sistemi operativi Windows. Il compilatore open source può ora essere utilizzato per realizzare le build del browser di Mountain View alla pari di quanto già avviene per le rispettive versioni macOS e Linux.

Fino a ora, Google era stata obbligata a impiegare il compilatore Visual C++ di Microsoft per la compilazione di Chrome su Windows, una scelta naturale vista la possibilità di sfruttare tutti gli strumenti di sviluppo presenti su Visual Studio ma non ideale per la corporation dell'advertising.

Nel tentativo di rendere lo sviluppo su Windows omogeneo agli ambienti macOS e Linux, dove vengono utilizzati LLVM e appunto Clang, qualche anno fa Google ha avviato un lavoro di porting del compilatore open source su ambienti Microsoft.
Un'impresa non facile, visto che ci sono voluti cinque anni per portarla a termine, e che ha richiesto l'intervento diretto della suddetta Microsoft con la pubblicazione delle specifiche del formato di database nativo degli ambienti di sviluppo (IDE) su Windows (PDB).

Ora il passaggio a LLVM anche su Windows è quasi completato, gli sviluppatori di Mountain View dovranno gestire meno ambienti di sviluppo alternativi e potranno quindi concentrarsi sul codice propriamente detto di Chrome: anche l'individuazione e la replica dei bug sarà ora più facile e pratica.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàChrome 64, modifiche sotto il cofanoGoogle ha in questi giorni avviato la distribuzione della nuova release del suo browser freeware, un progetto che pensa alla sicurezza della navigazione ma anche alle nuove funzionalità degli standard Web e non solo
30 Commenti alla Notizia Clang compila Chrome anche su Windows
Ordina
  • Ciao,
    Questo messaggio è rivolto a individui, poveri, aziende, aziende e tutti coloro che hanno bisogno di un prestito particolare per portare a termine i loro progetti o per far rivivere le vostre attività o altri. 2%, qualunque sia l'importo richiesto. Prestiti da 3.000 € a 900.000 € Il periodo di rimborso è da 1 anno a 25 anni. Si prega di essere soddisfatti in 72 ore.
    Mail: danielapetrucci07@gmail.com


    Ciao,
    Questo messaggio è rivolto a individui, poveri, aziende, aziende e tutti coloro che hanno bisogno di un prestito particolare per portare a termine i loro progetti o per far rivivere le vostre attività o altri. 2%, qualunque sia l'importo richiesto. Prestiti da 3.000 € a 900.000 € Il periodo di rimborso è da 1 anno a 25 anni. Si prega di essere soddisfatti in 72 ore.
    Mail: danielapetrucci07@gmail.com


    Ciao,
    Questo messaggio è rivolto a individui, poveri, aziende, aziende e tutti coloro che hanno bisogno di un prestito particolare per portare a termine i loro progetti o per far rivivere le vostre attività o altri. 2%, qualunque sia l'importo richiesto. Prestiti da 3.000 € a 900.000 € Il periodo di rimborso è da 1 anno a 25 anni. Si prega di essere soddisfatti in 72 ore.
    Mail: danielapetrucci07@gmail.com
    non+autenticato
  • Chissà se questo passaggio significherà anche una migliore usabilità e integrazione in ambente Windows.

    Tipo:
    1. oggi l'usabilità di Chrome in modalità tablet fa ribrezzo. Con le dita è quasi inutilizzabile. In più potrebbero anche rendere l'interfaccia un po' più Win10-like
    2. Integrazione migliore con statup menu. Una live tile nel 2018 è chiedere torppo?
    3. Integrazione con i certificati locali di Windows. Oggi anche inserendo un certificato nella trusted root CA. Molte grandi aziende usano certificati SHA1 sulle loro pagine di login al WiFi e Chrome non ce la fa a bypassare il problema. Morale mi tocca usare ancora IE o Edge per fare login al WiFi.

    Forse sono un pessimista ma credo che tutte i punti sopra resteranno un problema.
    non+autenticato
  • Ammazzatevi tutti, libererete il web dalla vostra demenza senile, vecchi e antiquati.
    non+autenticato
  • dal loro stesso github:

    The PDB format has NOT been officially documented, presenting a challenge (..)

    The majority of content on this repo is presented as actual source files from the VC++ compiler toolset. Source code is the ultimate documentation Sorride   [quindi continuamo a NON scrivere dox gh]

    PDBs are files with multiple ‘streams’ of information in them. You can almost assume each stream as an individual file, except that storing them as individual files is wasteful and inconvenient, hence this multiple streams approach. PDB streams are not NTFS streams though. They can be implemented as NTFS streams, but since they are to be made available on Win9X as well, they use a home brewed implementation


    (insomma uno stream di dati, MAL documentato, e siccome lo usiamo dai tempi di win95, non abbiamo neanche usato lo standard NTFS, ma un accrocco homebrew)
    non+autenticato
  • Se ho capito bene PDB e' piu un DB che un filesystem, forse l'hanno usato per accelerare la compilazione indicizzando le referenze.
    non+autenticato
  • - Scritto da: db724553cbf
    > Se ho capito bene PDB e' piu un DB che un
    > filesystem, forse l'hanno usato per accelerare la
    > compilazione indicizzando le
    > referenze.
    si certo che e' "piu un db che un fs"... M$ intendeva questo .. <

    PDBs are files with multiple ‘streams’ of information in them. You can almost assume each stream as an individual file, except that storing them as individual files is wasteful and inconvenient, hence this multiple streams approach. PDB streams are not NTFS streams though. They can be implemented as NTFS streams, but since they are to be made available on Win9X as well, they use a home brewed implementation > quando si riferiva a ntfs stream.

    cmq un coso orrido
    non+autenticato
  • Io sono anni che vado dicendo che gli strumenti di M$ fanno schifo.

    Ma si sa, io do' fastidio, vengo denigrato, vengo deriso, vengo ritenuto inaffidabile.
    E' il prezzo che tutti i portatori di verita' sanno di dover pagare all'ignoranza diffusa.

    Ma adesso e' google che ha dichiarato che gli strumenti di M$ fanno schifo.

    Quindi?

    Quindi vi dovete rassegnare all'evidenza.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Io sono anni che vado dicendo che gli strumenti
    > di M$ fanno
    > schifo.
    >
    > Ma si sa, io do' fastidio, vengo denigrato, vengo
    > deriso, vengo ritenuto
    > inaffidabile.
    > E' il prezzo che tutti i portatori di verita'
    > sanno di dover pagare all'ignoranza
    > diffusa.
    >
    > Ma adesso e' google che ha dichiarato che gli
    > strumenti di M$ fanno
    > schifo.
    >
    > Quindi?
    >
    > Quindi vi dovete rassegnare all'evidenza.

    Ma figurati se accetteranno tale verità detta da panda rossa.

    E come dare ragione al Fuddaro per quando scritto in tutto questo tempo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > Io sono anni che vado dicendo che gli strumenti
    > di M$ fanno
    > schifo.


    ...trollo...soprattutto negli gli articoli che parlano di M$     FIXED Ficoso

    > Ma si sa, io do' fastidio, vengo denigrato, vengo
    > deriso, vengo ritenuto
    > inaffidabile.

    Assolutamente d'accordo, vista la tua ormai proverbiale incompetenza Ficoso

    > E' il prezzo che tutti i portatori di verita'

    ...gli incompetenti...

    > sanno di dover pagare all'ignoranza
    > diffusa.

    ...propria...     FIXED Ficoso

    > Ma adesso e' google che ha dichiarato che gli
    > strumenti di M$ fanno
    > schifo.

    Google non ha dichiarato un c@zz*, leggi qui il senso di quello che hanno fatto:

    Nel tentativo di rendere lo sviluppo su Windows omogeneo agli ambienti macOS e Linux, dove vengono utilizzati LLVM e appunto Clang

    In altre parole: si sono creati un ambiente di sviluppo che copre tutte le piattaforme....ma che te lo spiego a fare.... Annoiato

    > Quindi?

    Quindi continuerai ad essere denigrato, deriso e ritenuto inaffidabile.

    > Quindi vi dovete rassegnare all'evidenza....

    ....che panda rossa è e continuerà ad essere il ridicolo troll di sempre     FIXED Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: pandafan
    >
    > Nel tentativo di rendere lo sviluppo su
    > Windows omogeneo agli ambienti macOS e Linux,
    > dove vengono utilizzati LLVM e appunto
    > Clang


    E questo e' il modo Politically Correct per dire: "Il vostro strumento fa cagare, ce ne facciamo uno nostro."

    Se poi la cosa ti fa rosikare, non e' certo un problema mio.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: pandafan
    > >
    > > Nel tentativo di rendere lo
    > sviluppo
    > su
    > > Windows omogeneo agli ambienti macOS e Linux,
    > > dove vengono utilizzati LLVM e appunto
    > > Clang

    >
    > E questo e' il modo Politically Correct per dire:
    > "Il vostro strumento fa cagare, ce ne facciamo
    > uno
    > nostro."
    >
    > Se poi la cosa ti fa rosikare, non e' certo un
    > problema
    > mio.

    Tjè, io te lavevo detto! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: pandafan
    > >
    > > Nel tentativo di rendere lo
    > sviluppo
    > su
    > > Windows omogeneo agli ambienti macOS e Linux,
    > > dove vengono utilizzati LLVM e appunto
    > > Clang

    >
    > E questo e' il modo Politically Correct per dire:
    > "Il vostro strumento fa cagare, ce ne facciamo
    > uno
    > nostro."

    Già.
    E dato che si parla di Clang, è lo stesso modo Politically Correct per dire: "anche GCC fa cagare, ne usiamo uno nostro".
    non+autenticato
  • - Scritto da: Albedo non loggato
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: pandafan
    > > >
    > > > Nel tentativo di rendere lo
    > > sviluppo
    > > su
    > > > Windows omogeneo agli ambienti macOS e
    > Linux,
    > > > dove vengono utilizzati LLVM e appunto
    > > > Clang

    > >
    > > E questo e' il modo Politically Correct per
    > dire:
    > > "Il vostro strumento fa cagare, ce ne
    > facciamo
    > > uno
    > > nostro."
    >
    > Già.
    > E dato che si parla di Clang, è lo stesso modo
    > Politically Correct per dire: "anche GCC fa
    > cagare, ne usiamo uno
    > nostro".

    No, perche' si parla proprio esplicitamente del prodotto di M$.
    (e poi gcc fa tutt'altro che cagare a differenza del prodotto M$).
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Albedo non loggato
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > - Scritto da: pandafan
    > > > >
    > > > > Nel tentativo di
    > rendere
    > lo
    > > > sviluppo
    > > > su
    > > > > Windows omogeneo agli ambienti
    > macOS
    > e
    > > Linux,
    > > > > dove vengono utilizzati LLVM e
    > appunto
    > > > > Clang

    > > >
    > > > E questo e' il modo Politically Correct
    > per
    > > dire:
    > > > "Il vostro strumento fa cagare, ce ne
    > > facciamo
    > > > uno
    > > > nostro."
    > >
    > > Già.
    > > E dato che si parla di Clang, è lo stesso
    > modo
    > > Politically Correct per dire: "anche GCC fa
    > > cagare, ne usiamo uno
    > > nostro".
    >
    > No, perche' si parla proprio esplicitamente del
    > prodotto di
    > M$.
    > (e poi gcc fa tutt'altro che cagare a differenza
    > del prodotto
    > M$).

    Quindi se Google non utilizza VS, allora vuol dire che VS fa schifo.
    Se Google non utilizza GCC, non vuol dire di certo che GCC fa schifo.

    Complimenti, anche oggi hai vinto il premio Aria Fritta Talebana!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Albedo non loggato

    >
    > Quindi se Google non utilizza VS, allora vuol
    > dire che VS fa
    > schifo.
    > Se Google non utilizza GCC, non vuol dire di
    > certo che GCC fa
    > schifo.

    Ma dov'e' che si parla di gcc nell'articolo?
    Non sara' mica la solita trave nell'oculo?

    L'articolo dice che google si rifiuta di usare roba m$ perche' fa cagare.
    Non parla di gcc.

    Quando PI scrivera' che google non usera' piu' gcc ne riparleremo.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Albedo non loggato
    >
    > >
    > > Quindi se Google non utilizza VS, allora vuol
    > > dire che VS fa
    > > schifo.
    > > Se Google non utilizza GCC, non vuol dire di
    > > certo che GCC fa
    > > schifo.
    >
    > Ma dov'e' che si parla di gcc nell'articolo?
    > Non sara' mica la solita trave nell'oculo?
    >
    > L'articolo dice che google si rifiuta di usare
    > roba m$ perche' fa
    > cagare.
    > Non parla di gcc.
    >
    > Quando PI scrivera' che google non usera' piu'
    > gcc ne
    > riparleremo.

    Hai ragione, c'è stato un malinteso.
    L'articolo dice che google usava il compilatore C++ si M$ perchè si trattava di (testuali parole) "una scelta naturale vista la possibilità di sfruttare tutti gli strumenti di sviluppo presenti su Visual Studio".
    Quindi Visual Studio è quindi un buon IDE, che mette a disposizione svariati strumenti.
    Poi però succede che Google lo reputa "non ideale" nell'ottica "di rendere lo sviluppo su Windows omogeneo agli ambienti macOS e Linux, dove vengono utilizzati LLVM e appunto Clang". (non gcc eh, clang)
    Google quindi ha fatto il "porting del compilatore open source su ambienti Microsoft", alla realizzazione del quale ha contribuito M$ stessa "con la pubblicazione delle specifiche del formato di database nativo degli ambienti di sviluppo (IDE) su Windows (PDB)".

    E' sicuramente un malinteso che ti ha fatto scrivere " L'articolo dice che google si rifiuta di usare roba m$ perche' fa cagare."Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Albedo non loggato
    >
    > >
    > > Quindi se Google non utilizza VS, allora vuol
    > > dire che VS fa
    > > schifo.
    > > Se Google non utilizza GCC, non vuol dire di
    > > certo che GCC fa
    > > schifo.
    >
    > Ma dov'e' che si parla di gcc nell'articolo?
    > Non sara' mica la solita trave nell'oculo?

    L'articolo parla del porting di clang su Windows, quindi di clang e di Windows.
    clang a sua volta non è VS né GCC, ma stai adottando due pesi e due misure.

    L'unica trave che noto è quella che hai infilato a forza nella bilancia.


    > L'articolo dice che google si rifiuta di usare
    > roba m$ perche' fa
    > cagare.
    > Non parla di gcc.

    L'articolo parla del porting di clang.

    clang **nasce** come alternativa a GCC, il fatto che rimpiazzi anche VS è una conseguenza naturale.

    Semplicissima proprietà transitiva, Panda. O fa cagare tutto (GCC compreso) oppure sei volontariamente imparziale.
    Se non ci arrivi passi da imparziale a fondamentalista, vincendo il premio.Sorride


    > Quando PI scrivera' che google non usera' piu'
    > gcc ne
    > riparleremo.

    Panda...
    è già accaduto... 3 anni fa.

    https://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&p...
    non+autenticato