Alfonso Maruccia

Cina, dal 2020 il tecnocontrollo in casa

Lo stato asiatico sempre più vicino all'istituzione di un tecnocontrollo sul modello orwelliano, con le videocamere Internet-connesse che saranno presto "arruolate" nel programma di monitoraggio dello stato

Roma - Si chiama "Sharp Eyes" il nuovo programma di tecnocontrollo deciso dalla dittatura di Pechino, uno strumento potenzialmente in grado di "adocchiare" la vita di milioni di cittadini tecnologicamente progrediti e che imporrà il riconoscimento facciale al 100% del territorio cinese. I primi effetti del controllo pervasivo si vedono già oggi, sui social o nelle biglietterie.

Da qui al 2020, ha deciso il partito comunista cinese, le capacità di identificazione biometrica potranno (anzi dovranno) contare su un network composto da telecamere a circuito chiuso, smartphone, Smart TV o qualsiasi altro dispositivo "smart" installato dai cittadini nelle loro abitazioni private.

Sharp Eyes permetterà di connettere i diversi database in un'unica rete di sorveglianza, garantendo agli addetti al tecncontrollo la capacità di "saltare" da una telecamera CCTV a uno Smart Hub domestico in totale libertà e ovviamente senza che l'utente finale possa recriminare alcunché.
Pechino vuole fare affidamento sull'hi-tech domestico ma non tralascia i luoghi pubblici, e nella sola provincia del Sichuan (nella zona meridionale della Cina) le autorità locali hanno già installato più di 40.000 telecamere di sorveglianza in più di 14.000 villaggi.

I cittadini cinesi si stanno gradualmente abituando allo stato orwelliano prossimo venturo, a partire dai social e dalle reti di messaggistica come WeChat dove gli utenti dicono di aver ricevuto "avvisi" per i messaggi che il governo considera "indesiderabili".

Ma Sharp Eyes non sarà il solo strumento di controllo nelle mani del partito comunista cinese, visto che è già in fase avanzata di test un progetto pilota che prevede l'assegnazione di "crediti sociali" ai cittadini che viaggiano: persone dal passato problematico o considerati "provocatori" dallo stato si vedranno i loro crediti decurtati, e in seguito non potranno acquistare biglietti per treni o aerei con facilità.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàCina, microblogging e censura a puntiIl popolare Sina Weibo introduce un meccanismo di sottrazione dei crediti guadagnati all'apertura dei singoli account. Sarà vietato postare commenti che incitano alla rivolta o al dissenso. Pena l'eliminazione del profilo
  • AttualitàCina, addio all'anonimatoIl Governo cinese affina le armi del tecnocontrollo e impone ora alla sua popolazione l'uso del nome reale in tutti i commenti online
14 Commenti alla Notizia Cina, dal 2020 il tecnocontrollo in casa
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)