Alfonso Maruccia

Russia, blocco in arrivo per Telegram

Il servizio di messaggistica deve fare i conti con la richiesta esplicita, da parte delle autorità russe, di mettere a tacere le sue chat sicure. Una richiesta senza merito, sostiene l'avvocato della società, ma la nuova legge parla chiaro

Roma - Telegram è al centro del mirino delle autorità russe, ora più che mai intenzionate a forzare la mano all'azienda per concedere agli "spioni" di stato l'accesso alle chiavi crittografiche necessarie a sbloccare la chat sicure degli utenti. Una richiesta che la corporation definisce irricevibile, oltre che tecnicamente inattuabile.

L'ultima iniziativa censoria nei confronti di Telegram arriva per mano di Roskomnadzor, autorità di regolamentazione dei media che si è rivolta a una corte di Mosca per imporre la "restrizione all'accesso" alla piattaforma di messaggistica istantanea su tutto il territorio russo.

La richiesta di Roskomnadzor si rifà a una causa già in atto contro Telegram e avviata dal Servizio di Sicurezza Federale (FSB) e da altre agenzie di sicurezza, tutte interessate a guadagnare l'accesso alle chiavi crittografiche per la decodifica delle chat degli utenti nel rispetto delle nuove norme sul tecno controllo varate da Mosca - e vidimate da Putin - nel 2016.
Alle richieste di FSB Telegram ha risposto negativamente, subendo in conseguenza la condanna al pagamento di una multa di $14.000; in seguito l'appello della corporation era stato bocciato dalla Corte Suprema, e nei 15 giorni di ultimatum concessi a Telegram delle chiavi crittografiche richieste le autorità non hanno visto ombra.

Il blocco del servizio in Russia rappresenta quindi l'ultima mossa censoria in mano a Roskomnadzor dopo aver appurato la scarsa volontà di collaborazione da parte dei creatori (russi) di Telegram, una richiesta che il legale dell'azienda ha definito "incostituzionale" e inattuabile sia dal punto di vista tecnico che da quello legale.

Telegram è un servizio di IM cifrato particolarmente popolare nel Medio Oriente e in Russia, paese in cui gli utenti potrebbero in ogni caso continuare a usarlo grazie al sistema di proxy integrato anche in caso di blocco.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàRussia, Putin ha firmato la legge sul tecnocontrolloL'obiettivo dichiarato è l'antiterrorismo, le conseguenze denunciate prevedono costi insostenibili e fine della libertà telematica nel paese. Interviene anche Snowden, nonostante i timori di ritorsioni da parte delle autorità
  • AttualitàTelegram, update pieno di novitàLa popolare app di messaggistica sicura si aggiorna con una nuova release particolarmente ghiotta di nuove funzionalità, mentre nella madrepatria russa si prospetta il blocco del servizio a opera delle autorità
20 Commenti alla Notizia Russia, blocco in arrivo per Telegram
Ordina
  • I sistemi centralizzati sono tutti destinati a fallire prima o poi.
    Consiglio di informarvi su https://riot.im (matrix.org) che è completamente free software (open source), sicuro, non ti obbliga a istallare app e al contempo mantiene viva l'esperienza utente, non ti obbliga a dare numero di tel, email ecc...
    Altro che telegram!
  • Perdona ma non ho capito la tua critica a Panda.
    Nel link che citi c'è scritto questo :
    "Telegram è un servizio di messaggistica istantanea basato su cloud ed erogato senza fini di lucro dalla società Telegram LLC. I client ufficiali di Telegram sono distribuiti come software libero per diverse piattaforme. Caratteristiche di Telegram sono la possibilità di stabilire conversazioni cifrate punto-punto (solo nelle versioni del programma che salvano sul dispositivo le conversazioni)"

    Quindi se il client è open e la cifratura è end to end poco importa cosa fa il server.
    Dimentico qualcosa ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: UnoChePassa
    > Perdona ma non ho capito la tua critica a Panda.
    > Nel link che citi c'è scritto questo :
    > "Telegram è un servizio di messaggistica
    > istantanea basato su cloud ed erogato senza fini
    > di lucro dalla società Telegram LLC. I client
    > ufficiali di Telegram sono distribuiti come
    > software libero per diverse piattaforme.
    > Caratteristiche di Telegram sono la possibilità
    > di stabilire conversazioni cifrate punto-punto
    > ( solo nelle versioni
    del programma che salvano
    > sul dispositivo le
    > conversazioni)"
    >
    > Quindi se il client è open e la cifratura è end
    > to end poco importa cosa fa il
    > server.
    > Dimentico qualcosa ?

    Non ti so' rispondere con certezza ma c'è un "solo" da notare nel quote. Quindi sembrerebbe che non sia sempre end-to-end.

    Penso che il protocollo di connessione (cifrato tra l'utente e il server) se potesse essere intercettato rivelerebbe almeno l'username dell'utente telegram (che è un metadata che puo' avere una sua rilevanza di per sé). E se dentro questo tunnel ssl succede che a volte i messaggi non sono cifrati end-to-end potrebbe essere utile avere le chiavi private di Telegram per intercettarne il traffico di messaggi almeno in quell'evenienza. Se si chatta in due, basta che uno dei due non supporti l'end-to-end ed è tutto in chiaro nel tunnel (cifrato solo tra utente1/server/utente2). Non sarebbe diverso da come succede con Jabber se uno dei due interlocutori non ha un client che supporta l'OTR.
    non+autenticato
  • mi riferisco alle due badilate di letame prese dal Panda.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > mi riferisco alle due badilate di letame prese
    > dal
    > Panda.
    Ma che cazzo te ne frega a te? delle badilate al panda pensa per te che sei ancora più demente di un grillino e di badilate di merda ne hai prese tante che neppure uno scafandro ti protegge più

    facci un favore chiudi la valvola di carico dell'aria e stira le zampe che tanto ormai è intasata di merda e fra poco si chiude da sola!
    non+autenticato
  • gliele consegnino pure, tanto basta far passare telegram su vpn/tor per essere in una botte di ferro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: telegrammo
    > gliele consegnino pure, tanto basta far passare
    > telegram su vpn/tor per essere in una botte di
    > ferro.

    Come Attilio Regolo
    non+autenticato
  • - Scritto da: tor

    > Come Attilio Regolo

    Che cristo c'entrano le guerre puniche?
    non+autenticato
  • Leggendo tra le righe dell'articolo non sara' sfuggito al lettore piu' attento come, se da una parte i russi stanno bloccando una chat open source perche' non sono in grado di intercettarne le chiavi, dall'altra non fanno altrettanto per applicazioni di messaggistica di funzionalita' equivalente, ma CLOSED!

    Chissa' come mai?

    Non ve lo siete chiesti?





    Pretendete sempre roba closed! La roba preferita dai governi!
  • - Scritto da: panda rossa
    > Leggendo tra le righe dell'articolo non sara'
    > sfuggito al lettore piu' attento

    Lettore attento tipo panda rossa che di solito si ferma al titolo ?

    > come, se da una
    > parte i russi stanno bloccando una chat open
    > source perche' non sono in grado di intercettarne
    > le chiavi,

    Open ? Caxxo dici ? Solo il client è open, il server no.

    > dall'altra non fanno altrettanto per
    > applicazioni di messaggistica di funzionalita'
    > equivalente, ma
    > CLOSED!

    Tant'è che Telegram è closed.

    > Chissa' come mai?

    Eh si, dai, spiegaci come mai il creatore di Telegram non vuole rendere open il codice sorgente dei server.

    > Non ve lo siete chiesti?

    Tu te lo sei mai chiesto ?

    > Pretendete sempre roba closed! La roba preferita
    > dai
    > governi!

    Tu piuttosto smetti di prendere quelle dannate pasticche che ti bruciano il cervello, smetti di perdere tempo a segarti su youporn, comincia a leggere e a farti una cultura. Comincia da qui:

    https://it.wikipedia.org/wiki/Telegram
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    >
    > Pretendete sempre roba closed! La roba preferita
    > dai
    > governi!
    Ma anche dai grillioti dove era la chat della Raggi? su un software open source?
    Diciamola tutta va i grillioti sono una variante (manco tanto variata) dei piddioti.
    Altrimenti non si spiega come mai DiMail stia ancora li a pietire un dì dal Salvini e un dì da Martina senza contare il "con berlusconi mai!"
    e intanto si vota al senato compattamente Maria Elisabetta Alberti Casellati vien dal mare meglio conosciuta come "la nonna di mubarak"

    E naturalmente tutte le piattaforme di riferimento grilliote vedi Meetup e vedi Russeau son Open source vero?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere

    Ma per favore!
    Casaleggio Padre (che non ha mai scritto una riga di codice in vita sua) viene (non casualmente) da Olivetti prima e Telecom Poi e ovviamente con un tale pregresso non ha mai capito una ceppa di open source!

    Il "trotaleggio" Davide figlio... figuriamoci degno figlio di tanto padre.

    Che dobbiamo dire di altro ?
    Vogliamo parlare di Peppe er (poco marchese) del grillo e di SIAE?
    Si di SIAE hai capito bene!
    Ci hai fatto caso al bollino sui dvd degli spettacoli che comprano gli adepti?

    No?
    che peccato!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Valà Valà pandina che ti stanno pigliando ben bene per i fondelli e non sarai ne tu ne i grillioti a "aprire la scatoletta di tonno".

    Va, va, povero untorello non sarai tu quello che spianti Milano....
    (Cit.)
    non+autenticato
  • Mi ricordo anni fa sul Sacro Blog, parecchi utenti chiedevano a Grillo come mai non usasse Linux; risposta del Guru: "Mi avete rotto i coglioni con questo Linux!"

    In effetti, per porre domande del genere a Grillo bisogna essere parecchio ingenui ...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)