Alfonso Maruccia

Nvidia, la IA ripara-immagini fa concorrenza a Photoshop

La corporation delle GeForce presenta un nuovo algoritmo in grado di "riempire i vuoti" lasciati dal fotoritocco, una tecnologia sin qui esclusiva di Photoshop e ora potenzialmente alla portata di tutti.

I ricercatori di NVIDIA hanno lavorato a un nuovo algoritmo pensato per riparare le immagini danneggiate o modificate, un sistema che sfrutta il deep learning per "ricostruire" gli elementi non più visibili a partire dai pixel circostanti.

La casa delle GPU per computer ha in pratica ricreato una versione "intelligente" di Content Aware Fill, tecnologia di riempimento delle immagini introdotta da Photoshop CS5 che in questi anni ha rappresentato una delle caratteristiche esclusive del potente software di fotoritocco di Adobe.

La nuova tecnica, che NVIDIA descrive come pronta per essere implementata nei software di fotoritocco - a esclusione ovviamente del succitato Photoshop - segue un modello diverso rispetto agli approcci in deep learning precedenti.


Invece di focalizzarsi sulle regioni rettangolari presenti intorno al centro dell'immagine e richiedere una fase di pesante post-processing, spiegano i ricercatori, il nuovo algoritmo è in grado di "gestire senza problemi buchi di ogni forma, posizione o distanza dai bordi di un'immagine."

L'algoritmo è stato addestrato partendo prima di tutto da 55.116 maschere con fori di ogni forma e dimensione, cancellando i pixel dalle immagini e poi mostrando alla IA la differenza tra l'originale e la versione danneggiata. L'accuratezza del sistema è stata in seguito verificata con 25.000 maschere, senza però mostrare la differenza tra l'immagine originale e quella modificata.

La ricerca sugli algoritmi in grado di ricostruire o riparare le immagini è in auge da tempo, e solo qualche mese fa è emerso un sistema chiamato Deep Image Prior che in teoria dovrebbe fare le stesse cose della tecnologia di NVIDIA. NVIDIA, ovviamente, non è d'accordo e dice che il suo algoritmo è superiore.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàUn nuovo algoritmo ripara-immaginiUn team di ricercatori russi trova il modo di "ricostruire" le immagini con un algoritmo intelligente che però non ha bisogno di training. Con funzionalità finora viste (in parte) solo su Photoshop
14 Commenti alla Notizia Nvidia, la IA ripara-immagini fa concorrenza a Photoshop
Ordina
  • Ok, ma per chi sa usare Photoshop ancora meno del 30% rispetto all'uomo comune davanti a Kenshiro, questi benedetti algoritmi quando arrivano in concreto? Mi sarò perso qualche info, ma con il content-aware autofill ho sempre problemi sugli oggetti da togliere con sotto elementi curvi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Ok, ma per chi sa usare Photoshop ancora meno del
    > 30% rispetto all'uomo comune davanti a Kenshiro,
    > questi benedetti algoritmi quando arrivano in
    > concreto? Mi sarò perso qualche info, ma con il
    > content-aware autofill ho sempre problemi sugli
    > oggetti da togliere con sotto elementi
    > curvi.
    ... e lasciare la foto, cosi' come la vede l'obiettivo, invece di taroccarla e creare una realta inesistente? come la vedi?Sorride
    non+autenticato
  • La vedo che ci mancava proprio il purista delle foto...
    A parte che per 'oggetti' si possono intendere anche parti rovinate, chi ha parlato di fotografie in senso stretto? Ho detto solo che se devo in genere rimuovere da una qualsiasi immagine un elemento sovrapposto a una forma curva fa fatica a ricostruirla. Magari l'algoritmo lavora meglio proprio con le fotografie, ma a me in questo caso non interessa in particolare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > La vedo che ci mancava proprio il purista delle
    > foto...
    > A parte che per 'oggetti' si possono intendere
    > anche parti rovinate, chi ha parlato di
    > fotografie in senso stretto? Ho detto solo che se
    > devo in genere rimuovere da una qualsiasi
    > immagine un elemento sovrapposto a una forma
    > curva fa fatica a ricostruirla. Magari
    > l'algoritmo lavora meglio proprio con le
    > fotografie, ma a me in questo caso non interessa
    > in
    > particolare.

    foto taroccate alla grande non vedo altro utilizzo, ti devo dire che nei restauri di opere d'arte la cosa peggiore è inventare piuttosto lasciano parti mancanti, le persone vedranno più le foto come un documento una testimonianza ma semplice illustrazione, in parte accade anche oggi
    non+autenticato
  • Ok che è per le foto e sarà ottimizzato pure per loro e sono sulla stessa linea di pensiero riguardo il restauro delle opere d'arte, ci mancherebbe. Ma questi sono utilizzi professionali tra una moltitudine di immagini che non rientrano in queste categorie; che ne so, una scansione di una vecchia cover o quant'altro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > La vedo che ci mancava proprio il purista delle
    > foto...
    > A parte che per 'oggetti' si possono intendere
    > anche parti rovinate, chi ha parlato di
    > fotografie in senso stretto?
    beh pare ovvio.. anche dal link che illustra la meraviglia di photoshop
    >Ho detto solo che se
    > devo in genere rimuovere da una qualsiasi
    > immagine un elemento sovrapposto a una forma
    > curva fa fatica a ricostruirla.
    eh.. nel link c'e' appunto una foto panoramica evocativa(?), deturpata(?) da un palo che, maledetto, si e' piazzato proprio li', rovinando il panorama. e' bene usare quindi la gomma pane digitale per cavarlo (visto che sradicarlo sembrava troppo per una semplice foto).
    non+autenticato
  • E ci credo, quello di Photoshop è l'esempio quida. Già scritto che la modifica professionale di foto non interessa in particolare? Ognuno comunque è libero di scegliere se tenere il palo o meno, al massimo in alcuni casi è più un fatto culturale.
    Più che la foto del palo mi interessava quella della libreria. Comunque prova a creare 2 shape di diverso colore, un cerchio con sovrapposto a metà un rettangolo neppure troppo spesso; dopo avere rasterizzato e unito i livelli prova ad usare lo strumento correttivo in base al contenuto sul rettangolo: tende ad angolizzare le parti del cerchio. Oh, sarà che mi manca qualche parametro; mai aperta un guida in effetti.
    non+autenticato
  • scommetto che tu usi il dagherrotipo, per fotografarti la minchia, perché già il banco ottico puzza di modernismo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Ok, ma per chi sa usare Photoshop ancora meno del
    > 30% rispetto all'uomo comune davanti a Kenshiro,
    > questi benedetti algoritmi quando arrivano in
    > concreto? Mi sarò perso qualche info, ma con il
    > content-aware autofill ho sempre problemi sugli
    > oggetti da togliere con sotto elementi
    > curvi.
    Posso provare a chiedere al panda se può implementarli nella prossima versione di pandaOS!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Panda Assassino
    > - Scritto da: ...
    > > Ok, ma per chi sa usare Photoshop ancora
    > meno
    > del
    > > 30% rispetto all'uomo comune davanti a
    > Kenshiro,
    > > questi benedetti algoritmi quando arrivano in
    > > concreto? Mi sarò perso qualche info, ma con
    > il
    > > content-aware autofill ho sempre problemi
    > sugli
    > > oggetti da togliere con sotto elementi
    > > curvi.
    > Posso provare a chiedere al panda se può
    > implementarli nella prossima versione di
    > pandaOS!
    ma non puoi inventarti una cazzata nuova? questa ha ampiamente stufato... chesso' un brand di mutande.. qualcos'altro..
    non+autenticato