Ericsson, da ottobre la nuova rete Wind Tre in Italia

Da ottobre la svedese Ericsson inizierà a lavorare sulla modernizzazione della rete Wind Tre in Italia: le nuove tecnologie saranno immediatamente compatibili con il futuro a 5G della rete.

Sarà Ericsson a mettere mano alla rete Wind Tre in Italia per trasformarla in quella che il gruppo auspica come la rete dalle migliori performance nel paese. La notizia è importante per tutte le parti in causa: per Ericsson, che riafferma la propria leadership sulla strada verso il 5G; per Wind Tre (da poche ore unite sotto la nuova proprietà cinese di Hutchison), poiché delinea le ambizioni del gruppo partendo da una scommessa di qualità; per 31 milioni di abbonati che oggi sono già sotto una rete per la quale si sta investendo in innovazione.

L'accordo con Ericsson è stato annunciato nell'ottica di una modernizzazione della Radio Access Network su tutto il paese tramite l'implementazione del porfolio Ericsson Radio System (ERS), tale che possa offrire la miglior esperienza utente possibile in termini di quantità di banda e di tempi di latenza. Non solo: le nuove componenti sono già pensate per la rivoluzione 5G, quindi di fatto si tratta di un primo passo verso la nuova dimensione della rete che si prevede all'orizzonte ormai entro pochi anni. I lavori avranno inizio a partire dal mese di ottobre.

Si tratta di una scelta che ha alcuni retroscena complessi, legati più alla geopolitica che non alla mera tecnologia: si tratta di retroscena legati al ruolo di ZTE ed ai rapporti con gli Stati Uniti di Donald Trump, al ruolo di Ericsson nei precedenti rapporti con Wind Tre in ottica 5G, ad una scelta preannunciata che solo in queste ore è diventata realtà. Ericsson, insomma, coglie al volo una opportunità importante per lo sviluppo della rete in Italia e consente peraltro ad un gruppo europeo di alzare la voce sul fronte delle reti di nuova generazione. Per Ericsson si tratta di un impegno ormai proiettato al lungo periodo, con i primi incoraggianti risultati già in arrivo in termini di mercato IoT.
La strada verso la "Networked society" al centro della mission aziendale di Ericsson, insomma, passa anche e soprattutto per l'Italia.
TAG: ericsson, wind, tre, 5g
5 Commenti alla Notizia Ericsson, da ottobre la nuova rete Wind Tre in Italia
Ordina
  • il nome "ericsson" mi ha fatto venire in mente due belle storielle... specialmente la seconda e' molto gustosa (perche' dettagliata nei suoi risvolti)
    1) https://www.thelocal.se/20131030/swedish-firms-hel...

    e sopratutto l'hacking ai Ericsson AXE switches .. 2) https://en.wikipedia.org/wiki/Greek_wiretapping_ca...
    non+autenticato
  • Va bene ma potresti mai affermare con certezza che ci sia un'azienda al mondo del settore delle telecomunicazioni (servizi o hardware di networking) che non sia immischiata in una qualche missione di spionaggio o tecnocontrollo?
    Forse c'è la possibilità in teoria.... ma a patto che l'azienda sia la tua e ci lavori solo tu Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: ben10
    > Va bene ma potresti mai affermare con certezza
    > che ci sia un'azienda al mondo del settore delle
    > telecomunicazioni (servizi o hardware di
    > networking) che non sia immischiata in una
    > qualche missione di spionaggio o
    > tecnocontrollo?
    No di certo. Anzi le telco lo devono fare 'by design' (intercettazioni autorizzate dalla magistratura)... Poi pero' saltano fuori anche altri casiniSorride A volte sfociano in "intercettazioni a mia insaputa"(tm) quando vendono tecnologia a paesi disastrati.
    A volte sfociano "casi illegali per il bene pubblico" (aka monitoraggio dei Servizi in funzione antiterrorismo), dove poi i suddetti fanno gli stronzi e succede un disastro [in particolare pareSorride sia stata tutta un operazione NSA). E' una buona spystory. c'e' anche il tecnico "suicidato". LeggilaCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • > No di certo. Anzi le telco lo devono fare 'by
    > design' (intercettazioni autorizzate dalla
    > magistratura)... Poi pero' saltano fuori anche
    > altri casiniSorride A volte sfociano in
    > "intercettazioni a mia insaputa"(tm) quando
    > vendono tecnologia a paesi disastrati.
    >
    > A volte sfociano "casi illegali per il bene
    > pubblico" (aka monitoraggio dei Servizi in
    > funzione antiterrorismo), dove poi i suddetti
    > fanno gli stronzi e succede un disastro [in
    > particolare pareSorride sia stata tutta un operazione
    > NSA). E' una buona spystory. c'e' anche il
    > tecnico "suicidato". Leggila

    Se cerchi notizie sui "suicidati" e su quelli che saltano dai viadotti le trovi pure in Italia. Il problema vero è che ci sono tanti sospetti perché i controlli sono inesistenti. Si può spiare impunemente quando le autorità chiudono un occhio (o tutti e due) i casi come quello a cui mi riferisco sono rari.
    non+autenticato
  • - Scritto da: _u_u_
    > > No di certo. Anzi le telco lo devono fare 'by
    > > design' (intercettazioni autorizzate dalla
    > > magistratura)... Poi pero' saltano fuori anche
    > > altri casiniSorride A volte sfociano in
    > > "intercettazioni a mia insaputa"(tm) quando
    > > vendono tecnologia a paesi disastrati.
    > >
    > > A volte sfociano "casi illegali per il bene
    > > pubblico" (aka monitoraggio dei Servizi in
    > > funzione antiterrorismo), dove poi i suddetti
    > > fanno gli stronzi e succede un disastro [in
    > > particolare pareSorride sia stata tutta un
    > operazione
    > > NSA). E' una buona spystory. c'e' anche il
    > > tecnico "suicidato". Leggila
    >
    > Se cerchi notizie sui "suicidati" e su quelli che
    > saltano dai viadotti le trovi pure in Italia.
    mah.. in questo settore in realta' in italia non me ne viene in mente nessuno. Molta gente invece traccheggia, inquina e svia. ma NON si "suicida" (pensa all' affaire 'tiger team' di telecom e gli adentellati x es)
    "morti curiose" ce ne sono state nell'affaire ustica e mps (ma erano tutt'altro genere di faccende) per es.

    PS: un sucidio(?) di un informatico in effetti c'e' stato, ma legato a un ambito estraneo al settore... e di cui in effetti non parlero' qui
    non+autenticato