Comune e scuola per il free software

Succede ad Empoli

Empoli - E' stato firmato un protocollo d'intesa tra il Comune di Empoli e le scuole medie superiori dello stesso comune al fine di introdurre il software libero nella didattica.

Il protocollo, pubblicato qui, prevede che le scuole superiori firmatarie inizino ad utilizzare il software libero al loro interno e a conoscere Linux e i programmi d'insegnamento basati su tali software, impegnandosi altresì a diffonderne l'uso e la conoscenza presso i propri studenti a partire dalla primavera del 2004.

"Dopo aver testato il funzionamento di Linux e di altri programmi di Software Libero, - si legge nel documento - le scuole si impegnano inoltre a promuovere, dall'autunno 2004, precisi piani didattici che prevedano l'utilizzo di opportuni programmi Liberi per il raggiungimento dei normali obiettivi scolastici".
Da parte sua il Comune di Empoli "si impegna a promuovere il coinvolgimento delle aziende del Circondario nell'uso dei programmi Liberi (presto studiati e conosciuti dagli allievi delle scuole) in modo da dare alle aziende una possibilità di sviluppo e di innovazione a costi contenuti e agli allievi maggiori opportunità di lavoro qualificato ed efficace".

"Mi sembra il primo caso in Italia di questo tipo e a mio avviso è molto interessante", ha commentato a Punto Informatico Antonio Bernardi, curatore del sito Linuxdidattica.org. "Le istituzioni stanno cominciando a muoversi dal basso verso il software libero".
6 Commenti alla Notizia Comune e scuola per il free software
Ordina