Gates: il futuro è nella voce

Il chairman Microsoft proclama l'avvento delle tecnologie di riconoscimento della voce e della scrittura e torna a promettere lotta dura contro spam e spyware

San Diego (USA) - Entro 10 anni le tecnologie di riconoscimento vocale si affiancheranno a mouse e tastiera, mentre lo spam sarà solo un ricordo. A profetizzarlo è il chairman e chief architect di Microsoft, Bill Gates, che in un'intervista tenuta in occasione del Gartner Symposium ITxpo 2004 ha toccato vari argomenti, fra cui le future interfacce d'interazione con i PC, la sicurezza, i web service e le prossime versioni di Windows.

Non è un caso che Gates discuta del futuro delle tecnologie vocali proprio a ridosso del lancio, avvenuto la scorsa settimana, del suo primo server basato sulla tecnologia di riconoscimento della voce: Speech Server 2004. Attraverso questa piattaforma, che si sposa con le tecnologie di sintesi vocale già integrate in Windows, Microsoft spera di ritagliarsi una grossa fetta del nascente mercato legato alle interfacce vocali, le stesse che, secondo Gates, finiranno per diffondersi in ogni settore del computing.

"Entro 10 anni - ha detto il chairman di Microsoft - tutti i device supporteranno la voce. Cose come la voce e l'inchiostro (elettronico) sono il modo più naturale di interagire con un computer. Quando queste tecnologie raggiungeranno il giusto livello di affidabilità, si diffonderanno ovunque".
Dettare un testo al PC o comandare uno smartphone con la voce, ha detto Gates, diverranno modalità d'interazione sempre più comuni e basilari. "La tastiera non se ne andrà via. L'interazione avverrà in diversi modi: parlando, digitando e utilizzando l'inchiostro (elettronico)", ha spiegato.

Il boss di Microsoft ha tuttavia ammesso che per raggiungere questo obiettivo la tecnologia di riconoscimento vocale deve ancora superare diverse limitazioni, quali la difficoltà di distinguere parole con pronuncia molto simile e l'attuale incapacità di comprendere il contesto di frasi e parole. Nonostante questo, Gates ha proclamato che il proprio software è già in grado di battere, in velocità, un bravo dattilografo.

Il fondatore del big di Redmond ha spiegato che le tecnologie di riconoscimento vocale trovano terreno particolarmente fertile in quei paesi, come Cina e Giappone, che adottano alfabeti poco adatti alla tastiera. Gates prevede che in questi paesi le tecnologie di riconoscimento vocale si diffonderanno con tre o quattro anni di anticipo rispetto ai paesi di lingua inglese.

L'inchiostro elettronico è invece una tecnologia particolarmente importante per i Tablet PC, una categoria di dispositivi portatili che Microsoft ha promosso sul mercato come i sostituti digitali di penna e taccuino.

Gates è tornato anche a parlare di lotta allo spam, un problema che Microsoft conta di risolvere attraverso il così chiamato Caller ID, un codice identificativo che consente di verificare l'esatta provenienza di ogni e-mail.
TAG: ricerca
102 Commenti alla Notizia Gates: il futuro è nella voce
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)