Una dieta bilanciata per Longhorn

Per lanciare il suo prossimo sistema operativo entro la metà del 2006, Microsoft potrebbe essere costretta ad alleggerire Longhorn e rimandare l'implementazione di alcune funzionalità

Redmond (USA) - Negli uffici di Microsoft il tempo stringe. Nonostante la data più probabile per il rilascio di Longhorn, la metà del 2006, sia già sensibilmente al di là di quella inizialmente preventivata, Microsoft ha ammesso che per accelerare lo sviluppo del suo prossimo sistema operativo potrebbe essere costretta a sacrificare alcune delle funzionalità previste in origine.

Fra i componenti di Longhorn destinati a subire un "ridimensionamento" potrebbe esserci il nuovo file-system WinFS, di cui Microsoft sembra intenzionata a implementare solo la parte destinata a girare sui client e priva delle funzionalità di rete.

Nonostante questi "tagli", alcuni portavoce del big di Redmond hanno assicurato che i componenti base della prossima versione di Windows - che oltre a WinFS sono costituiti dal motore grafico Avalon e dall'architettura di comunicazione Indigo - verranno comunque inclusi, eventualmente estendendone le funzionalità attraverso dei successivi aggiornamenti.
Alcune delle caratteristiche che non troveranno posto in Longhorn potrebbero apparire in Blackcomb, nome in codice di quella che, secondo alcuni, sarà l'ultima major release di Windows del corrente decennio.

Di recente Microsoft ha spiegato che lo sviluppo di Longhorn è stato rallentato in modo particolare dal Service Pack 2 (SP 2) per Windows XP, un progetto a cui Microsoft sostiene di aver dato la massima priorità e a cui ha lavorato buona parte del team di sviluppo di Windows.

Accantonata definitivamente l'idea di rilasciare un sistema operativo ibrido, ironicamente battezzato "Shorthorn", che facesse da ponte fra Windows XP e il suo successore, Microsoft sostiene di aver pianificato il rilascio, entro l'anno, di una nuova release di Windows XP chiamata "Premium": si tratterà sostanzialmente del buon vecchio XP infarcito dell'SP 2 e del Windows Media Player (WMP) 10.

La prossima versione del WMP avrà un ruolo particolarmente importante nelle strategie di Microsoft perché s'integrerà con il negozio di musica di quest'ultima, MSN Music Store, e porterà con sé una nuova tecnologia di digital rights management chiamata con il nome in codice di Janus. Con WMP 10, dunque, Microsoft sfiderà i servizi già offerti da rivali come Apple e RealNetworks.

Negli scorsi giorni il group vice president for worldwide sales and marketing di Microsoft, Kevin Johnson, ha dichiarato di essere poco soddisfatto della velocità con cui Windows XP sta crescendo sul mercato aziendale. Un studio pubblicato lo scorso dicembre ha confermato che l'80% delle aziende possiede ancora PC su cui gira Windows 95/98. Secondo alcuni analisti molte imprese compieranno "il salto" solo dopo l'arrivo dell'SP 2, mentre altre attenderanno l'arrivo di Longhorn.
TAG: microsoft
206 Commenti alla Notizia Una dieta bilanciata per Longhorn
Ordina
  • Tutta questa robaccia!!!
    Se possibile buttate anche l'architettura CISC, o meglio non compratela più.
    Passate ad architettura RISC innanzi tutto e non sentirete più parlare di BIOS che proteggono il DRM, leggono M$ OT o altre amenità varie.
    E non perchè in quelle arch. non esiste il BIOS, l'equivalente (è un pò grosso dire equivalente, cmq) PROM è qualcosa di serio e di molto potente, non fà queste c@zz@+e.
    Poi passate a UNIX e comincerete ad espandere la vostra mente, interessandovi e studiando la vera conoscenza, non solo informatica.


    UNIX: The power of the RISC cpus

    ==================================
    Modificato dall'autore il 15/04/2004 9.01.44
  • - Scritto da: BSD_like
    cut, roba che per altro condivido...

    poi però ci si butta in un mondo dove esiste una gran prevalenza di apps farlocche (per usi desktop) che crashano miseramente come konqueror, oppure fanno buttanate come riportarti il titolo di un tread di PI precedente in uno che non c'entra nullaOcchiolino
    IMHO, la domanda non è: lin/bsd/pippos è pronto per il desktop? (di cui la risposta è si almeno per lin, per pippos non so), ma: il desktop è pronto per lin/bsd/pippos? e qui la risposta è no, da parte della maggior parte degli sviluppatori commerciali e dei produttori di hardware e ci vorranno molti sforzi, e soprattutto sforzi DIVERSI da quelli che può fare una volonterosa comunità di sviluppatori, perchè questo cambi.
    Al momento cmq la risposta è no.
    non+autenticato
  • Quella del thread è un'opzione che dà il browser, non una putt@n@t@, si può discutere se lasciarla o meno, cmq è un'opzione aggiuntiva!
    Le differenze server/workstation/desktop, se si espande la mente, si vedranno improvvisamente diminuire, fino a scomparire.
    Ed è preferibile un RISC usato (acquistabile su ebay) ad un CISC nuovo per qualsiasi uso, non solo per la "potenza", ma proprio perchè espande la mente 100.000 volte di più di un qualsiasi CISC.


    UNIX: the power of the RISC cpus
  • > Ed è preferibile un RISC usato
    > (acquistabile su ebay) ad un CISC nuovo per
    > qualsiasi uso, non solo per la "potenza", ma
    > proprio perchè espande la mente
    > 100.000 volte di più di un qualsiasi
    > CISC.
    ba, io sono molto del parere che un martello non vada bene per tutti gli usi.
    per studio specifico anrdà anche bene un risc usato, per uno che ci voglia far girare anche un videogiochino senza pretese o vedere un filmato o attaccare hw di uso comune dipende da che famiglia di risc usato si prende (difficilmente ci sarà un buon rapporto costo convenienza), per uno che voglia poter fare girare i programmi del Ministero delle Finanze che si appoggiano su Access, convertire senza perdita del layout grafico doc e pps, usare macro, usare il migliore foglio di calcolo in circolazione, interfacciare in modo estremamente rapido le applicazioni ad uno strumento versatile come office, usare senza problemi tutti i tipi di siti (e ce ne sono molti istituzionali e di grosse aziende che se ne sbattono del w3c) e attaccare un hw random anche nuovissimo con la certezza quasi matematica che il driver per win esiste, be, deve per forza usare windows.
    A meno che non si possa permettere di dire di no a chi gli chieda di fare queste cose... ma mica tutti viviamo di rendit sviluppando gratuitamente applicazioni open source nel tanto tempo libero, quindi difficilmente si può mandare a quel paese il tizio con il doc o la fotocamera appena uscita, o il Ministero delle Finanze!
    non+autenticato
  • > > Ed è preferibile un RISC usato
    > > (acquistabile su ebay) ad un CISC nuovo
    > per
    > > qualsiasi uso, non solo per la
    > "potenza", ma
    > > proprio perchè espande la mente
    > > 100.000 volte di più di un
    > qualsiasi
    > > CISC.
    > ba, io sono molto del parere che un martello
    > non vada bene per tutti gli usi.
    > per studio specifico anrdà anche bene
    > un risc usato, per uno che ci voglia far
    > girare anche un videogiochino senza pretese
    > o vedere un filmato o attaccare hw di uso
    > comune dipende da che famiglia di risc usato
    > si prende (difficilmente ci sarà un
    > buon rapporto costo convenienza), per uno
    > che voglia poter fare girare i programmi
    > del Ministero delle Finanze che si
    > appoggiano su Access, convertire senza
    > perdita del layout grafico doc e pps, usare
    > macro, usare il migliore foglio di calcolo
    > in circolazione, interfacciare in modo
    > estremamente rapido le applicazioni ad uno
    > strumento versatile come office, usare senza
    > problemi tutti i tipi di siti (e ce ne sono
    > molti istituzionali e di grosse aziende che
    > se ne sbattono del w3c) e attaccare un hw
    > random anche nuovissimo con la certezza
    > quasi matematica che il driver per win
    > esiste, be, deve per forza usare windows.
    > A meno che non si possa permettere di dire
    > di no a chi gli chieda di fare queste
    > cose... ma mica tutti viviamo di rendit
    > sviluppando gratuitamente applicazioni open
    > source nel tanto tempo libero, quindi
    > difficilmente si può mandare a quel
    > paese il tizio con il doc o la fotocamera
    > appena uscita, o il Ministero delle Finanze!
    ed aggiungo: questo tipo di ostacoli non si abbatte con il supporto da parte della comunità di sviluppatori volontari, è necessario convincere gli sviluppatori commerciali di sw e drivers che gli strumenti di sviluppo sulla data piattaforma alternativa siano migliori di quelli su win, e questo per ora è ancora molto lontano, in win (oggi) si può essere sicuri di cosa ci sia in un sistema pulito e che dati parti del sistema non sono modificabili, in lin no, dal kernel a qualunque libreria tutto può essere personalizzato e questo non aiuta certo chi sviluppa per un ampio pubblico con tempi stringenti, le variabili che potrebbero interferire sono troppo numerose (è uno dei motivi per cui è più difficile fare un virus per gli *x), inoltre ms ha fatto veramente un grande lavoro nel creare la possibilità di sparare rapidamente e con grande semplicità dati tra le sue applicazioni ed in primis office ed explorer e sottoderivati (spesso dati in bundle), altro fattore la comunicazione gestita in modo molto alto, che rende più facile scrivere tutto per win, anche i virus.
    non+autenticato
  • > Ed è preferibile un RISC usato
    > (acquistabile su ebay) ad un CISC nuovo
    mi sembra la classica equazione risc buono cisc cattivo, risc nuovo cisc vecchio, risc intelligente cisc s7up1d0...
    non è così, cisc è una macchina che ha un set di istruzioni complesse e quindi eseguendo una istruzione esegue codice equivalente a più istruzioni risc...
    risc in pratica nasce dal fatto che si è ossrvato che la maggior parte del tempo la macchina fa le stesse istruzioni e che le istruzioni più complesse sono descrivibili come una concatenzaione di istruzioni più semplici, quindi si fa un sistema che faccia molto efficaciememente quei piccoli mattoncini, in questo modo la macchina riesce ad essere più veloce, e più semplice e a fare comunque tutte le cose che fa una cisc.
    La pratica però ha snaturato la situazione teorica, *una* architettura cisc, certo non tra le più evolute, si è imposta come standard di mercato, quindi oggi abbiamo processori economici cisc che in realtà sono più complessi dei risc e che girano a clock più elevati perchè per speremere maggiori prestazioni da quella vecchia architettura sono utilizzate tecniche litografiche molto avanzate, pipeline profonde e le macchine sono tirate in modo incredibile.
    Il problema è che sono dei forni a causa del numero di elevato elementi del chip (complessità) in poco spazio (miniaturizzazione) e del clock e che la architettura, non in quanto cisc ma in quanto vincolata da retrocompatibilità con una veramente obsoleta, consente una scalabilità penosa su macchine a più vie.
    Il concetto di cisc in quanto tale non può essere ridotto a questo esempio, infatti le moderne macchine virtuali e l'incastellamento di architetture hw e sw sulle moderne macchine (a prescindere dalla architettura/e della pura cpu, cisc, risc, vliw) portano tutte conferme della validità di base dell'approcio cisc: perchè fare una macchina che faccia una cosa in 10 passi quando posso farne una che la faccia in un passo? Solo che l'efficienza dei relativi passi è altrettanto importante per cui il discorso si è già da anni spostato sull'aggiungere livelli di complessità al castello di architetture della macchina o nel costruire macchine virtuali piuttosto che costruire cpu direttamente in grado di eseguire più istruzioni; quindi in pratica una macchina virtuale o comunque un livello di astrazione superiore alla cpu viene ottimizzata una volta per tutte su una data cpu, non è più necessario vedere come ogni singola istruzione del massimo livello di programmazione/interazione con la macchina come venga eseguita dalla cpu se non in fase progettuale.
    Parallelo è il discoso della aggiunta di alcune istruzioni a processori risc o cisc commerciali, si tratta di architetture comunque vecchie di qualche anno per retrocompatibilità e quindi l'affermarsi di nuovi task tipici della macchina, come il multimedia, il 3d, crittografia, alcuni algoritmi di compressione ecc richiedono che tra il set di istruzioni ridotto o complesso che sia siano considerate istruzioni in grado di farlo in modo più efficiente, l'approcio è sempre quello, perchè fare con due istruzioni quello che si può fare con uno, anche se ovviamente in cpu cisc e risc viene implementato diversamente.
    Il cisc puro di mettere tutta la complessità in hw quindi è superato da anni, anche nelle stesse macchine cisc, mentre il cisc "ideale" di spalmare la complessità su più livelli è ampiamente usato in tutte le famiglie di processori.
    non+autenticato
  • >di una nuova release di Windows XP chiamata "Premium": si
    >tratterà sostanzialmente del buon vecchio XP infarcito dell'SP 2 e >del Windows Media Player (WMP) 10.

    >La prossima versione del WMP avrà un ruolo particolarmente >importante nelle strategie di Microsoft perché s'integrerà con il >negozio di musica di quest'ultima, MSN Music Store...

    Qui si prevedono tuoni e saette...
    Windows media player e' quello che e' costato un bel 400 milioni o + di euro di multa a Microsoft in europa e gli stanno facendo rogne anche negli altri paesi...
    Poi ora vogliono anche PILOTARE la gente a comprare musica solo su MSN, chissa che contenti tutti quei provider e ditte che hanno portali per vendere musica on-line...

    mi vengono in mente storie medievali di ricchi Re che si prendevano tutto quello che era possibile prendere lasciando il popolo in braghe di tela e del popolo che poi quando ne aveva avuto abbastanza si rivoltava e ammazzava il Re avaro...
    A quando Bill Gates al rogo ? voglio esserci anche io...
    non+autenticato
  • Rimandare, rimandare, rimandare ......
    Tanto io da tempo uso LINUX !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Col cavolo che Bill mi ri_frega !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • "...Fra i componenti di Longhorn destinati a subire un "ridimensionamento" potrebbe esserci il nuovo file-system WinFS..."
    Spero proprio di no: pare infatti fosse un aspetto di notevole interesse tecnologico, cosi come era stata NTFS.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "...Fra i componenti di Longhorn destinati a
    > subire un "ridimensionamento" potrebbe
    > esserci il nuovo file-system WinFS..."
    > Spero proprio di no: pare infatti fosse un
    > aspetto di notevole interesse tecnologico,
    > cosi come era stata NTFS.

    Già con i suoi 70 MB di RAM ciucciati solo per girare.... almeno nella alfa che ho io...
    non+autenticato

  • > Già con i suoi 70 MB di RAM ciucciati
    > solo per girare.... almeno nella alfa che ho
    > io...

    Uhm...prova la release GAMMA ....magari gira meglio.
    Se la gente prima di parlare....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)