Chi ha paura di Freenet?

La comunità di sviluppatori che lavora sul progettone di rete anonima ideato da Ian Clarke è in fermento: la Cina ed altri paesi che censurano Internet ora avrebbero Freenet nel mirino. Scattano le prime reazioni

Chi ha paura di Freenet?Web - Che Freenet faccia paura si sa e non è difficile capire che una rete non controllabile faccia ancora più paura a quei regimi che si reggono sul controllo dell'informazione. In queste ore la comunità di sviluppatori che si occupa del progetto ideato dallo scozzese Ian Clarke è in fermento, perché si ha notizia che la Cina ed altri paesi che già censurano Internet avrebbero iniziato a bloccare l'accesso degli utenti di quei paesi ai siti che parlano di Freenet.

In una mail diffusa nelle scorse ore sulla lista italiana che riunisce gli sviluppatori di Freenet, si legge: "Il governo cinese, che peraltro limita pesantemente da sempre l'accesso ad Internet, sta censurando *attivamente* la diffusione di Freenet tra la sua popolazione. Questa censura è realizzata con il reinvio sistematico al mittente di qualunque messaggio contenga la parola "Freenet" e con il blocco degli accessi ai siti relativi, a cominciare da http://freenet.sourceforge.net/lang/en/".

Nell'email si evidenzia la necessità di reagire immediatamente alla censura cinese inventando metodi di "aggiramento": "Chi fosse contrario, e volesse aiutare coloro che desiderano sviluppare Freenet in questo paese, può realizzare *creativamente* mirror dei sorgenti o del sito, in modo da rendere difficile la censura. Vi prego di realizzare i mirror in *inglese* per ovvi motivi, di mantenerli aggiornati, e di mascherare i riferimenti a Freenet nel mirror, come raccomanda Ian Clarke nel suo messaggio originale". L'idea è quella di sostituire, nei siti di "appoggio", il termine Freenet con alternative valide: "fr33n3t", "fre*net" o "freene7".
Difficile, d'altra parte, per gli oligarchi pechinesi digerire un sito, quello di Freenet, che si apre con una celebre frase di Mike Godwin, della Electronic Frontier Foundation: "Mi preoccupo continuamente di mia figlia e di Internet, anche se lei è troppo giovane per collegarsi. Mi preoccupo che tra 10 o 15 anni lei venga da me a chiedermi: Papà, dov'eri quando hanno eliminato la libertà di informazione da Internet?".
TAG: censura
13 Commenti alla Notizia Chi ha paura di Freenet?
Ordina


  • da Freenet philosophy


    ...OMISSIS...


    6. Isn't censorship sometimes necessary?
    Of course no issue is black and white, and there are many who feel that censorship is a good thing in some circumstances. For example, in some European countries propagating information deemed to be racist is illegal. Governments seek to prevent people from advocating ideas which are deemed damaging to society. There are two answers to this however. The first is that you can't allow those in power to impose "good" censorship, without also enabling them to impose "bad" censorship. To impose any form of censorship a government must have the ability to monitor and thus restrict communication. There are already criticisms that the anti-racism censorship in many European countries is hampering legitimate historical analysis of events such as the second world war.

    The second argument is that this "good" censorship is counter-productive even when it does not leak into other areas. For example, it is generally more effective when trying to persuade someone of something to present them with the arguments against it, and then answer those arguments. Unfortunately, preventing people from being aware of the often sophisticated arguments used by racists, makes them vulnerable to those arguments when they do eventually encounter them.

    Of course the first argument is the stronger one, and would still hold-true even if you didn't accept the second. Basically, you either have censorship, or you don't. There is no middle-ground.

    ...OMISSIS...

    non+autenticato
  • Discutendo con un amico che ha provato a smanettare con il peer di freenet, sono rimasto colpito dal fatto che secondo lui "basterebbe che tutti i provider impedissero il traffico sulla porta nnnn -- non ricordo il numero -- per bloccare completamente il funzionamento di freenet".

    A quanto ne ho capito; correggetemi se sbaglio, il server freenet scambia informazioni con gli altri peer utilizzando sempre le stesse porte (ciò è vero?); ai provider basterebbe fare una cosa analoga a quella che hanno fatto con la famosa/famigerata porta 12345 (netbus?) per farmare tutto.

    ..è davvero così ?
    non+autenticato
  • No, funziona anche su altre porte.
    Freenet non è ancora in uno stadio definitivo, pensi che i geni che hanno inventato questo sistema non abbiano pensato a una tale limitazione ?
    Ingenuo
    non+autenticato
  • ... scusate l'OT, ma proprio su PI la settimana scorsa abbiamo letto un intervento nel quale si magnificava la situazione di liberta' di accesso alla rete, in Cina. Ora quelli di Freenet ci riparlano di censura. Ma la verita' dove sta?? (E non ditemi, e' la' fuori).

    Lock One --
    non+autenticato


  • - Scritto da: Lock One
    > ... scusate l'OT, ma proprio su PI la
    > settimana scorsa abbiamo letto un intervento
    > nel quale si magnificava la situazione di
    > liberta' di accesso alla rete, in Cina. Ora
    > quelli di Freenet ci riparlano di censura.
    > Ma la verita' dove sta?? (E non ditemi, e'
    > la' fuori).
    >
    > Lock One --



    Dove sta la verità? Ah, saperlo!


    Per esempio, siamo proprio sicuri che i nostri amici cinesi abbiano bisogno di Freenet per sapere quello che succede nel mondo libero?



    non+autenticato
  • La verità è che nei paesi dove vi è regime comunista vi è e vi è sempre stato un controllo istituzionale totale sui cittadini e sulla loro libertà.
    Ti sei dimenticato di piazza Tien-Ammenh ?
    Il comunismo, come tutti i regimi totalitari, è basato sul controllo dell'informazione, sulla censura e sui divieti.
    Figurati se è permessa una cosa come Internet...
    non+autenticato
  • Vi sta cuore la liberta`?
    Vi sta a cuore Freenet?

    Allora Cacciate Li Sordi:

    http://freenet.sourceforge.net/index.php?page=dona...
    non+autenticato
  • se avessi uno stipendio sarei ben felice di dare qualche centone per una nobile causa.

    cosi come lo farei per associazioni umanitarie e animaliste.
    non+autenticato
  • Ragazzi non è emozionante?!

    Finalmente qualcosa di MASSICCIO contro l'orribile censura, il regime di controllo su internet! Non possono fermare il file sharing e la libera diffusione delle informazioni!!!

    Forza freenet! Forza Audiognome! Forza Gnucleus!!!

    Lorenzo TAD
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorenzo TAD
    > Ragazzi non è emozionante?!
    >
    > Finalmente qualcosa di MASSICCIO contro
    > l'orribile censura, il regime di controllo
    > su internet! Non possono fermare il file
    > sharing e la libera diffusione delle
    > informazioni!!!
    >
    > Forza freenet! Forza Audiognome! Forza
    > Gnucleus!!!
    >
    > Lorenzo TAD

    Si e forza video-puffi!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)