I grandi cambiano gli SMS in EMS

Se i piani di tutti i grandi produttori di cellulari del mondo andranno in porto, gli SMS diventeranno Enhanced Messaging Service. Sistemi che staranno agli attuali sparamessaggini wireless come la luce elettrica alle candele

Web - I messaggini di testo, gli SMS, oggi tanto popolari sono sul punto di essere rimpiazzati. O almeno così sperano i grandi produttori del settore, da Motorola ad Ericsson passando per Alcatel e Siemens, che stanno puntando su uno standard di messaging più avanzato, l'EMS.

La sigla sta per Enhanced Messaging Service e viene vista come un primo passo verso il futuro del messaging wireless, quel Multimedia Messaging Service che potrà essere completo solo con l'avvento delle reti di telefonia mobile di terza generazione.

L'EMS viene descritto dalle aziende coinvolte come un sistema che sfrutta l'architettura già sperimentata degli SMS per consentire lo scambio di testo, animazioni, suoni e suonerie, immagini... Si tratta di uno standard aperto e dunque non riguarderà soltanto i telefonini e le infrastrutture di messaging prodotte dai grandi nomi coinvolti, ma di fatto consentirà a qualunque azienda del settore di produrre in proprio soluzioni alternative sfruttando EMS.
Per gestire gli EMS i telefonini dovranno essere dotati di nuove funzionalità e le previsioni per il lancio dei primi cellulari abilitati variano da produttore a produttore. I primi modelli potrebbero arrivare sul mercato, comunque, già il prossimo autunno.

Appare dunque evidente che, visto il supporto e il modello aperto, l'EMS abbia tutte le carte per "sfondare" nel mercato oggi occupato dagli SMS e venga considerato con sempre maggiore interesse dagli operatori per la potenziale redditività del nuovo business.
8 Commenti alla Notizia I grandi cambiano gli SMS in EMS
Ordina
  • così manderanno schifezze che prima non si riuscivano a mandare.
    non+autenticato
  • Ogni giorno ci si sveglia e si sente che c'e' sempre qualcosa di nuovo, una novità, un gestore, un protocollo, insomma un qualcosa che ti dovrebbe semplificare o migliorare le prestazioni. Ricordo quando si parlò di BlueTooth, doveva rivoluzionare tutto... Invece alla fine è risultato un buco nell'acqua. La tecnologia genera tante cose, senza mai però mettere a fuoco la vera utilità di quel che serve. Adesso voler ingrandire o modificare il modo di fare i messaggini che tanto hanno ormai condizionato il modo di vivere comune di ogni giorno, anche con uno slang ormai tutto fatto apposta per scrivere in pochi caratteri un pensiero, cade secondo il mio modo di vedere, come un fulmine a ciel sereno. Non sono queste le vere utilità che occorrono oggi, bensì potrebbe esserlo un modo per ricevere o far ricevere soccorso o aiuto a chi si trova in difficoltà. Ecco un modo semplice, anche tramite un messaggino che viene inviato all'autorità competente in caso di pericolo, questo si che potrebbe un esempio di tecnologia "utile" e non quello che ogni giorno si cerca di ottenere cioè solo tanti benefici a costi praticamente molto elevati. Pensiamo alla tecnologia del benessere e non alla tecnologia del consumismo.
    non+autenticato
  • Ciao Fabrizio,
    dai tempo al tempo e vedrai che i tuoi sogni diverranno realta'!
    Riguardo a Bluetooth non è affato un buco nell'acqua... deve ancora cominciare e tu parli già di risultati... che vedrai saranno soddisfacenti..
    tempo al tempo.. ci sono, purtroppo, interessi commerciali dinnanzi a quelli che stanno a cuore a te.. e quindi l'inevitabile rallentamento nell'introduzione alle nuove tecnologie, gia' pronte di fatto, ma in attesa di un pubblico più maturo.
    Ti riporto una frase interessante di Piero Angela che approvo pienamente e spero anche tu:
    "Credo che bisognerebbe riflettere di più sui cambiamenti portati dalla scienza e dalla tecnologia in ogni campo e non addossarle colpe che appartengono solo alla nostra incapacità culturale e politica di gestirle nel modo migliore."

    - Scritto da: Fabrizio
    > Ogni giorno ci si sveglia e si sente che
    > c'e' sempre qualcosa di nuovo, una novità,
    > un gestore, un protocollo, insomma un
    > qualcosa che ti dovrebbe semplificare o
    > migliorare le prestazioni. Ricordo quando si
    > parlò di BlueTooth, doveva rivoluzionare
    > tutto... Invece alla fine è risultato un
    > buco nell'acqua. La tecnologia genera tante
    > cose, senza mai però mettere a fuoco la vera
    > utilità di quel che serve. Adesso voler
    > ingrandire o modificare il modo di fare i
    > messaggini che tanto hanno ormai
    > condizionato il modo di vivere comune di
    > ogni giorno, anche con uno slang ormai tutto
    > fatto apposta per scrivere in pochi
    > caratteri un pensiero, cade secondo il mio
    > modo di vedere, come un fulmine a ciel
    > sereno. Non sono queste le vere utilità che
    > occorrono oggi, bensì potrebbe esserlo un
    > modo per ricevere o far ricevere soccorso o
    > aiuto a chi si trova in difficoltà. Ecco un
    > modo semplice, anche tramite un messaggino
    > che viene inviato all'autorità competente in
    > caso di pericolo, questo si che potrebbe un
    > esempio di tecnologia "utile" e non quello
    > che ogni giorno si cerca di ottenere cioè
    > solo tanti benefici a costi praticamente
    > molto elevati. Pensiamo alla tecnologia del
    > benessere e non alla tecnologia del
    > consumismo.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Gi0
    > Ciao Fabrizio,
    > dai tempo al tempo e vedrai che i tuoi sogni
    > diverranno realta'!
    > Riguardo a Bluetooth non è affato un buco
    > nell'acqua... deve ancora cominciare e tu
    > parli già di risultati... che vedrai saranno
    > soddisfacenti..
    > tempo al tempo.. ci sono, purtroppo,
    > interessi commerciali dinnanzi a quelli che
    > stanno a cuore a te..

    *Oppure potrebbe esemplicemente essere che altri sistemi avanzano più rapidamente i Bluetooth (vedi il nuovo standard Irda). Magari, dopo il flop del CEBIT, qualcuno ha cominciato ad indagare sulle prospettive di questa nuova tecnologia di trasmissione.
    non+autenticato
  • Tutto puo' essere Giuseppe!
    pero' sinceramente preferisco Bluetooth per connettere tutta la mia casa al pc piuttosto di irda!
    al mio gatto non piacerebbero molto!
    Comunque dal 6310 Nokia ha gia' Bluetooth integrato nel cellulare... nel 6210 e' una skeda a parte... e se Nokia prevede l'esplosione di Bluetooth in una vastita di devices probabilmente sara' cosi'...
    Comunque se ci rifletti e' una bella storia
    l'aver tutto connesso a prescindere che sia
    Bluetooth o meno a farlo no?
    ciao!Sorride

    - Scritto da: giuseppe ricci
    > *Oppure potrebbe esemplicemente essere che
    > altri sistemi avanzano più rapidamente i
    > Bluetooth (vedi il nuovo standard Irda).
    > Magari, dopo il flop del CEBIT, qualcuno ha
    > cominciato ad indagare sulle prospettive di
    > questa nuova tecnologia di trasmissione.
    non+autenticato
  • Io non voglio sogni ma voglio cose concrete... Come mai tutte le tecnologie consumistiche che stanno venendo fuori sono cose concrete, e invece ciò che ci è necessario non lo tirano fuori? Blootooth, al contrario di come si pensava lo stanno abbandonando propio come tecnologia. Ultimamente anche la stessa Nokia, che lo ha gia implementato in alcuni cellulari, ha fatto marcia indietro. La tecnologia sta diventando troppo consumistica. Prima la tecnologia era per migliorare le condizioni di vita; adesso invece e per migliorare i conti in tasca a pochi eletti. Parafrasando FORD che diceva che e' vera tecnologia, quando i benefici li possono usare tutti, questo non avviene più; ed ecco perchè non si riuscirà mai ad ottenere un vero standard comunicativo, che possa adattarsi alle esigenze di ognuno. Solo tralasciando gli interessi economici e pensando realmente a cosa serve effettivamente si riuscirà a migliorarsi e a fare qualcosa di veramente utile.

    - Scritto da: Gi0
    > Ciao Fabrizio,
    > dai tempo al tempo e vedrai che i tuoi sogni
    > diverranno realta'!
    > Riguardo a Bluetooth non è affato un buco
    > nell'acqua... deve ancora cominciare e tu
    > parli già di risultati... che vedrai saranno
    > soddisfacenti..
    > tempo al tempo.. ci sono, purtroppo,
    > interessi commerciali dinnanzi a quelli che
    > stanno a cuore a te.. e quindi l'inevitabile
    > rallentamento nell'introduzione alle nuove
    > tecnologie, gia' pronte di fatto, ma in
    > attesa di un pubblico più maturo.
    > Ti riporto una frase interessante di Piero
    > Angela che approvo pienamente e spero anche
    > tu:
    > "Credo che bisognerebbe riflettere di più
    > sui cambiamenti portati dalla scienza e
    > dalla tecnologia in ogni campo e non
    > addossarle colpe che appartengono solo alla
    > nostra incapacità culturale e politica di
    > gestirle nel modo migliore."
    >
    > - Scritto da: Fabrizio
    > > Ogni giorno ci si sveglia e si sente che
    > > c'e' sempre qualcosa di nuovo, una novità,
    > > un gestore, un protocollo, insomma un
    > > qualcosa che ti dovrebbe semplificare o
    > > migliorare le prestazioni. Ricordo quando
    > si
    > > parlò di BlueTooth, doveva rivoluzionare
    > > tutto... Invece alla fine è risultato un
    > > buco nell'acqua. La tecnologia genera
    > tante
    > > cose, senza mai però mettere a fuoco la
    > vera
    > > utilità di quel che serve. Adesso voler
    > > ingrandire o modificare il modo di fare i
    > > messaggini che tanto hanno ormai
    > > condizionato il modo di vivere comune di
    > > ogni giorno, anche con uno slang ormai
    > tutto
    > > fatto apposta per scrivere in pochi
    > > caratteri un pensiero, cade secondo il mio
    > > modo di vedere, come un fulmine a ciel
    > > sereno. Non sono queste le vere utilità
    > che
    > > occorrono oggi, bensì potrebbe esserlo un
    > > modo per ricevere o far ricevere soccorso
    > o
    > > aiuto a chi si trova in difficoltà. Ecco
    > un
    > > modo semplice, anche tramite un messaggino
    > > che viene inviato all'autorità competente
    > in
    > > caso di pericolo, questo si che potrebbe
    > un
    > > esempio di tecnologia "utile" e non quello
    > > che ogni giorno si cerca di ottenere cioè
    > > solo tanti benefici a costi praticamente
    > > molto elevati. Pensiamo alla tecnologia
    > del
    > > benessere e non alla tecnologia del
    > > consumismo.
    non+autenticato

  • Tra i nomi di produttori non vedo citato quello del leader di mercato, ovvero Nokia...

    Che questo voglia dire qualcosa?
    non+autenticato
  • se le tariffe saranno quelle del wap il fallimento è assicurato
    non+autenticato