Guarda il Cinema, lui guarda te

di Gilberto Mondi - Bella l'ideona delle multisala Warner, anzi ex Warner, quella di scrutare chi va al cinema per essere certi che, durante la visione, non faccia alcunché di illegale

Roma - C'è un momento quando si è al cinema che ho sempre gustato con piacere, quello in cui si passa dai trailer alla proiezione vera e propria del film per il quale si è deciso di uscire di casa, magari prendere la macchina e pagare l'accesso in sala. È il momento in cui le luci si spengono e tutti i presenti, a volte centinaia di presenti, scompaiono nell'oscurità, lasciando alla luce del grande schermo l'intera scena.

È quello l'istante in cui gli innamorati stringono l'uno le mani dell'altro, in cui una signora poggia sulla spalla del marito la propria testa, in cui i bambini che non hanno mai smesso di parlare da quando sono entrati scoprono d'un colpo la magia del cinema. Ed è proprio quel momento così intimo, a metà tra rilassamento, attesa e meraviglia, che un multisala ha intenzione di distruggere.

I Vue Cinemas (gli ex Warner Village), innescando una tendenza che potrebbe presto uscire dalle loro sale ed invadere i cinema di mezzo mondo, hanno infatti dichiarato guerra agli screeners tirando in ballo gli spettatori. A chi avesse vissuto in questi anni su un altro pianeta basti sapere che gli screeners sono i prodotti di coloro che procedono alla "cattura abusiva" dei film di prima visione: effettuata con apparecchi sempre più sofisticati, la cattura permette la riproduzione dei film in digitale, per esempio su DVD illegali da spacciare poi sul mercato nero.
La novità dunque non è la guerra agli screeners ma il metodo. Ora infatti la si vuole combattere scrutando il pubblico in sala con tecnologie di visione notturna da tempo in dotazione agli eserciti e, come spesso accade, ormai tradotte sul mercato civile.

A dover sottrarre privacy agli spettatori, impossibilitati nel buio a ricambiare uno sguardo indagatore, saranno le maschere: saranno loro ad avere in mano speciali cannocchiali ad infrarossi capaci di passare sui volti dei presenti. Lo scopo, evidentemente, sarà di verificare che nessuno abbia azionato sistemi di ripresa, che nessuno stia cioè rubando il film.

Quegli operatori di sala che fino a ieri hanno indicato ai cinefili meno accorti o ritardatari la poltrona giusta, spesso spezzando proprio quel buio con le loro lampadine, coloro che un tempo verificavano chi stesse accedendo alle sale, d'ora in poi dovranno anche controllare cosa faranno quegli stessi cinefili una volta seduti al loro posto.

Quell'occhio invisibile potrà forse impedire di rubare immagini protette, di certo sarà però proprio quell'occhio a rubare qualcosa: la spontaneità degli spettatori. Quella no, non è protetta.

Gilberto Mondi

dello stesso autore:
Urbani e copyright, avanti così
Mondo fisico, una pulsione ineffabile
Nessuno fermi le Gogne elettroniche
109 Commenti alla Notizia Guarda il Cinema, lui guarda te
Ordina
  • .... in un luogo pubblico???
    non+autenticato
  • L'unica volta che sono stato al warner village una signorina all'ingresso mi ha detto che per entrare al cinema avremmo dovuto mostrare il contenuto della borsa, alla mia ragazza ha poi detto che non poteva portare in sala la bottiglietta d'acqua acquistata fuori: doveva berla li, prima di entrare o buttarla via!

    Da allora, ovviamente, decidemmo che avremmo sempre scelto altre sale (quella volta entrammo solo perchè il biglietto ormai l'avevamo pagato) e questa notizia cade giusto a ricordarmi che la decisione presa era un'ottima decisione!

    Ciao
    Matteo
    non+autenticato
  • Se al cinema ci vai per limonare, puoi farlo anche mentre ti guardano con il visore notturno. Idem se ti scaccoli o ti gratti le balle, non ci vedo nulla di sconvolgente (non ti sei mai scaccolato in auto, al semaforo? Magari qualcuno ti ha filmato, che ne sai). Se invece vai al cine e ti metti a copulare con la tua dolce metà allora la colpa è solo tua. Resta a casa e sfoga i tuoi istinti prima di uscire, non aspettare di essere su una poltrona di un cinema.

    Altra cosa: bisogna mettersi in testa che i vizi vanno corretti. Gli screeners SONO un problema, senza stare a fare sofismi sulle case cinematografiche "che-tanto-sono-piene-di-soldi" e quindi "cosa-vuoi-che-gliene-freghi-a-loro". A forza di urlare al mondo i diritti dell'utente (DEVO scaricare musica, DEVO navigare tranquillo, DEVO poter riprendere un film in sala, DEVO fare quello che voglio) ci si scorda che "DEVO" non equivale sempre a "POSSO".

    L'alternativa è un controllo selettivo come in aereoporto. Si accede alla sala soltanto previo palpeggio delle parti intime e non, zainetti e borse comprese. Scomodo, no? Difficile, no? Ecco quindi che i visori notturni sono la cosa migliore. Efficaci (in teoria) e indolori.

    Se proprio vi cuccano con le mani nelle mutande della fidanzata.. cosa sarà mai. Privacy? Ma dove, ma cosa. Siete in un luogo pubblico dove magari ci sono anche dei ragazzino, non c'è scritto "vieni al cinema, bibita e petting omaggio". Ah ma voi pensate che vi riprendano "e vi mettano su internet, in qualche sito sporco". Se siete così paranoiati, rima di iniziare qualsiasi approccio mettetevi una mascherina. Problema risolto.
    non+autenticato
  • Finalmente qualcuno ha un pò di cervello in questo forum!
    !!!!

    Stai a vedere che tra poco qualcuno porterà di fronte al giudice il polizziotto che lo ha beccato mentre stava rubando una vecchietta dalla sua borsetta... e solo perchè stava violando la sua privacy!!!

    Ma andiamo! Un pò di serietà!
    non+autenticato
  • Io la sera la passo a fare di meglio con mia moglie, quindi non mi importa più di tanto di quello che fanno al cinema, quello che dice urbani, gli unici dvd che faccio sono i filmati che monto, quelli dei nostri viaggi, ed i cd li compro usati a 3 euro l'uno nei negozi di seconda mano diffusissimi in europa (ma non in italia)

    Poi visto che mi spiano anche mentre guardo un film....

    A casa non ho nessuno che mi guarda con un visore notturno, almeno credo, per sicurezza la tenda la chiudo sempreSorride

    buona visione a tutti.

    non+autenticato
  • Heheheheh anche io e mia moglie siamo dei vostri. Al cinema ci si va per vedere un film, altrimenti si è messi molto maleSorride
    non+autenticato
  • Un'altro motivo per non andare al cinema, si scrutino le sedie vuote, ma dimmi te se un piciu con un visore IR deve spiarmi mentre slinguazzo con la ragazza.
    Ma che si impalino! che io i dvx me li compro al mercatino e me li guardo sul lettore in casa.
    Soldi a ste gente manco per sbaglio!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | Successiva
(pagina 1/11 - 51 discussioni)