La morìa dei netcafé cinesi

Il regime chiude più di un decimo degli esercizi che consentivano l'accesso ad internet. Il motivo è sempre quello: immoralità e pornografia. Ma dietro c'è la politica

Pechino (Cina) - Le telecamere wireless installate dentro certi Internet-cafè cinesi sembrano proprio funzionare bene. Dopo quasi tre mesi dall'annunciato giro di vite contro l'uso immorale di Internet, il governo di Pechino annuncia ufficialmente la chiusura di 16.000 punti d'accesso pubblici.

Le autorità cinesi procedono con ritmi serratissimi nell'applicazione del programma nazionale di tutela morale ed etica della popolazione in Rete: solo un mese fa, i primi risultati del crackdown parlavano di "appena" 8.600 Internet-cafè chiusi dalle forze dell'ordine. La cifra è praticamente raddoppiata nel corso di un mese.

Mediamente si tratta di circa cinquanta sequestri e chiusure quotidiane: un dato preoccupante che non mancherà di destare preoccupazioni di tipo economico. Gli Internet cafè cinesi (oltre 90.000 su tutto il territorio nazionale) sono una realtà molto radicata nella storia informatica del paese, funzionando sia da punti d'accesso pubblico che da sale-gioco per gli adolescenti. Una preziosa fonte economica anche per lo stato, che recepisce preziose entrate da qualsiasi attività del settore IT, grazie a tasse e costose autorizzazioni.
I vari Internet-cafè nel mirino delle forze di polizia sono accusati di violare le rigidissime leggi che limitano drasticamente il diritto all'informazione ed alla libertà d'espressione, due valori praticamente assenti nella Cina popolare. Oltre alle multe, sono previste la chiusura dell'attività e la galera: a rischio tutti coloro che mettono a disposizione materiale pornografico, videogiochi proibiti oppure informazioni poco gradite al governo.

Sono soprattutto queste ultime a preoccupare maggiormente i vertici del PCC. La possibilità che Internet sia uno strumento potentissimo in mano al cittadino non va assolutamente giù al Commissione Centrale per l'Innalzamento Etico e Culturale, responsabile della recente messa al bando di un noto videogioco multiplayer.

Il giro di vite liberticida che sta stritolando la popolazione del gigante asiatico è sia di ordine morale sia politico: fa parte di un piano, definibile "multimediale", per controllare l'integrità psichica e la formazione di oltre 300 milioni di giovani e giovanissimi, esposti quotidianamente a TV, Internet e giornali. Come nel caso di numerosi cyberdissidenti politici condannati dal marchio della "psicopatia", persino Britney Spears è stata recentemente al centro del dibattito pubblico: accusata di corruzione morale della gioventù, le è stata negata la presenza ad un noto talk-show televisivo.
(Tommaso Lombardi)
TAG: censura
9 Commenti alla Notizia La morìa dei netcafé cinesi
Ordina
  • "persino Britney Spears è stata recentemente al centro del dibattito pubblico: accusata di corruzione morale della gioventù, le è stata negata la presenza ad un noto talk-show televisivo"

    da noi invece per corruzione morale della gioventù negano il video a luttazzi biagi e santoro...
    non+autenticato
  • Beh sono due problemi d'ordine differente non credi? Del tipo... Santoro e compagnia hanno una precisa connotazione politica. Britney Spears, tranne essere una ragazzetta bella e svestita, non ha altre connotazioni lontanamente pericolose. Tranne far arrapare qualche vecchietto bavoso teledipendenteCon la lingua fuori
    La differenza è netta...
    non+autenticato
  • appunto: chi è che censura le idee ?
    non+autenticato
  • Nessuna meraviglia,signori:Se la Cina,questo splendido,grande Paese,dall'antichissima Civiltà,fosse stato sempre democratico,come impostazione di governo,allora avremmo motivo di meravigliarci di quanto avviene attualmente in questa Nazione,circa l'uso di Internet. Ma basta attentamente studiare la Storia Cinese per rendersi immediatamente conto che fin dai tempi più antichi,fino a quelli attuali,la tendenza a rinchiudersi nel proprio guscio ed a esercitare il potere in modo assolutistico, è sempre stata presente. La dimostrazione più eclatante e ancora visibile? La Grande Muraglia. Coloro che la realizzarono,sapevano che non poteva fronteggiare un esercito agguerrito .Tant'è vero che i Mongoli invasero la Cina oltrepassando la Grande Muraglia senza troppe difficoltà. E se questa grande opera dell'uomo ,al tempo, fu concepita come sistema di difesa, rivela altresì la fortissima tendenza a chiudersi entro i propri confini e a non voler contatti con l'esterno.Nella nostra fase storica,un concetto simile è semplicemente assurdo e inaccettabile anche se ognuno è "libero" di fare le proprie scelte. L'attuale dirigenza Cinese,in quanto ad atteggiamento,non si discosta da quella degli antichi imperatori.Cambia soltanto l'etichetta ma la sostanza è sempre quella.Stanno distruggendo il Tibet,nessuno protesta o molto debolmente e con poca convinzione.Ma basta che stia rendendo Internet un carcere e subito molti protestano...come sto facendo in questo momento,(ma sono comunque cosciente anche di altre ingiustizie ,molto pesanti,che da anni ,il governo cinese sta commettendo...e per le quali,nessuno si è mosso in maniera decisa e univoca...Ovviamente,se nel Tibet vi fossero delle risorse importanti:minerali,petrolio o altro,si verificherebbe la stessa situazione dell'Iraq o Afghanistan.Perchè questa ,è la verità.
    Potrei fare altri esempi di realtà dove il mondo dovrebbe intervenire e non lo fa in quanto mancano elementi di tornaconto.In Cecenia,sta avvenendo,da anni,un massacro : vi sono state azioni politiche ad alto livello, per cercare di risolvere il problema Ceceno? Non mi sembra. Ma a Mosca interessa il petrolio:poco male,se si elimina qualche milione di persone,no? In Sudan non avviene la stessa triste cosa? Non ci sono risorse particolari,(potrei sbagliarmi su questo punto)quindi di interventi,politici,Onu e via dicendo,non è il caso di parlare. Caspita,che Pianeta progredito:si, ma come no! Sul piano etico-sociale,siamo ancora in fase primitiva,stando ai fatti.
    Ho iniziato con Internet,relativamente alla Cina,ma proprio per il fatto che Internet è Inter...nazionale ,mi è venuto spontaneo estendere il mio punto di vista su una visuale più ampia. Circa
    Internet,anche in Europa sta avvenendo qualcosa di simile, in modo piuttosto restrittivo. Forse i politici di tutto il mondo,si somigliano...se così dovesse essere,addio speranze!
    E poi,tra di loro,non si mordono.


    Scusatemi
                                                                Cordialità
                                                                Il musico
  • Beh insomma ....
    sul fatto che britney danneggi l' integrita' psichica dei giovani non e' che abbiano poi tutti i torti.
  • Britney è da censurare anche in occidente. Ci sarebbero meno ragazzette anoressiche che a 20 anni si addormentano sognando una liposuzione ed una bella chirurgia plastica al seno.

    Ehehehehe
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Britney è da censurare anche in
    > occidente. Ci sarebbero meno ragazzette
    > anoressiche che a 20 anni si addormentano
    > sognando una liposuzione ed una bella
    > chirurgia plastica al seno.

    > Ehehehehe

    Behh.. ultimamente la Spears e' ingrassucchiata un po'... e diciamo la verita'... non e' mai stata un grissino pero' a me piacciono anche un po' pienotte hehehe Sorride Sorride

    W le cinesi pienotte (alcune sono carine)
  • Aho a questi gli va peggio, se ti beccano con una mano infilata nel pantalone che guardi qualche fotina di silvja Saint davanti al monitor te sbattono in galera!
    Io sapevo che l'autoerotismo facesse male agli occhi, non che sporcasse la fedina penale.
    Certo per toccare le tastiere uno se deve mettere i guanti o usa una tastiera usa e getta (scherzo).
    aho occhio se andate a Pechino, visitate punto informatico e bastaOcchiolino almeno non rischiate de finire in galera con vostro padre che vi dice : "te l'avevo detto che chiudersi in bagno con i giornalini non ti avrebbe giovato, e difatti eccoti qua! addirittura in galera e straniera per di più!"
    :DA bocca apertaA bocca aperta

  • - Scritto da: Elwood_
    [cut]
    > aho occhio se andate a Pechino, visitate
    > punto informatico e bastaOcchiolino almeno non
    > rischiate de finire in galera con vostro
    > padre che vi dice : "te l'avevo detto che
    > chiudersi in bagno con i giornalini non ti
    > avrebbe giovato, e difatti eccoti qua!
    > addirittura in galera e straniera per di
    > più!"
    >A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    Punto Informatico e' reazionario e mina la salute mentale dei giovani!

    W LA CINA!

    :|Sorpresa:s:(In lacrime

    Saluti...
    ................Enrico Fan Linux
    non+autenticato