Un'interforza contro i pedoabusi

La organizzano quattro potenze di lingua inglese: per controllare la rete 24 ore su 24 e fornire una presenza che, dicono, deve essere rassicurante per tutti

Londra - Ci sono Regno Unito, Canada, Stati Uniti ed Australia dentro una nuova task force internazionale tesa a proteggere i bimbi e i minori in Internet più che a scovare la criminalità che sfrutta gli abusi pedopornografici.

I quattro paesi, alleati anche in altri sistemi di sorveglianza come Echelon, hanno firmato un accordo per monitorare assieme la rete 24 ore su 24, fornendo una presenza protettiva che dovrebbe, a loro dire, essere rassicurante.

Ad illustrarlo ai reporter è stato un funzionario britannico che ha parlato di una "presenza di polizia 24 ore su 24 in rete". Il cybercop della National Crime Squad britannica ha anche voluto sottolineare che non c'è alcuna intenzione di "avere un poliziotto in ogni chat room" ma di formare una forza di tutela che possa funzionare anche come deterrente per le attività di certi criminali in rete.
Il progetto e l'accordo sono emersi nel corso di una tre giorni in cui le polizie dei quattro paesi si sono riunite. Sebbene saranno relativamente ridotte le risorse disponibili per un'operazione di questo tipo, la sua stessa esistenza potrebbe, secondo gli esperti, portare notevoli benefici.

Il tutto avverrebbe nel segno della trasparenza. Secondo quanto riportato sull'argomento da Reuters, infatti, si starebbe persino pensando ad una sorta di piccolo ma visibile logo capace di indicare la presenza di un monitoraggio della polizia in una determinata chat room.

"La gente - ha peraltro assicurato il cybercop inglese - si sente più sicura quando c'è la polizia. Solo questo conta. Non si tratta di Grandi Fratelli, qui si parla di rassicurare attraverso la visibilità".
TAG: cybercops
16 Commenti alla Notizia Un'interforza contro i pedoabusi
Ordina
  • non li mettono per strada a controllare ??
    Magari un poliziotto per ogni via!!!

    credo che servano di piu' in altri posti i poliziotti invece di farli chattare.

    Poi la scusa di proteggere i minori e' proprio ridicola, e' un compito che dovrebbe spettare a chi ha in custodia il minore, cioe' genitori, maestri, professori, ecc...

    Ditemi un po' dove un minorenne puo'accedere ad internet se non in casa, o a scuola o in altro posto dove non ci possa essere un responsabile.

    Se gli internte cafe' o le biblioteche o chissa' cos'altro non si vogliono assumere delle responsabilita' che non facciano usare i computer ai minori...o che preparino delle postazioni per i minori magari filtrate o controllate.

    E' incredibile che con la questa SCUSA (i minori di 18 non sono la maggioranza della popolazione, anzi) si pretenda di controllare il 100% delle persone.
    non+autenticato
  • Ci sono i controllori dei....controllori?:D
    non+autenticato
  • > Ci sono i controllori dei....controllori?:D

    La solita, vecchia, semplicissima domanda a cui nessuno da mai una risposta, in compenso la depistano con una serie di luoghi comuni da paura A bocca aperta
    non+autenticato
  • L'essere umano non è degno di godere di tutti questi diritti. E' solo un animale, una bestia da soma che deve essere controllato dalla nascita alla morte e deve ubbidire al sistema, punto. E' ora di fare un po' di pulizia: chi sostiene queste cazzate deve diventare fertilizzante per i campi. Io propongo l'abrogazione immediata di tutte le libertà civili ed il controllo totale della vita individuale, dal cesso fino al posto di lavoro. Al minimo sgarro si diventa fertilizzante.
    In particolare la razza umana deve smettere di accopiarsi con la procreazione, ma deve essere prodotta su scala industriale con la clonazione, ovviamente con una rigida selezione delle caratteristiche genetiche. Solo così potremo entrare nell'era spaziale vera e colonizzare l'intero universo. Per fare questo ci serve una comunità forte, dove non c'è posto per il dissenso.
    non+autenticato
  • Aspetta che indovino il film ....
    Matrix 1-2-3 Boh???
    :D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D
    non+autenticato
  • Si commenta la notizia senza leggerla:
    qualcuno parla di Echelon.
    La frase del testo è
    "alleati anche in altri sistemi di sorveglianza [riferimento a Echelon]"
    "anche" è una parola italiana e significa, in questo contesto, "diversamente da questo caso".
    D'altra parte, caratteristica di Echelon è loggare senza farsi notare: infatti viene installato dei provider in trasparenza sulla connessione e non ha bisogno di pubblicizzarsi per agire (anzi magari i nostri provider già ce l'hanno più o meno consapevolmente).
    Al contrario l'iniziativa di cui si parla punta più sulla presenza appariscente (loghi e presenza 24h/24) che sul controllo reale, come si nota anche da numerose altre frasi dell'articolo.
    Ma si sa... l'italiano è difficile da leggere.

    non+autenticato
  • "Whenever a politician starts talking about 'the children', keep one eye on your wallet and the other on your liberty." ("Ogni volta che un politico incomincia a parlare dei 'bambini', tieni un occhio sul tuo portafoglio e l'altro sulle tue libertà.")
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)