Brevetti in Europa, chi spera nelle elezioni?

Ne parla l'Associazione Software Libero che ricostruisce l'iter di un provvedimento contro il quale si sono scagliati nei mesi centinaia di migliaia tra utenti, associazioni ed esperti. AsSoLi: votate bene

Roma - Il Consiglio dei ministri dell'Unione Europea ha ribaltato il rifiuto del Parlamento europeo ai brevetti software in Europa. Nella riunione del 17 e 18 maggio scorso, il Consiglio europeo dei ministri sulle Competitività, a Bruxelles, ha rigettato gli emendamenti che il Parlamento europeo aveva apportato all'originale direttiva. Questa avrebbe introdotto in Europa una legislazione sui brevetti software simile a quella in vigore negli Stati Uniti e in Giappone, sulla quale la Federal Trade Commission Statunitense ha già espresso critiche e riserve.

Il risultato del compromesso approvato dal Consiglio dei ministri è addirittura peggiore della proposta originaria, perché potenzialmente permette di brevettare qualunque programma per elaboratore.

Una tale legislazione sarebbe deleteria per il tessuto produttivo europeo legato alle moderne tecnologie, che è costituito in massima parte di piccole e medie imprese utilizzatrici o produttrici di software. Infatti, una forte protezione brevettuale in questo campo avvantaggia solo chi ha già registrato un gran numero di brevetti e può quindi stringere accordi di non belligeranza con le altre grandi imprese.
In questo modo si creano artificialmente delle "barriere all'ingresso" per le nuove aziende, piccole o grandi che siano, limitando quindi l'offerta ed impedendo la naturale diminuzione dei prezzi dovuta alla competizione.

Il software libero è particolarmente vulnerabile ad una legislazione che ammetta i brevetti software, perché le licenze libere permettono la libera copia senza vincoli. Essendo quindi incompatibili con la copertura brevettuale come normalmente adottata, i programmi liberi sono costretti ad un pericoloso slalom nel campo minato dei brevetti.

Grazie alle pressioni effettuate dalle associazioni di categoria e da un movimento politico trasversale, prima il ministro all'Innovazione e Tecnologia Lucio Stanca e subito dopo il viceministro all'Economia e Finanze Mario Baldassarri hanno dichiarato la loro posizione di contrarietà, ed il Governo italiano si è astenuto dal votare la risoluzione proposta dalla presidenza irlandese, sponsorizzata da importanti multinazionali del software.

Il nostro governo ha quindi svolto correttamente il proprio ruolo, ma purtroppo questo non è stato sufficiente, a causa soprattutto del cambio di fronte di alcuni paesi che avevano espresso dichiarazioni di voto diverse. A meno che qualcuno dei rappresentanti dei governi ritiri il proprio voto nella prossima riunione di metà giugno, il testo approvato dal Consiglio europeo di maggio sarà discusso dal nuovo Parlamento europeo nei prossimi mesi.

I CITTADINI EUROPEI POSSONO influire su questi eventi, e INDICARE AGLI EURODEPUTATI COL LORO VOTO LA PROPRIA CONTRARIETÀ AI BREVETTI SOFTWARE, per una società che sia centrata sui bisogni e le libertà del cittadino, piuttosto che sugli interessi e le rendite di posizione di pochi.

È per questo che segnaliamo l'impegno che diversi candidati hanno preso pubblicamente riguardo a diverse questioni, fra cui i brevetti software, sottoscrivendo un appello proposto da diverse associazioni.

Ed è per questo che teniamo a ricordare che gli eurodeputati Armando Cossutta (GUE, Partito dei Comunisti Italiani), Cristiana Muscardini (UEN, Alleanza nazionale), Marco Cappato (NI, Lista Emma Bonino) hanno riconosciuto l'importanza della questione, orientando nel senso corretto le scelte dei propri schieramenti quando il Parlamento Europeo votò in proposito il 24 settembre scorso.

In particolare l'eurodeputato Marco Cappato, del Partito Radicale Transnazionale, ha condotto l'organizzazione a Roma di una conferenza sui brevetti software, contribuendo così a diffondere la consapevolezza del rischio che il Parlamento Europeo ha di seguito sventato con il suo voto. Cappato ha successivamente pubblicizzato, assieme ad Emma Bonino, la necessità di opporsi alla direttiva come originalmente concepita.

Infine, mettiamo a disposizione sul nostro sito UN RIASSUNTO DEL VOTO DEGLI EURODEPUTATI ITALIANI sull'argomento, perché ognuno possa verificarne il comportamento.

Associazione Software Libero
16 Commenti alla Notizia Brevetti in Europa, chi spera nelle elezioni?
Ordina
  • In questa pagina ci sono i punteggi dati ai politici considerando gli emendamenti votati "moltiplicati" per la loro importanza. I voti vanno da 100 (perfetto) a -100 (lobbitizzato Sorride

    http://www.beauprez.net/softpat/lobbybase/search.p...=

    Inoltre per ogni parlamentare europeo e` possibile vedere nel dettaglio a quali emendamenti ha votato e l'opinione della FFI.

    Molti parlamentari dei DS che si erano beccati il bollino rosso nella pagina dell'articolo in questa tabella si salvano "per il rotto della cuffia"...

    A livello personale l'argomento mi interessa molto sia sul lato pratico (scrivo software), sia su quello democratico dato che e` su argomenti che si conoscono che e` piu` facile valutare l'operato dei propri rappresentanti...

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > In questa pagina ci sono i punteggi dati ai
    > politici considerando gli emendamenti votati
    > "moltiplicati" per la loro importanza. I
    > voti vanno da 100 (perfetto) a -100
    > (lobbitizzatoSorride
    >
    > www.beauprez.net/softpat/lobbybase/search.php
    >
    > Inoltre per ogni parlamentare europeo e`
    > possibile vedere nel dettaglio a quali
    > emendamenti ha votato e l'opinione della
    > FFI.
    >
    > Molti parlamentari dei DS che si erano
    > beccati il bollino rosso nella pagina
    > dell'articolo in questa tabella si salvano
    > "per il rotto della cuffia"...
    >
    > A livello personale l'argomento mi interessa
    > molto sia sul lato pratico (scrivo
    > software), sia su quello democratico dato
    > che e` su argomenti che si conoscono che e`
    > piu` facile valutare l'operato dei propri
    > rappresentanti...
    >

    Link utile, grazie, ma brutte notizie per i moderati:
    sia nel centro destra che nel centro sinistra, gli
    eurodeputati delle liste moderate prevalenti, PPE e PSE,
    hanno lasciato abbastanza a desiderare sulla questione,
    tocca tuffarsi su "partitini" o estremisti o scegliere i meno
    peggio fra i moderati.
    La cosa migliore, se si conoscono "facce nuove" nel proprio
    schieramento in cui si abbia fiducia, cercare di eleggere loro
    e far restare a casa i peggiori della propria lista preferita.
    non+autenticato
  • E in questo articolo sono stati completamente dimenticati

    Ricordate le battaglie in Europa e in Italia (Cortiana vi dice niente?Occhiolino )

    Per completezza, poi decidete voiSorride
    non+autenticato
  • Cortiana non è candidato al parlamento europeo!
  • > E in questo articolo sono stati
    > completamente dimenticati

    Nelle pagine dell'organizzazione No-Software-Patents il suggerimento "crudo" è di votare per i Verdi.
    non+autenticato

  • Non riesco a capire la tabella riportata sul sito. Cosa significano quei numeri? E come sono stati calcolati? Come si fa ad etichettare la posizione di una persona con un numero senza ascoltare quello che ha da dire? Mah...

    Possibile che non ci fossero astenuti alla votazione? "assenti" voleva dire non presenti (come sarebbe logico) oppure astenuti?

    Come mai mancano europarlamentari tipo Fini o Berlusconi nella lista? Se hanno votato a favore dei brevetti dovrebbe risultare, no?

    In attesa di spiegazioni forse sarebbe meglio leggersi le trascrizioni delle sedute...
    non+autenticato
  • Provo a risponderti - non sono sicuro che quello che dirò sia tutto corretto, eventualmente se qualcuno di Associazione Software libero vuole correggermi, ben venga.

    > Non riesco a capire la tabella riportata sul
    > sito. Cosa significano quei numeri?

    più basso il numero, più il deputato si è dichiarato contro i brevetti software

    > E come
    > sono stati calcolati? Come si fa ad
    > etichettare la posizione di una persona con
    > un numero senza ascoltare quello che ha da
    > dire? Mah...

    hanno semplicemente analizzato i risultati del voto, pubblicati sulla tabella che trovi su

    http://swpat.ffii.org/papers/eubsa-swpat0202/plen0...

    (è il primo link presente sulla pagina dell'Associazione)

    suppongo che ogni colonna di quella tabella sia un emendamento particolare. Quel numero da 0 a 30 probabilmente è calcolato sommando il numero di emendamenti votati a favore die patent (oppure non proprio così, gli emendamenti non erano 30 ma hanno "pesato" ogni emendamento)

    > Possibile che non ci fossero astenuti alla
    > votazione? "assenti" voleva dire non
    > presenti (come sarebbe logico) oppure
    > astenuti?

    secondo me "assenti" significa che quel giorno non erano proprio in Europarlamento. Se si sono astenuti su un particolare emendamento, forse lo puoi vedere dalla tabella

    > Come mai mancano europarlamentari tipo Fini
    > o Berlusconi nella lista? Se hanno votato a
    > favore dei brevetti dovrebbe risultare, no?

    *non ne sono sicuro* ma credo che al momento del voto Berlusconi e Fini avevano già ceduto il loro posto in Europarlamento al secondo eletto della loro lista?

    Come d'altra parte faranno anche dopo le elezioni di domani ovviamente... ma purtroppo non solo loro dal loro schieramento e non prima di aver fatto qualche presenza tanto per far vedere che ci sono.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Provo a risponderti - non sono sicuro che
    > quello che dirò sia tutto corretto,
    > eventualmente se qualcuno di Associazione
    > Software libero vuole correggermi, ben
    > venga.
    >
    > > Non riesco a capire la tabella
    > riportata sul
    > > sito. Cosa significano quei numeri?
    >
    > più basso il numero, più il
    > deputato si è dichiarato contro i
    > brevetti software
    >
    > > E come
    > > sono stati calcolati? Come si fa ad
    > > etichettare la posizione di una persona
    > con
    > > un numero senza ascoltare quello che ha
    > da
    > > dire? Mah...
    >
    > hanno semplicemente analizzato i risultati
    > del voto, pubblicati sulla tabella che trovi
    > su
    >
    > swpat.ffii.org/papers/eubsa-swpat0202/plen030
    >
    > (è il primo link presente sulla
    > pagina dell'Associazione)
    >
    > suppongo che ogni colonna di quella tabella
    > sia un emendamento particolare. Quel numero
    > da 0 a 30 probabilmente è calcolato
    > sommando il numero di emendamenti votati a
    > favore die patent (oppure non proprio
    > così, gli emendamenti non erano 30 ma
    > hanno "pesato" ogni emendamento)
    >
    > > Possibile che non ci fossero astenuti
    > alla
    > > votazione? "assenti" voleva dire non
    > > presenti (come sarebbe logico) oppure
    > > astenuti?
    >
    > secondo me "assenti" significa che quel
    > giorno non erano proprio in Europarlamento.
    > Se si sono astenuti su un particolare
    > emendamento, forse lo puoi vedere dalla
    > tabella
    >
    > > Come mai mancano europarlamentari tipo
    > Fini
    > > o Berlusconi nella lista? Se hanno
    > votato a
    > > favore dei brevetti dovrebbe risultare,
    > no?
    >
    > *non ne sono sicuro* ma credo che al momento
    > del voto Berlusconi e Fini avevano
    > già ceduto il loro posto in
    > Europarlamento al secondo eletto della loro
    > lista?
    >
    > Come d'altra parte faranno anche dopo le
    > elezioni di domani ovviamente... ma

    > purtroppo non solo loro dal loro
    > schieramento e non prima di aver fatto
    > qualche presenza tanto per far vedere che ci
    > sono.
    >
    >
    A me risulta che la posizione dell'Italia si stata ben chiara su questo.
    Piuttosto, perché nessuno parla dei tedeschi?
    Alla faccia del governo rosso-verde!!!
    Mentre l'Italia si asteneva dal voto (e di fatto era voto contrario), i tedeschi, che tanto blaterano su queste cose, hanno votato a favore.
    Si, A FAVORE !!!!!!

    ....ma fatemi il piacere!!!!
    Fan Linux
    non+autenticato
  • > ....ma fatemi il piacere!!!!
    > Fan Linux

    Quei maledetti rappresentanti della Germania!
    Dichiarano pubblicamente una cosa e poi ne fanno un'altra...
    non+autenticato
  • > > ....ma fatemi il piacere!!!!
    > > Fan Linux
    >
    > Quei maledetti rappresentanti della Germania!
    > Dichiarano pubblicamente una cosa e poi ne
    > fanno un'altra...

    Sono i primi effetti dell'europa unita.... stanno iniziando a diventare Italioti Occhiolino
    non+autenticato

  • > Sono i primi effetti dell'europa unita....
    > stanno iniziando a diventare ItaliotiOcchiolino

    In questi straordinari grandi progetti d'unificazione, che impastano di tante genti una, è matematico diventare italioti: le persone si uniscono per ciò che hanno in comune, e la sola cosa che un numero elevato di persone diverse ha in comune è banalmente far denaro e lavarsi le mani a vicenda.
    non+autenticato
  • > > Sono i primi effetti dell'europa
    > unita....
    > > stanno iniziando a diventare ItaliotiOcchiolino
    >
    > In questi straordinari grandi progetti
    > d'unificazione, che impastano di tante genti
    > una, è matematico diventare italioti:
    > le persone si uniscono per ciò che
    > hanno in comune, e la sola cosa che un
    > numero elevato di persone diverse ha in
    > comune è banalmente far denaro e
    > lavarsi le mani a vicenda.

    allora eravamo già più avanti a tutti gli altri, altro che modelli germanici Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > A me risulta che la posizione dell'Italia si
    > stata ben chiara su questo.

    Si, in sede di Consiglio dei Ministri Europeo, non in sede parlamentare. In quest'ultima sede contano i voti dei singoli parlamentari. E dato che si sta andando a scegliere i parlamentari, quella tabella assume un'importanza particolare per scegliere quali parlamentari ti danno più affidamento su una questione importante, al di la dello schieramento politico a cui appartengono.

    > Piuttosto, perché nessuno parla dei
    > tedeschi?

    Non li votiamo noi. Tocchera al popolo tedesco.
    FDG
    10910

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    [...]
    > A me risulta che la posizione dell'Italia si
    > stata ben chiara su questo.
    > Piuttosto, perché nessuno parla dei
    > tedeschi?
    > Alla faccia del governo rosso-verde!!!
    > Mentre l'Italia si asteneva dal voto (e di
    > fatto era voto contrario), i tedeschi, che
    > tanto blaterano su queste cose, hanno votato
    > a favore.
    > Si, A FAVORE !!!!!!
    >
    > ....ma fatemi il piacere!!!!
    > Fan Linux

    Dannati Tedeschi! Fanno cose che farebbero rivoltare un
    verme! (l'originale di Vargas Llosa se la prendeva con gli
    Argentini, il film con Peter Falk li sostituiva con gli Albanesi,
    il doppiaggio italiano in un sussulto di politicamente corretto
    aveva messo un assurdo "Albiniani")
    non+autenticato
  • Un sincero ringraziamento all' Associazione Software Libero per aver raccolto le inclinazioni dei vari candidati e aver riassunto con un indice numerico la loro inclinazione ai brevetti software. Ragazzi siete forti! grazie per il vostro lavoro, ora potrò votare con cognizione di causa (naturalmente per chi si oppone ai brevetti software)

    Mitici!
    non+autenticato
  • Veramente grazie di cuore anche da parte mia continuate così
    non+autenticato