Apple/ Photoshop contro Photoshop

di D. Galimberti. Un sintetico confronto fra le caratteristiche di Photoshop Elements 2.0 e quelle di Photoshop CS che potrebbe aiutare nella scelta della versione più adatta alle proprie esigenze

Roma - Spesso il software grafico professionale ha costi che sono decisamente fuori dalla portata dell'hobbista evoluto. È pur vero che esistono soluzioni freeware e shareware talvolta anche molto valide, ma è innegabile che dopo aver provato i più potenti software professionali diventa difficile rinunciare a certe funzionalità o, più semplicemente, alla facilità e immediatezza d'uso che tali prodotti in genere sanno offrire.

Adobe ha deciso di sperimentare una soluzione che dovrebbe accontentare tutti coloro che, pur necessitando di un'applicazione per la grafica di un certo spessore, non intendono sborsare fior di quattrini. Photoshop Elements 2.0 è la versione consumer del ben più famoso fratello maggiore Photoshop CS. Rinunciando a quegli strumenti prettamente dedicati all'utenza più esigente, e ad una frazione del prezzo del fratello maggiore, Photoshop Elements mette nelle mani degli hobbisti della grafica, anche esperti, un tool piuttosto completo che permette di lavorare a tutti gli effetti con le stesse modalità della versione professionale.

Di seguito esamineremo le caratteristiche salienti della nuova versione di Photoshop Elements per Mac OS X paragonandolo, nei limiti del possibile, con il suo alter ego professionale.
Lanciando l'applicazione si nota da subito la stessa impostazione dell'interfaccia e gli stessi strumenti di lavoro (o quantomeno la maggior parte di essi) di Photoshop. Con Photoshop Elements possiamo lavorare su più livelli esattamente come faremmo con la versione CS, applicando gli stessi stili, gli stessi effetti e le stesse opzione per la fusione; è possibile anche creare livelli di riempimento e regolazione (tonalità, saturazione, ecc...).

Anche i filtri sono i medesimi, ma nella versione consumer del prodotto vengono presentati direttamente nella maniera più intuitiva, simile a quella che in Photoshop CS viene visualizzata selezionando l'apposita voce "Galleria Filtri": sotto questo aspetto l'unica grossa differenza è la mancanza della "fluidificazione" dell'immagine, la simpatica opzione di modifica che avrebbe ben figurato anche in Elements, magari a scapito di qualche altro filtro più complesso che difficilmente verrà utilizzato dagli utenti consumer.

Le similitudini col fratello maggiore riguardano anche la cronologia di un'immagine, dandoci la massima flessibilità per quello che riguarda la navigazione tra i vari passi del nostro lavoro. In Photoshop Elements non è contemplata la possibilità di realizzare delle ?Azioni?, ma è presente una finestra "Procedure" dove vengono presentate delle ricette simili alle azioni predefinite di Photoshop CS: queste sono aggiornabili e ampliabili tramite specifico download realizzabile direttamente dall'applicazione. Le procedure guidate aiutano l'utente a comprendere al meglio tutte le potenzialità del software, e se le spiegazioni fornite non dovessero essere sufficienti un'ulteriore palette mostra una serie di consigli inerenti allo strumento che stiamo utilizzando o al comando che stiamo eseguendo (con tanto di link al completo help dell'applicazione). Giusto per citare qualche esempio, tra le numerose ricette ritroviamo la procedura per correggere l'esposizione di una foto, per creare un'animazione web, per colorare una foto in bianco e nero, per creare effetti sul testo, ecc...

Pur con qualche variazione nel posizionamento, tra i vari menù di Elements ritroviamo tutti i comandi più comuni della famosa applicazione professionale, ma è il confronto tra gli strumenti a mettere in maggiore evidenza tanto le similitudini quanto le differenze tra le due applicazioni.

La prima grande discrepanza che salta subito all'occhio, è la totale assenza delle maschere e di tutto ciò che ruota intorno a questa funzionalità. Maschere veloci, maschere di livello, maschere vettoriali e maschere di ritaglio, sono tutte funzioni riservate al prodotto professionale, e non poteva essere altrimenti, sia per creare la necessaria distinzione tra i due pacchetti, sia perché si tratta di strumenti ritenuti superflui per il target di utilizzatori ai quali si rivolge Photoshop Elements.

L'altra grande differenza tra le due applicazioni riguarda la gestione del colore, elemento di enorme importanza per il professionista che deve assicurare la qualità del prodotto in fase di stampa, ma che può essere del tutto trascurabile per chi non ha necessità di questo tipo. Infatti, mentre in Elements la scelta è limitata ai campioni di colore MacOS, Windows, Web e VisiBone, in Photoshop CS ritroviamo anche i consueti campioni Pantone, Toyo, HKS e molti altri. Al di là della scelta dei colori, anche la modalità di gestione dell'immagine è più limitata: in Elements per esempio non è possibile convertire l'immagine in CMYK o Colore Lab, né tanto meno agire separatamente sui diversi canali RGB dell'immagine stessa. Anche in questo caso però stiamo parlando di strumenti riservati a chi si occupa di fotoritocco in maniera professionale.

Tornando a parlare dei punti in comune tra le due applicazioni - e quindi dei punti di forza del pacchetto consumer - proseguendo il confronto degli strumenti possiamo osservare come Elements disponga degli stessi strumenti di selezione (manca solo la selezione per intervallo di colori), di pennelli di ogni forma e fattura, sagome vettoriali, timbro clonatore (anche con pattern), strumenti di sfumatura e sfocatura, ecc.. Non mancano nemmeno quelle opzioni di modifica dell'immagine che vanno dalle semplici correzioni di colore, alla trasformazione e distorsione delle selezioni.

Infine va citato il fatto che Photoshop Elements offre tutte le opzioni per creare immagini per il web, nonché le funzionalità Photomerge per creare immagini panoramiche da una serie di foto scattate in sequenza.

Conclusione

La mancanza delle maschere, l'impossibilità di separare i canali di colore, l'assenza del supporto per il CMYK e tanti altri piccoli particolari rendono Photoshop Elements inadatto per l'utente che fa della grafica la sua occupazione principale. Queste mancanze sono però del tutto trascurabili per gli utenti consumer, gli hobbisti e, più in generale, tutti coloro che si occupano di grafica, anche quella web, in modo amatoriale.

La strada seguita da Adobe con Photoshop Elements dovrebbe essere seguita anche da altre software house. La filosofia è la stessa che sta dietro ad alcuni prodotti di Apple, come iMovie e iDVD, venduti ad un prezzo irrisorio nel pacchetto iLife (se non regalati con l'acquisto della macchina) ma che rappresentano a tutti gli effetti delle versioni semplificate di Final Cut e DVD Studio Pro.

Photoshop Elements 2.0 è disponibile in italiano sia per MacOS che per Windows al prezzo di 114 euro, mentre Photoshop CS (anch'esso in italiano per entrambi i sistemi) costa 1270,80 euro. Tutti i prezzi sono IVA inclusa.

Domenico Galimberti
TAG: apple
191 Commenti alla Notizia Apple/ Photoshop contro Photoshop
Ordina
  • Come mai non c'è nulla su Punto Informatico sulla versione aggiornata di Elements? Mi sarebbe piaciuto saperne pregi e difetti...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Come mai non c'è nulla su Punto Informatico sulla
    > versione aggiornata di Elements? Mi sarebbe
    > piaciuto saperne pregi e difetti...

    http://www.pcprofessionale.com/software/articolo/i...
    http://www.macitynet.it/macprof/aA19012/index.shtm...

    ce ne sono molti altri, basta usare google...
    ciao...
    non+autenticato
  • Ci può stare ... che non abbia la gestione del CYMK per questioni di royalty e questo già abbassa il prezzo ...
    ... anche l'assenza la gestione del testo tipo "all caps" ecc...

    Però privarlo delle linee guida fanno di ELEMENTS ... un programma zoppo.

    Per inserirle bisogna aggiungere degli "addon" ed è un accrocchio tremendo.Deluso

    Ne avrebbero venduti molti di più ...
    non+autenticato
  • facciamolo...

    ho sentito delle belle cose su Director per PC,
    ma vogliamo dirne un po' anche di FreeHand su Mac?
    L'ultima versione "quasi perfetta" era la 5.5 (l'ho usato dalla versione 3.0) dopo siamo passati all 7. la 6 deve aver generato un bug cosi' grosso da impallare tutti i computer dell'azienda cosicche' hanno perso il conto della numerazione.

    La 7 verra' ricordata nei secoli come l'interfaccia utente piu' ammorbante della storia. Ai tempi la maggior parte dei monitor arrivava si e no a 1024x756 pixel, e le palette degli strumenti te ne portavano via 700.000, 70 mila ti rimanevano per il foglio su cui disegnare. La versione 8 era un po' meglio ma comunque piu' buggata di Windows 95, la 9 stava insieme, si lasciava usare, forse ti restava un terzo del monitor dove aprire i lavori.

    Arriviamo alla 10...alla 10 sotto OSX intendo: non mi risulta che nessun esser umano sia mai riuscito a farci qualcosa. Le palette e i menu' si deformavano, scomponevano, fluttuavano, decomponevano, il menu dei font, non supporta il type reunion (la riunione automatica per famiglie) quindi avevo una lista font lunga 27 metri con l'Helvetica regular sotto la H e l'Helvetica Light sotto la L, l'Helvetica bold sotto la B e l'Helvetica Extra bold Condensed Italic...indovinate un po' voi...
    Un essere umano senziente avrebbe detto: io devo pagare voi per questo? pagate voi me invece!

    Arriviamo all'attuale FreeHand MX (11) la prima versione, fai scorrere il menu' font alla ricerca del Caslon old figures Italic fai un po' di su e giu' tra i vari metri di lista ad un certo punto si impalla (Panther, mica mia nonna)...ma non che "uscita forzata" e riapro il programma, proprio che riavvio il computer col pulsante Hardware!
    Ma mica che siano i font danneggiati, altrimenti pure gli altri programmi impallerebbero per simpatia, no proprio e solo FreeHand.
    infatti poi esce una versione 11.01 che corregge il difetto
    (e lo corregge davvero!) peccato che la 11.01 adesso non riesca piu' ad esportare in PDF...si chiude il programma (un passo avanti) e allora? esce la 11.02 adesso esporta in .pdf, pero' solo i vettori, non le immagini (grandioso! questo e' progresso) ma non e' finita: la 11.02 non fa piu' la raccolta dati per la stampa, te la devi fare a mano. Senno'? Senno' ti si chiude il programma.
    Ma sara' mica Panther che fa schifo?
    Ne dubito: installi la Adobe Creative Suite (Illustrator, InDesign, Photoshop) e lavori senza il minimo intoppo, senza alcun bug per settimane, va la' pure mesi senza mai riavviare (come trollano alcuni utenti NT)
    Idem con qualsiasi altra applicazione.

    infatti, Illustrator ha come dovrebbe avere ogni programma "cocoizzato" la visualizzazione .pdf a video, FreeHand ovviamente no! Ovviamente perche'? e perche' non ha il type Reunion?
    E perche' Illustrator e altri programmi Adobe si (la risposta e' semplice davvero)

    Ma come si puo' usare un programma di grafica vettoriale con un'anteprima Flash invece di un'anteprima .Pdf?

    Cioe': hai mai provato a importare un maledettisismo .eps in FreeHand e sterzarlo di 12°?... ti sparisce dallo schermo.

    Apple, con OSX mi da' l'idea di aver dato perle ai porci...



    Larry
    6770

  • - Scritto da: Larry
    > Cioe': hai mai provato a importare un
    > maledettisismo .eps in FreeHand e sterzarlo
    > di 12°?... ti sparisce dallo schermo.
    >
    > Apple, con OSX mi da' l'idea di aver dato
    > perle ai porci...

    Vogliamo parlare di Flash MX 2004?

    Giorni fa la Macromedia Italia mi ha telefonato ricordandomi che era in scadenza una promozione speciale per aggiornare Flash, ...almeno mi sono tolto la soddisfazione di avergli detto in faccia che non avevamo la minima intenzione di aggiornare quella ******** di software che avevano avuto il coraggio di rilasciare....

    ...la loro risposta? .... strano io ero il primo cliente che si lamentava...

    ma andatevi a leggere il forum di Flash (quello in inglese) e vedrete che come me la pensano in centinaia....

    bah... qualche anno fa appena arrivava una nuova versione di un software lo aggiornavo al volo contento, oggi...ci penso, aspetto le prime impressioni degli utenti, lo provo in versione DEMO e se mi soddisfa lo compro...

    Fan Apple

    non+autenticato
  • Signori e Trolloni,

    vi presento EIAS, un software NATO SU MAC circa 15 anni fa, che solo di recente è sbarcato sulla piattaforma x86.

    EIAS è da sempre famoso per la sua straordinaria velocità di rendering (già, ho detto proprio velocità di rendering su Mac... vi suona strano?)
    e la sua prima apparazione seria in pubblico l'ha fatta con Terminator2

    ...vi ricordate la scena del sogno dell'esplosione atomica sulla città? tutta la scena è stata fatta su dei Mac!!!!!!!!

    ...tanto per essere chiari StarWars Episode1 è stato fatto (in parte) su EIAS e su MAC lo stesso discorso vale per Jurassic Park (che qualche troll ha detto fatto su Win....) The Mask e la riedizione della mitica trilogia di Guerre Stellari (degli altri non posso essere certo), documentatevi, studiate e soprattutto PIANTATELA CON QUESTA STORIA IDIOTA DEL MAC E DEL 3D SUL FORUM CHE NON SE NE PUO' +...

    Sempre a proposito di Jurassic Park (chiamato in causa da un troll) nel primo film i computer che si vedono sul tavolo di comando del parco sono dei SGI e dei Quadra 700 non a caso, sono infatti gli stessi computer usati per la produzione degli effetti speciali del film...documentatevi...

    Anche la scena del primo Guerre Stellari (quando i caccia con ali ad X vanno contro la Morte Nera per la battaglia finale) è stata fatta su Mac...

    http://www.eitechnologygroup.com/products/producti...

    Star Wars: Episode One
    Titanic
    Behind Enemy Lines
    Saving Private Ryan
    Jurassic Park
    Mission Impossible
    Terminator 2: Judgement Day
    Star Wars Trilogy SE
    Men in Black
    The Mask
    101 Dalmatians

    ...come vedete almeno questi film sono buoni Occhiolino

    Fan Apple
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Signori e Trolloni,
    >
    > vi presento EIAS, un software NATO SU MAC
    > circa 15 anni fa, che solo di recente
    > è sbarcato sulla piattaforma x86.
    >
    > EIAS è da sempre famoso per la sua
    > straordinaria velocità di rendering
    > (già, ho detto proprio
    > velocità di rendering su Mac... vi
    > suona strano?)
    > e la sua prima apparazione seria in pubblico
    > l'ha fatta con Terminator2
    >
    > ...vi ricordate la scena del sogno
    > dell'esplosione atomica sulla città?
    > tutta la scena è stata fatta su dei
    > Mac!!!!!!!!
    >
    > ...tanto per essere chiari StarWars Episode1
    > è stato fatto (in parte) su EIAS e su
    > MAC lo stesso discorso vale per Jurassic
    > Park (che qualche troll ha detto fatto su
    > Win....) The Mask e la riedizione della
    > mitica trilogia di Guerre Stellari (degli
    > altri non posso essere certo),
    > documentatevi, studiate e soprattutto
    > PIANTATELA CON QUESTA STORIA IDIOTA DEL MAC
    > E DEL 3D SUL FORUM CHE NON SE NE PUO' +...
    >
    > Sempre a proposito di Jurassic Park
    > (chiamato in causa da un troll) nel primo
    > film i computer che si vedono sul tavolo di
    > comando del parco sono dei SGI e dei Quadra
    > 700 non a caso, sono infatti gli stessi
    > computer usati per la produzione degli
    > effetti speciali del film...documentatevi...
    >
    > Anche la scena del primo Guerre Stellari
    > (quando i caccia con ali ad X vanno contro
    > la Morte Nera per la battaglia finale)
    > è stata fatta su Mac...

    Ehm, Star Wars è del 1977, all'epoca Jobs e il Woz stavano iniziando la commercializzazione dell'Apple II e il Macintosh è arrivato 7 anni dopo.......me lo ricordo pure perché mio padre è stato uno dei primi ad averlo in Italia...






    >
    > www.eitechnologygroup.com/products/production
    >
    > Star Wars: Episode One
    > Titanic
    > Behind Enemy Lines
    > Saving Private Ryan
    > Jurassic Park
    > Mission Impossible
    > Terminator 2: Judgement Day
    > Star Wars Trilogy SE
    > Men in Black
    > The Mask
    > 101 Dalmatians
    >
    > ...come vedete almeno questi film sono buoni
    >Occhiolino
    >
    > Fan Apple
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Anche la scena del primo Guerre Stellari
    > > (quando i caccia con ali ad X vanno
    > contro
    > > la Morte Nera per la battaglia finale)
    > > è stata fatta su Mac...
    >
    > Ehm, Star Wars è del 1977, all'epoca
    > Jobs e il Woz stavano iniziando la
    > commercializzazione dell'Apple II e il
    > Macintosh è arrivato 7 anni
    > dopo.......me lo ricordo pure perché
    > mio padre è stato uno dei primi ad
    > averlo in Italia...


    ma daiiiiiiiiiiii....... A bocca aperta

    ovviamente mi riferivo all'edizione ridigitalizzata, rimasterizzata con scene inedite e con nuovi effetti speciali, uscita nel 1997 per festeggiare i vent'anni del primo film...

    Fan Apple
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > Anche la scena del primo Guerre
    > Stellari
    > > > (quando i caccia con ali ad X vanno
    > > contro
    > > > la Morte Nera per la battaglia
    > finale)
    > > > è stata fatta su Mac...
    > >
    > > Ehm, Star Wars è del 1977,
    > all'epoca
    > > Jobs e il Woz stavano iniziando la
    > > commercializzazione dell'Apple II e il
    > > Macintosh è arrivato 7 anni
    > > dopo.......me lo ricordo pure
    > perché
    > > mio padre è stato uno dei primi
    > ad
    > > averlo in Italia...
    >
    >
    > ma daiiiiiiiiiiii.......A bocca aperta
    >
    > ovviamente mi riferivo all'edizione
    > ridigitalizzata, rimasterizzata con scene
    > inedite e con nuovi effetti speciali, uscita
    > nel 1997 per festeggiare i vent'anni del
    > primo film...
    >
    > Fan Apple
    Non vorrei fare il pesante ma con Episode I viene designato
    The Phantom Menace (La Minaccia Fantasma) con Episode II viene designato Attack of the Clones!In qualunque dei due casi avrebbero potuto usare un Mac, comunque se fate un giro sul sito ufficiale di Star Wars (http://www.starwars.com/) e andate a vedere i video della post produzione di Episode III, potete rendervi conto se usano computer Apple oppure Win-Pc!
    secondo voi?

    perciò forse volevi dire Episode IV A New Hope?

    ciao

    igor

  • - Scritto da: higgybaby
    > Non vorrei fare il pesante ma con Episode I
    > viene designato
    > The Phantom Menace (La Minaccia Fantasma)
    > con Episode II viene designato Attack of the

    infatti io ho scritto il primo Guerre Stellari (new hope) e non Episode 1...

    A bocca aperta

    > Clones!In qualunque dei due casi avrebbero
    > potuto usare un Mac, comunque se fate un
    > giro sul sito ufficiale di Star Wars
    > (www.starwars.com /) e andate a vedere i
    > video della post produzione di Episode III,
    > potete rendervi conto se usano computer
    > Apple oppure Win-Pc!
    > secondo voi?

    guardati il secondo disco DVD di Episode II vedrai parecchi powerbook in campo

    A bocca aperta

    > perciò forse volevi dire Episode IV A
    > New Hope?
    >
    > ciao
    >
    > igor

    giusto, comunque EIAS è stato usato per tutti e due Episode 1 e 4 (certo non in toto, ci mancherebbe, ma è stato usato e su dei Mac)

    Ciao
    Fan Apple
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: higgybaby
    > > Non vorrei fare il pesante ma con
    > Episode I
    > > viene designato
    > > The Phantom Menace (La Minaccia
    > Fantasma)
    > > con Episode II viene designato Attack
    > of the
    >
    > infatti io ho scritto il primo Guerre
    > Stellari (new hope) e non Episode 1...
    >
    >A bocca aperta

    scusa non ho letto bene:D

    > > Clones!In qualunque dei due casi
    > avrebbero
    > > potuto usare un Mac, comunque se fate un
    > > giro sul sito ufficiale di Star Wars
    > > (www.starwars.com /) e andate a vedere i
    > > video della post produzione di Episode
    > III,
    > > potete rendervi conto se usano computer
    > > Apple oppure Win-Pc!
    > > secondo voi?
    >
    > guardati il secondo disco DVD di Episode II
    > vedrai parecchi powerbook in campo

    uguali a quello da cui ti sto digitando?:D

    >A bocca aperta
    >
    > > perciò forse volevi dire Episode
    > IV A
    > > New Hope?
    > >
    > > ciao
    > >
    > > igor
    >
    > giusto, comunque EIAS è stato usato
    > per tutti e due Episode 1 e 4 (certo non in
    > toto, ci mancherebbe, ma è stato
    > usato e su dei Mac)
    >
    > Ciao
    > Fan Apple

    mi dispiace io EIAS non lo conosco, volevo solo dire che il 90% dei film vengono post-prodotti su HW Apple e con SW Apple!
    mi pare che i Fratelli Cohen in Prima ti sposo poi ti distruggo (il titolo non lo ricordo bene quello con la Zeta-Jones) lo abbiano addirittura montato direttamente in Final Cut!
    ora faccio pubblicità ad un amico che ha girato un lungometraggio con soli 5000€
    http://www.progettoskarr.net/ molto interessante e ottima resa quasi a livello professionale solo con Final Cut ed una telecamera digitale

    ciao

    igor
    Fan Apple

  • - Scritto da: Anonimo
    > Signori e Trolloni,
    >
    > vi presento EIAS, un software NATO SU MAC
    > circa 15 anni fa, che solo di recente
    > è sbarcato sulla piattaforma x86.


    hai dimenticato un film, forse non un capolavoro, ma sicuramente un qualcosa di assolutamente unico nel campo degli effetti speciali digitali.
    "Pleasantville"
    Questo film i cui effetti sono stati realizzati su una batteria di oltre 100 PowerMac 9600 (processore 604e, a 350 MHz)
    e' stato il primo ad utilizzare Commotion un programma di rotoscoping che per molto tempo e' rimasto appannaggio esclusivo della piattaforma Apple (quindi una volta tanto non era una questione di costi, marketing o velocita'...era una questione che Commotion c'era solo per Mac)
    Larry
    6770

  • - Scritto da: Anonimo
    > Signori e Trolloni,
    >
    > vi presento EIAS, un software NATO SU MAC
    > circa 15 anni fa, che solo di recente
    > è sbarcato sulla piattaforma x86.
    >
    > EIAS è da sempre famoso per la sua
    > straordinaria velocità di rendering
    > (già, ho detto proprio
    > velocità di rendering su Mac... vi
    > suona strano?)
    > e la sua prima apparazione seria in pubblico
    > l'ha fatta con Terminator2
    >
    > ...vi ricordate la scena del sogno
    > dell'esplosione atomica sulla città?
    > tutta la scena è stata fatta su dei
    > Mac!!!!!!!!
    >
    > ...tanto per essere chiari StarWars Episode1
    > è stato fatto (in parte) su EIAS e su
    > MAC lo stesso discorso vale per Jurassic
    > Park (che qualche troll ha detto fatto su
    > Win....) The Mask e la riedizione della
    > mitica trilogia di Guerre Stellari (degli
    > altri non posso essere certo),
    > documentatevi, studiate e soprattutto
    > PIANTATELA CON QUESTA STORIA IDIOTA DEL MAC
    > E DEL 3D SUL FORUM CHE NON SE NE PUO' +...
    >
    > Sempre a proposito di Jurassic Park
    > (chiamato in causa da un troll) nel primo
    > film i computer che si vedono sul tavolo di
    > comando del parco sono dei SGI e dei Quadra
    > 700 non a caso, sono infatti gli stessi
    > computer usati per la produzione degli
    > effetti speciali del film...documentatevi...
    >
    > Anche la scena del primo Guerre Stellari
    > (quando i caccia con ali ad X vanno contro
    > la Morte Nera per la battaglia finale)
    > è stata fatta su Mac...
    >
    > www.eitechnologygroup.com/products/production
    >
    > Star Wars: Episode One
    > Titanic
    > Behind Enemy Lines
    > Saving Private Ryan
    > Jurassic Park
    > Mission Impossible
    > Terminator 2: Judgement Day
    > Star Wars Trilogy SE
    > Men in Black
    > The Mask
    > 101 Dalmatians
    >
    > ...come vedete almeno questi film sono buoni
    >Occhiolino
    >
    > Fan Apple


    Anche per "filmetti" come "Il signore degli anelli" ed "Il gladiatore" sono stati usati dei Mac.......
    Fan Apple
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)