Credevo fosse Osama invece era un cavallo

Di Troia. Tali erano le presunte foto della morte di Osama Bin Laden postate pochi giorni fa su migliaia di newsgroup. Chi ha ceduto alla curiosità ha rischiato di consegnare il controllo del proprio PC ad un cracker

Roma - Per diffondere le proprie creature di bit e byte i creatori di virus non esitano a far leva sulle curiosità più morbose dell'utenza, inclusa la presunta morte di Osama Bin Laden.

Negli scorsi giorni un messaggio apparso su oltre 30.000 newsgroup pretendeva di mostrare, cliccando su di un link, le foto del suicidio del fondatore di al-Qaeda. Al posto delle foto, però, si trovava un cavallo di Troia, noto come Hackarmy, utilizzabile da un cracker per prendere il pieno controllo di un PC.

Sophos ha spiegato che il trojan è in circolazione già da tempo ed è incapace di propagarsi autonomamente.
Il messaggio diffuso in Internet affermava che il corpo impiccato di Bin Laden era stato scoperto da alcuni giornalisti della CNN. Il Governo statunitense è a caccia del noto terrorista dal 2001, attribuendogli la responsabilità, fra gli altri, dell'attacco al World Trade Center e al Pentagono avvenuto l'11 settembre di tre anni fa.

Non è la prima volta che gli autori di virus prendono a prestito il nome di Bin Laden. Nel novembre del 2001 venne avvistato un worm che, per diffondersi, utilizzava un file ".exe" il cui nome iniziava proprio con la parola "binladen".
TAG: mondo
5 Commenti alla Notizia Credevo fosse Osama invece era un cavallo
Ordina
  • ...gli utenti imparassero una volta per tutte ad usare i pc.

    A non aprire allegati perchè sembrano interessanti, a non cliccare su "yes" su tutti i dialog box perchè tanto l'inglese non lo capiscono, a non scaricare gli acceleratori del web anche del 300% perchè l'ha provato il mio collega e funziona, a non scaricare, installare e disinstallare mille e mille programmi tanto per provare, a non rispondere agli spam sperando di non riceverne più.

    E non è una questione di sistema operativo.

    Quasi quasi sarebbe ora di mettere la "patente" per poter usare il computer, con tanto di esami (teorici e pratici) per ottenerla i punti che scalano per ogni fesseria.

    cheers
    madder
    non+autenticato
  • quindi a te -2 punti per l'idea della patente a punti TrollFan Linux
    non+autenticato
  • hai ragione... ho scordato loOcchiolino sull'ultima parte.

    Volevo solo dire che sarebbe molto più difficile per virus e trojan espandersi se gli utenti (tutti) fossero istruiti su come comportarsi in certi frangenti e su come mantutenere il proprio pc (firewall, antivirus, antispy, aggiornamenti, ...).

    Non per questo scuso le software house per la produzione di software bacato e fallato.

    madder
    Fan Linux
    non+autenticato
  • Si sa benissimo che il problema principale sta tra la tastiera e la sediaSorride

    Lavoro in un centro assistenza molto grande e non vi immaginate neppure quel che sentono le mie orecchie e vedono i miei occhi!!
    Dagli smanettoni che s'imputtanano, ma poi capiscono e risolvono, agli utonti più pateteci e penosi d'Italia, che anche sentendosi dire "lascia stare i computer e gioca pure con il cellulare" persistono nel volere accendere un pc e distruggerlo (ci riescono anche a livello hardware!) o renderlo un perfetto server con pieno controllo in remoto.

    Il patentino non serve, visto come fanno le cose nel nostro paese, l'esame sarebbe tutta teoria fumosa e priva di senso.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Il patentino non serve, visto come fanno le
    > cose nel nostro paese, l'esame sarebbe tutta
    > teoria fumosa e priva di senso.

    hai dimenicato "sponsorizzata M$"

    Fan AppleFan Linux
    non+autenticato