DoubleClick scosso da un attacco DDoS

Il notissimo sistema, in passato accusato di violazioni della privacy, viene usato da moltissimi inserzionisti e siti per diffondere pubblicità in rete. Nelle scorse ore un attacco ha colpito anche i partner

DoubleClick scosso da un attacco DDoSRoma - L'azienda lo ha confermato: DoubleClick e il suo network pubblicitario sono vittima di un'aggressione distribuita via Internet che sta rendendo la vita difficile alla più conosciuta piattaforma di gestione dell'advertising in rete.

Al Washington Post l'azienda ha dichiarato che l'attacco è un DDoS (distributed denial-of-service) che ha preso di mira i DNS dell'azienda, un tipo di aggressione che ha dunque puntato a bloccare l'indirizzamento del traffico verso i servizi dell'azienda. Una eventualità che ha creato non pochi problemi non solo a DoubleClick ma anche a quasi 900 clienti dell'azienda, tutte società che gestiscono inserzioni online o siti in cui appaiono le inserzioni su piattaforma DoubleClick.

L'attacco DDoS, che su molti di questi siti pare abbia impedito, e in parte stia ancora impedendo, l'accesso ad alcune sezioni, è partito nella mattina di due giorni fa e, come sempre accade in questo modo, è stato messo in atto tramite una grande quantità di computer zombie. Come noto, vengono così definiti quei PC che sono infettati da cavalli di troia e backdoor che permettono da remoto di controllarne il funzionamento, per esempio per spingerli a spedire pacchetti in quantità contro un determinato server per renderlo inaccessibile, come accaduto in questo caso. Tra i colpiti, sebbene solo parzialmente, anche i siti di CNN, MCI e Gateway.
Inutile evidenziare che nonostante le prime indagini su quanto accaduto siano già partite, rimane da vedere se gli autori dell'attacco potranno essere individuati.

Va detto che per anni gli esperti di sicurezza Internet hanno messo in guardia dagli attacchi denial-of-service e dal fatto che, grazie a molti dei worm più attivi circolati in questi anni, c'è chi ha messo in piedi enormi network di PC dormienti, pronti a svolgere il proprio ruolo di zombie in qualsiasi momento e all'insaputa del proprietario del PC stesso. L'aumento esponenziale dei computer connessi in banda larga nell'ultimo anno, inoltre, ha reso più facile la vita ai cracker e ai loro trojan, creando ulteriore allarme negli ambienti della sicurezza.

Che la situazione rischi di sfuggire di mano lo dimostra peraltro il recente e grave caso delle estorsioni a mezzo DDoS che bande criminali vanno organizzando in rete. Nei giorni scorsi una complessa indagine internazionale ha identificato i componenti di una crew che ricattava i bookmaker inglesi impedendo l'accesso ai loro siti. Vi sono stati poi casi, come quelli dei DDoS scagliati contro servizi antispam in cui la connessione tra virus writer e spammer è emersa in tutta la sua chiarezza, rivelando i sofisticati mezzi tecnici che molti criminali stanno sviluppando per utilizzarli con gli scopi più diversi. In Italia l'anno scorso furono identificati due cracker autori di un DDoS contro il gaming via Internet di Ultima Online.

Il danno nel caso di DoubleClick è per il momento limitato, sebbene le rilevazioni fin qui effettuate abbiano segnalato problemi a decine dei siti più frequentati del web, alcune sezioni dei quali sono rimaste offline quasi ininterrottamente per una giornata. L'azienda, che in passato si era attirata numerose antipatie per certe politiche sulla privacy, tiene comunque a sottolineare che la maggior parte dei propri servizi è rimasta online.
53 Commenti alla Notizia DoubleClick scosso da un attacco DDoS
Ordina
  • Chi ne ha le capacità, sa come fare per liberarsi dagli odiosi banner.

    http://img55.exs.cx/img55/3936/pi_banner.jpg
    http://img55.exs.cx/img55/2971/pi_adblock.jpg

    "Keep the internet free."
    Free Software Foundation
    non+autenticato
  • Tu sei malato

    ... e scroccone di basso livello aggiungo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Tu sei malato
    >
    > ... e scroccone di basso livello aggiungo.

    Punto sul vivo, vedo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Tu sei malato
    > >
    > > ... e scroccone di basso livello
    > aggiungo.
    >
    > Punto sul vivo, vedo.

    Già che ci sei "vedi" anche di capire il concetto che se tutti facessero come te Punto informatico non potrebbe esistere per mancanza di fondi.
    O è un concetto troppo difficile?
    Per fortuna non sono tutti come te e PI esisteCon la lingua fuori

    Il bello è che te ne vanti anche.
    Almeno fallo e sta zitto.
    No, lui deve anche bullarsi e sentirsi superiore perchè scrocca e lo butta in quel posto a chi gli offre un servizioA bocca aperta

    Malato.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Già che ci sei "vedi" anche di capire
    > il concetto che se tutti facessero come te
    > Punto informatico non potrebbe esistere per
    > mancanza di fondi.
    > O è un concetto troppo difficile?
    > Per fortuna non sono tutti come te e PI
    > esisteCon la lingua fuori

    Infatti il 90% degli utenti di punto informatico sono utonti.

    > Il bello è che te ne vanti anche.
    > Almeno fallo e sta zitto.
    > No, lui deve anche bullarsi e sentirsi
    > superiore perchè scrocca e lo butta
    > in quel posto a chi gli offre un servizioA bocca aperta

    Ma quali servizi, io uso pi dal 1999, quando tu te la facevi addosso nel pannolino. A quei tempi PI non usava banner.

    > Malato.

    Mah, la tua è proprio una malattia
    http://www.laurasplan.com/files/images/pills1a.jpg
    non+autenticato
  • > Già che ci sei "vedi" anche di capire
    > il concetto che se tutti facessero come te
    > Punto informatico non potrebbe esistere per
    > mancanza di fondi.
    Guarda cicciobello che non solo internet è nata libera ma tuttora l'internet libera continua a crescere ed evolversi.
    E'una comunità in cui ci i scambia informazioni, articoli, recensioni, software autoprodotti anche di altissimo livello, senza questi studi tu non saresti nemmeno qui a postare, non ci sarebbero i protocolli e l'infrastruttura necessaria nonostante tutti i tuoi cari inserzionisti.
    Io personalmente internet la uso così e contribuisco con la mia parte di articioli e di software sotto pubblico dominio o anche sotto gpl.
    E se trovo servizi interessanti MI ABBONO, perchè se IO pago io sono il padrone del servizio, il referente che il fornitore di servizio deve accontentare, non un f*ttuto inserzionista.
    Se non conosci usenet ed iniziative simili sono solo problemi tuoi.
    Parallelamente c'è l'internet degli utonti, e PI fa bene (bene perchè fa pubblicità a tema ed in modo non invadente) a sfruttare gli utonti come mandria per pubblicità ed altro, ma questa non è internet e non permetto a saccenti come te di starnazzare in giro che internet e questa. Tu non sai nemmeno cosa è internet, e non impostra se sei sempre il tipo che dice di avere usato persino il videotel, se uno non capisce non capisce (btw anche io usai ai suoi tempi il videotel non appena diffuso in italia, all'ENEA).
    Se non voglio sprecare banda a vedere pubblicità di ditte che tanto me la fanno pagare ugualmente quando vado a comprare i loro prodotti ho tutto il diritto e tutti i mezzi di farlo.
    E se qualche leguleo la pensa diversamente, si ricordi che internet non è questo e non è sua, chi fa queste tecnologie che voi usate sarà sempre un passo avanti.
    non+autenticato
  • Io la pubblicità la odio, in tutte le sue forme.

    La odio perchè è onnipresente e invasiva

    La odio perchè costa una cifra di soldi (che poi mi ricaricano sui prodotti)

    La odio perchè offende la mia intelligenza coi suoi messaggi totalmente idioti

    La odio perchè rincoglionisce la gente (e poi a me tocca vivere in un mondo di cog**oni)

    La odio perchè basta un po' di pubblicità martellante per decretare il successo di prodotti scadenti, a danno di chi produce cose valide ma non ha i soldi per pubblicizzarle

    La odio perchè è regolarmente ingannevole e truffaldina

    Quindi ben venga tutto quello che va contro questo sistema ignobile. Anche il DDoS.
    In questo mondo normalizzato e lobotomizzato, purtroppo, l'unica speranza che abbiamo sono questi moderni corsari dell' informatica.
    Mi rendo conto che non sono comportamenti molto corretti, ma di fronte allo strapotere del sistema, qualunque cosa che lo possa controbilanciare almeno un po', secondo me è benvenuta, anzi direi necessaria.
    Altrimenti l'alternativa è la resa totale allo strapotere del dio denaro.
    L'unica cosa che mi intristisce è la consapevolezza che queste cose da sole non riusciranno a scalfire il sistema.... purtroppo sono solo leggeri fastidi per chi maneggia così disinvoltamente enormi quantità di denaro e potere

    non+autenticato
  • - Scritto da: LordCasco
    > Io la pubblicità la odio, in tutte le
    > sue forme.
    >
    > La odio perchè è onnipresente
    > e invasiva
    >
    > La odio perchè costa una cifra di
    > soldi (che poi mi ricaricano sui prodotti)
    >
    > La odio perchè offende la mia
    > intelligenza coi suoi messaggi totalmente
    > idioti
    >
    > La odio perchè rincoglionisce la
    > gente (e poi a me tocca vivere in un mondo
    > di cog**oni)
    >
    > La odio perchè basta un po' di
    > pubblicità martellante per decretare
    > il successo di prodotti scadenti, a danno di
    > chi produce cose valide ma non ha i soldi
    > per pubblicizzarle
    >
    > La odio perchè è regolarmente
    > ingannevole e truffaldina
    >
    > Quindi ben venga tutto quello che va contro
    > questo sistema ignobile. Anche il DDoS.
    > In questo mondo normalizzato e
    > lobotomizzato, purtroppo, l'unica speranza
    > che abbiamo sono questi moderni corsari
    > dell' informatica.
    > Mi rendo conto che non sono comportamenti
    > molto corretti, ma di fronte allo strapotere
    > del sistema, qualunque cosa che lo possa
    > controbilanciare almeno un po', secondo me
    > è benvenuta, anzi direi necessaria.
    > Altrimenti l'alternativa è la resa
    > totale allo strapotere del dio denaro.
    > L'unica cosa che mi intristisce è la
    > consapevolezza che queste cose da sole non
    > riusciranno a scalfire il sistema....
    > purtroppo sono solo leggeri fastidi per chi
    > maneggia così disinvoltamente enormi
    > quantità di denaro e potere
    >

    Puoi odiare pure la pubblicità, ci mancherebbe, ma non è possibile sostenere questi metodi.

    Oggi doubleclick, domani google, dopodomani il sito del tuo comune.
    Ma ti rendi conto che questi sono criminali come la mafia e gli assassini?
    Possono ricattare chiunque: pagami o ti mando giu il sito finche voglio io.
    non+autenticato
  • - Scritto da: LordCasco
    > Io la pubblicità la odio, in tutte le
    > sue forme.
    >
    > La odio perchè è onnipresente
    > e invasiva
    >
    > La odio perchè costa una cifra di
    > soldi (che poi mi ricaricano sui prodotti)
    >
    > La odio perchè offende la mia
    > intelligenza coi suoi messaggi totalmente
    > idioti
    >
    > La odio perchè rincoglionisce la
    > gente (e poi a me tocca vivere in un mondo
    > di cog**oni)
    >
    > La odio perchè basta un po' di
    > pubblicità martellante per decretare
    > il successo di prodotti scadenti, a danno di
    > chi produce cose valide ma non ha i soldi
    > per pubblicizzarle
    >
    > La odio perchè è regolarmente
    > ingannevole e truffaldina
    >
    > Quindi ben venga tutto quello che va contro
    > questo sistema ignobile. Anche il DDoS.
    > In questo mondo normalizzato e
    > lobotomizzato, purtroppo, l'unica speranza
    > che abbiamo sono questi moderni corsari
    > dell' informatica.
    > Mi rendo conto che non sono comportamenti
    > molto corretti, ma di fronte allo strapotere
    > del sistema, qualunque cosa che lo possa
    > controbilanciare almeno un po', secondo me
    > è benvenuta, anzi direi necessaria.
    > Altrimenti l'alternativa è la resa
    > totale allo strapotere del dio denaro.
    > L'unica cosa che mi intristisce è la
    > consapevolezza che queste cose da sole non
    > riusciranno a scalfire il sistema....
    > purtroppo sono solo leggeri fastidi per chi
    > maneggia così disinvoltamente enormi
    > quantità di denaro e potere


    si ma........... c'e' un PERO'....!!!!
    la pubblicità ON LINE è la meno "spettacolare"
    e la piu' "informativa", inoltre permette di visionare
    il sito per saperne di piu' ecc. ecc.
    E' LA PUBBLICITA' TELEVISIVA che ha
    semmai la caratteristica di.... BIDONARE
    con le finte apparenze.
    E un po' anche quella stampata.

    Peccato che a farne le spese debba essere
    la forma pubblicitaria piu' "povera" e la meno
    ingannevole, come tutto sommato è la maggior
    parte della pubblicità in Rete.....








    non+autenticato
  • - Scritto da: LordCasco
    > Io la pubblicità la odio, in tutte le
    > sue forme.
    > La odio perchè è onnipresente
    > e invasiva
    [cut]

    Ok, la troppa pubblicità è invasiva, però c'è da dire che in qualche modo chi mette su un servizio deve poter sostenere le spese, e anche di più (chi ci lavora dietro non può farlo per la gloria, e nessuno di noi lo farebbe a tempo pieno credo)

    Io personalmente non sono affatto contro la pubblicità sui siti, è utopia pensare che debbano fare tutti tutto senza ritorni, sono contro l'eccesso di pubblicità e contro i siti che sfruttano l'ignoranza dell'utente, che agiscono in maniera scorretta.

    Non so, prendiamo l'esempio che abbiamo sotto gli occhi, PI.

    Vediamo... un banner in alto... la pubblicità in basso... ogni tanto un banner a fianco dei commenti.

    Non è così esagerato, non credi? Mi sembra una quantità di pubblicità più che moderata... e in cambio ti fornisce un servizio di news, un forum, anche una casella di posta se ti registri...

    Diverso è il caso in cui trovi quei siti che offrono una paginetta scarsa di contenuti e quintalate di pubblicità - popup - suonerie - loghi...

    E' come se, vedendo un film, vedessi mezz'ora di pubblicità ogni 5 minuti di film.

    Chi se lo guarderebbe?

    Per quanto riguarda l'effetto invasivo della pubblicità... purtroppo è vero, ma sta all'utente - consumatore non farsi infinocchiare... del resto ti basterebbe parlare 5 minuti con chi si occupa di marketing per rabbrividireOcchiolino
    non+autenticato
  • > Ok, la troppa pubblicità è
    > invasiva, però c'è da dire che
    > in qualche modo chi mette su un servizio
    > deve poter sostenere le spese, e anche di
    > più (chi ci lavora dietro non
    > può farlo per la gloria, e nessuno di
    > noi lo farebbe a tempo pieno credo)
    >
    > Io personalmente non sono affatto contro la
    > pubblicità sui siti, è utopia
    > pensare che debbano fare tutti tutto senza
    > ritorni, sono contro l'eccesso di
    > pubblicità e contro i siti che
    > sfruttano l'ignoranza dell'utente, che
    > agiscono in maniera scorretta.
    >
    > Non so, prendiamo l'esempio che abbiamo
    > sotto gli occhi, PI.
    >
    > Vediamo... un banner in alto... la
    > pubblicità in basso... ogni tanto un
    > banner a fianco dei commenti.
    >
    > Non è così esagerato, non
    > credi? Mi sembra una quantità di
    > pubblicità più che moderata...
    > e in cambio ti fornisce un servizio di news,
    > un forum, anche una casella di posta se ti
    > registri...
    >
    > Diverso è il caso in cui trovi quei
    > siti che offrono una paginetta scarsa di
    > contenuti e quintalate di pubblicità
    > - popup - suonerie - loghi...
    >
    > E' come se, vedendo un film, vedessi
    > mezz'ora di pubblicità ogni 5 minuti
    > di film.
    >
    > Chi se lo guarderebbe?
    >
    > Per quanto riguarda l'effetto invasivo della
    > pubblicità... purtroppo è
    > vero, ma sta all'utente - consumatore non
    > farsi infinocchiare... del resto ti
    > basterebbe parlare 5 minuti con chi si
    > occupa di marketing per rabbrividireOcchiolino

    Lo so.... mi è già capitato e sono giustappunto rabbrividito.
    Il problema non è la pubblicità in sé, ma quello che è diventata: io posso capire e giustificare l'informazione pubblicitaria, anzi ritengo sia necessaria, altrimenti in un mondo così vasto sarebbe impossibile conoscere e farsi conoscere. Ma dev'essere appunto informazione pubblicitaria, cioè una funzione accessoria alla realizzazione e vendita di un prodotto.
    Se diventa il perno intorno a cui gira tutta la faccenda, allora si cade negli eccessi che abbiamo sotto gli occhi.
    Ormai nella realizzazione di un prodotto, la promozione si mangia la maggior parte del budget (sottraendolo alla ricerca e al perfezionamento del prodotto) e la logica conseguenza è che un prodotto scadente, sorretto da una campagna pubblicitaria massiccia e martellante, diventa un prodotto di successo. Quindi le aziende hanno capito che l'unica cosa veramente importante è la promozione, il resto assume importanza molto relativa: il commerciale è diventato più importante del tecnico.
    Altra logica conseguenza del diffondersi di questa mentalità è il sovraffollamento degli spazi pubblicitari, con conseguente ricerca di nuovi; tale ricerca è così spasmodica che inevitabilmente invade spazi che non dovrebbe.

    In sintesi, non è che sia contrario alla pubblicità, sono contrario a questa divinizzazione della pubblicità, a cui tutto è permesso perchè è "l'anima del commercio".
    Io vorrei che la pubblicità avesse i suoi spazi, dove io posso andare solo quando, e se, mi serve.
    Odio trovarmela infilata dappertutto.... tra un po' anche in quel posto (infatti mi pare di aver sentito parlare anche di carta igenica sponsorizzataPerplesso )
    Cmq hai ragione per quanto riguarda Internet: forse è la forma meno scassapa**e
    non+autenticato
  • Se tu sei libero dentro, non hai bisogno che gli altri lo siano....
    non+autenticato
  • stra spyware e cavlatine vaie il pc è mio e ci faccio quello che dico io....

    Come è sentirsi, dopo qualcuno.. ti sta martellando il pc ??
    Vediamo se la piantano...
    non+autenticato
  • Qui mi sa che siamo finiti fuori tema,si parla di DoubleClick e nel post precedente siete finiti a parlare delle compatibilità delle pagine web,si sa questo strumento porta guadagno ai webmaster,sono tanti che lo utilizzano x sostenere quelle spese che ci sonno x tenere su un server,ma tanto l'utente è libero,uno può scegliere di visualizzarli o no quei banner,e non credo che i webmaster che ne fanno uso abbiano il coraggio di alzare la voce.. vi siete forse dimenticati di quanti webmaster ci sono che utilizzano dialer " avvolte anche contenenti virus" x spennare gli utonti???? quindi.... la cosa si divide in due categorie,ci sarà sempre l'utente esperto e ci sarà sempre l'utonto,tutto qui.
    Bye
  • >L'azienda, che in passato si era attirata numerose antipatie per certe politiche sulla privacy,

    ecco, appunto. doubleclick sono anni che non gode della mia simpatia. detto tra noi, ho sempre filtrato i loro IP per evitare di scaricarmi i loro banner.
    figuratevi questa notizia quante lacrime mi ha fatto scorrere...Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > >L'azienda, che in passato si era
    > attirata numerose antipatie per certe
    > politiche sulla privacy,
    >
    > ecco, appunto. doubleclick sono anni che non
    > gode della mia simpatia. detto tra noi, ho
    > sempre filtrato i loro IP per evitare di
    > scaricarmi i loro banner.
    > figuratevi questa notizia quante lacrime mi
    > ha fatto scorrere...Sorride

    Già, però oggi doubleclick, domani amazon, dopodomani google ecc...

    Il problema vero è questo:

    > estorsioni a mezzo DDoS che bande criminali vanno
    > organizzando in rete

    Ovvero criminali con il controllo su migliaia di zombie, pronti a far danni a chiunque.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ecco, appunto. doubleclick sono anni che non
    > gode della mia simpatia. detto tra noi, ho
    > sempre filtrato i loro IP per evitare di
    > scaricarmi i loro banner.

    come direbbe il buon anonimo:
    "Firefox+AdBlock e passa la paura"
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ecco, appunto. doubleclick sono anni
    > che non
    > > gode della mia simpatia. detto tra noi,
    > ho
    > > sempre filtrato i loro IP per evitare di
    > > scaricarmi i loro banner.
    >
    > come direbbe il buon anonimo:
    > "Firefox+AdBlock e passa la paura"

    Oppure Internet Explorer + MyIE2
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > >L'azienda, che in passato si era
    > attirata numerose antipatie per certe
    > politiche sulla privacy,
    >
    > ecco, appunto. doubleclick sono anni che non
    > gode della mia simpatia. detto tra noi, ho
    > sempre filtrato i loro IP per evitare di
    > scaricarmi i loro banner.
    > figuratevi questa notizia quante lacrime mi
    > ha fatto scorrere...Sorride

    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=6270...
    non+autenticato
  • Caro il mio blaterone,

    anche se le pubblicità ti stanno antipatiche,
    anche se hai firefocS e adblocS,
    anche se filtri nel file hostS,
    il business model di Internet al momento rimane lo stesso, basato su servizi a pagamento ma soprattutto sulla PUBBLICITA' ONLINE.

    Anche se Doubleclick ti sta sulle palle, uccidi Doubleclick e a catena ucciderai tante altre aziende; aziende che adottano il business model della pubblicità online e quindi campano proprio su quella.
    E via via a scendere, addio servizi free, addio servizi sponsored, addio servizi, addio...

    Il modello è questo, che ci piaccia o no, avvalorare l'operato degli animali che hanno organizzato quel DDoS con interventi come il tuo è solo contribuire alla creazione di una cultura dove non si vuole capire come funzionano le cose e, nel caso lo si capisca, si contribuisce a creare una cultura in cui si pensa che l'unico modo per cambiare qualsiasi situazione (in questo caso iul business model) è demonizzare, distruggere... o DoSsare...

    Bha, peccato che le scuole son finite... A LETTO TUTTI DOPO IL CAROSELLO !
    non+autenticato
  • QUOTO E SOTTOSCRIVO!
    forse qui fuori ci sono troppi troppi utenti che non si sono mai fermati a riflettere su quali sono i costi che stanno "sotto a internet"
    Ma credete che "tutto" sia gratis?
    Sapete quanto costa metter su una server farm?
    O anche un server solo con banda decente?
    Guardate che si parla di migliaia di euro solo per iniziare!
    E gestire i servizi, i portali?
    Chiedete alla redazione di PI quale e quanto e' lo sbattimento di "tenere in piedi la baracca", quanti soldi ci vogliono, quanto e' difficile trovare i soldi a fine mese per pagare tutto.
    E voi?
    Ah, voi siete super fighi, super intelligenti, siete i genietti del computer.
    Usate il vostro bel browser alternativo con tutti i cazzi e mazzi "anti banner"...
    Fate fate...
    Sapete qual'e' il risultato?
    - Bloccando i banner fate diminuire gli introiti per i gestori dei siti che visitate (meno soldi, meno servizi o PAGAMENTO) [apro parentesi, io sono in controtendenza e spessissimo apro i link degli sponsor anche se non me ne frega una mazza, conosco il mondo dell'advert da dentro e preferisco far quadagnare la sporca LIRA al gestore]
    - Bloccando i banner fate crescere la convinzione che il vostro browser sia utilizzato da uten ti "truffaldini" (passatemi il termine) QUINDI a nessuno fregherà una mazza di pagare per avere un sito COMPATIBILE a voi (il mondo, purtroppo, girta x IE, se si vuole la compatibilità SI PAGA A PARTE e si definisce in fase di specifiche!!!! non ci sono errori, e' che SI DECIDE)

    Poi un giorno sarete tutti qui a lamentarvi
    e libero e' cattivo perche fa pagare e l'altro e' cattivo pure

    Stanno finendo i bei tempi
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > QUOTO E SOTTOSCRIVO!
    > forse qui fuori ci sono troppi troppi utenti
    > che non si sono mai fermati a riflettere su
    > quali sono i costi che stanno "sotto a
    > internet"
    > Ma credete che "tutto" sia gratis?
    > Sapete quanto costa metter su una server
    > farm?
    > O anche un server solo con banda decente?
    > Guardate che si parla di migliaia di euro
    > solo per iniziare!
    > E gestire i servizi, i portali?
    > Chiedete alla redazione di PI quale e quanto
    > e' lo sbattimento di "tenere in piedi la
    > baracca", quanti soldi ci vogliono, quanto
    > e' difficile trovare i soldi a fine mese per
    > pagare tutto.
    > E voi?
    > Ah, voi siete super fighi, super
    > intelligenti, siete i genietti del computer.
    > Usate il vostro bel browser alternativo con
    > tutti i cazzi e mazzi "anti banner"...
    > Fate fate...
    > Sapete qual'e' il risultato?
    > - Bloccando i banner fate diminuire gli
    > introiti per i gestori dei siti che visitate
    > (meno soldi, meno servizi o PAGAMENTO) [apro
    > parentesi, io sono in controtendenza e
    > spessissimo apro i link degli sponsor anche
    > se non me ne frega una mazza, conosco il
    > mondo dell'advert da dentro e preferisco far
    > quadagnare la sporca LIRA al gestore]
    > - Bloccando i banner fate crescere la
    > convinzione che il vostro browser sia
    > utilizzato da uten ti "truffaldini"
    > (passatemi il termine) QUINDI a nessuno
    > fregherà una mazza di pagare per
    > avere un sito COMPATIBILE a voi (il mondo,
    > purtroppo, girta x IE, se si vuole la
    > compatibilità SI PAGA A PARTE e si
    > definisce in fase di specifiche!!!! non ci
    > sono errori, e' che SI DECIDE)


    Ora, hai ragione che bloccare i banner non e' bello perche' giustamente una persona ti offre un servizio ma qualcosa ci deve pure guadagnare (e questo e' un ottimo modo) ma il tono usato non aiuta a convincere le persone ma solo a farle innervosire.
    Inoltre la compatibilita' non dipende mica solo da chi fa il sito, anzi dipende piu' dal browser. Ricorda che e' il browser ad interpretare il codice quindi se io lo interpreto come fa Internet Explorer addio problemi.

    >
    > Poi un giorno sarete tutti qui a lamentarvi
    > e libero e' cattivo perche fa pagare e
    > l'altro e' cattivo pure
    >
    Va bene, qui hai ragione, comunque io parlerei al presente ed eliminerei il tutti.

    > Stanno finendo i bei tempi
    Questa non l'ho capita.
    Grazie per l'attenzione.


  • hai voglia a interpretare il codice come lo fa exploder se exploder ogni 10 giorni cambia legermente modo di interpretare il codice solamente per generare incompatibilita' ...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > hai voglia a interpretare il codice come lo
    > fa exploder se exploder ogni 10 giorni
    > cambia legermente modo di interpretare il
    > codice solamente per generare
    > incompatibilita' ...

    Ma che dici...

    explorer è fermo da anni... a parte i bug che ogni tot mesi fanno finta di correggere...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Incubus
    > - Scritto da: Anonimo

    > Inoltre la compatibilita' non dipende mica
    > solo da chi fa il sito, anzi dipende piu'
    > dal browser. Ricorda che e' il browser ad
    > interpretare il codice quindi se io lo
    > interpreto come fa Internet Explorer addio
    > problemi.

    Stai scherzando o stai trollando?
    non+autenticato