Attento bimbo, la Curia ti spia

di A. Chiodi - Una scuola cattolica ha deciso di piazzare telecamere che osservano gli alunni in ogni istante della giornata, anche quando entrano nei bagni. Ma non durerà

Roma - Lo avevamo temuto in tanti ed è successo: per la prima volta una scuola italiana ha messo su un sistema avanzato di ripresa continua degli alunni che la frequentano, ragazzini delle elementari e delle medie. Si tratta di una scuola cattolica, l'istituto Capitanio di Bergamo, soggetto ai desideri della Curia vescovile, che possiede l'edificio.

Da quel che riferisce un articolo di Repubblica.it, siamo dinanzi ad uno spione elettronico composto da decine di telecamere piazzate nei corridoi, all'entrata della scuola e dei bagni. In più ogni classe è "tutelata" da due cam, una dietro la cattedra ed un'altra dietro gli studenti.

Il sistemone è integrato ad una connettività internet che consente ai genitori dotati di apposita password di collegarsi al sito della scuola e vedere in diretta quello che combina la propria prole.
Perché questo dispendio di energie tecnologiche? Per la sorveglianza, spiega il preside, perché in questo modo "sarà anche un deterrente per chi, magari con la scusa di andare in bagno, ne approfitta per chiacchierare in corridoio o fare scherzi ai compagni". Guai! L'occhio elettronico di educatori e genitori è sempre in agguato.

Gli effetti dell'impianto sono molteplici. Da un lato si insegna ai più piccoli che essere sorvegliati è un bene, e non è dunque una condizione eccezionale dovuta ad eventi straordinari. Dall'altro si chiede loro di rinunciare alla propria spontaneità. Con il rischio di essere osservati in ogni momento della propria vita scolastica, i bambini dovranno apprendere un nuovo gioco: scovare gli angoli bui, quelli che sfuggono alle riprese impietose delle telecamere, e alternare momenti di segreta libertà agli spazi alla recitazione ufficiale dinanzi ad occhi elettronici.

Quanto durerà? Probabilmente poco, visto che in passato il Garante della privacy si è espresso con durezza verso misure di controllo audiovisivo che non fossero strettamente giustificate dalla necessità. Parlando di queste tecnologie usate a sproposito, Stefano Rodotà aveva detto con una chiarezza disarmante: "Questa inarrestabile pubblicizzazione degli spazi privati, questa continua esposizione a sguardi ignoti e indesiderati, incide sui comportamenti individuali e sociali. Sapersi scrutati riduce la spontaneità e la libertà".

C'è da chiedersi se sia più sorprendente il provvedimento scolastico in sé, quello che ha portato i bambini in streaming web, o il fatto che nel 2004 il preside di una scuola senta come necessario e persino del tutto normale spiare e far spiare i propri alunni.

Adele Chiodi
TAG: italia
244 Commenti alla Notizia Attento bimbo, la Curia ti spia
Ordina
  • Edoardo Bennato - in fila per tre


    Presto vieni qui, ma su, non fare così,
    ma non li vedi quanti altri bambini
    che sono tutti come te, che stanno in fila per tre,
    che sono bravi e che non piangono mai

    è il primo giorno però domani ti abituerai
    e ti sembrerà una cosa normale
    fare la fila per tre, risponder sempre di si
    e comportarti da persona civile

    Vi insegnerò la morale, a recitar le preghiere,
    ad amar la patria e la bandiera
    noi siamo un popolo di eroi e di grandi inventori
    e discendiamo dagli antichi Romani

    E questa stufa che c'è basta appena per me
    perciò smettetela di protestare
    e non fate rumore, quando arriva il direttore
    tutti in piedi e battete le mani

    Sei già abbastanza grande, sei già abbastanza forte,
    ora farò di te un vero uomo
    ti insegnerò a sparare, ti insegnerò l'onore,
    ti insegnerò ad ammazzare i cattivi

    e sempre in fila per tre, marciate tutti con me
    e ricordatevi i libri di storia
    noi siamo i buoni e perciò abbiamo sempre ragione,
    andiamo dritti verso la gloria

    Ora sei un uomo e devi cooperare,
    mettiti in fila senza protestare
    e se fai il bravo ti faremo avere
    un posto fisso e la promozione
    e poi ricordati che devi conservare
    l'integrità del nucleo familiare
    firma il contratto, non farti pregare
    se vuoi far parte delle persone serie

    Ora che sei padrone delle tue azioni,
    ora che sai prendere decisioni,
    ora che sei in grado di fare le tue scelte
    ed hai davanti a te tutte le strade aperte
    prendi la strada giusta e non sgarrare se no
    poi te ne facciamo pentire
    mettiti in fila e non ti allarmare perchè
    ognuno avrà la sua giusta razione

    A qualche cosa devi pur rinunciare
    in cambio di tutta la libertà che ti abbiamo fatto avere
    perciò adesso non recriminare
    mettiti in fila e torna a lavorare
    e se proprio non trovi niente da fare,
    non fare la vittima se ti devi sacrificare,
    perché in nome del progresso della nazione,
    in fondo in fondo puoi sempre emigrare

    ehi ehi, ehi, avanti, ehi avanti in fila per tre...
    non+autenticato
  • nn ho nll da dire. m dispiace sl x gli alunni d qll scuola.
    (scritto in gergo giovanile)
    non+autenticato
  • Ai miei tempi si diceva che la scuola era come un carcere, a quanto vedo in 10 anni si sono dati da fare per dimostrare.... che puo' essere anche peggio! I ragazzi sono anche loro degli individui, non è possibile trattarli peggio degli schiavi, come se non avessero dei diritti, solo perchè sono minorenni. Sul posto di lavoro è vietato spiare il lavoro dei dipendenti, alla stessa maniera dovrebbe essere vietato spiare gli studenti a scuola.
    non+autenticato
  • Peccato che siano stati i preti ad attuarla. Facciamo tanto per tenere ben sorvegliate le uscite delle scuole, perchè non sorvegliare anchel'interno? giusta l'idea.

    I pargoli impareranno il rispetto per la cosa pubblica e altrui.

    Del resto non è vero che saranno sempre sorvegliati, non stanno mica sempre a scuola, avranno tutto il tempo di sfogare la loro irruenza contro le proprietà dei propri genitori.



    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Peccato che siano stati i preti ad attuarla.
    > Facciamo tanto per tenere ben sorvegliate le
    > uscite delle scuole, perchè non
    > sorvegliare anchel'interno? giusta l'idea.
    >
    > I pargoli impareranno il rispetto per la
    > cosa pubblica e altrui.
    >
    > Del resto non è vero che saranno
    > sempre sorvegliati, non stanno mica sempre a
    > scuola, avranno tutto il tempo di sfogare la
    > loro irruenza contro le proprietà dei
    > propri genitori.
    >
    >
    >
    Noto che il primo messaggio a risposta della tua esposizione è stato censurato dal moderatore il che si commenta da se.
    Quindi non prendertela se qualcuno ti manderà a quel paese, perchè è il minino che ti devi aspettare.
    Per quanto mi riguarda odio essere spiato , così come odio ogni tentativo di ficcanasare nella mia privacy, per cui riguardo la vicenda di quella scuola demenziale l'unico termine che mi viene in mente è: ABERRANTE
    non+autenticato
  • :\ Io sono sconcertato da questa notizia in quanto se fossi un genitore di quei bambini finchè non tolgono le telecamere non manderei mio figlio a scuola o lo farei trasferire... va bene la tecnologia nelle scuole ma così si toglie la libertà e il diritto alla privacy...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | Successiva
(pagina 1/11 - 51 discussioni)