Gasparri firma con Microsoft

Il ministero delle Comunicazioni rilancia la Giornata della Sicurezza informatica promossa da Microsoft, per evangelizzare l'Italia contro i molti pluriformi attacchi

Roma - Diffondere la cultura della sicurezza informatica, propugnare la sua importanza e la necessità per tutti di rimboccarsi le maniche: questi sono gli obiettivi ufficiali della "Giornata della Sicurezza" che ieri Microsoft ha celebrato con un partner di eccezione, il ministero delle Comunicazioni di Maurizio Gasparri.

Proprio Gasparri e Umberto Paolucci, vicepresidente di MS Corp., hanno firmato un protocollo di intesa che porterà alla realizzazione di attività congiunte di informazione e sensibilizzazione di imprese ed utenti.

L'idea è anche quella di dar vita ad una task force capace di intervenire in modo preventivo contro i crimini informatici "e gestire - si legge in una nota - in maniera rapida ed efficace eventuali situazioni di crisi". Un obiettivo condiviso, perché del tutto identico a numerose altre iniziative già attivate a livello istituzionale.
Stando alle cifre di cui si è parlato ieri, il crimine informatico provoca 50 miliardi di dollari di danni ogni anno, una cifra enorme attribuibile in larga parte alle truffe online ma anche ai worm e ai virus nonché alla scarsa sicurezza di numerose infrastrutture, sistemi industriali e computer domestici.

I numeri dell'iniziativa parlano del coinvolgimento nella "Giornata" di 700 dipendenti Microsoft, quasi 300 partner dell'azienda coinvolti in progetti con piccole e medie imprese: tutti in pista per informare, evangelizzare, sostenere e, appunto, sensibilizzare.

Tra gli altri elementi dell'iniziativa anche attività per tutelare la navigazione dei minori ed, evidentemente, campagne di informazione rivolte al grande pubblico "affinché - hanno affermato i promotori - tutti abbiano la consapevolezza dei rischi legati al problema della sicurezza informatica e sappiano adottare le contromisure necessarie."

Secondo Paolucci "l'accordo con il Ministero delle Comunicazioni rappresenta un importante punto di partenza per una più stretta collaborazione tra pubblico e privato, con l'obiettivo di rendere più sicure le infrastrutture informatiche del nostro Paese al fine di preservare la produttività delle imprese e tutelare la privacy dei cittadini".
TAG: italia
102 Commenti alla Notizia Gasparri firma con Microsoft
Ordina
  • Lettera aperta

    On.le Maurizio Gasparri,

    Non so cosa l'abbia spinta a firmire un accordo con Microsoft, piuttosto che introdurre lo sviluppo del software libero per la formazione professionale dei ragazzi che si apprestano a frequentare le scuole superiori.

    Microsoft per quanto mi riguarda fino ad oggi e' vissuta grazie a persone che si sono proclamate fruitori di una tecnologia che gli metteva a disposizione un front-end (aspetto grafico) senza conoscere il vero funzionamento
    di un sistema operativo e l'interazione con l'hardware.

    Se cio' puo' risultare inadeguato, basti vedere come le due principali Universita' Italiane Romane si trovano in grandi difficolta'.

    Si parla di Tor Vergata e La Sapienza che rischiano di aprire un anno peggiore di tanti altri.

    15 Facolta' non saranno piu' in grado di offrire un ruolo formativo, di ricerca e sviluppo per cui realmente erano nate codeste istituzioni.

    Fra queste sono a rischio proprio quelle di Ingegneria, cio' lo si deve al fatto che in Italia c'e' un alfabestismo pressoche' scadente, sono 6.000.000 le persone che non hanno un titlo di studio e si sono fermate alla Terza media e che come traguardo hanno raggiunto il Diploma.

    Se e' vero che oggi sempre piu' ci sono Laureati, cio' e' una modesta percentuale di persone che sono integrate in un contesto sociale Lavorativo che non valuta per la Laurea che hanno conseguito senza poi parlare di tutti quelli che si debbono accontentare di una situazione precaria e che gli offre lavori di poco conto senza permettere loro un futuro, il potersi costruire una famiglia, avere dei figli e grantirgli quell' istruzione cui tutti noi abbiamo conseguito negli anni passati.

    Oggi sempre piu' la ricerca, lo sviluppo, la scuola, le universita', il lavoro soffrono di un unico male: [La precarieta'].

    Noi ragazzi siamo riusciti a prenderci un pezzo di carta che ci garantisce un futuro, forse non tanto roseo, ma almeno abbiamo risolto il problema dell'istruzione che sta venendo meno, in quanto alle scuole pubbliche si tagliano i fondi [manovra del governo S.Berlusconi & Banda Bassotti.]

    Le nuove leve sapranno vedere un futuro migliore ?

    Non mi meraviglia il fatto che le Istituzioni, come tutto il resto dell'apparato governativo soffra di incompetenza, cio' che preoccupa e' poter vedere un futuro migliore per tutti.

    Il governo attuale ha tagliato i fondi alla ricerca e allo sviluppo e la pubblica amministrazione, lei compreso vi permettete di siglare accordi con il denaro dei contribuenti.

    l'accordo che lei ha siglato richiede un rinnovo hardware e software continuo e cio' e' un costo continuo, ma questi denaro da dove lo prendete se non dalle imposte che versiamo a codesto governo ?

    Non voglio certo che l'apparato della pubblica amministrazione abbia elaboratori piu' datati di quelli che un ragazzino 16 enne ha dentro casa sua, ma il continuo aggiornamento di elaboratori, software di sistema, applicativi sono un grande impegno per le nostre tasche.

    Dunque dato che pantalone non ha soldi da versare a vuoto si prega la sua Signoria di rinunciare all'accordo siglato e di voler fare spazio al sistema operativo libero Gnu\Linux ed inserirlo sia nella pubblica amministrazione, come nei vari enti.

    Se pensate di continuare in tal modo non troverete vita facile con i server.

    Qualora dovessimo rimuovere il supporto di condivisione fra i due mondi Gnu\Linux, FreeBsd,NetBsd,OpenBsd,Web Apache Server, non vi trovereste in acque sicure.

    Non solo questi ultimi non consentono di far transitare virus sulla rete, ma rendono i dati sicuri sia da intrusi che per i sistemi di backup.

    Tutto cio' non lo avrete mai con Windows e comunque la tecnologia di cui disponiamo se vi venisse sottratta all'istante farebbe chiudere milioni di pagine web che sono ospitate su server di tale potenzialita' e sicurezza che possono girare anche su uno dei computer piu' datati.

    Comunque questi sono i fatti, chi vivra' vedra'

    un anonimo.

        





    non+autenticato
  • I soldi. Zio Bill ne ha appoggiati tanti sulla sua scrivania ...
    non+autenticato
  • Ma possibile che non capiscono che con l'Open source, oltra a maggiore sicurezza, stabilità e risparmio, si creano posti di lavoro nel settore?? Ma non sanno che l'Italia è agli ultimi posti per innovazione tecnologica?? Viene da pensare che chi gli fa le consulenze sulle tecnolgie è proprio un asino; probabilmente non hanno nessun esperto da interrogare, prendono tutto per oro colato: "Be se ha un impero economico vuol dire che i suoi prodotti sono validi". Questa è la frase che secondo me gli risuona in testa.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma possibile che non capiscono che con
    > l'Open source, oltra a maggiore sicurezza,
    > stabilità e risparmio, si creano
    > posti di lavoro nel settore?? Ma non sanno
    > che l'Italia è agli ultimi posti per
    > innovazione tecnologica?? Viene da pensare

    Ben detto, sottoscrivo in pieno!
    non+autenticato
  • Ce lo abbiamo amndato noi italiani al potere, questo governo.
    Direi che ci rispecchia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma possibile che non capiscono che con
    > l'Open source, oltra a maggiore sicurezza,
    > stabilità e risparmio, si creano
    > posti di lavoro nel settore??

    E ritieni che con il closed source non si creino posti di lavoro? Tutte le aziende del comparto informatico hanno fatto business fino a ieri con il closed source. Mi spieghi che cosa è cambiato da ieri?

    I posti di lavoro li crea o li distrugge l'economia con i suoi cicli di abbondanza/crisi. Nell'era della new economy c'era lavoro con ricavi elevati per tutti. E non c'entrava nulla l'open source.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > E ritieni che con il closed source non si
    > creino posti di lavoro? Tutte le aziende del
    > comparto informatico hanno fatto business
    > fino a ieri con il closed source. Mi spieghi
    > che cosa è cambiato da ieri?
    >

    Cambia il fatto che il closed source crea solo mercanti, e il know-how resta nell'azienda di Bill.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > E ritieni che con il closed source non
    > si
    > > creino posti di lavoro? Tutte le
    > aziende del
    > > comparto informatico hanno fatto
    > business
    > > fino a ieri con il closed source. Mi
    > spieghi
    > > che cosa è cambiato da ieri?
    > >
    >
    > Cambia il fatto che il closed source crea
    > solo mercanti, e il know-how resta
    > nell'azienda di Bill.

    Ma chi l'ha detto?

    Ripeto: a sentire voi profeti dell'open source sembra che chi ha lavorato fino a oggi nell'informatica non abbia mai fatto informatica. Il mondo dell'IT è prosperato e progredito con il closed source. E questo anche prima che Bill Gates superasse la pubertà. Perché da oggi in avanti dovrebbe cambiare?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > >
    > > > E ritieni che con il closed source
    > non
    > > si
    > > > creino posti di lavoro? Tutte le
    > > aziende del
    > > > comparto informatico hanno fatto
    > > business
    > > > fino a ieri con il closed source.
    > Mi
    > > spieghi
    > > > che cosa è cambiato da ieri?
    > > >
    > >
    > > Cambia il fatto che il closed source
    > crea
    > > solo mercanti, e il know-how resta
    > > nell'azienda di Bill.
    >
    > Ma chi l'ha detto?
    >
    > Ripeto: a sentire voi profeti dell'open
    > source sembra che chi ha lavorato fino a
    > oggi nell'informatica non abbia mai fatto
    > informatica. Il mondo dell'IT è
    > prosperato e progredito con il closed
    > source. E questo anche prima che Bill Gates
    > superasse la pubertà. Perché
    > da oggi in avanti dovrebbe cambiare?

    A me non sembra affatto che si sia andati avanti con il "closed source" come lo chiami te!
    Di certo e' che con M$ avanti non ci si andra' mai.
    Hai mai visto un Apple? Sai qual'e' il kernel di Mac OS X?
    Hai mai saputo cosa gira sulla stragrande maggioranza dei server del pianeta? Sai cosa tiene in piedi le reti piu' importanti?
    Ti hanno mai detto che il resto dell'europa sta andando al contrario dell'Italia? Sono meno competenti di noi?

    ...e potrei continuare con tante altre domande per ipovedenti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > E ritieni che con il closed source non
    > si
    > > creino posti di lavoro? Tutte le
    > aziende del
    > > comparto informatico hanno fatto
    > business
    > > fino a ieri con il closed source. Mi
    > spieghi
    > > che cosa è cambiato da ieri?
    > >
    >
    > Cambia il fatto che il closed source crea
    Li chiama box mover. Io installatori senza competenze....
    > solo mercanti, e il know-how resta
    > nell'azienda di Bill.
    non+autenticato
  • ... che microsoft venda un prodotto "facilmente" bucabile, il che provoca danni incalcolabili all'industria italiana e mondiale e proprio a questi si rivolge il nostro ministro?

    Dovremmo chiedere i danni per quanto le nostre aziende hanno dovuto spendere in sistemi per bloccare i worm e i virus che sfruttano vulnerabilità do OL, non pagare MS perchè ce ne liberi.

    Esiste già chi fa le cose a modo e ne rilascia pure il sorgente (e qui si apre il solito capitolo)....

    purtroppo non si sta parlando di tecnologia, ne' di Politica, ma solo e soltanto di soldiTriste

    peace
    non+autenticato
  • Gasparri non avra' nemmeno una lavatrice a casa!A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 23 discussioni)