Ultra WideBand tutta in un chip

Una società americana ha progettato un chip wireless da 480 Mbit/s che dal prossimo anno salterà sui primi dispositivi basati sulla potente tecnologia senza fili

Austin (USA) - Il produttore texano Alereon ha mostrato quello che sostiene essere il primo chip Ultra WideBand (UWB) da 480 Mbit conforme alle specifiche sviluppate in seno alla Multi-band OFDM Alliance (MBOA), un'organizzazione che sta portando avanti lo sviluppo della tecnologia UWB.

L'azienda sostiene che con il proprio chip è possibile trasferire, via etere, il contenuto di un DVD in poco più di un minuto e mezzo.

Il chip, costruito con tecnologia CMOS a 0,13 micron, è compatibile con le versioni wireless di USB e IEEE 1394, due standard utilizzabili in congiunzione con la tecnologia radio UWB. Il supporto alla tecnologia WiMedia lo rende poi potenzialmente compatibile, attraverso un layer di astrazione, con Universal Plug and Play e Bluetooth.
Alereon afferma che il suo chip rappresenta un importante passo verso la commercializzazione, a partire dal prossimo anno, della tecnologia UWB, soprattutto come sostituto di USB e FireWire in dispositivi quali fotocamere e videocamere digitali, player MP3 e personal video player.

"La grande efficienza di UWB non è eguagliata da alcuna tecnologia wireless sul mercato", ha dichiarato Alereon.

Fra le più forti sostenitrici della tecnologia UWB c'è Intel, un colosso che sta implementando questa tecnologia all'interno dello standard Wireless USB e che partecipa attivamente alla MBOA e alla WiMedia Alliance.
16 Commenti alla Notizia Ultra WideBand tutta in un chip
Ordina
  • Scusate ma a che distanza "tirano" le attuali tecnologie wireless? (intendo i dispositivi tipo Access Point, router, schede wireless etc per i comuni PC e tutti quelli alla portata di un utente privato).
    Se la distanza fosse abbastanza potremmo cablarla adesso una rete privata metropolitana del tutto indipendente (evitando provider e centri di controllo vari!).

    Grazie, Ciao
    non+autenticato
  • chiedi a Gasparri se la puoi fare una rete del genere
    non+autenticato
  • ... rivaleggia con le dorsali telefoniche primarie. Se il raggio d'azione fosse intorno ai 100 metri, potremmo dire di poter cablare una citta' in pochi minuti.

    mah. troppo bello per essere vero. Magari ha una portata di 4 cm, oppure consuma 1.2 "gigowatt"Con la lingua fuori
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... rivaleggia con le dorsali telefoniche
    > primarie. Se il raggio d'azione fosse
    > intorno ai 100 metri, potremmo dire di poter
    > cablare una citta' in pochi minuti.
    >
    > mah. troppo bello per essere vero. Magari ha
    > una portata di 4 cm, oppure consuma 1.2
    > "gigowatt"Con la lingua fuori

    Alla base della tecnologia UWB c'e un'idea rivoluzionaria: invece di modulare ampiezza di banda o la frequenza come nelle trasmissioni radio normali, si trasmette un impulso binario tu tutte le frequenze, miliardi di volte al secondo. Questo da una parte richiede energie di trasmissione di qualche ordine di grandezza inferiore rispetto alle trasmissioni radio tradizionali, ma dall'altra richiede una sofisticatissima tecnologia a valle e a monte della trasmissione del segnale.
    Per la sua stessa natura, quindi, dubito che con la tecnologia UWB si potranno raggiungere distanze, anche in futuro, superiori ai 100 metri (e bisognera vedere con che banda). Per ora di parla di 5/10 metri.
    non+autenticato
  • Inoltre:

    "Grosse preoccupazioni per le pericolose interferenze che potrebbero derivare dall'utilizzo massiccio di questa nuova tecnologia sono state espresse da oltre 900 aziende produttrici, anche se rimane da chiedersi allora com'è possibile che i militari lo abbiano utilizzato per 40 anni senza al cun problema. Forse perchè questa tecnologia è realmente efficace, probabilmente le preoccupazioni sono più di livello competitivo che altro... "

    Da: http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=Nu...
    non+autenticato
  • > "Grosse preoccupazioni per le pericolose
    > interferenze che potrebbero derivare
    > dall'utilizzo massiccio di questa nuova
    > tecnologia

    Il fatto di poter usare una banda da (massimo) una decina di gigahertz
    per trasmettere un segnale da nell'ordine delle centinaia di megabit permette
    di trasmettere a potenze inferiori al rumore termico; in pratica il pc acceso
    emette più potenza del trasmettitore UWB.
    non+autenticato
  • su tutte le frequenze???
    se il raggi di azione e basso allora dovremo tenere in casa una aspecie di antenna trasmisttente spararadiazioni?
    no grazie! alla salute ci tengo...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > su tutte le frequenze???
    > se il raggi di azione e basso allora dovremo
    > tenere in casa una aspecie di antenna
    > trasmisttente spararadiazioni?
    > no grazie! alla salute ci tengo...

    Puoi sempre usare i segnali di fumo, come Tex Willer.
    Lui è 40 anni che li usa e sono più veloci di qualunque tecnologia moderna......

    Blateri di radiazioni e poi stai davanti ad un monitor e tieni al tuo fianco quella specie di forno a microonde del tuo pc...e magari usi tutto il giorno il telefono cellulare......ma dai!!!!:p
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > su tutte le frequenze???
    > se il raggi di azione e basso allora dovremo
    > tenere in casa una aspecie di antenna
    > trasmisttente spararadiazioni?
    > no grazie! alla salute ci tengo...

    di elettronica ne capisce più Del Piero o Totti, eppure non li ho mai sentiti fare commenti così sagaci relativi alle radiazioni elettromagnetiche.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 12/10/2004 17.53.02
  • - Scritto da: brunposta
    > Alla base della tecnologia UWB c'e un'idea
    > rivoluzionaria: invece di modulare ampiezza
    > di banda o la frequenza come nelle
    > trasmissioni radio normali, si trasmette un
    > impulso binario tu tutte le frequenze,
    > miliardi di volte al secondo.

    Quella alla quale fai riferimento tu è chiamata Impulse Radio
    UWB; era in effetti la tecnica originale. Quando l'FCC ha definito
    per gli Stati Uniti l'UWB, se n'è uscita con una definizione molto
    blanda, tanto che i propugnatori dell'OFDM ci hanno infilato
    pure la loro tecnica.

    E l'articolo parla di OFDM, ale a dire di trasmissioni continue nel tempo
    su pportanti ortogonali, non di Impulse Radio, trasmissioni impulsate
    a basso duty cycle.
    non+autenticato
  • > Per la sua stessa natura, quindi, dubito che
    > con la tecnologia UWB si potranno
    > raggiungere distanze, anche in futuro,
    > superiori ai 100 metri (e bisognera vedere
    > con che banda). Per ora di parla di 5/10
    > metri.

    140 metri, su pista d'aeroporto, 340 kb/s, con kit della
    Timedomain di due anni fa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Per la sua stessa natura, quindi,
    > dubito che
    > > con la tecnologia UWB si potranno
    > > raggiungere distanze, anche in futuro,
    > > superiori ai 100 metri (e bisognera
    > vedere
    > > con che banda). Per ora di parla di 5/10
    > > metri.
    >
    > 140 metri, su pista d'aeroporto, 340 kb/s,
    > con kit della
    > Timedomain di due anni fa.

    se non erro esiste anche un'implementazione uwb destinata al lunghissimo raggio (~50km) ma bassissima banda dati.
  • ...della sicurezza di questa roba 'senzafili' non si parla mai, all'inizio e poi si finisce per scoprire che ha dei buchi clamorosi, e così a 480 gli hackeri ti si ciucciano un hd in meno di dieci minuti, bello no?

    Il war-driver: "Sai, passavo davanti a casa tua, cosi ho pensato di dare un'occhiatina al tuo pc per vedere se avevi qualche bel film nuovo da scaricare:D"

    E per finire date un occhiata qui:

    http://www.tomshardware.com/column/20040430/index....

    e scoprirete che c'è chi si diverte a entrare nei wireless bucati anche...con l'aereo!

    Perciò prima parlatemi di sicurezza, poi vediamo quant'è veloce.
  • La cosa agghiacciante e' che in pratica tutte le reti si trovavano SOTTO l'aereo ... pensa quanti router wireless ci sono in ammmerica. Meleoni e meleoni di router, in mano ad eserciti di ammmericani, notoriamente tre volte piu' babbei degli italiani.

    Ora capisco il perche' degli sniffer per il pda: cammini a piedi o in macchina e ne trovi a bizzeffe: perche' pagare una adsl se solo stando a casa tua riesci a raggiungere un pacco e mezzo di reti?

    bah.
    non+autenticato
  • - Scritto da: AdessoBasta
    > ...della sicurezza di questa roba
    > 'senzafili' non si parla mai, all'inizio e

       anche perché si tratta di una tecnica di trasmissione
    e non di comunicazione; poi sopra ci metti quello che vuoi!
    non+autenticato

  • - Scritto da: AdessoBasta
    > ...della sicurezza di questa roba
    > 'senzafili' non si parla mai, all'inizio e
    > poi si finisce per scoprire che ha dei buchi
    > clamorosi, e così a 480 gli hackeri
    > ti si ciucciano un hd in meno di dieci
    > minuti, bello no?
    >
    > Il war-driver: "Sai, passavo davanti a casa
    > tua, cosi ho pensato di dare un'occhiatina
    > al tuo pc per vedere se avevi qualche bel
    > film nuovo da scaricare:D"
    >
    > E per finire date un occhiata qui:
    >
    > www.tomshardware.com/column/20040430/index.ht
    >
    > e scoprirete che c'è chi si diverte a
    > entrare nei wireless bucati anche...con
    > l'aereo!
    >
    > Perciò prima parlatemi di sicurezza,
    > poi vediamo quant'è veloce.



    l'uwb è un sistema di trasmissione wireless concettualmente estraneo ad ogni sistema (consumer) prima esistente.
    al di là che la connessione uwb è pensata soprattutto per fornire una velocità immensa a distanze ravvicinate (<1m), due periferiche per percepire i rispettivi segnali uwb devono essere "sincronizzate", perché il funzionamento dell'uwb sfrutta una banda ampissima, e non solo una frequenza ben definita (come ad esempio i 900 o i 1800mhz del gsm), ma ad una potenza talmente irrisoria da esser percepita dal resto delle periferiche wireless "tradizionali" come "rumore di fondo".

    in pratica, se non sai che bisogna "ascoltare", e se non sai cosa "ascoltare" e quando "ascoltare", difficilmente hackeri qualcosa.



    che poi non esista nulla di sicuro, sono d'accordo, ma per lo meno uwb non è una tecnologia intrinsecamente insicura come il wi-fi.