OpenOffice, barra su 2.0

La comunità OpenOffice.org racconta le principali novità della prossima release della celebre suite e spiega le proprie strategie di marketing

Berlino - Un'affollata conferenza della comunità OpenOffice.org si è tenuta nella capitale tedesca nei giorni scorsi, occasione per entrare nei dettagli di una nuova strategia di marketing con cui i promotori della suite software intendono accelerare la sua diffusione.

Il gruppo di lavoro responsabile del progetto open source, coordinato da John McCreesh e Jacqueline McNally, ha presentato un piano strategico di lungo respiro che arriva al 2010. In questo momento, i contenuti del piano vengono discussi online dalla comunità con l'obiettivo di arrivare a una versione definitiva e condivisa da tutti i membri entro la fine dell'anno. Le principali novità riguardano la focalizzazione su gruppi ben definiti di utenti, distinguendo in modo più preciso fra settore educativo, governativo, delle piccole e medie imprese, delle grandi aziende, e degli OEM, e un'attività di comunicazione più strutturata ed efficace.

Attualmente, secondo una ricerca di CSC, la suite OpenOffice ha raggiunto una quota di mercato del 14% nel settore delle grandi aziende: queste ultime, secondo la comunità, "sono state le prime ad adottare la suite per ufficio in virtù della riduzione dei costi di licenza rispetto alle soluzioni proprietarie".
Le ambizioni di OpenOffice.org saranno supportate, sul lato tecnico, dal rilascio di una nuova major release della suite, la 2.0, la cui data del debutto è stata fissata per la prima metà del 2005.

OpenOffice 2.0, che sta per entrare nella fase di beta test, offrirà numerose novità per l'interfaccia utente, le funzionalità e il formato dei file. Le barre degli strumenti sono state modificate, e saranno maggiormente configurabili e personalizzabili, anche per quanto riguarda l'aspetto estetico. La suite verrà completata da un programma per la gestione dei database in standard SQL, mentre il formato dei file diventerà quello standard XML definito dal consorzio OASIS: la compatibilità con la versione 1.0 verrà garantita da un'utility di traduzione nel vecchio formato.

Come ormai noto, l'Unione Europea sta facendo pressioni affinché i formati XML di OpenOffice divengano degli standard ISO e possano interoperare con quelli di Microsoft.

Proprio di recente è stato rilasciato OpenOffice 1.1.3, una release di manutenzione che migliora la velocità di esecuzione del programma e offre ? per il momento solo nella versione inglese ? un nuovo installer di dimensioni significativamente inferiori (48 MB invece di 68) e più facile da utilizzare. Da alcuni giorni è disponibile anche la localizzazione in italiano curata dal Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org.
137 Commenti alla Notizia OpenOffice, barra su 2.0
Ordina
  • 1.per prima cosa openoffice va benone a quasi tutti, per alcune cose è meglio di office, per altre peggio; office non ha un draw, un pdf, ma ha altro; dipende dalle esigenze
    2. l'italiano va studiato, sennò mica basta il correttore, lui si accontenta del dizionario, ma con i congiuntivi come la mettiamo? e poi a me word non riconosceva anche parole importanti, insomma va bene avere dei maghi dell'informatica, ma pure meritare un diploma delle medie sarebbe il minimo, no?
    3. openoffice è utilizzato in molte parti del mondo: basta informarsi, ci sono interi paesi che passano a openoffice, specie con linux , con strascichi di polemiche ma senza rimpianti; essendo opensource, è più corretto, non ti é vietato sapere quel che hai nel pc e questo a molti piace;
    4.è educativo: meglio che craccare, della serie se non ho una cosa agggiro la legge;
    5.nella mia scuola (io insegno) arrivano i pc nuovi per il laboratorio (4 di numero) ma senza office; tutti in panico, si prospetta un consiglio di istituto per preventivare la spesa, sennò addio documenti fatti dai ragazzi e dai prof; vedo, installo openoffice, tutti contenti, e c'è il pdf; tutti gli utenti domestici che scoprono openoffice sono stupiti perché convinti che sia impossibile che funzioni una cosa così agratis; conclusione: il vero problema per il successo di openoffice, come di molto software libero, è la pubblicità!!!
    non so dove ho messo la password...
    johnJ
    non+autenticato
  • aggiungo: se non ci fosse, forse office costerebbe molto di più, per una legge del mercato, mica per cattiveria; quindi anche chi usa felice office avrebbe buone ragioni di apprezzare questo calmiere naturale, no?
    sono sempre johnJ
    p.s.: nell'altra mail ho fatto il furbo dicendo che è importante saper scrivere in italiano... e poi ho messo una tripla per una doppia... beh viva la netiquette e la misericordia, va!
    non+autenticato
  • tutte le funzionalità di backoffice, di VBA ecc ecc, hanno una versione in OO oppure no?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > tutte le funzionalità di backoffice,
    > di VBA ecc ecc, hanno una versione in OO
    > oppure no?

    E' programmabile esattamente come Office, anche se il linguagguio non è VBA.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > tutte le funzionalità di backoffice,
    > di VBA ecc ecc, hanno una versione in OO
    > oppure no?


    Ha un suo linguaggio Basic simile a quello di Office, e in più è programmabile in python e java.

    Direi che è almeno un chilometro avanti a Office in questo senso...
    non+autenticato


  • Mi servirebbe un applicativo simile a MS Publisher ... OpenOffice ne ha uno??? (deve girare sotto Win)


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > Mi servirebbe un applicativo simile a MS
    > Publisher ... OpenOffice ne ha uno??? (deve
    > girare sotto Win)
    >
    >
    si,OpenOffice.org Draw

    [andrew]
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Mi servirebbe un applicativo simile a MS
    > Publisher ... OpenOffice ne ha uno??? (deve
    > girare sotto Win)
    Se ti accontenti, invece che del Free Software, di Freeware (Per uso personale), c'è Serif Pageplus 5 disponibile per il download gratuito qui: http://www.freeserifsoftware.com/serif/pp/pp5/inde....
    Per intenderci, è una "Vecchia" versione di Pageplus, che attualmente è arrivato alla versione 7, se non erro
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Mi servirebbe un applicativo simile a MS
    > > Publisher ... OpenOffice ne ha uno???
    > (deve
    > > girare sotto Win)
    > Se ti accontenti, invece che del Free
    > Software, di Freeware (Per uso personale),
    > c'è Serif Pageplus 5 disponibile per
    > il download gratuito qui:
    > www.freeserifsoftware.com/serif/pp/pp5/index.
    > Per intenderci, è una "Vecchia"
    > versione di Pageplus, che attualmente
    > è arrivato alla versione 7, se non
    > erro


    eventualmente ... c'è qalcosa per impaginare free software o freeware alternativo a Publisher o Serif Pageplus 5 ... qualcosa di un po piu... professionale???


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > ... qualcosa di un po piu...
    > professionale???
    >

    Adobe InDesign. Non è che per forza devi trovare tutto gratis e a livelli superprofessionali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > Mi servirebbe un applicativo simile a MS
    > Publisher ... OpenOffice ne ha uno??? (deve
    > girare sotto Win)
    >
    >
    No, e spero che non lo faccia, perché se viene fuori come Publisher fa schifo...Perplesso (un pò come i rispettivi e penosi Draw di MSO e OOo).
    Il Publisher é adatto per i bambini delle medie e per fare gli inviti ai compleanni.
    Per un programma di DTP passabile bisogna guardare altrove...
    Free per win c'é il Serif di cui sopra, o su linux Scribus.
    non+autenticato
  • Se una azienda mi spedisce un documento excel con macro VB non c'e' altra scelta che avere excel per rileggerlo. E purtroppo questi sono casi abbastanza diffusi.
    Sarebbe carino se riuscissero a fare una specie di traduttore dalle macro di office...
    Qualcuno sa se esistono progetti in tal senso?

  • - Scritto da: Alessandrox
    > Se una azienda mi spedisce un documento
    > excel con macro VB non c'e' altra scelta che
    > avere excel per rileggerlo. E purtroppo
    > questi sono casi abbastanza diffusi.
    > Sarebbe carino se riuscissero a fare una
    > specie di traduttore dalle macro di
    > office...
    > Qualcuno sa se esistono progetti in tal
    > senso?

    Difficile, senza farsi fare causa da Microsoft.

    Piuttosto: se qualcuno ti invia un excel con delle macro tu LE ATTIVI???

    Complimenti!
    non+autenticato

  • > Difficile, senza farsi fare causa da
    > Microsoft.
    >

    ma che cazzo dici?
    basterebbe supportare il motore di active scripting almeno nella versione per windows

    > Piuttosto: se qualcuno ti invia un excel con
    > delle macro tu LE ATTIVI???
    >
    > Complimenti!

    a fox mulder
    trust no one vero?
    ma dove lavorate voi?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > a fox mulder
    > trust no one vero?
    > ma dove lavorate voi?

    Ehm, ma quanti virus e script malevoli ci stanno in giro?
    La magior parte si attaccano ai documenti anche all'insaputa di chi te li manda.
    Quindi aboliamo le macro di office!
    non+autenticato
  • Uno scenario simile l'ho avuto con un cliente che voleva risparmiare... Ho installato Oo per poi scoprire che i listini prezzi dei ricambi auto forniti dalla casa madre (francese) venivano veicolati solo tramite un'app Xl (e logicamente farcita di macro). Ho dovuto fare dietro-front, acquistare un pacchetto Office M$, in quanto anche XL Viewer non mi permetteva di effettuare alcuna ricerca (nonchè alcuna consultazione) di detto listino...
    Purtroppo M$ nel suo dominare ha ormai imposto uno standard di fatto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > a fox mulder
    > > trust no one vero?
    > > ma dove lavorate voi?
    >
    > Ehm, ma quanti virus e script malevoli ci
    > stanno in giro?

    Attivare le macro solo quando sei sicuro del loro contenuto no? Troppo difficile?

    > La magior parte si attaccano ai documenti
    > anche all'insaputa di chi te li manda.
    > Quindi aboliamo le macro di office!

    Certo, pure gli eseguibili veicolano virus, trojan e via dicendo, ma credo nessun pazzo andrà mai a dire di eliminare i file eseguibili, ma semplicemente di stare molto attenti prima di aprirne uno di provenienza incerta. Fare così anche con office è troppo difficile?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Difficile, senza farsi fare causa da
    > Microsoft.

    Beh ne piu' ne meno che per tradurre il formato excel

    > Piuttosto: se qualcuno ti invia un excel con
    > delle macro tu LE ATTIVI???

    > Complimenti!

    Scusa eh...
    ma se il foglio in questione e' una GRIGLIA DI CALCOLO con delle funzioni di base importanti che necessitano l' attivazione di macro che alternativa ho? IO sono obbligato ad usare quella gliglia di calcolo... una filiale e' obbligata a usare gli strumenti che gli mette a disposizione la casa madre. Mica posso rifiutare...
  • > Se una azienda mi spedisce un documento
    > excel con macro VB non c'e' altra scelta che
    > avere excel per rileggerlo. E purtroppo
    > questi sono casi abbastanza diffusi.
    > Sarebbe carino se riuscissero a fare una
    > specie di traduttore dalle macro di
    > office...
    > Qualcuno sa se esistono progetti in tal
    > senso?

    Vorrebbe dire un sistema per importare virus e bachi direttamente in Open office?
    No, grazie.

    Quando e se Open office risultera' diffuso sara l'M$ che dovra' dotarsi di un traduttore di macro.
    non+autenticato
  • No, non c'è un traduttore di macro ma una possibile soluzione sarebbe di smetterla di mandarsi quei maledetti documenti M$ Office che non fanno altro che costringere altri utenti ad installare i mediocri prodotti Microzozz!
    Leggi ad esempio questo documento sui documenti word redatto da http://www.gnu.org/philosophy/no-word-attachments....
    (è addirittura tradotto in italiano).
    W IL SOFTWARE LIBERO!!!
    non+autenticato
  • Volevo dire redatto da Stallman in persona...
    :)
    non+autenticato
  • E' una azienda da paura! Ha affari che vanno dalle banche/assicurazioni a contratti con il governo ed esercito degli stati uniti per la difesa aereospaziale.
    Questo forse ci dovrebbe far pensare a cosa intendono loro per "grande cliente".

    L'altra cosa è ,che si OO ha il 14% del mercato office dei "grandi" clienti ma MS ha il 94% del mercato office globale.

    Vi consiglio di leggerlo comunque perchè tra l'altro perchè c'è un'interessante discorso sul perchè le aziende scelgono la strada open source.

    Oltre a una statistica che dice che circa il 65% di 500 developer manager pensano di risparmiare da 0% al 10% (solo?) usando software e piattaforme open.

    Insomma le idee contenute nel documento sono forse più interessanti ma sparare un bel 14% in prima pagina fa sempre scena (e hit suppongo).

    ciao ciao
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)