Il cellulare fa male? Lo dice l'esperto

Il massimo esperto di radiazioni in Germania accusa i telefonini: sono dannosi, soprattutto per i bambini

Berlino - Ogni tanto si alza un'altra voce dal coro a puntare il dito contro i cellulari e la loro "potenziale pericolosità". Voce autorevole, questa volta: il Savonarola della situazione è Wolfram Koenig, massimo esperto tedesco di radiazioni e direttore dell'Agenzia di Protezione dalle Radiazioni.

Afferma Koenig, con toni preoccupati, durante un'intervista: "In generale, i cellulari dovrebbero essere usati il meno possibile, i genitori dovrebbero tenere i loro bambini lontani da questa tecnologia quanto più possibile". Anche sconsigliato il possesso di telefonini in macchina, che porta il guidatore a rimanere sempre sotto l'effetto delle radiazioni.

Koenig sembra così condividere le tesi del fisico Gerard Hyland, pubblicate sull'autorevole rivista medico-scientifica The Lancet, sulla maggiore vulnerabilità dei bambini alle radiazioni provenienti dal cellulare.
Allarmismo ingiustificato? Koenig è consapevole come non ci siano ancora prove scientifiche sulla dannosità dei cellulari, ma non sono da escludere, avvisa l'intervistato, possibili rischi nascosti: la scienza ha il dovere di analizzare e chiarire il problema.

Nulla di certo quindi, come anche sostengono gli studi pubblicati sulla questione dal New England Journal of Medicine e dall'American Medical Association, che hanno smentito possibili relazioni tra l'uso del cellulari e l'insorgenza di tumori al cervello. Ma, ribatte Koenig, potrebbero esserci altri effetti dannosi delle radiazioni emesse dal cellulare, che ancora non sono stati scoperti.

Le stesse incertezze, non dimostrate scientificamente, sono state espresse riguardo alle onde elettromagnetiche prodotte dai ripetitori che consentono il funzionamento della rete mobile, come si può leggere in questo articolo.
22 Commenti alla Notizia Il cellulare fa male? Lo dice l'esperto
Ordina
  • secondo me i cellulari fanno molto male anche se mi ritengo una che non ne può stare senza...
    non+autenticato
  • La gente si preoccupa dei cellulari (senza rendersi conto che dietro ci sta un mercato enorme, che inevitabilmente muove interessi economici SIA DA UNA PARTE CHE DALL'ALTRA) e non pensa ad esempio al Phon (eh sì, la serpentina... con cosa credete che vada, con lo spirito santo? Genera un campo elettromagnetico sicuramente superiore al telefonino), come a tutti i motori elettrici / trasformatori che ci sono in casa (e son tanti), l'alternatore della macchina (...), le bobine delle casse acustiche del mega stereo ultimo modello, la playscazzo e il monitor del pc, per dirne qualcuno. E si pensa al celly che poverino crea un campo di pochi v/m per di più intermittente.... E si va al mare a brasarsi la pelle (ma quello fa figo, no?), magari prima anche un giro dall'estetista sotto le lampade uv, si fuma a go-go (magari pesante) e via dicendo.

    La verità è che son tutte stronzate e i poveretti si lasciano influenzare dallo pseudo ricercatore di turno che magari sbaglia la metodologia (o lo fa apposta, leggetevi "Le bugie della scienza, di F. Di Trocchio) e spara risultati allarmanti (nascondendo le prove a favore dell'altra tesi).

    Mi ricordo una volta un cretino che da Santoro, su Italia1, fece un esperimento immergendo l'antenna di un cell in una provetta incartata con della carta stagnola da cucina, contenente delle non meglio specificate cellule, dimostrando che dopo alcune ore queste erano morte. Peccato che non spiegasse che tali cellule potevano essere partite per altri 10000 motivi, tra cui l'ambiente non adatto alla sperimentazione. O ancora quei pazzi del wwf che vanno in giro con una sonda che NON (NON NON NON NON NON) serve a misurare il campo emesso dai telefonini, che misura una volta 1 e una volta 200, incapaci (ma voglio sperare lo facciano di proposito) di capire che la posizione della sonda è essenziale per, e che si deve stabilire e seguire uno standard unico per il campionamento, in punti precisi di un manichino anatomico.

    Mi vien da ridere pensando a quelli che comprarono le coccinelle per proteggere la testa dalle emissioni dei cell, senza sapere che l'assorbimento di parte del campo forzava il celly ad aumentare la potenza di emissione per rimanere sullo standard di qualità di comunicazione, vanificandone l'effetto e accelerando la morte delle batterie...

    Ma in questo mondo basta far casino sui media che le pecore ti seguono......
    non+autenticato
  • E' notizia di questi giorni che la massima autorità europea sulle ricerche sul cancro (mi pare che la sigla sia IRCI, ma non ne sono certo) ha condotto studi che inequivocabilmente provano la dannosità dei cellulari.
    La notizia è apparsa su Repubblica di pochi giorni fa, sul sito c'è sicuramente. http://www.repubblica.it
    Tra l'altro nell'articolo il rappresentante di tale istituto lamentava il fatto di essere stato spesso tirato in ballo da Veronesi, il quale affermava che avevano già compiuto studi che ne dimostravano la non pericolosità, studi assolutamente inesistenti...
    non+autenticato
  • STRONZATE,NON FANNO MALE LE ONDE ELETTROMAGNETICHE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    LEggete di meno i giornali-spazzatura(La repubblica,Panorama) e leggete di più riviste serie (Le scienze,Nature) !!!!!!!
    SE VOLETE GUARDARE TELEVISIONE SERIA LASCIATE PERDERE : TEMPI MODERNI(una puttanata simile a "viaggio al centro di Selen"),STRISCIA LA NOTIZIA ......
    Volete spendere 50 mila miliardi x una cazzata quando con la stessa cifra si può eliminare il cancro ? mi fate schifo,siete solo un branco di ignoranti che gli basta avere un browser caricato su un sito porno.
    Contro qualche risultato che lascia passare un pò di terrore ci sono altre 25 MILA RICERCHE CHE AFFERMANO CON SICUREZZA che non c'è relazione fra tumori e onde elettromagnetiche.
    Volete salvare un bambino ogni due anni dalle onde elettromagnetiche oppure 2500 bambini l'anno x cancerogeni certi ?
    MEditate seguaci di deputati cretini
    non+autenticato
  • Evito accuratamente di commentare gli insulti che hai sparato e passo alle cose serie, perché non amo riempirmi la bocca di fumo. Stavolta fammi la cortesia di leggere fino in fondo.
    Secondo me non hai letto cosa ho scritto: ti ho detto che è stato provato che le emissioni elettromagnetiche sono nocive. Questo ente di cui purtroppo non ricordo bene la sigla (è l'istituto internazionale di ricerca sul cancro) ha dimostrato che:
    1. le emissioni elettromagnetiche sono nocive
    2. qualunque elettrodomestico produce emissioni nocive ma lavorano a correnti basse perciò un minimo di distanza (spesso davvero minima) fa scendere a zero le emissioni.
    3. ciò che fa davvero male sono i grandi elettrodotti, le centrali di produzione dell'elettricità e i ripetitori, in quanto lì si producono grandi emissioni e servono delle discrete distanze per mettersi al riparo, spesso non osservate.
    Inutile dire che gli sforzi per ridurre "l'elettrosmog" (passatemi tale termine) vanno fatti solo in quest'ultimo caso, in quanto è presente un DIMOSTRATO aumento di casi di cancro e leucemia.

    Aggiungo un paio di osservazioni che meritano di essere citate del rappresentante di tale istituto:
    1. sono stati i casi sui grandi fumatori a far capire i danni che il fumo può fare, anche in questo caso è ridicolo soffermarsi sui piccoli elettrodomestici, bisogna concentrarsi sulle grandi fonti di "elettrosmog".
    2. L'ex ministro della Sanità Veronesi ha spesso citato ricerche di tale istuto che dimostravano l'inesistenza dell'"elettrosmog". Tali ricerche sono inesistenti, in quanto l'unica ricerca fatta da tale istituto è quella cui si riferiva l'articolo di Repubblica, i cui risultati sono stati pubblicati pochi giorni fa.

    La prossima volta vedi di fare critiche costruttive invece di insultare e basta. Io ti ho fornito fonti e dati, tu fai riferimento a ricerche che non citi. Son buoni tutti a dire "tante ricerche dimostrano che...", dicci quali sono queste ricerche e mostraci il modo in cui sono state condotte. E se ti riferisci a ricerche sui telefonini ricordati che io mi riferisco invece a grandi fonti, su cui è possibile condurre ricerche meno aleatorie.
    E ricordati che allo stato delle cose la scienza non può dirci che è una cosa è innoqua, può solo affermare che, nelle situazioni ispezionate, non fa male. E c'è una bella differenza!
    A titolo di esempio ti rammento che le ricerche condotte su ogni marca di sigarette in commercio per vedere quanto catrame e altra immondizia è aspirato dal fumatore (quei numeretti posti sulle sigarette) sono condotte con la "smoking machine". Peccato che tale macchina faccia una breve boccata ogni minuto. quanti fumano così? Nessuno, ma conducendo così le ricerche si possono mettere dei numeretti bassi bassi sui pacchetti, mentre la schifezza inalata è molta di più. E qui la fonte è "Report", la trasmissione di Raitre. Era un reportage sull'ipocrisia dello stato che da un lato dice che il fumo fa male e dall'altro lo spaccia. Ed è una fonte affidabile, visto che sono Giornalisti con la G maiuscola. Ci tengo a precisarlo perché sicuramente tu non l'hai mai vista.
    PS: anch'io leggo Nature et similia ma forse non hai mai visto i parametri con cui venivano svolte le ricerche: spesso erano così empiriche da far ridere i polli.
    Saluti.    
    non+autenticato
  • le scienze,numero 394-giugno 2001,pagina 113
    non+autenticato
  • Una volta ai tempi dei primissimi P250 si inizio' a dire ch le freguenze maggiori di 300Mhz erano nocive !!!!
    non+autenticato
  • I processori, sono lontani dalla persona e schermati.
    non+autenticato
  • I processori occupano pochi millimetri di spazio, il cellulare occupa lo spazio tra esso e il ripettitore.

    Diverso sarebbe se fosse il FSB (Front Side Bus)ad andare a 1000MHz EFFETTIVI perche occupa maggior spazio ed è difficile da schermare.

    Quindi prima di esprimere le tue idee cerca di informarti prima, e non scrivere le prime cazzate che ti passano per la mente solo per "sentito dire"!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vala
    > I processori occupano pochi millimetri di
    > spazio, il cellulare occupa lo spazio tra
    > esso e il ripettitore.

    > Diverso sarebbe se fosse il FSB (Front Side
    > Bus)ad andare a 1000MHz EFFETTIVI perche
    > occupa maggior spazio ed è difficile da
    > schermare.

    Cortesemente, mi spiegheresti in modo un po piu' semplice, come se per pura ipotesi io non avessi una laurea in radioelettronicaSorride

    Scusa, Grazie
    non+autenticato


  • - Scritto da: Caine
    > - Scritto da: Vala
    > > I processori occupano pochi millimetri di
    > > spazio, il cellulare occupa lo spazio tra
    > > esso e il ripettitore.
    >
    > > Diverso sarebbe se fosse il FSB (Front
    > Side
    > > Bus)ad andare a 1000MHz EFFETTIVI perche
    > > occupa maggior spazio ed è difficile da
    > > schermare.
    >
    > Cortesemente, mi spiegheresti in modo un po
    > piu' semplice, come se per pura ipotesi io
    > non avessi una laurea in radioelettronicaSorride
    >
    > Scusa, Grazie

    Ti stà dicendo che i processori non funzionano con frequenze esterne elevate perchè hanno un'architettura superscalare e che il chip (dove puoi trovare quelle frequenze) è già schermato dal produttore.
    Inoltre, ti fa presente che è sempre possibile schermare bus esterni (ad elevata velocità) anche se ci sono alcune le difficoltà di cui tenere conto nel farlo (dipendentemente dal tipo di bus, ecc.).
    Poi, infine, indica chiaramente che le emissioni elettromagnetiche dei processori sono effetti collaterali mentre quelli dei cellulari sono esplicitamente volute (tragitto dal cellulare al ripetitore e vice-versa) e quindi impossibili da schermare efficacemente senza inficiarne il funzionamento.

    Non capisco invece che problemi ci siano ad avere processori superscalari con frequenza superiore a 300MHz, vista la facilità con la quale si possono schermare.
    Se poi sono dannose le frequenze dei segnali superiori a 300MHz ... mi chiedo se ci sono stati problemi di salute dove queste frequenze vengono usate quotidianamente già da un sacco di tempo per motivi professionali (Forze Armate, aeroporti, ecc.).

    Saluti Ing.!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gano
    > - Scritto da: Caine
    > > - Scritto da: Vala
    > > > I processori occupano pochi millimetri
    > > > di spazio, il cellulare occupa lo spazio
    > > > tra esso e il ripettitore.

    > Ti stà dicendo che i processori non
    > funzionano con frequenze esterne elevate
    > perchè hanno un'architettura superscalare e
    > che il chip (dove puoi trovare quelle
    > frequenze) è già schermato dal produttore.
    > Inoltre, ti fa presente che è sempre
    > possibile schermare bus esterni (ad elevata
    > velocità) anche se ci sono alcune le
    > difficoltà di cui tenere conto nel farlo
    > (dipendentemente dal tipo di bus, ecc.).
    > Poi, infine, indica chiaramente che le
    > emissioni elettromagnetiche dei processori
    > sono effetti collaterali mentre quelli dei
    > cellulari sono esplicitamente volute
    > (tragitto dal cellulare al ripetitore e
    > vice-versa) e quindi impossibili da
    > schermare efficacemente senza inficiarne il
    > funzionamento.

    Grazie, cosi' e' molto piu' chiaro x uno che non conosce i termini tecnici dell'elettronica.

    > Non capisco invece che problemi ci siano ad
    > avere processori superscalari con frequenza
    > superiore a 300MHz, vista la facilità con la
    > quale si possono schermare.
    > Se poi sono dannose le frequenze dei segnali
    > superiori a 300MHz ... mi chiedo se ci sono
    > stati problemi di salute dove queste
    > frequenze vengono usate quotidianamente già
    > da un sacco di tempo per motivi
    > professionali (Forze Armate, aeroporti,
    > ecc.).

    Bho e' solo una voce che avevo sentito al tempo.
    non+autenticato
  • Per essere dannose bisogna che una persona si trovi in mezzo alla propagazione delle onde elettromagnetiche.
    I segnali dei telefonini hanno l'obbiettivo di propagarsi per lunghi spazi, quelli dei pc no.

    I processori essendo molto piccoli possono irradiare le onde con molta difficolta', poi sono anche abbastanza schermati per evitari le interferenze dall'esterno, senza poi contare che il case metallico o metallizzato del pc e' un ottimo schermo.
    Poi i pc sono sottoposti a normative molto rigide sull'irradiazione di disturbi.

    Invece il bus del pc, dovendo arrivare a un sacco di componenti comprese gli slot di espansione, sono molto lunghi, e quindi sono delle antenne di trasmissione molto piu' efficaci del processore.

    Comunque tieni conto che di solito sono i cavi di collegamento (piattine per gli harddisk, cavi per mouse, stampanti, USB, ecc.) le peggior fonti di irradiazioni di un pc.
    non+autenticato
  • > Quindi prima di esprimere le tue idee cerca
    > di informarti prima, e non scrivere le prime
    > cazzate che ti passano per la mente solo per
    > "sentito dire"!

    Mizzega che maleducazione!
    non+autenticato
  • Ma per carita'... La frequenza di clock indica solo quante volte al secondo il processore "fa qualcosa", non c'entra assolutamente nulla con i campi elettromagnetici che trasportano i dati della rete gsm
    non+autenticato
  • basta guardare come sta andando l' economia soprattutto delle ditte new economy da quando tutti i manager e psudotali hanno iniziato ad andare in giro almeno 10 ore al giorno a gesticolare da soli
    E da quando sono arriviati gli auricolari la cosa e' ancora peggiorata! Adesso e' pieno di gente che parla alla macchinetta del caffe o alla porta chiusa dell' ascensore
    non+autenticato

  • - Scritto da: lucius
    > E da quando sono arriviati gli auricolari la
    > cosa e' ancora peggiorata! Adesso e' pieno
    > di gente che parla alla macchinetta del
    > caffe o alla porta chiusa dell' ascensore

    Veramente gli scemi del villaggio esistevano anche nell'antichità... quelli sono imbecilli per natura, la tecnologia può solo peggiorarli un pochino.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)