RealJukeBox: gravissimo scandalo

Hanno cercato di gettare acqua sul fuoco ma i dati degli utenti vengono raccolti a loro insaputa e ora RealNetworks rischia tanto, tantissimo. In pratica distribuisce trojan

RealJukeBox: gravissimo scandaloRoma - Cosa accade quando un'azienda che raddoppia il suo fatturato ogni anno, una delle società di maggiore successo di Silicon Valley, incappa in un incidente come quello accaduto a RealNetworks?

I personaggi chiave dell'azienda sostengono che il modo di vedere la questione finora emerso sui media rappresenta "un incidente". Perché raccogliere dati personali e intimi senza dire nulla all'utente, secondo questi manager, non è violare la privacy ma mettersi nelle condizioni di offrire un migliore servizio.

Non si capacitano, questi personaggi, dello scandalo che hanno suscitato. E si contraddicono a vicenda in queste ore calde, rivelando una "debolezza" che pochi a Silicon Valley attribuivano a RealNetworks. Forse è prematuro parlare di crollo ma ci si può solo augurare che, su uno scoglio del genere, un naufragio si possa verificare. Perché violare in modo così palese e invasivo la privacy degli utenti della rete, già bersagliati da ogni parte, è davvero inaccettabile. E sentire i balbettii di manager miliardari è persino deprimente.
Robinson
TAG: hw