30 anni fa la prima e-mail

Chi ha mandato la prima e-mail? E perché? Ma è nata davvero allora l'e-mail?

Roma - Fu in un lontano autunno di 30 anni fa che un certo Ray Tomlinson, un ingegnere che lavorava sull'allora rete ARPANET - precorritrice dell'attuale Internet - spedì il primo messaggio e-mail.

"Ho inviato un certo numero di messaggi a me stesso da una macchina all'altra", ricorda oggi colui a cui viene attribuita la realizzazione del primo client di posta elettronica della storia. "Il testo del messaggio l'ho completamente dimenticato - continua Tomlinson - ma molto probabilmente si doveva trattare di qualcosa del tipo QWERTYIOP".

Tomlinson non immaginava neppure, 30 anni fa, che con quel QWERTYIOP il suo nome sarebbe entrato nella storia.
Dopo il telegrafo, il telefono e le comunicazioni radio, la posta elettronica da allora è divenuta un mezzo indispensabile per chiunque lavori, studi o passi il suo tempo fra le maglie di Internet, ed ancora oggi rappresenta il servizio di gran lunga più utilizzato del Net.

Ma Tomlinson non fu soltanto l'inventore del primo client e-mail: egli fu anche colui che escogitò un modo per spedire messaggi da una rete all'altra introducendo gli indirizzi e-mail così come li conosciamo oggi: nome_utente@dominio.

Con l'invenzione della "chiocciolina" Tomlinson per la prima volta rese possibile a ricercatori e scienziati di spedire messaggi ad un dato utente su ogni computer connesso alla rete ARPANET.

Altri dettagli sulla nascita della posta elettronica sono disponibili qui (è un pezzo in inglese, dal titolo "Il primo messaggio di e-mail").
TAG: mondo
16 Commenti alla Notizia 30 anni fa la prima e-mail
Ordina
  • io non posso risalire a 30 anni fa, ma a una decina si, e mi sembra di ricordare che i primissimi email usassero l'indirizzo
    <dominio>!<nome> con esclamativo e modalità invertita rispetto ad adesso
    o è sono i primi sintimi della senilità?
    non+autenticato
  • credo proprio di sì, ne ho sentito parlare...
    Tra l'altro a tutt'oggi, se vuoi inviare una e-mail dal cellulare puoi scrivere indifferentemente nome@dominio.it all'inizio del messaggio, oppure nome!dominio.it
    Due indizi però non fanno una prova: qualcuno ne sa di più?


    - Scritto da: lucius
    > io non posso risalire a 30 anni fa, ma a una
    > decina si, e mi sembra di ricordare che i
    > primissimi email usassero l'indirizzo
    > <dominio>!<nome> con esclamativo e modalità
    > invertita rispetto ad adesso
    > o è sono i primi sintimi della senilità?
    non+autenticato
  • - Scritto da: lucius
    > io non posso risalire a 30 anni fa, ma a una
    > decina si, e mi sembra di ricordare che i
    > primissimi email usassero l'indirizzo
    > <dominio>!<nome> con esclamativo e modalità
    > invertita rispetto ad adesso
    > o è sono i primi sintimi della senilità?

    Uhmmm ... nessuno ha mai sentito parlare di UUCP
    ... se non sbaglio si usava ancora quello per recapitare dei messaggi quando non esisteva ancora il TCP/IP o cmq implementato in ARPANET (chi sa' cosa erano gli IMP ?!?!?!?)

    Che qualcuno si legga "Reti di computer" o "Computer Networks" dell'autore del MINIX!!!


    non+autenticato
  • ehY :*!:*!!:*!:*

    boh ma che vi frega se c'e' o non c'e' la U, della @, del dominio, del record MX, del gnikgnak... provateci voi con una cavolatina ad inventare una cosa cosi' roCcante che dopo 30 anni ne parlano ovunque...

    O forse e' piu' facile lamentarsi SEMPRE e per ogni cosa ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ipino
    > O forse e' piu' facile lamentarsi SEMPRE e per ogni cosa ...

    Forse senza quel po' di curiosità che ti spinge a chiederti perchè manca la U o se è venuto prima il ! o l'@ non solo non avremmo le email, ma magari nemmeno la ruota.

    Non credi che la curiosità sia una delle mamme dell'evoluzione?

    pienza, pienza.
    non+autenticato
  • ...anche il lamento è UN MODO DI COMUNICARE, NO....?!
    ..un po'infantile, vero, ma in Italia lo si trova nel DNA di ogni singolo votante...(politicizzando)
    ...quinci: O GLI ITALIANI SONO RIMASTI ANCORA AI TEMPI IN CUI SI CHIAMAVA LA MAESTRA PERCHE' C'ERA CHI FREGAVA LA MERENDA, oppure ci siamo troppo lasciati trasportare in balìa di suddetto climax....(tipico pure questo, eh)   .......

    BASTEREBBE ACCONTENTARSI.
    CIAO<!>:)
    non+autenticato
  • la famosa chiocciolina, pronunciata in inglese "at" è in realtà la contrazione grafica del latino "ad", cioè presso, utilizzata dagli amanuensi.
    Si tratta quindi del riutilizzo, o della rivitalizzazione, di un simbolo antico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: andrea
    > la famosa chiocciolina, pronunciata in
    > inglese "at" è in realtà la contrazione
    > grafica del latino "ad", cioè presso,
    > utilizzata dagli amanuensi.
    > Si tratta quindi del riutilizzo, o della
    > rivitalizzazione, di un simbolo antico.

    Io invece lessi che si tratta di un simbolo di unita' di misura (vaso, mi pare) utilizzato, sempre secondo quell'articolo, dalla repubblica veneziana.

    Mah...
    non+autenticato
  • leggo con sorpresa nell'articolo:

    Con l'invenzione della "chiocciolina" Tomlinson per la prima volta rese possibile a ricercatori e scienziati di spedire messaggi ad un dato utente su ogni computer connesso alla rete ARPANET.
    ________________________________

    Siccome ne abbiamo gia' parlato anche qua' su Punto, sono andato a cercare qualche info, ed ecco la conferma.
    ________________________________


    Scoperta l'origine del simbolo @ degli indirizzi e-mail.

    La utilizzavano i veneziani per i loro commerci in mare.

    Continua su
    http://www.repubblica.it/online/tecnologie_interne...

    DATA ---> (28 luglio 2000)

    non+autenticato
  • il formato dell'indirizzo che ha inventato non puo` essere utente@dominio, ma piuttosto utente@macchina; in quanto non esisteva ancora il concetto di dns e tantomento, quindi, quello di record MX: esistevano solo delle macchine!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)