Fuori le beta di Solaris 9 e StarOffice 6

In un solo giorno Sun rilascia le prime versioni beta di due dei sui prodotti chiave: Solaris 9 nel settore server e StarOffice 6 in quello desktop

Fuori le beta di Solaris 9 e StarOffice 6Palo Alto (USA) - E' un autunno davvero caldo questo per Sun visto che l'azienda sta portando avanti lo sviluppo di due importanti aggiornamenti del suo sistema operativo Unix, Solaris, e della sua suite per l'ufficio, StarOffice.

Gli utenti possono scaricare Solaris 9 Developer Early Access che altro non è se non la prima beta della prossima edizione del noto sistema operativo con cui Sun cerca di tenere a bada, nel settore enterprise, avversari come IBM, HP e Microsoft.

La nuova versione beta di Solaris 9 è disponibile per i processori UltraSPARC di Sun e le CPU Intel a 32 bit e, come il suo predecessore, sarà free per i server fino ad otto processori.
Sun sostiene che Solaris 9 contiene un miglior supporto ai sistemi multiprocessore con ottimizzazioni particolari per i nuovi server Starcat (fra cui l'appena annunciato Sun Fire 15K). Oltre a questo, Sun dichiara una maggiore sicurezza e l'aggiunta di ulteriori tool per la gestione del server.

La lista completa delle nuove funzionalità di Solaris 9 non è ancora stata rilasciata, e questa prima beta ne omette alcune, tuttavia le novità più importanti dovrebbero riguardare la possibilità, per gli amministratori, di installare il sistema senza sovrascrivere quello precedente (e dunque con la possibilità di ricaricare, in caso di necessità, la vecchia installazione), un più sofisticato controllo delle risorse della macchina, il supporto del protocollo di sicurezza Kerberos 5, la capacità di masterizzare CD audio.

Solaris 9 dovrebbe poi integrare un più profondo supporto a Linux per facilitare il porting di applicazioni fra i due mondi.

Sun, che da sempre sostiene la superiorità di Solaris su Linux, ribadisce, per voce di Bill Moffett, product line manager per Solaris, che "Linux è eccellente, ma nessuno sta costruendo macchine Linux da 72 processori. Noi stiamo replicando le API di Linux così che sia più facile per gli sviluppatori portare applicazioni Intel verso i sistemi Solaris SPARC".

Il rilascio della versione definitiva di Solaris 9 è previsto per la prima metà del 2002.
102 Commenti alla Notizia Fuori le beta di Solaris 9 e StarOffice 6
Ordina
  • In effetti, molte obiezioni all'uso di StarOffice sono comprensibili: interfaccia che disorienta un po', traduzione non perfetta, help in parte in inglese, ecc...
    Ma nella pubblica amministrazione e nelle scuole in particolare dove si ha bisogno di numerose licenze, io penso dovrebbe essere uno strumento per avvicinare il personale ad una piattaforma produttiva che consente di lavorare in gruppo, di condividere testi, documenti, navigazioni internet, ecc.
    Ho fatto qualche viewlet per invitare possibili utenti, non ancora esperti né di Office né di StarOffice: http://www.comeweb.it.

    Difetti? Dopotutto, anche MSOffice ne ha: in questo bailamme di nuove versioni, nessuno è perfetto!

    La ECDL dovrebbe tenere conto di questi fattori, invece è pesantemente Microsoft!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Romolo Pranzetti
    > In effetti, molte obiezioni all'uso di
    > StarOffice sono comprensibili: interfaccia
    > che disorienta un po', traduzione non
    > perfetta, help in parte in inglese, ecc...

    in effetti, quello della traduzione potrebbe essere forse il problema più insuperabile, almeno per quei dipendenti meno giovani e meno avvezzi all'uso delle lingue straniere.
    Per quanto riguarda l'interfaccia, secondo me è solo questione di abitudine, poi considerato il fatto che la versione 6 ha eliminato il desktop integrato le differenze rispetto alla suite della Microsoft sono calate...

    > Ma nella pubblica amministrazione e nelle
    > scuole in particolare dove si ha bisogno di
    > numerose licenze, io penso dovrebbe essere
    > uno strumento per avvicinare il personale ad
    > una piattaforma produttiva che consente di
    > lavorare in gruppo, di condividere testi,
    > documenti, navigazioni internet, ecc.

    per esperienza personale (lavoro in settore pubblico, per la precisione nella scuola) l'utilizzo che viene fatto nel 90% dei casi della suite da ufficio di casa Microsoft è tale che il passaggio a Star Office è pienamente fattibile, certo bisognerà superare un primo periodo di "crisi di astinenza" in cui si dovrà imparare a fare le stesse cose in modo leggermente diverso, ma il risparmio che l'amministrazione pubblica potrebbe averne vale bene la candela. Chi non è a contatto con la pubblica amministrazione non si immagina nemmeno la quantità di licenze che la Microsoft incassa con un aggravio finanziario, sia per l'amministrazione centrale che per i singoli enti, di proporzioni immense. Risorse finanziarie che potrebbero benissimo essere impiegate per altri scopi più produttivi. Dal canto mio uso Star Office (ha appena installato la versione 6) già da diverso tempo e devo dire che superato il primo impatto non rimpiango affatto il concorrente della Microsoft (tranne forse per Access). Proprio per questa mia esperienza positiva ho proposto di sustituire Office97 (la versione attualmente installata sulle macchine negli uffici) con Star Office. Nel mio caso fortunatamente non sembrano esserci grandi resistenze al passaggio, ma mi chiedo in quanti altri uffici pubblici sia la stessa cosa.

    > http://www.comeweb.it.

    l'ho visitato e anche se non ho avuto il tempo di esaminarlo approfonditamente devo dire che sembra essere interessante.
    >
    > Difetti? Dopotutto, anche MSOffice ne ha: in
    > questo bailamme di nuove versioni, nessuno è
    > perfetto!

    Devo raccontarvi di quante volte si pianta MS Office in una giornata standard di lavoro?

    Fino ad adesso StarOffice 5.2 mi si è piantato un numero insignificante di volte.

    > La ECDL dovrebbe tenere conto di questi
    > fattori, invece è pesantemente Microsoft!

    Già, è non potrebbe essere altrimenti visto che la prima cosa che ti insegnano a scuola è che IL sistema operativo si chiama Windows e che IL programma di videoscrittura si chiama Word ecc.
    Purtroppo per arrivare ad una vera cultura dell'informatica alternativa si dovrebbe procedere ad una pesantissima formazione dei docenti che devono poi insegnare queste cose. Ma ovviamente iniziative di formazione di questo tipo costano e i soldi non sono mai abbastanza... Soldi che si potrebbero recuperare se la Pubblica Amministrazione sfruttasse a dovere l'Open Source, e qui ritorniamo all'inizio del discorso...

    Potremmo affidare questi corsi all'iniziativa privata sia per quanto riguarda il finanziamento che lo svolgimento... Ma chi farebbe una cosa del genere?
    Ora che ci penso la Microsoft si è spesso dimostrata disponibile a fornire gratuitamente strumenti per la formazione ai docenti, chissà che motivazioni avranno... mah... Sorride
    non+autenticato
  • Gentilmente, qualcuno sa dirmi quando uscirá la versione mac di StarOffice?
    Grazie.
    non+autenticato
  • Non ricordo dove l'ho letto...
    ma scordati la versione per mac In lacrime

    almeno per ora non ci serve..
    usa AW6.2 che va benissimoSorride
    non+autenticato
  • Non so darti informazioni precise, ma puoi vedere qua: http://porting.openoffice.org/mac
    non+autenticato
  • qualche commento:
    si vede che c'e' alle spalle un grande lavoro ...forse anche "troppo" per un applicativo quasi privo di lucro.
    5 critiche (a mio parere molto pesanti):

    1)Java ...sara' anche l'unico modo di avere la totale portabilita' ma equivale a castrare la potenza della CPU.(Io Java l'ho sempre trovata una cosa inutile!!!)

    2)Basta aprire uno solo dei vari applivativi che viene caricato in memoria un bel soffice.exe di "soli" 24mega ... ma man mano che lo si usa va in crescendo con picchi di 30 e piu'

    3)Consegunza diretta del 2 ...visto che deve caricarsi in memoria ben 24 mega ci mette una vita a partire (in rapporto a office)!!!!!

    4)Spesso anche quando si chiudono tutti gli applicativi rimane residente il bel soffice.exe da 24 e passa mega.

    5)Se si esce dall'applicativo, anche se lo si ricarica subito ci mette ugualmente una vita a partire


    non+autenticato
  • Almeno così la finirete di dire scemenze; adesso il modo migliore per spiegare cos'è XML è definirlo "uno standard alla base della piattaforma Microsoft.NET"!!! Ma per favore...

    Inoltre è falso che il supporto per XML abbia come conseguenza automatica la possibilità di importare i formati di Office XP. Insomma!!!

    Andate a studiare, invece di parlare di cose che non capite...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Scripter
    > Almeno così la finirete di dire scemenze;
    > adesso il modo migliore per spiegare cos'è
    > XML è definirlo "uno standard alla base
    > della piattaforma Microsoft.NET"!!! Ma per
    > favore...

    Riduttivo, ne convengo, ma è la maniera più efficace per far capire la sua importanza: .NET è uno dei progetti più vasti basato su XML e, non a caso, quello che ha portato alla conoscenza del grande pubblico questa sigla. La frase non voleva di certo insinuare che XML lo abbia inventato Microsoft! Sorride Di certo non possiamo, ogni volta che scriviamo una news, rispiegare daccapo la lunga storia dell'XML...

    > Inoltre è falso che il supporto per XML
    > abbia come conseguenza automatica la
    > possibilità di importare i formati di Office
    > XP. Insomma!!!

    L'"automatico" ce lo hai messo tu Occhiolino Il supporto a XML fa sì, come scritto nella news, che StarOffice possa esportare documenti compatibili con i nuovi formati (in XML) di Office XP e con tutti gli altri applicativi che in futuro supportaranno questo standard.

    > Andate a studiare, invece di parlare di cose
    > che non capite...

    Prontissimi ad imparare Sorride
    Ciao.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Alessandro Del Rosso - PI
    > - Scritto da: Scripter
    > > Almeno così la finirete di dire scemenze;
    > > adesso il modo migliore per spiegare cos'è
    > > XML è definirlo "uno standard alla base
    > > della piattaforma Microsoft.NET"!!! Ma per
    > > favore...
    >
    > Riduttivo, ne convengo, ma è la maniera più
    > efficace per far capire la sua importanza:
    > .NET è uno dei progetti più vasti basato su
    > XML e, non a caso, quello che ha portato
    > alla conoscenza del grande pubblico questa
    > sigla. La frase non voleva di certo
    > insinuare che XML lo abbia inventato
    > Microsoft! Sorride Di certo non possiamo, ogni
    > volta che scriviamo una news, rispiegare
    > daccapo la lunga storia dell'XML...

    beh si poteva scrivere cosi':

    standard adottato da microsoft come base della piattaforma .NET

    di pochissimo piu' lungo, ma meno ambiguo

    disclaimer: questo post e' da intendersi come semplice dimostrazione di fattibilita', non certo come una critica negativaSorride
    non+autenticato
  • Salve
    qlc saprebbe darmi un link diretto (senza registrarsi sul sito di sun) per downloadare i due programmi?
    Grazie
    non+autenticato


  • - Scritto da: 432432
    > Salve
    > qlc saprebbe darmi un link diretto (senza
    > registrarsi sul sito di sun) per downloadare
    > i due programmi?

    Per solaris non so, ma per staroffice, puoi vedere wu www.tucows.com (se ti accontenti della versione inglese)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)