Freeware/ Opera alla quinta e altri aggeggi

Ma non c'è solo il nuovo browser di Opera Software a scaldare gli animi. Omni, dIRC e l'ultima release di Odigo mettono a nuovo i tool di comunicazione personale

Roma - Opera 5 (Freeware-Adware 9513k, 2000k senza il supporto per Java)
Dalla Norvegia con furore! Arriva Opera gratuito, ovvero il terzo incomodo tra i due giganti del mondo dei Browser (Internet Explorer e Netscape). Fino a pochi giorni fa la grande differenza che passava tra Opera e gli altri due era il prezzo, quei 39 dollari necessari per la registrazione che facevano la differenza oltre che rappresentare un freno per la diffusione in un mercato nel quale l'alternativa (o meglio lo standard di fatto) è gratuito e compreso e nei sistemi operativi più diffusi (Windows e MacOs).

Va detto che Opera è comunque sempre stato un ottimo strumento Internet "tutto in uno" per la navigazione e la gestione della posta elettronica. E chi l'ha scoperto e provato in passato ne ha saputo apprezzare negli anni la leggerezza e velocità. Opera 5 non delude i vecchi fan nonostante il banner in alto a destra, che può essere rimosso con la registrazione a 39 dollari, ed integra anche un sistema di istant messaging compatibile con ICQ oltre ad una lunga serie di caratteristiche che proverò a riassumere qui di seguito.

Con un clic è possibile inibire il caricamento di tutte le immagini e parti grafiche di un sito, o disabilitare tutte le formattazioni del testo (volendo si può creare un proprio "foglio di stile" che verrà applicato a tutti i siti navigati). Durante il download delle pagine viene visualizzata la progressione dei K scaricati, oltre il numero delle immagini totali. Le pagine Web possono essere zoomate dal 20 al 1000 per cento (testo e immagini).

Con Opera si possono aprire un numero elevatissimo di finestre senza affaticare troppo il sistema. E le singole finestre possono essere "sfogliate" (Contr+Tab) anche dopo averle ingrandite o selezionando col mouse le "linguette" sottostanti (o sovrastanti, se si preferisce). In alternativa, le singole finestre possono "fluttuare" nella finestra principale di Opera e a guadagnarci sono le minori richieste di sistema.