Il Congresso bypassa l'ICANN su .kids

Almeno questa sembra essere l'intenzione. Nasce un .kids.us per promuovere i .us e dare una lezione all'ICANN

Washington (USA) - Tra i tanti a cui non va giù la decisione dell'organismo internazionale di supervisione sui domini internet (ICANN) di scartare i domini.kids per i contenuti dedicati ai minori ci sono parlamentari americani e forse la stessa amministrazione Bush.

A quanto pare, i deputati americani hanno emendato una proposta di legge per far sì che la Casa Bianca, che da questo orecchio ha già dimostrato di sentirci bene, metta in piedi un.kids.us, cioè un dominio di terzo livello all'interno dei domini americani.us che sia gestito a livello governativo e sia dedicato all'infanzia.

La proposta di legge con cui questo impegno viene chiesto al Governo era in origine pensata per incaricare della creazione dei domini.kids la stessa ICANN, che avrebbe potuto scegliere di realizzarli e dar loro la stessa dignità dei più celebri.org,.net o.com. Ma il progetto in seno all'ICANN è naufragato, ufficialmente perché si sarebbe dovuta stabilire una policy internazionale su cosa fosse o meno appropriato per i bambini. Un obiettivo troppo complesso.
Il problema della classificazione dei contenuti è affrontato nel progetto congressuale con l'affermazione che i domini.kids.us potranno offrire solo contenuti ritenuti adatti per bimbi sotto i 13 anni. I siti che sceglieranno i domini saranno costantemente monitorati e si farà in modo che ogni genitore possa fruire di un browser che consenta di limitare la navigazione della prole solo tra i siti.kids.us. A decidere cosa è offensivo e cosa non lo è sarà una commissione indipendente.
TAG: domini
6 Commenti alla Notizia Il Congresso bypassa l'ICANN su .kids
Ordina

  • Beh, nella cosiddetta globalizzazione normalmente si parla di un governo transnazionale, sopra i governi, che se ne frega di tutti i governi e decide col denaro.
    (non lo affermo io, per favore non fermiamoci qui)
    In questo caso, una authority che dovrebbe poter decidere su tutto il mondo, in un contesto particolare (internet) viene invece scavalcato da una parte del mondo: gli stati uniti!

    Che comunque lo fanno seguendo una regola, quindi in maniera corretta anche per l'icann!

    non+autenticato
  • non sarebbe piu` semplice prevedere domini .sex o .porn e configurare i browser in modo da escluderli cosi` da permettere l`accesso ai ragazzi a tutta l`internet rimanente invece di limitare l`accesso solo a una piccola parte della rete?
    non+autenticato
  • Uazz e chi lo dice ai miliardi di siti .com .ru .net .org .etc etc che devono tutti cambiare dominio in .sex?
    E chi è che si mette a guardare tutti i siti del mondo a controllare che ci siano scene di sesso solo nei .sex?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Pier Paolo
    > Uazz e chi lo dice ai miliardi di siti .com
    > .ru .net .org .etc etc che devono tutti
    > cambiare dominio in .sex?

    e` anche nel loro interesse, chi e` interessato li troverebbe piu`facilmente

    > E chi è che si mette a guardare tutti i siti
    > del mondo a controllare che ci siano scene
    > di sesso solo nei .sex?

    tutti noi noi utilizzatori di Internet
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro

    > - Scritto da: Pier Paolo
    > > Uazz e chi lo dice ai miliardi di siti
    > > .com .ru .net .org .etc etc che devono tutti
    > > cambiare dominio in .sex?

    > e` anche nel loro interesse, chi e`
    > interessato li troverebbe piu`facilmente

    Se fosse cosi' non ti si aprirebbero milioni di banner StraPorno quando cerchi tutt'altro no !??!

    > > E chi è che si mette a guardare tutti i
    > > siti del mondo a controllare che ci siano
    > > scene di sesso solo nei .sex?
    > tutti noi noi utilizzatori di Internet

    Si, soprattutto nelle aziende dove i .sex sarebbero, probabilmente, tra le cose non vedibili immagino quanta gente denuncerebbe o se maila agli amici "guarda, questo lo puoi guardare anche dall'ufficioOcchiolino"
    non+autenticato


  • > > > E chi è che si mette a guardare tutti i
    > > > siti del mondo a controllare che ci
    > siano
    > > > scene di sesso solo nei .sex?
    > > tutti noi noi utilizzatori di Internet
    >
    > Si, soprattutto nelle aziende dove i .sex
    > sarebbero, probabilmente, tra le cose non
    > vedibili immagino quanta gente denuncerebbe
    > o se maila agli amici "guarda, questo lo
    > puoi guardare anche dall'ufficioOcchiolino"

    ci sarebbero quelli e ci sarebbero gli altri, potrebbero anche esserci organizzazioni di aziende che vanno a caccia di siti non in regola etc, lasciate fare alla rete!
    non+autenticato