La prima telefonata via Internet dall'Europa
================================================

Esattamente quindici anni fa mi trovavo a casa mia, tornato da poco da un viaggio in Israele.
Il computer era acceso, il modem aveva fatto i suoi piruliiii di connessione, ed io infilavo ad uno ad uno nel porta dischetti, i quattro componenti del nuovo software.
Inserii il jack del microfono e quello delle casse sul PC.
Installai il software e digitai il codice segreto per avviare il programma.
Avevo ricevuto quattro dischetti alcuni giorni prima dal direttore marketing della Vocaltec, una startup di Herzeliya che vendeva il primo software di telefonia via Internet, il VOIP - Voice Over Internet Protocol.
Il software si chiamava "Internet Phone".
Il direttore marketing della Vocaltec ed io firmammo un contratto di distribuzione del prodotto sul mercato italiano.
Lanciai il software dal mio Windows 3.1. La connessione andava a 14,400 baud, un sogno per l'epoca...
Dopo alcuni secondi mi si presento' sullo schermo il nome di una persona che mi chiamava.
La Vocaltec si fece riconoscere dal nome che avevamo concordato.
Premetti il nome e sentii una voce, spezzettata ma chiara.
Mi disse semplicemente, "SHALOM GAVRIEL", pace, Gabriele.
Aspettai che finisse e parlai io.
A quel tempo il software funzionava in "half duplex", cioe' si poteva parlare solo uno alla volta.
Era la prima volta che dall'Europa si parlava via Internet da PC a PC, senza passare dal monopolio della Telecom.
Mi ricordo perfettamente l'emozione passare nella schiena.
Per anni le tariffe telefoniche italiane erano state dominate dalla Telecom, ex SIP.
Le telefonate all'estero costavano una cifra, in citta' invece c'era uno scatto ogni cinque minuti.
I telefoni pubblici andavano ancora con i gettoni marroni scanalati.
Il 99% del fatturato della Telecom era composto dal traffico a voce.
Oggi si e' ridotto al 50%, il resto e' traffico dati.
Feci girare la voce sul nuovo software scrivendo mail a tutti i miei amici, mandando il software ai giornali, contattando i negozi.
Tradussi con visual C++ quattro diverse versioni del software in lingua italiana, e trovai chi mi produsse le scatole ed i manuali personalizzati, per poter vendere il prodotto anche nei negozi.
Un giorno mi avvicino' un parente e mi disse che cio' che stavo facendo poteva essere illegale e che rischiavo guai giudiziari.
"Chi sei tu per fare concorrenza alla Telecom?", mi disse.
Non ci feci caso.
Chiamai anche la stessa Telecom, per proporre loro di dare un servizio VOIP per primi, ma una montagna di voci burocratiche mi rispondevano non capendo assolutamente di che cosa stessi parlando.
La Telecom di quel tempo era gestita da vecchi pachidermi provenienti dall'IRI.
Vivevano nel monopolio, e facevano il bello ed il cattivo tempo.
Dopo un po' aprii il sito web WWW.IPHONE.IT.
The wayback machine lo ha ancora in memoria:
http://web.archive.org/web/19961107073029/http://w.../

Quando si lanciava il programma ci si ritrovava in una chat room virtuale dove si sceglieva un partner e gli si proponeva di chiacchierare.
Il guaio era che spesso si faticava in mezzo a tutti quei nickname sessuali, a trovare colui con cui volevi parlare.

Alla Vocaltec avevo conosciuto una buona parte degli sviluppatori del software.
Cinque di essi ebbero una idea: di fare una chat room dove si trovino solo i tuoi amici, ed una finestrella che si aprisse dicendoti che quel tuo determinato amico era online in quel momento.
Lasciarono la Vocaltec e fondarono una aziendina che nel Giugno del 1996 lancio' sul mercato il software ICQ: il primo sistema di messaggistica istantanea. Come Internet Phone e' il nonno di SKYPE, cosi' ICQ e' il papa' di Messenger, ed il nonno di Facebook.
La ICQ fu venduta due anni dopo alla AOL per la ragguardevole cifra di 407 milioni di dollari.
La Vocaltec invece, fu acquistata dalla Deutche Telecom che la obbligo' a sviluppare gateway di telefonia, ovvero i sistemi che stanno dietro ai phone centers, eliminando cosi' Internet Phone dal mercato.
Nel 2003 arrivo' Skype, il diretto discendente di Internet Phone, che oggi da solo gestisce circa il 20% di tutto il traffico telefonico internazionale, almeno su questo pianeta.
Il resto lo sapete....
stamsofer
66
 
 
06 ago 2012, 10.41link html