18 mag 2013, 22.55link html
 Chiudi
Apri tutti i messaggi19 mag 2013, 23.54link html
20 mag 2013, 00.55link html
20 mag 2013, 01.51link html
20 mag 2013, 03.25link html
- Scritto da: basement cat
> Su questo argomento sei troppo categorico. Il
> denaro è una cosa strana, e devo dire di non
> averlo capito davvero a fondo (ma del resto
> neppure i bitcoin). Che io abbia un milione, un
> miliardo o un fantastiliardo non influisce in
> alcun modo sulla vita di un contadino
> boliviano.

Sulla vita del contadino boliviano forse no. Sulla vita delle persone che volenti o nolenti quei soldi te li hanno dati si. evidente che se i soldi ce li hai tu non ce li hanno più loro.
Tu pensi che il denaro sia infinito, ma non è così. Se ti metti a stampare denaro a volontà svaluti la moneta, il che significa che la stai svalutando non solo a te, ma anche a chi di moneta ce ne ha una sola, che se prima poteva comprarsi una caramella con quell'unica moneta ora non può più farlo.

Non solo, ma a prescindere dal denaro, le risorse nel mondo sono limitate. Forse un giorno quando potremo andare ad arraffare l'oro su Proxima Centauri non sarà più così, ma fino ad allora il mondo è uno solo, e le risorse sono quelle e basta. Una persona ricca ha, per diritto concesso dal suo denaro, la possibilità di accaparrarsi qualsiasi risorsa e siccome le risorse sono finite alla fine questo significa che per il suo _capriccio_ altre persone non avranno a disposizione quella risorsa che magari gli serve per poter vivere (o comunque avere una vita decente) e nessuno può dire o fare nulla al riguardo.

Se sei ricco puoi permetterti lo Jot da 30 metri che si brucia 10'000 euro di carburante in 10 minuti con relativo inquinamento dell'unico mondo di tutti e nessuno può proprio dirti niente anche se, ovviamente, questo è un tuo mero _capriccio_,

In altre parole il possesso di grosse quantità di denaro ti mette in condizione di poter decidere della vita e della morte di altri tuoi simili (o comunque di peggiorare enormemente la loro qualità di vita) in modo del tutto legale e questo è qualcosa di vergognoso e criminale.

Se sei ricco puoi portare avanti i tuoi processi all'infinito finché non vanno in prescrizione (ogni riferimento a Berlusconi è del tutto casuale e non intenzionale) rendendo così la legge stessa arbitraria, ineguale e ingiusta.

Se sei ricco puoi comprarti politici e altri leccac*lo per spianarti la strada (ogni riferimento a "finanze creative" è del tutto casuale e non intenzionale).

In altre parole, l'essere ricco ti da diritti che altri non hanno. Il diritto a vivere da Re. Il diritto a non farti mancare mai nulla. Il diritto a soddisfare qualsiasi capriccio. Il diritto a sprecare le risorse di tutti. Il diritto a rovinare l'ambiente di tutti. Il diritto a non sottostare ad alcuna regola anche quando tale regola è necessaria per la vita e il benessere degli altri. Il diritto a cambiare le regole a piacere nel momento in cui non ti vadano più bene. E così via.

Essere ricco, perciò, ha un'influenza reale, anzi, letale e profondamente dannosa, su tutti gli altri.
Non importa come questa ricchezza te la sei procurata, se uccidendo qualcuno con 40 colpi di coltello o scrivendo i libri di Harry Potter. Hai rubato. A prescindere. Hai rubato diritti. Hai rubato risorse. Hai rubato il benessere altrui. Hai rubato la vita altrui. E finché non ci sarà una legge che dice che tu puoi accumulare solo una tot-quantità di denaro (o meglio ancora si eliminerà il denaro del tutto) questo è destinato a perpetrarsi all'infinito, almeno finché la gente con capirà che essere ricco equivale, effettivamente, ad averli derubati.

> Quel che influisce sono i mezzi con cui mi sono
> procurato la somma. Ad esempio, potrei sfruttare
> i contadini boliviani, o avere un'azienda che
> scaccia i contadini boliviani dalla loro terra
> per aprire una miniera, [CUT]

Come ho detto no, il mezzo è irrilevante... perché a permetterti di scacciare i contadini boliviani in modo del tutto legale è stata la quantità di soldi che possiedi, non come ne sei venuto in possesso.

> Un altro punto che influisce è il fine a cui
> questa somma è dedicata. Acquistare altri terreni
> sottraendoli ai contadini per aprire la miniera,
> oppure costose e sofisticatissime ricerche
> mediche o spaziali. Il CERN ad esempio consuma
> l'energia elettrica di una città. Oppure, l'altro
> giorno su YT ho visto una sfera ricavata da un
> blocco di silicio del costo di un milione di
> euro. Non ricorso per qualche scopo fosse stata
> costruita la sfera, ma il materiale costava così
> tanto perché si trattava di un cristallo puro
> privo della minima
> imperfezione.

Esistono progetti necessari al bene di tutti (CERN, ricerca, ecc) che richiedono enormi quantità di denaro. Su questi non ci deve essere un limite ma tali spese devono venire approvate caso per caso da un controllore competente. In altre parole, se tu vuoi superare la $soglailimitediricchezzaprocapite devi prima giustificarlo, e devi ottenere il lascia-passare per farlo. Non è né difficile farlo né impraticabile. D'altra parte io mica dico che ci debba essere un limite di 100'000 euro l'anno, mi va bene anche una cifra molto più alta... ma quel limite ci deve essere.

> Comunque quello che volevo dire è che ci sono
> attività che richiedono somme di denaro superiori
> di diversi ordini di grandezza a quello che serve
> per vivere a una persona, anche nel modo più
> lussuoso.

Ti faccio un esempio. Hai bisogno di una visita dal medico (dal dentista per esempio). Il medico ti chiede 300 euro per la visita di 20 minuti. Perché è permessa una cosa simile? chiaro che se vuoi fare la visita quei soldi devi sborsarli perciò non è un capriccio il tuo anche se sono gli unici 300 euro che hai guadagnato quel mese. Ed è altrettanto chiaro che a quel medico i tuoi 300 euro non servono a nulla. Quel medico dunque si sta appropriando, in modo del tutto lecito, di soldi che a te servono per poter vivere, e lo fa per mero collezionismo. In altre parole hai ottenuto che la parte delle risorse che era destinata a te e ti era necessaria per vivere sono andate a foraggiare il capriccio di qualcun altro. Il medico non ha fatto nulla di illegale.

Potrei dire la stessa cosa anche di chi ti vende un DVD a 20 euro sapendo che quei soldi per il 90% vanno a foraggiare le tasche di qualcuno che già vive nel lusso e che quel DVD manco sa come si chiama.

Progetti invece utili al bene della società possono essere esentati da questi limiti, caso per caso, come d'altra parte si fa già oggi quando, per esempio, il tuo comune deve approvare il tuo progetto per allungare la tua casa di mezzo metro.