http://news.cnet.com/8301-1009_3-57616842-83/rsa-c.../

Comincia il boycott da parte di svariati esperti di sicurezza.

Come dicevo... un'azienda che poggia tutta la sua esistenza sulla sicurezza per i suoi clienti non può permettersi cazzate come queste.

La fiducia (ma anche la reputazione) è come un castello di carte... per costruirlo impieghi molto tempo e devi fare molta attenzione e fatica perché venga su bene... ma appena sbagli qualcosa, appena permetti ad uno spiffero d'aria di entrare nella stanza, l'intero castello cade in un istante e ricostruire sulle macerie è molto più difficile di quanto è stato prima.

Cosa può fare RSA ora? Difficile dirlo. Chiedere scusa e ammettere le proprie colpe sarebbe già un buon passo avanti... ma non credo basti perché a questo punto si sa che qualsiasi azienda americana può essere obbligata a mentire e inserire "trojan di stato" nei propri prodotti, siano essi prodotti software che hardware.

Oramai la stessa sfiducia si è diffusa a qualsiasi azienda americana o che abbia affiliazioni con gli USA che tratti di sicurezza e/o dati personali.

La NSA, con le sue azioni criminali e per sua colpa, ha di fatto distrutto le aziende che si occupavano/occupano di servizi online e sicurezza made in USA. Ha distrutto il "brand". Ha disintegrato l'immagine di "difensori della 'democrazia', della libertà e paladini della giustizia" che grazie soprattutto ad Hollywood gli USA si erano creati ed erano riusciti a spacciare nel mondo con buon successo (nonostante già da tempo le loro azioni nel mondo affermassero tutto il contrario).

Tutti gli altri, Europa e resto del mondo, hanno scoperto di essere stati presi per il naso. Di essere caduti nella trappola hollywoodiana e aver concesso troppa fiducia ad uno Stato estero che non era altro che un lupo travestito d'agnello. Grazie alla ciarlataneria dei nostri politici, alla loro miopia e alla loro incapacità di comprendere la tecnologia e l'importanza che essa ha nelle nostre vite abbiamo permesso a questi criminali di inserire le loro backdoor e le loro spie dentro le nostre case al punto che potevano (e presumibilmente possono tutt'ora) tracciarci e spiarci a piacere con pochi click del mouse.

Abbiamo comprato i loro sistemi operativi, abbiamo consegnato loro i nostri dati, i nostri segreti, ecc. Abbiamo installato nei nostri uffici pubblici e nelle nostre case i loro dispositivi (router, computer, tablet, ecc). Abbiamo basato le nostre tecnologie vitali sui loro standard, sui loro sistemi, sulle consulenze delle loro aziende (involontari?) complici del loro governo, Abbiamo persino ereditato la loro "cultura" malata grazie ai film di cui ci hanno imbottiti fin da piccoli. Tanto che ci siamo ritenuti un po' tutti "americani" e abbiamo fatto nostri i loro sciocchi ideali. Salvo poi scoprire che _loro_ non ci consideravano affatto tali. Che _loro_ non avevano alcun problema a considerarci "territorio di conquista", niente più che una loro succursale in cui pescare a piacere, in cui far valere le loro patetiche leggi a prescindere dalle leggi locali e persino in cui condurre azioni che sarebbero state illegali persino nel loro becero Paese.

Piano piano forse ora le cose stanno cambiando. Mi auguro che lo siano davvero e che i politici inetti che ci hanno fin'ora governati comincino finalmente a capire che la tecnologia non è solo giocare alla playstation ma che è vitale per il Paese e per la sicurezza dei cittadini e il cui sviluppo e la cui realizzazione NON cosa delegabile a Paesi terzi. Mi auguro che queste rivelazioni di un eroe, Snowden, che ha buttato via la sua vita per renderci consci di quello che ci stavano facendo al di là della mera propaganda hollywoodiana siano utili a farci capire che se vogliamo la sicurezza dobbiamo crearcela da noi, e non dipendere da altri... che Internet tendenzialmente è una gran bella cosa ma che è anche un mezzo di oppressione perfetto per chi vuole controllarci... e che i computer non sono elettrodomestici "normali" ma vanno capiti, imparati, studiati se vogliamo che siano strumenti utili sotto il nostro controllo anziché strumenti nelle mani di chi vuole controllarci.

Le aziende e i cittadini USA stanno imparando la lezione sulla loro pelle. Non hanno fatto nulla quando dovevano. Hanno lasciato che il loro governo prendesse sempre più potere e ora si trovano complici di crimini che persino loro ignoravano e ne stanno pagando le conseguenze. Non solo RSA, ma molte altre ed è persino possibile che ora Internet stessa subisca modifiche sostanziali che potrebbero andare a danno di tutti, non solo degli americani. Mi auguro che ora anche le cose in USA cambino. Che Obanana la finisca di leccare il c*lo ai pagliacci che hanno provocato questi danni devastanti alla sua nazione e a tutti quanti e riconosca che Snowden è un eroe tanto per il mondo intero che per gli USA.

La lezione è lì da imparare per tutti quanti. Per gli USA. Per l'Europa. Per tutto il mondo. E soprattutto per tutti quelli che pensano che un computer o un tablet o uno smartphone sia solo l'ennesimo elettrodomestico che si può usare senza un minimo di consapevolezza circa il suo reale funzionamento.

Per chi ha figli questo dovrebbe far capire loro che insegnare ai propri figli il valore della privacy, della sicurezza e il corretto e consapevole uso dei tanti strumenti che Internet mette a disposizione è qualcosa oramai di _vitale_ e non farlo avrà quasi certamente conseguenze devastanti nella loro vita.

Internet è importante e fondamentale per la crescita di chiunque, anche dei bambini oramai, ma non è la televisione, non basta premere su un pulsante per poterne fruire in sicurezza. Va studiato, imparato e compreso e i rischi per la propria privacy, sicurezza e per il proprio futuro vanno sempre tenuti ben presenti. Ciò che scrivi o posti oggi su Internet in un momento di rabbia o felicità o tristezza è lì per rimanere e potrà in un futuro più o meno lontano essere usato contro di te. Imparare a difendere la propria persona, i propri segreti più o meno grandi, più o meno importanti, è vitale. E questa dovrebbe essere anche una priorità per le aziende che trattano i nostri dati e per i nostri governi.

L'umanità sta cambiando in fretta grazie ai computer, dagli anni 80 ad oggi sono cambiate già molte cose... ma solo la consapevolezza e l'istruzione potranno impedire che questi cambiamenti si dimostrino deleteri per la nostra specie e per la nostra essenza di individui.
 Chiudi
Apri tutti i messaggi08 gen 2014, 15.02link html
08 gen 2014, 15.27link html