21 ago 2014, 01.41link html
22 ago 2014, 00.22link html
22 ago 2014, 02.49link html
23 ago 2014, 02.47link html
23 ago 2014, 13.37link html
23 ago 2014, 14.03link html
25 ago 2014, 12.55link html
02 set 2014, 17.00link html
- Scritto da: rintaro okabe
> potresti sviluppare anche il seguente argomento?
>
> "Perché mettere la foto di sè nudi online è una
> cattiva
> idea"
>
> http://arstechnica.com/security/2014/09/what-jenni

Questo in realtà è un argomento a parte e si potrebbe riassumere con "perché mettere qualsiasi propria informazione sul cloud è una gran brutta idea".

Non si tratta solo di foto di nudi, ma di qualsiasi informazione che ci riguarda.
Molte persone oggi usano Box, Google-Drive, Dropbox (che fra l'altro ha dimostrato le sue simpatie per persone palesemente nemiche del concetto di privacy come Condolezza Rice http://www.drop-dropbox.com/) e vari altri servizi spesso usandoli quasi come se fossero backup sicuri... tutte queste persone stanno espondendo sé stesse e i dati da loro condivisi ad un grosso rischio che il caso da te riportato mostra in modo palese ma non c'è bisogno di arrivare a tanto per capire che quei dati sono di fatto nelle mani del governo, di qualsiasi governo, che ne faccia richiesta per un qualsiasi motivo.

Molti smartphone sono automaticamente sincronizzati [contatti, foto, backup vari] con questi servizi e molti software condividono intere cartelle sui nostri dischi senza che nemmeno ce ne rendiamo conto. Tutti questi dati di fatto ora sono "su internet™", fuori dal nostro controllo, fuori dal "recinto" fisico in cui stavano, ad una sola password di distanza da tutto il resto del mondo.

Ci fidiamo di software di cui non sappiamo nulla, di dispositivi che non sappiamo davvero se chi li ha implementati abbia posto le giuste attenzioni e i giusti controlli di sicurezza (il caso di openSSL è un caso palese... se persino degli esperti di sicurezza posono fare razzate disastrose figurati un dipendente magari senza nemmeno un vero contratto di lavoro che spesso è pure pressato dal capo per consegnare il lavoro in breve).

Né possiamo prevedere il futuro. Magari un domani, per una ragione qualsiasi, dovremo nasconderci dal nostro stesso governo (o da un governo X, ad exempio è di qualche settimane fa la notizia che il governo USA ha la pretesa di poter accedere a qualsiasi server, ovunque sia, se sotto controllo di un qualche business americano, a prescindere dallo Stato in cui tale server si trovi)... e le scelte che abbiamo fatto OGGI possono pesantemente influire sulla nostra sicurezza futura.

Questo è solo un caso dei tanti che ha fatto notizia perché di mezzo c'erano delle persone famose... ma quante volte capita con i dati di un John Doe qualunque?
Quante di queste fughe di dati sono identificate da chi dovrebbe gestirne la sicurezza? E quante volte la cosa è insabbiata perché dannosa per il business?

Per quanto ne sappiamo già ora le foto che abbiamo scattato ieri con il nostro cellulare (che, silenziosamente, fa il backup su un server remoto) potrebbero essere in giro per la rete. I nostri file privati (magari contenenti password, dati bancari, o dettagli personali, ecc) potrebbero già ora essere stati compromessi... e non abbiamo alcun modo per impedirlo.

Una volta che questi dati sono "lì fuori" sono "lì fuori" per restarci.
Una volta che questi dati sono su un server al di fuori del nostro controllo sono lì a disposizione per chiunque abbia le conoscenze o il potere (legislativo) per accedervi, per qualsiasi ragione, magari per farci del male (e il caso bene o male innocuo dei fappatori professionisti su 4chan è il meno che possa succedere e quello dalle conseguenze più blande).

Ma la gente continuerà ad usare questi servizi... per una ragione molto semplice... è comodo, è figo, è utile... salvo poi piangere il morto quando non si può più fare nulla al riguardo.

E la cosa in realtà è anche peggiore di così... perché a condividere quei dati non siamo solo noi... ma anche i nostri famigliari... i nostri amici che magari innocentemente condividono cose che vorremmo rimanessero private (foto incluse).
-----------------------------------------------------------
Modificato dall' autore il 02 settembre 2014 17.02
-----------------------------------------------------------