Chiudi
Apri tutti i messaggi08 lug 2014, 10.00link html
08 lug 2014, 13.54link html
09 lug 2014, 11.18link html
09 lug 2014, 16.43link html
09 lug 2014, 21.32link html
09 lug 2014, 22.56link html
- Scritto da: Giambo
> - Scritto da: Jinta Yadomi
>
> > L'importante è che i combustibili fossili
> abbiano
> > la peggio...
>
> Non senza una valida alternativa.
> Che per ora non esiste.

Le batterie stanno diventando sempre più capienti e convenienti. solo questione di tempo. Per ora ancora non conviene staccarsi dalla rete, in futuro lo sarà.

Già ora comunque con un impiantino FV come il mio puoi fare fronte a parecchie spese. Io mi faccio da mangiare (con una piastra ad induzione, il forno, ecc), lavo e stiro quasi al 100% usando l'elettricità prodotta dal mio impianto. Cerco infatti di concentrare i consumi [lavatrici, ecc] durante il giorno, possibilmente quando non piove (e d'estate l'impianto produce bene per buona parte della giornata).

Grazie ad una pompa di calore, anch'essa elettrica, riesco persino ad avere acqua calda a 50C, abbastanza calda da scottarcisi con un consumo di 400W per alcune ore durante la giornata (non ho ancora messo il timer che me lo spenga durante la notte in modo che si ricarichi _SOLO_ durante il giorno ma è appunto solo questione di metterci il timer).

Quando sarà conveniente passare alle batterie di certo mi ci fionderò sopra così la finiranno di comprarmi l'elettricità a 1 e vendermela a 3, per ora l'impianto che ho fatto mi ha dato e mi sta dando parecchie soddisfazioni e ingenti risparmi fra Enel e gas.

L'unica cosa che non posso ancora fare è riscaldarmi via elettricità durante l'inverno, ma per quello ho una termocucina a legna che mi scalda tutta la casa.

Pensa che quelli del gas mi hanno persino chiamato per chiedermi che era successo visto che hanno visto i miei consumi ridursi drasticamente... di fatto la caldaia a gas è quasi sempre spenta (anzi, direi _sempre_... è proprio spenta via interruttore e non ricordo nemmeno l'ultima volta che l'ho accesa o perché).

> La densita' energetica del petrolio e' ancora
> uno/due ordini di grandezza davanti alle
> batterie, impossibile costruire un
> aeroplano.

A me un aeroplano non serve, come non serve a gran parte delle persone "lì fuori". Quando parlavo di "combustibili fossili" nel thread parlavo del loro uso domestico, non di casi particolari (trasporto e industria) in cui sono ancora malauguratamente necessari.

L'articolo, se lo leggi, parla appunto dei combustibili fossili nella produzione di energia elettrica.

> Fallimentari no, sono loro che hanno dettato il
> progresso degli ultimi ... quanto ? Duecento anni?

Fallimentari _ora_.
Quando le automobili elettriche saranno la norma un altro intero settore passerà alle rinnovabili con buona pace di chi ancora investe in tecnologie vecchie ed obsolete (si Marchionne, sto parlando di te).

> I contributi dello stato a quanto ammontano ?

http://www.reteclima.it/incentivi-e-sussidi-econom.../

Pare siano 6 volte i contributi che ricevono le rinnovabili.

Cmq lo studio che ho citato (senza però belink perché non c'è speranza che lo trovi) si riferiva al mercato americano o mondiale nel suo insieme, proprio non lo ricordo, cmq non a quello italiano o solamente italiano.