Climagate, nessun complottola redazione 
25 feb 2011, 15.51
25 feb 2011, 17.11permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi25 feb 2011, 17.30permalink
25 feb 2011, 19.42permalink
25 feb 2011, 23.05permalink
26 feb 2011, 03.47permalink
28 feb 2011, 13.35permalink
28 feb 2011, 11.44permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi25 feb 2011, 18.02permalink
25 feb 2011, 18.54permalink
25 feb 2011, 19.33permalink
25 feb 2011, 19.50permalink
25 feb 2011, 22.54permalink
26 feb 2011, 04.07permalink
27 feb 2011, 14.14permalink
27 feb 2011, 16.58permalink
27 feb 2011, 23.45permalink
28 feb 2011, 01.28permalink
28 feb 2011, 13.32permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi26 feb 2011, 08.18permalink
26 feb 2011, 18.40permalink
26 feb 2011, 20.44permalink
27 feb 2011, 03.36permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi28 feb 2011, 11.56permalink
Premetto che quello che dico e' in buona fede e basato su notizie (possibilmente scorrette) che ho raccolto in giro. Mi spiace ma non sono in grado di citare le fonte, perche' non facendo ne' l'economista ne' il climatgologo mi basta farmi un'idea e non ho la pretesa di convincere nessuno.

La mia ipotesi e' questa: il petrolio prima o poi finira' (diciamo tra 50 anni) ed magari l'aumento di prezzi e' determinato dallo squlibrio tra domanda e offerta (dciamo che pasei in via di sviluppo ne comprano sempre di piu' e a quanto pare sono disposti a pagarlo tanto). Non dico che inizia a scarseggiare, pero' le compagnie petrolifere non costruiscono piu' raffinerie perche' non si prevede ci sia un aumento di estrazione.
Ora, i paesi sviluppati hanno tutto l'interesse ad aggiungere un "overhead" all'uso del petrolio sotto forma di quote di CO2 da pagare. Cosi' facendo si riduce la domanda. Inoltre visto che esistono meccanismi di compensazione e' ovvio che questi richiedano tecnologie avanzate (idroelettrico, solare, immagazzianre CO2 sotto terra, etc.) che solo i paesi piu' sviluppati hanno la capacita' di sviluppare e (forse) la possibilita' di sostenere economicamente. BTW cosi' facendo parte degli affari si spostano dai paesi estrattori a quelli consumatori. Il costo da pagare per questo, mi sembra, sia sostanazialmente l'aumento dell'inflazione, che entro certi limiti non e' un grosso problema.
Quindi la mia impressione e' che ci siano forti interessi a spingere questa storia delle quote di CO2. So che quello che ho detto puo' essere imprciso e non rigoroso, pero' non troverete mai un grande economista (che ha basi teoriche ben piu' solide delle mie) siposto a svelare retroscena di questo tipo (ammesso che esistano).

Piccola nota metodologica: se gli studi sul clima si fanno con le simulazioni al calcolatore, e' possibile dimostrare tutto e il contrario di tutto, basta cambiare un po' i modelli... E' chiaro che i modelli uno non se li puo' invetnare, vanno verificati con i dati sperimentali, pero' i dati a disposizione per verificarli sono un po' pochini, no? (3 secoli di rilvazioni della temperatura o qcosa del genere).
Le scienze esatte si basano su ipotesi ed esperimenti, misurabili, per verificarli. Che esperimenti e' possibile fare sui cambiamenti climatici?
Anonimo
CIcciopacco
 
 
 
28 feb 2011, 13.41permalink
28 feb 2011, 15.32permalink
28 feb 2011, 15.50permalink